Giorno: 9 maggio 2016

9 maggio 2016 0

Cantabilia 2016. Grande successo a Fiuggi

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Grande successo per Cantabilia. Alla seconda edizione,la manifestazione di canto corale voluta fortemente da Giulia Lusetti, presidente dell’associazione romana “La Chiave delle Arti”, da Marilena Lopergolo e Solidea Falcetelli, in qualità di responsabili della direzione artistica, ha visto la presenza massiccia di partecipanti. “Un evento particolarmente riuscito- si legge nella nota stampa- questo Cantabilia 2016 che, oltre al patrocinio del Comune di Fiuggi e della Provincia di Frosinone, ha suscitato anche l’interesse del Ministero dell’Istruzione. La formula è vincente: coinvolgere persone con una passione irrefrenabile per il canto e per la musica, la scelta di maestri di coro di livello nazionale, una location turistica vicino a Roma, laboratori musicali a tema dedicati alla famiglia e per persone di tutte le età. Un weekend canoro allegro e festoso che, con la cornice del Parco Termale della Fonte di Bonifacio VIII, ha visto tutti i partecipanti esibirsi nello spettacolo finale accolti da grande entusiasmo e applausi a scena aperta”.

“Nella performance finale sono stati raggiunti livelli di canto corale davvero altissimi, considerando che si trattava di principianti, o di persone che non hanno mai cantato in un coro. Questo significa che, oltre all’impegno e alla grande dedizione di tutti i neo coristi, è stato fatto un grande lavoro da parte dei maestri di canto, cui va tutto il mio ringraziamento per la passione e l’entusiasmo che hanno saputo trasmettere” ci dicono Marilena Lopergolo e Solidea Falcetelli alla fine dello spettacolo.

Confermato in pieno lo slogan della manifestazione “L’allegria è in famiglia” perché tutti sono stati protagonisti e interpreti di un’esibizione canora: non solo i ragazzi, alcuni giovanissimi, ma anche genitori e perfino nonni e nonne si sono esibiti nella difficile arte di cantare in coro. Risultati davvero sorprendenti se pensiamo all’esibizione del coro per voci bianche diretto dalla m° Camilla Di Lorenzo, o agli effetti meravigliosi creati dal laboratorio “AfroPopChoir, cantare con ritmo!” del m° Dario Piumatti. E che dire del magnifico lavoro svolto dal m° Dodo Versino con i canti della tradizione popolare cantati in coro da quasi novanta elementi, o della musica Gospel del m° Nehemiah H. Brown. Per chiudere con le canzoni dedicate all’amore del m° Fabrizio Vestri, il cui omaggio finale a John Lennon con Imagine è stata cantata da tutto il pubblico.

“Il grande successo è il risultato di un lavoro di squadra durato quasi un anno, per cui devo ringraziare tutti i maestri, i ragazzi dello staff, i tecnici, gli artisti, il Comune di Fiuggi, Acqua e Terme, gli alberghi, ma soprattutto le seicento persone che, con entusiasmo e passione, hanno partecipato a Cantabilia 2016, creando – intorno al canto -una vera e propria comunità” sottolinea la vulcanica Giulia Lusetti, avendo già in mente alcune novità per l’edizione del prossimo anno che vedrà, ancora una volta, Fiuggi come location protagonista.

9 maggio 2016 0

Giornata al Laghetto. Evento perfettamente riuscito a Piumarola

Di redazione

Una giornata all’insegna del divertimento e dei colori quella di ieri al Laghetto di Piumarola a Villa Santa Lucia organizzata dall’ associazione “il laghetto”. Nella suggestiva cornice naturale si sono dati appuntamento grandi e piccini. Mentre gli adulti, infatti, si sono dedicati alla pulizia del verde, quindi la potatura delle piante e il taglio dell’ erba, i bambini hanno pensato alle decorazioni. I piccoli, con l’ausilio degli animatori delle associazioni culturali no profit presenti, Il laghetto, L’Oca Selvaggia, Io non perdo in memoria di Antonio Costa e La combriccola, e tantissimi altri volontari, hanno realizzato dei disegni sul manto stradale e hanno decorato le panchine, i tavoli e gli steccati.A rendere ancora più piacevole l’attività di decorazione ci ha pensato Peppe Riccardi di Piedimonte San Germano che ha gratuitamente messo a disposizione degli organizzatori una corposa quantità di vernici colorate. Poi c’è stata la pausa pranzo con la preziosa collaborazione dell’ associazione L’Oca Selvaggia e a seguire tanto divertimento con la musica e i canti. Un appuntamento quello denominato “Tutti al Laghetto ” che si ripete ogni anno e coinvolge tantissime persone. La manifestazione ha avuto anche il patrocinio dell’ amministrazione comunale di Villa Santa Lucia. N.Costa

9 maggio 2016 0

Incidente stradale sull’autostrada. Auto contro pullman, ferito grave 45enne

Di admin

Zagarolo – Una 45 enne è rimasto gravemente ferito in un rocambolesco incidente stradale avvenuto oggi pomeriggio alle 18.30 circa sul tratto autostradale dell’A1 che attraversa il comune di Zagarolo.

Il ferito era alla guida di una Bmw e, per cause ancora al vaglio degli agenti della polizia stradale della sottosezione di Fiano Romano, si è scontrato contro un pullman finedo la sua corsa contro lo spartitraffico.

Per liberare il ferito dai rottami dell’auto sono dovuti intervenire i vigili del fuoco che lo hanno affidato agli operatori del 118 arrivati sul posto in eliambulanza. Il velivolo è atterrato sull’autostrada rimasta chiusa in entrambi i sensi di marcia. Il 45 enne è stato trasferito in elicottero a Roma. L’autostrada è ancora chiusa.

9 maggio 2016 0

Lavori per 350.000 euro. La provincia di Frosinone interviene sulla viabilità

Di redazione

Viabilità. “Lavori per 350.000 euro della Provincia di Frosinone. Oltre 350 mila euro di interventi per lavori di risanamento conservativo del piano viabile. Sono quelli cantierati dall’Amministrazione provinciale di Frosinone e che prenderanno avvio in questi giorni. Riguardano cinque strade importanti come la SP. 278 “Maria”, su cui già è all’opera la ditta incaricata, la SP 84 “Ripi-Strangolagalli” e la SP 60 “Sant’Angelo in Villa- Strangolagalli”,SP 167 “Arpino-Casalvieri” e la S.P 232 “Carnello-Collecarino-Arpino”. I lavori in questione interessano strade che attraversano i comuni di Castelliri, Monte San Giovanni Campano, Veroli, Strangolagalli, Boville Ernica ed Arpino e consentiranno di migliorare la viabilità, mettere in sicurezza la circolazione, rimuovendo le maggiori criticità.“In sede di approvazione del bilancio 2015, a settembre scorso – ha spiegato il Presidente Antonio Pompeo – avevamo fatto una ben precisa scelta politica: quella di utilizzare le risorse dell’avanzo di amministrazione e della rinegoziazione dei mutui proprio per intervenire sulla manutenzione delle strade e delle scuole. Abbiamo stabilito un piano delle priorità e stiamo partendo con l’avvio dei lavori proprio nella stagione primaverile, più adatta per gli interventi di bitumazione”.

“L’avvio di questi lavori – ha aggiunto il Presidente Pompeo – sono l’occasione per rilanciare l’appello di mettere in condizioni le Province affinché possano assolvere alla competenza fondamentale della sicurezza stradale. Senza risorse, e nelle more di un processo di ridefinizione delle competenze ancora non completato, occorre lo sforzo degli Enti sovraordinati perché da sole le Province non possono farcela. Chiediamo fondi, ma chiediamo anche chiarezza su chi deve fare cosa, e soprattutto in che modo deve farlo”.

“Tenendo conto delle disponibilità e attraverso un dialogo costante e continuo con il territorio – ha aggiunto il consigliere delegato alla viabilità Massimiliano Quadrini – abbiamo individuato un cronoprogramma delle priorità sulle arterie di competenza provinciale. Ora stanno partendo i lavori, auspicando di potere sommare a quelli già stabiliti, ulteriori interventi. E’ nostra intenzione garantire la sicurezza e la percorribilità delle strade, perché una rete viaria funzionale significa anche sostegno allo sviluppo”.

9 maggio 2016 1

“Sto morendo e non so quale male mi sta uccidendo”, disperato appello di un ex calciatore

Di admin

Napoli – Sta facendo tradurre le sue cartelle cliniche per andare all’estero e cercare altrove quella speranza di sopravvivenza che qui, in Italia, non ha trovato. Francesco Santonastasio di Napoli ha 30 anni, molti dei quali passati sui campi di calcio militando in squadre di eccellenza e C1 tra Abruzzo e Marche. Adesso, invece, parla da un letto di ospedale che lascia solo lo stretto necessario per andare in bagno.

“Voglio sapere che malattia ho e che possibilità mi restano di guarire”. E sì, il quadro clinico di Francesco è preoccupante se non fosse altro perché i medici non hanno saputo dare un nome ad un male che di girono in giorno lo sta affievolendo. I suoi problemi sono iniziati nel 2012 quando durante una operazione di routine al legamento crociato, contrae il Citomegalovirus e l’Eb virus. Sottoposto ad una massiccia cura antibiotica sembrava aver superato il problema. Quando torna ad allenarsi, però, si accorge che non appena lo sforzo fisico aumenta arriva puntuale il mal di testa. Poi sono arrivati anche dolori al torace e sensazioni di stordimento che lo hanno costretto a sospendere attività fisiche. Ma il deterioramento non era finito e lasciare lo sport non è stato sufficiente. “I sintomi sono aumentati e la mia condizione è peggiorata di giorno in giorno. Sono arrivate anche le vertigini, la tachicardia e le palpitazioni. Di fronte a tutto questo i medici erano completamente spaesati come lo sono ancora oggi”. Da metà 2013 Francesco è completamente allettato. “Al massimo riesco a stare in piedi per andare in bagno o per mangiare. Pochi minuti, non appena mi alzo dal letto arriva il mal di testa, la tachicardia, lo  stordimento e tutto a cadere”.

Se non si conosce la malattia non si trova una cura adeguata e la stessa continua nel suo percorso distruttore che ha portato alla milza ingrossata, la pancreatite, il prolasso della valvola mitrale, polipi all’intestino, polmonite da inalazione. Inutile il girovagare tra un ospedale all’altro dell’Italia, nessuno ha saputo dire cosa sta provocando l’effetto domino e l’unica nota positiva è stata incontrare in ospedale una infermiera, Tina di 29 anni, con cui si è fidanzato. “E’ stata una manna dal cielo. Incontrarla è stata l’unica cosa bella di questi anni” dice Francesco. “Con lei ho ritrovato la forza per andare avanti perché è con lei che voglio una famiglia”.

Ma l’amore da solo non basta e a quanto pare non basta neanche cercare una soluzione in Italia. “Ho bisogno di qualcuno che si appassioni al mio caso e mi studi, se non in Italia, anche all’estero. So che in altri Paesi, esistono centri per malattie non diagnosticate. Devo trovare il modo per poterne raggiungere uno”. La sua unica speranza, quindi, è uscire dal silenzio che avvolge il suo caso. Creare clamore mediatico nella speranza che qualcuno possa indicargli la strada giusta o che un medico possa decidere di investire del tempo per effettuare ricerche fino ad arrivare all’origine di quel male che, con un effetto domino, lo sta spingendo verso il baratro.

“Ho 30 anni – è il suo ultimo disperato appello – voglio tornare a vivere, ad avere una famiglia. Qualcuno mi aiuti almeno ad individuare il nome del male che mi sta uccidendo”.

Ermanno Amedei

Leggi anche Faccedivita.it