Giorno: 17 maggio 2016

17 maggio 2016 0

Incidente stradale a Pontecorvo, due feriti in un frontale

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Pontecorvo – Incidente stradale tra due auto, questa sera, in via XXIV Maggio a Pontecorvo. Il violento scontro frontale tra le vetture è avvenuto poco dopo le 20.30 proprio di fronte al cimitero.

Le cause dello schianto sono ancora al vaglio delle forze dell’ordine ma  due ambulanze hanno trasportato i feriti al pronto soccorso di Cassino. Sarebbero almeno due le persone che necessitano di cure ma le loro condizioni non sarebbero gravi ma classificate con il codice giallo.  Intanto il traffico sull’importante arteria di accesso alla città è rallentato. quello di stasera è il secondo incidente avvenuto nel pontecorvese.

Stamattina, sull’autostrada tra i caselli di Pontecorvo e Cassino ha perso la vita Lino Caporuscio, un autotrasportatore Romano ma originario proprio di Pontecorvo.

Er. Amedei

17 maggio 2016 0

“Guerra dell’acqua” a Frosinone, dopo sentenza da 75milioni, segnali distensivi con Acea

Di admin

Frosinone – Mano tese tra Acea e amministrazione provinciale di Frosinone per dirimere la decennale controversia sul mancato adeguamento delle tariffe che ha visto il consiglio di Stato sentenziare, alcuni giorni fa, il riconoscimento ad Acea di un conguaglio da 75 milioni di euro.

Il primo a tendere la mano sul blog www.alessioporcu.it è stato il presidente della Provincia Antonio Pompeo che dice essere arrivato il momento per mettere da parte la demagogia che ha caratterizzato tutta la vicenda e adottare un maggior senso di responsabilità.

“L’Autorità d’Ambito in carica, insieme all’Assemblea dei Sindaci, – ha detto Pompeo – sin da subito ha deciso di voltare pagina e cambiare l’approccio al tema del servizio idrico, avviando un percorso finalizzato a riportare il rapporto tra Gestore e territorio sui binari del confronto serio e del rispetto delle regole che sono scritte nella Convenzione di Gestione e in quella di Cooperazione. Sono state approvate le tariffe e, soprattutto, dopo 11 anni è stato approvato il Piano degli Investimenti. Come ho più volte affermato, ai Sindaci non interessa portare avanti una battaglia contro Acea per partito preso, a noi interessa che ci sia un servizio idrico funzionale e a costi adeguati. Purtroppo al momento questo non accade. Ai Sindaci preme che l’acqua arrivi nei rubinetti di ogni famiglia tutti i giorni, 24 ore al giorno. Non è più tempo di contrapposizioni e di aule giudiziarie che non fanno bene a nessuno. E’ tempo di responsabilità da parte di tutti, sedendoci attorno allo stesso tavolo, da pari a pari e nel rispetto e legittimazione reciproca”.

Sullo stesso blog gli ha risposto Paolo Saccani, amministratore delegato di Acea Ato 5.

“Il passaggio del Presidente sul senso di responsabilità, fulcro cruciale del suo intervento, è esattamente quello che mi sento di condividere – ha detto il manager – Mi ha fatto piacere leggere che “ai Sindaci non interessa portare avanti una battaglia contro Acea per partito preso”. Quindi, se il Presidente Pompeo, la Consulta dei Sindaci e la Conferenza, credono che non sia “più il tempo di contrapposizioni e di aule giudiziarie”, non posso che essere d’accordo con loro. L’invito del Presidente è a “sederci attorno a un tavolo da pari a pari e nel rispetto e legittimazione reciproca”? La risposta di Acea Ato 5 non può che essere positiva: eccoci, siamo immediatamente disponibili al confronto”.

17 maggio 2016 0

L’ombra delle scomme sulla partita Napoli Frosinone, puntate anomale sull’espulsione generosa di Gori

Di redazione

Frosinone – Ci sarebbe del marcio dietro la partita Napoli Frosinone dello scorso fine settimana.

A sostenerlo il portale on line fantagazzetta. Il giornale sostiene che sarebbero state fatte delle scommesse sull’ espulsione del giocatore Mirko Gori. Tante piccole giocate per centrare vincite di cifre inferiori a 1000 euro. Un modo per evitare l’identificazione allo sportello al momento dell’ incasso. Un caso anomalo dunque che è stato segnalato e che ha fatto scattare l’allarme tra i bookmakers. Secondo fantagazzetta ci sarebbe quindi un trucco. I fatti lascerebbero pensare a un sistema organizzato intorno all’espulsione del calciatore Mirko Gori. Analisi evidenziata anche da Agipronews. È stata avviata pertanto la segnalazione all’Unità Informativa Scommesse Sportive (Uiss) del Ministero dell’Interno, con la Procura Federale della Figc la quale ha già aperto un fascicolo sul caso. Il volume di gioco complessivo ammonterebbe a 15 mila euro e le vincite potenziali si sarebbero attestate ad oltre 50 mila euro. Una serie di giocate fatte in diverse agenzie che puntavano sull’espulsione di un giocatore . Intanto in alcuni casi non c’è stata la convalida delle giocate.

17 maggio 2016 0

Incidente stradale sull’A1, si aggravano le condizioni di altri due feriti

Di admin

Cassino – Rischia di appensantirsi ulteriormente il bilancio dell’incidente stradale avvenuto questa mattina sull’autostrada Roma Napoli tra Cassino e Pontecorvo.

Il sinistro, già costato la vita a Lino Caporuscio 60enne residente a Roma ma originario di Pontecorvo, ha causato il ferimento di altre 9 persone. Tra queste due autotrasportatori ricoverati in ospedale a Cassino e classificati inizialmente con il codice giallo. Le loro condizioni si sono andate via via aggravandosi fino a quando i medici li hanno giudficati in prognosi riservata. In queste ore uno dei due è stato sottoposto ad un intervento chirurgico per asportargli la milza.

Gli altri sono ricoverati, eccezion fatta per quattro che hanno rifiutato il ricovero, negli ospedali di Cassino e Frosinone. Nessuno di loro è grave. Gli uomini della polizia stradale della sottosezione di Cassino comandata dall’ispettore Giovanni Cerilli hanno lavorato fino a tarda mattina per veicolare il traffico fino a che non si fosse tornasse normalizzato.

Ermanno Amedei

Foto Nardelli

Articoli Precedenti 1

Articolo precedente 2

17 maggio 2016 0

Dietro le quinte dell’arte con la straordinaria storia dell’Academie Vitti a Cassino che Legge

Di admin

Cassino – Venerdì 20 maggio alle ore 18 la rassegna Cassino che legge, realizzata dall’assessorato alla cultura del Comune di Cassino in collaborazione con Tantestorie.it, ospiterà la presentazione del volume “L’Academie Vitti, 49 Boulevard Montparnasse, Paris, La storia e i protagonisti” scritto a quattro mani da Cesare Erario e Eugenio M. Beranger. Una storia nella storia che ricostruisce la straordinaria avventura delle tre sorelle Caira, partite dalla Valle di Comino e più precisamente da Gallinaro, che, una volta approdate a Parigi sul finire del 1800 diventano protagoniste della scena artistica e punto di riferimento nel febbrile mondo culturale francese.

L’intuizione delle sorelle Caira, Maria, Anna e Giacinta è quella di aprire una scuola d’arte aperta alle sole donne. La scuola, l’Academie Vitti appunto, prende vita nel 1889 e fino al 1914 diventerà un polo d’attrazione nel quale orbiteranno i principali nomi della scena artistica parigina ed europea in generale. Una storia singolare, affascinante e ricca di spunti narrata da Cesare Erario che è anche l’artefice del Museo omonimo. Attraverso la sua opera si ripercorre la stagione d’oro dei modelli italiani, e in particolare originari della Valle di Comino e del Cassinate, che hanno avuto fortuna nella capitale d’Oltralpe, oltre alle sorelle Caira, anche Marianna Mattiocco originaria di Cassino che, secondo studi recentissimi, avrebbe posato per Van Gogh.

Il libro sarà presentato venerdì 20 maggio alle ore 18 sempre presso la biblioteca comunale di Cassino e ne parleranno il professor Marcello Carlino ed Elmerindo Fiore, autore del poemetto che impreziosisce il volume, oltre allo stesso Cesare Erario. Nelle vesti di moderatore Natalia Costa. Un appuntamento da non perdere per tutti gli appassionati di storia e di storia dell’arte in particolare. La presentazione del volume e il successivo resoconto della presentazione saranno pubblicati sul sito internet www.tantestorie.it, ideato e realizzato da Antonio Nardelli e Paola Caramadre, che hanno contribuito, insieme all’assessore Danilo Grossi, alla promozione e alla realizzazione della rassegna Cassino che legge giunta alla quinta edizione. Un’iniziativa che ha visto alternarsi tanti autori del Cassinate, e non solo, per promuovere la lettura e per far conoscere i talenti del territorio.

17 maggio 2016 0

“Gliu paese che s’è montato la capa” in scena il 23 maggio al Teatro Manzoni

Di redazionecassino1

Il Centro Universitario Teatrale di Cassino torna in scena al Teatro Manzoni con una commedia sulla città prima e dopo la distruzione del 1944, ripercorrendone la storia nei suoi tratti salienti, dagli anni quaranta fino ai giorni nostri. “Gliu paese che s’è montato la capa” scritto da Anna De Santis si propone come rievocazione in chiave satirica degli avvenimenti più importanti che hanno fortemente segnato la biografia di questa città soprattutto nei costumi, nelle abitudini e nelle tradizioni popolari. L’appuntamento con gli allievi della “Scuola di Attori” del Cut è fissato per lunedì 23 maggio alle ore 21,00 nella sala del teatro di piazza Diamare. Tanti gli attori diretti da Giorgio Mennoia e Antonio Lauritano. Una scenografia d’eccezione rievocherà per l’intera durata dello spettacolo la storia degli ultimi settant’anni della città nei suoi tanti dettagli e ricordi grazie alle proiezioni di immagini storiche e filmati documentaristici affidate ad Andrea Vernengo direttamente dalla post-produzione Rai. “Gliu paese che s’è montato la capa” di Anna De Santis il 23 maggio alle ore 21.00 presso il teatro Manzoni di Cassino in piazza Diamare – Ingresso € 10,00 Regia di Giorgio Mennoia e Antonio Lauritano

17 maggio 2016 0

La provincia di Frosinone si mette in mostra ad Arce con “Obiettivo Frosinone e provincia”

Di admin

Arce – Dal 21 al 30 maggio, presso il Palazzo Municipale di Arce, saranno esposte circa 150 foto raffiguranti luoghi della provincia di Frosinone. Una rara occasione per apprezzare in un unico ambiente le bellezze del nostro territorio. La mostra, organizzata dal gruppo Facebook “Obiettivo Frosinone e provincia”, è reduce da precedenti esposizioni ad Anagni, Arpino e Sora, con positivi ed entusiastici consensi di numerosi visitatori.

Il titolo della mostra ha lo stesso nome del gruppo, avendo come tematica proprio i luoghi della provincia di Frosinone: centri abitati, ambienti naturali e aree monumentali. Il gruppo, nato da un’idea di Daniela Bertino, coadiuvata da Antonio Santamaria, conta più di duemila iscritti ed ha lo scopo di valorizzare il territorio attraverso la divulgazione di immagini. I membri del gruppo sono appassionati di fotografia e, attraverso la pubblicazione dei propri scatti, danno vita a commenti e approfondimenti anche sull’aspetto storico-culturale. Si tratta in sintesi di un movimento che stimola il desiderio di conoscenza della provincia, concretizzato in uscite sul territorio e mostre fotografiche. Dopo un approfondito lavoro, durato qualche mese, si è giunti alla concretizzazione della mostra che sarà inaugurata il 21 maggio, alle ore 17.00, e rimarrà aperta fino al 30 maggio con ingresso gratuito.

Saranno esposte le foto di : Gabriele Antonini, Tonino Bernardelli, Daniela Bertino, Alberto Bevere, Carlo Caparrelli, Osvaldo Caperna, Stefano Caperna, Mario Capoccia, Marcello Carnevale, Paolo Castellani, Dario Ceci, Maurizio Ciliegi, Vincenzo Corona, Maurizio Corsetti, Gabriele Atlante Di Rollo, Mario Di Rollo, Giordano Di Vincenzo, Rosalia Di Vito, Romeo Fraioli, Giannetti Domenico, Romolo Lecce, Pina Magliocchetti, Giovanni Mancini, Marco Marzilli, Sonia Mastrosanti, Alessio Matteucci, Gerardo Mattia, Fabrizio Monti, Antonio Nardelli, Cristiana Pagliarella, Rosalba Panfili, Salvatore Perrone, Francesco Picano, Antonio Rea, Federico Rea, Ilaria Rea, Ugo Rea, Gianna Reale, Giovanni Rossi, Antonio Santamaria, Pietro Scerrato, Stefano Strani.

17 maggio 2016 0

“Spending review elettorale”, più economico strappare i manifesti avversari che coprirli. Altri due denunciati

Di redazionecassino1

Cassino – Due pregiudicati ventenni di Cassino sono stati sopresi da una volante del Commissariato mentre erano intenti a staccare manifesti elettorali di alcuni candidati alle prossime consultazioni elettorali. Accompagnati negli Uffici di Polizia, i due sono stati dapprima foto segnalati, in quanto sprovvisti di documenti d’identità, e poi sanzionati ai sensi della normativa vigente in materia di propaganda elettorale.

La campagna elettorale che un tempo si faceva coprendo i manifesti agli avversari politici con i propri manifesti, oggi cambia volto forse a causa della crisi. Costa troppo stampare un gran numero di “lenzuoli” elettorali, quindi, meglio strappare quello degli altri, costa meno, per risparmiare i propri. A dimostrare questo cambio di rotta ci sono anche le denunce di ieri di altre tre giovani sempre per lo stesso motivo, sopresi, cioè, a strappare manifesti. Una sorta di spending review di cattivo gusto della campagna elettorale. Chissà quante se ne vedranno ancora fino a Giugno.

Ermanno Amedei

17 maggio 2016 0

“Un luogo, una storia”, Montecassino e la Linea Gustav… in una App

Di admin

Cassino – Sul “Bloody river” (dove gli americani persero in due giorni quasi duemila soldati) o sulla “Collina del Boia” (dove i Gurkha nepalesi rimasero per nove giorni circondati dai tedeschi); sulla “Cavendish road” (dove, sorprendendo i tedeschi, una quarantina di carri armati Alleati salirono in montagna fino al pianoro dell’Albaneta) o a “quota 593” (dove, da quel maggio 1944, “i papaveri di Montecassino sono rossi del sangue polacco” ); sui monti di Esperia (con le orme dei dinosauri di 125-135 milioni di anni fa) dove i marocchini lasciarono una terribile scia di stupri (le “marocchinate” del film “La Ciociara”) o sul Rio Chiaro di Vallerotonda, dove i tedeschi fecero strage di anziani, donne e bambini; sulle sponde del Garigliano, “il fiume delle quattro battaglie”, o sulle spiagge di Anzio-Nettuno, dove lo sbarco si…arenò, e nacque la storia di Angelita…

In cinque lingue (italiano, inglese, francese, polacco e tedesco), con foto originali e geolocalizzate, attivando il navigatore dello smartphone o del tablet, l’App “Montecassino e Linea Gustav” porta il turista a sud di Roma, nel basso Lazio, tra i Parchi naturali di Lazio, Abruzzo e Molise, dei monti Aurunci e di Montecassino, e lungo la valle del Liri dominata dall’abbazia fondata da S. Benedetto, “patrono d’Europa”, distrutta il 15 febbraio 1944 e ricostruita “com’era e dov’era”. Porta, dunque, ai luoghi cruciali della battaglia di Cassino, una delle più lunghe e sanguinose della Seconda guerra mondiale: dal 12 gennaio al 18 maggio 1944 impegnò – in quattro fasi – soldati di oltre venti nazioni, ed ebbe il suo momento più vistoso e controverso proprio nel bombardamento aereo dell’abbazia, un “tragico errore” degli anglo-americani ma con responsabilità anche dei Ogni luogo geolocalizzato sull’App (oltre cento, per ora, quelli mappati sui territori di 18 comuni) ha una storia, recente o antica. E l’App – scaricabile da Google Play Store al costo di € 1,82 – la racconta sul telefonino, con schede brevi e storicamente rigorose. Il tasto “Vicino a te” indica al turista la distanza, il percorso, i tempi (a piedi o in auto), le foto e le schede descrittive di altri luoghi storico-culturali- paesaggistici che vale la pena di visitare, in un raggio di 15 km in linea d’aria. Tre Percorsi: Guerra, Cultura, Paesaggio I luoghi sono anche raggruppati per “Comuni” (18, per ora) o su tre itinerari tematici. Anzitutto, la guerra, testimoniata da rovine, fortificazioni, cippi, musei; ma, soprattutto, dalle oltre 70mila lapidi bianche dei cimiteri militari, allineate su prati verdi (britannici, americani, francesi), o su rocce (polacchi, italiani), o su una collina terrazzata (tedeschi). E tutte hanno ancora una missione, perché – come ha scritto il premio Nobel Albert Schweitzer – “i cimiteri di guerra sono i più grandi predicatori di pace”.

Ma c’è anche un percorso di cultura. E’ imperniato anzitutto sull’Archivio, la Biblioteca e il Museo dell’abbazia, dove sono esposti molti dei tesori salvati dalla guerra, tra i quali la pergamena con la prima frase preludio alla lingua italiana (“Sao ko kelle terre…”), codici e corali stupendamente miniati dagli amanuensi medievali e i libri più piccoli al mondo. Ma l’itinerario culturale si sviluppa anche sulle aree archeologiche e i musei lungo l’ex via Latina o la via Appia. E c’è poi il percorso del paesaggio, che porta tra l’altro alle sorgenti del Gari (tra le più copiose d’Europa), o al platano del ’700 (unica pianta sopravvissuta all’inferno dei bombardamenti su Cassino), alle Terme Varroniane (che Marco Antonio, secondo Cicerone, usava per le sue “gozzoviglie”) o alle Terme di Suio, o alla foce del Garigliano, “il fiume delle quattro battaglie”. Tante, inoltre, le curiosità: la scalinata dell’abbazia dove saltellava il corvo Nico’, che sopravvisse ai bombardamenti; la bomba inesplosa vicino l’urna con le reliquie di S. Benedetto e di sua sorella Santa Scolastica; la guerra a sassate, quando finivano le munizioni; le pietre sulle quali i ragazzi d’epoca romana giocavano a Tris… L’App offre infine una serie di servizi, indicando i libri più autorevoli, i siti web più utili (ai quali collegarsi direttamente dal cellulare o dal tablet) e i video storici più interessanti su Montecassino e I tasti “Dove dormire” e “Dove mangiare” (con indicazioni automaticamente elencate da Google, in base alla vicinanza) completano le caratteristiche e l’utilità di questa APP, la prima al mondo su “Montecassino e Linea Gustav”.

Gli autori

Nando Tasciotti, ex inviato speciale de Il Messaggero e autore del libro “Montecassino 1944”. E’ un’agile guida multimediale, orientata soprattutto ai turisti di tutto il mondo ma anche ai giovani del Cassinate. Lo smartphone renderà più facile apprendere il valore storico mondiale del territorio in cui vivono. Saranno stimolati a saperne di più, e potranno così contribuire a tutelare questi luoghi storici – rispettandone, a cominciare dall’Albaneta di Montecassino, la sacralità universale – e a valorizzare ancor più non solo la splendida Abbazia ma anche i musei e le altre ricchezze culturali e paesaggistiche di tutto il Basso Lazio.

Cesare Protettì, ex direttore del Master in giornalismo della Lumsa di Roma: Questa App innovativa – realizzata assieme a Shape srl – si è classificata ai primissimi posti nella graduatoria degli oltre cento progetti che hanno partecipato al bando “App-on” della Regione Lazio. Ed è un format facilmente estensibile, utile per il marketing territoriale anche di altri comuni ricchi di memoria storica o di risorse culturali o ambientali.

17 maggio 2016 0

Incidente stradale sull’A1, le operazioni di soccorso ++ Video ++

Di admin

Cassino – Rottami, quintali di carta di giornale hanno ostuito per ore il tratto di autostrada Roma Napoli tra i caselli di Cassino e Pontecorvo. Una vittima e nove persone ferite è il tragico bilancio dell’incidente avvenuto all’aba di questa mattina e che ha visto coinvolti camion e auto su entrambi i sensi di marcia.

L’autostrada è rimasta chiusa per diverse ore. Soltanto poco prima delle 9 sono state riaperte due corsie di marcia in direzione nord e, poco dopo, sulla terza corsia è stato fatto defluire il traffico diretto a sud mentre i soccorsi meccanici sulla carreggiata sud operavano sotto la pioggia per rimuovere i tir incidentati. Vi proponiamo il video dei soccorsi.

Leggi articoli precedenti

Video Antonio Nardelli