pubblicato il8 maggio 2016 alle 17:06

Basket serie B: La Virtus Cassino sbanca Scafati e vola in semifinale dei playoffs

La Cassino cestistica vive una serata storica , non di manzoniana memoria. La Virtus Cassino sbanca il Pala Mangano di Scafati nella gara di ritorno dei quarti di finale dei playoffs di “Lega tre” di basket (serie B Nazionale), serie al meglio delle tre gare , fissa il punteggio sul 2-0 e vola in semifinale dove affronterà Palestrina .
Che non fosse una serata semplice lo si sapeva . Che non si sarebbe rivelata una gara di quelle da stagione regolare lo si sapeva . Scafati ha gettato il cuore oltre l’ostacolo , “commovente” a tratti , ma assolutamente impotente di fronte alla maturità psicofisica del team cassinate .
Immenso Castelluccia , MVP , di serata si mette sulle spalle la fantastica banda Vettese ed espugna per la seconda volta consecutiva in stagione il Pala Mangano scafatese.
Sì perché la BPC Virtus Cassino ha battuto la Cesarano Scafati ben tre volte su quattro in questa stagione agonistica di serie B Nazionale edizione 2015-16.
Una volta in regular season e ben due volte nel corso di questa serie di playoff che si è chiusa dunque con il perentorio punteggio di 2 a 0 per i bancari .
Una vera vittoria di gruppo quella ottenuta da Cassino al PalaMangano.
“Sì una vittoria del collettivo e della volontà di approdare a questo traguardo storico per la città” afferma raggiante a fine gara coach Luca Vettese “Ne abbiamo sentite tante in questi giorni sul nostro conto , preferisco non rispondere e tenermi questo passaggio di turno. Ma noi fessi non siamo e rispondiamo sul campo a quanto viene scritto o riferito alla stampa . Il lavoro settimanale ha pagato enormemente . Abbiamo lavorato duramente sulle situazioni difensive e francamente tutto quello che abbiamo provato è stato ben assimilato dai miei uomini che continuano in questa crescita tecnico ma soprattutto tattica . Ci dicevano che non eravamo pronti in difesa , ebbene abbiamo risposto o no? “ chiede con una punta di malizia il coach cassinate .
Infatti nel giorno in cui alcune delle stelle della Virtus non brillano capitan Carrizo, Luca Ianes e Simone Berti segnano 13 punti totali, coach Vettese trova risorse da altri protagonisti rossoblù stellati come Castelluccia e Ausiello. Trova ma oramai è una consuetudine il solito immenso apporto di Dri, Grilli e di uno scatenato Liburdi che giocano una gara di grande solidità e soprattutto di grande intelligenza tattica .
Ai padroni di casa non basta il ritrovato , rientrava questa sera dalla squalifica , Vincenzo Di Capua, anche perché i laziali sono bravi a limitare lo “spauracchio” Cucco a soli 9 punti con una grande performance difensiva di tutto il team .
Cassino parte con Ianes, Dri, Castelluccia , Grilli e Berti , risponde Iovino per la Cesarano Scafati con Mlinar, Sergio, Cucco , Di Capua e Carrichiello .
La partenza è di quelle choc per la squadra ospite. Infatti sostenuta dal numeroso pubblico che affollava le tribune del Pala Mangano scafatese, i gialloblù locali volano in un amen sul 8 a1 . Cassino trova con estrema difficoltà la via del canestro ed appare poco precisa .
Vettese però non interviene , lascia che i suoi uomini si sistemino in campo sotto la regia di un poco preciso Berti in fase offensiva ma solito maestro nel comandare le operazioni di gioco.
La Cesarano Scafati dicevamo prova subito a mettere la testa avanti ma Dri e Castelluccia scaldano la mano e firmano il sorpasso cassinate . L’impeto dei rossoblù non si placa , l’ala forte abruzzese continua a martellare la retina e così gli ospiti “doppiano” i campani sull’8-16 in poco meno di 5 minuti . Coach Iovino ci parla sopra, ma ben presto a dar manforte al duo cassinate interviene anche la guardia di ferro Daniele Grilli che insacca la bomba del +11. Il match da questo momento in poi non cambierà più padrone. Cassino comanderà costantemente le operazioni di gioco , mai dando l’impressione di poter perdere la trebisonda e soprattutto l’inerzia del match stesso.
Il primo quarto è fissato sul +7 per i rossoblù ospiti : 17-24
Scafati prova a riorganizzarsi nella seconda frazione . Ma è sempre Cassino ad aggiudicarsi anche questa frazione per un 15 a 20 di parziale . Iovino cambia qualcosa nell’alchimia tattica dei locali innestando una zona che non crea grossi problemi a Lovatti e compagni. I campani provano a ridurre lo svantaggio con i propri esterni, tornando vicini in avvio di secondo periodo. La Virtus , targata Banca Popolare del Cassinate, non molla di una virgola la presa . Si consolida in testa al match grazie ancora al solito Castelluccia e all’ottimo impatto di Ausiello che viene dalla panchina assieme a capitan Carrizo ,in forse fino all’ultimo . Sono loro a guidare i lupi sul 32-44 fino alla sirena dell’intervallo lungo .
Nel terzo periodo Cassino subisce il rientro delle forze locali . Scafati sostenuta dal pubblico locale si porta anche fino al -5 . Ma Cassino non ci sta , si riorganizza a dovere dopo il time out di Vettese. Berti e soci arrivano anche a 16 lunghezze di vantaggio per una volta . Di Capua e Sergio con caparbietà si lanciano su ogni pallone e riportano i padroni di casa addirittura ancora una volta sul -5 . Stavolta è l’immenso Dri a spostare da solo l’inerzia con una bomba, poi Liburdi e un eccellente Castelluccia a ristabilire le distanze sul 48-62 con cui si va all’ultimo riposo.
Durante l’ultimo dei quarti di gioco Scafati prova ancora a riavvicinarsi con Di Capua, ma quando i locali arrivano al -9 trovano sulla loro strada un canestro tagliente dalla lunghissima distanza , tagliente come una lama di un bisturi chirurgico di capitan Carrizo. Il campione argentino firma poi ancora un paio di canestri nel momento più delicato e dà la giusta sicurrezza ai suoi, che nel finale gestiscono bene il vantaggio accumulato.
“Sono soddisfatto delle qualità di questa squadra ; qualità che si vanno mano a mano affinando” dichiara a fine gara un soddisfatto DS della BPC Virtus Cassino , dott. Leonardo Manzari “ Il nostro compito non era per niente agevole . Abbiamo reso più semplice in termini numerici un compito molto ma molto ostico contro un team ben organizzato e soprattutto di grande qualità. Adesso approcciamo alla difficilissima semifinale contro una blasonatissima avversaria . Vogliamo ben figurare ma Palestrina sarà un compito quasi impossibile per noi .”
Semifinale guadagnata e meritata per la BPC VirtusCassino , che troverà come detto da Manzari sulla propria strada i rivali di Palestrina (2-0 con la Luiss ) per una serie che si preannuncia fin da subito infuocata. Una settimana di tempo per prepararla, dato che gara 1 è in programma il 15 maggio a Palestrina.
Si giocherà al meglio delle cinque gare.
virtus pubblico
Scafati – BPC Virtus Cassino 67-75
Parziali : 17-24, 15-20, 16-18, 19-13
Cesarano Scafati: Dieye Papa 2 (1/1 da due), Di Capua 23 (6/13, 3/7), Mlinar 4 (2/2 da due), Carrichiello 11 (4/12, 0/5), Forte 7 (2/2, 1/3), Marco, Roberto Malpede 6 (1/3, 1/1), Cucco 9 (3/5, 1/3), Sergio 5 (0/5, 1/8)
Tiri Liberi: 8/14 – Rimbalzi: 46 35+11 (Sergio 12) – Assist: 15 (Cucco, Sergio 5) – Cinque Falli: Malpede
Allenatore : Iovino
BPC Virtus Cassino: Daniele Grilli 10 (0/2, 2/6), Luca Castelluccia 20 (1/3, 4/9), Giovanni Ausiello 7 (1/1, 1/1), Simone Berti 1 (0/3, 0/4), Luca Ianes 6 (0/7 da due), Manuel Antonio Carrizo Cordova 7 (2/3, 1/2), Fabio Lovatti, Filiberto Dri 11 (4/4, 1/4), Mauro Liburdi 13 (2/5, 2/4)
Tiri Liberi: 22/28 – Rimbalzi: 40 34+6 (Luca Ianes 11) – Assist: 19 (Fabio Lovatti 4)
Allenatore : Vettese

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07