pubblicato il16 maggio 2016 alle 18:02

Elezioni amministrative 2016. Iannarilli a Tecchiena raduna oltre mille sostenitori e presenta il programma elettorale

Dall’Ufficio stampa del candidato sindaco Antonello Iannarilli riceviamo e pubblichiamo.

Una sala gremita di gente, circa 1100 cittadini di Alatri, bambini,giovani, moltissimi, donne e uomini di tutte le età, hanno accolto
ieri l’arrivo di un visibilmente emozionato Antonello Iannarilli, in occasione della presentazione del programma elettorale e delle 7 Liste a suo sostegno, composte da ben 105 candidati, tutti impegnati per il rinnovo del Consiglio Comunale.
Al tavolo dei relatori, il Vicepresidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani, il Dirigente Nazionale di Forza Italia Silvio
Ferraguti, il Vicecoordinatore provinciale, nonché Sindaco di Torrice Alessia Savo, la Coordinatrice di “Noi con Salvini” per Alatri,
Kristalia Rachele Papaevangeliu, hanno ribadito con forza le motivazioni della fiducia rinnovata a Iannarilli Sindaco di Alatri.
L’incontro, moderato dal candidato di Forza Italia Roberto Rossi, ha ruotato attorno a tempi scottanti per la città e ai contributi
dirompenti di Sara Giansanti, Alessia Savo e Kristalia Rachele Papaevangeliu. Giansanti, candidata nella Lista di Rialzati Alatri, ha
riconfermato la sua granitica identità politica di donna appartenente al Centrodestra, richiamando tutti i principi che contraddistinguono l’elettorato “per evitare che si scivoli nel qualunquismo delle Liste Civiche – ha detto – all’insegna di un codice ideologico e di una mappatura dettata dalla stessa coerenza che Iannarilli, da uomo chevive le Istituzioni, e che non ha mai fatto accordi con la Sinistra, dimostra da sempre”. A seguire, l’intervento di Kristalia Papaevangeliu, che ha sottolineato l’importanza della “politica delle tre S”, sicurezza, sviluppo e sociale per “ripulire Alatri”, e di Alessia Savo, che ha aggiunto: “i 105 componenti delle Liste di Antonello, sono i dissacratori del sistema attuale, di un sistema che ha fatto sì che la Ciociaria venisse svenduta, come è stata svenduta la causa della salute pubblica! Questi candidati, saranno gli artefici di una squadra di governo libera dai Partii e nei Partiti, ed hanno scelto di affiancare l’unico uomo che può invertire la rotta della
pianificazione territoriale, della sanità, del servizio idrico e dei rapporti con la Regione Lazio”. Un’esortazione al cambiamento quella di Ferraguti, che ha invitato la cittadinanza a desiderare il meglio anche per le prossime generazioni, a cui ha fatto seguito il contributo dell’Onorevole Tajani, che ha ricordato come la Regione Lazio sia svettata in testa alla classifica nazionale per erogazione dei fondi destinati all’agricoltura, quando Antonello Iannarilli era Assessore Regionale preposto al ramo. “Dobbiamo mandare via l’Amministrazione attuale perché ha lavorato male – ha precisato Tajani – come dobbiamo mandare via il Governo Renzi, la Boschi e tutti gli altri garantisti per convenienza. Antonello ama la sua terra, l’ha sempre messa davanti ad ogni cosa, e con lui Sindaco di Alatri, il Comune sarà la casa di tutti, e non la casa degli amici degli amici”.
Dopo aver illustrato i punti del programma elettorale, ha preso la parola Iannarilli, che ha infuocato la platea smontando punto per
punto il programma elettorale presentato dall’attuale Sindaco Morini nel 2006. “Dalla rete di parcheggi nel centro storico, alla
realizzazione di un Centro Studi sulle mura poligonali, fino alla struttura polifunzionale alla Fiura, al rafforzamento della vigilanza sul territorio e all’incubatore per le imprese, nulla è stato fatto.
Tutte opere rimaste al palo!” – ha esordito – E sulla spinosa questione di Acea, ha aggiunto: “dalla fatale delibera del 5/03/2014,
il gestore idrico ha avuto la strada spianata su tutti i fronti, grazie anche ai tre voti favorevoli espressi da Morini. Con me, Acea
non ha mai vinto una causa! E vi ricordo che a fine 2015, il nostro Governo ha recepito una norma comunitaria che prevede che l’acqua non possa essere tolta ai cittadini. Da Sindaco, finalmente con potere di voto nell’Assemblea dei Sindaci, la mia linea con Acea sarà feroce, e tra i primi atti messi in campo, emanerò un’ordinanza con la quale sarà impedito agli operatori del gestore idrico il distacco dei contatori. L’ho già fatto intervenendo in prima persona alle case popolari di Frosinone, e nessuno ha potuto dirmi nulla! La mia storia politica la conoscete tutti – ha continuato – e sapete bene che la gestione della cosa pubblica non può procedere a corrente alternata. E’ un impegno serio, al quale ho deciso di dedicarmi senza lesinare
sforzi, per riportare la mia città a brillare di luce propria, in quanto terzo comune della provincia di Frosinone. C’è stato purtroppo qualcuno che ci ha sfruttato, anteponendo il proprio interesse personalistico al bene della collettività e dimenticando totalmente valori fondamentali quali la coerenza, l’umiltà, la disponibilità verso la gente, valori nei quali, voi tutti potete testimoniarlo, io stesso credo da sempre. Posso dire con tutta tranquillità che tra noi ci sono stati dei traditori ed è chiaro che tali siano rimasti. Pazienza, vinceremo senza di loro, sempre più onesti, integri moralmente e sicuri della nostra forza”.

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07