Giorno: 15 giugno 2016

15 giugno 2016 0

Impianto Lem di Ferentino e i miasmi, la Regione: “Serve Valutazione impatto ambientale”

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Ferentino – Il progetto di ampliamento dell’impianto Lem di Ferentino, azienda che si occupa tra le altre cose della trasformazione di sottoprodotti di origine animale, merita un maggiore approfondimento e deve essere sottoposta al procedimento di valutazione d’impatto ambientale.

Lo ha stabilito la Regione Lazio sollevando una serie di criticità. Le stesse sulle quali in questi anni hanno posto l’accento le associazioni del territorio che si battono con processi di industrializzazione incontrollati. L’area innanzitutto interferisce con i beni paesaggistici del Piano territoriale paesistico, in particolare quella ricompresa nella fascia di rispetto del torrente Alabro. Inoltre, sottolineano i tecnici della Regione, “seppur con un livello di rischio classificato come moderato, la ridotta distanza dal Fiume Sacco pone comunque l’area esposta ad un possibile rischio di inondazione”. Nelle vicinanze dell’area industriale ci sono case sparse e a 600 metri si trova un centro abitato. Secondo la Regione inoltre debbono essere riviste e rivalutate le componenti ambientali in relazione alle emissioni in atmosfera, in particolare per la componente odorigena”. Più in generale, concludono i tecnici, “la valutazione condotta permette di concludere che la proposta progettuale presentata, data la tipologia e la sua localizzazione, possa determinare potenziali ricadute negative e significative sull’ambiente circostante rispetto alla situazione attuale, pur essendo l’area collocata all’interno di un sito produttivo”. Quindi il progetto della Lem deve essere sottoposto a Valutazione d’impatto ambientale. La fabbrica, spesso nel mirino dei residenti, a causa dei miasmi venne sequestrata dai carabinieri perché non in regola con le emissioni. Successivamente l’azienda è rimasta coinvolta nell’operazione “Pestilentia”, un’indagine partita dalla Sardegna che ha smascherato presunti illeciti nella lavorazione di sottoprodotti di origine animale: ovini morti a causa di blue tongue e maiali colpiti da peste suina, invece di essere destinati al centro di distruzione più vicino al focolaio accertato, venivano trasportati a Caivano (Napoli) per la frantumazione, infine a Ferentino per la definitiva trasformazione in farine da destinare al mercato dei mangimi.

Pierfederico Pernarella

15 giugno 2016 0

Furto in una merceria del centro, l’autore identificato dalla Polizia finisce ai domiciliari

Di redazionecassino1

Latina – Continua incessante l’attività degli uomini della Polizia di Stato della Questura di Latina volta a contrastare i reati di natura predatoria. Nel pomeriggio di ieri, personale della Squadra Mobile della Questura di Latina, ha dato esecuzione ad un’Ordinanza di Misura Cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Latina, nei confronti di ANZOVINO Alessandro, cl.’93 per il reato di furto aggravato. Dalle indagini emerge che il titolare di un esercizio commerciale del capoluogo pontino chiedeva l’intervento della Polizia di Stato perché pochi minuti prima era stato consumato un furto presso il suo negozio di merceria sito in Viale P.L. Nervi. Gli uomini della Polizia di Stato, intervenuta sul posto, constatavano che ignoti, dopo aver sfondato la porta a vetri dell’ingresso utilizzando un ciclomotore, si erano introdotti all’interno e, dopo aver divelto il registratore di cassa ne avevano asportato il denaro contenuto. Le indagini messe in atto, anche con il supporto del personale della Polizia Scientifica, si riusciva a rilevare alcune impronte papillari latenti sulla superficie interna del registratore di cassa abbandonato a terra dai malviventi, riuscendo ad identificare il responsabile dell’evento criminoso in ANZOVINO Alessandro.

15 giugno 2016 0

Il pugile ciociaro Vincenzo Finiello convocato alle selezioni per le olimpiadi di Rio 2016

Di redazione

Grandissimo entusiasmo in Ciociaria per la chiamata del talentuoso pugile Vincenzo Finiello. Conosciuto come the black cat, Finiello, pugile professionista della categoria leggeri, dovrà presentarsi domani ad Assisi per il ritiro e la preparazione.

La convocazione è arrivata a Finiello ed al suo tecnico Sergio Simula della pugilistica Venus, direttamente dal ct azzurro Raffaele Bergamasco. Finiello fa parte della lista che comprende 5 pugili italiani. Gli allenamenti ad Assisi sono finalizzati al torneo di qualificazione olimpica che avrà luogo in Venezuela dal 3 al giorno 8 luglio. 26 i pass a disposizione per Rio 2016. Da quest’anno le olimpiadi sono aperte anche ai pugili professionisti. Vincenzo Finiello, nativo di Salerno, vive a Pontecorvo e si allena in Ciociaria.

Nel 2009 è stato campione italiano dilettanti ed è stato due volte sfidante alla cintura di campione d’Italia. L’emozione del suo staff è alle stelle ed il tecnico Sergio Simula si è detto molto soddisfatto e convinto di una prestazione meravigliosa di Finiello. Dimostrerà di essere un campione e meriterà il pass per Rio. L’atleta è stimato per il talento indiscusso e ha sempre mostrato tenacia e resistenza. Carattere, grinta e potenza sono alla base della sua storia sportiva. Ora ad attendere the black cat c’è una grandissima occasione. Una stupenda avventura che sicuramente porta in alto il nome della Ciociaria e ci rende orgogliosi. Natalia Costa

15 giugno 2016 0

Scisma di Gallinaro, la Nuova Gerusalemme: “La Chiesa si Ispira a Sai Baba”

Di admin

Gallinaro – La Nuova Gerusalemme, l’associazione religiosa nata dallo “scisma di Gallinaro” dopo la scomunica del Vaticano non rimane in trincea e in un comunicato pubblicato sul proprio sito, spiega i motivi per i quali si è allontanata da Santa Romana Chiesa e lo fa con argomentazioni durissime.

La Chiesa di Roma, secondo il Consiglio Spirituale della Nuova Gerusalemme composto da Nello Migliaccio, Alessandro D’Argento, Patrick Manfredi e Pasquale Laezza, sarebbe uscita dal solco. “Bergoglio e i suoi ministri – si legge – hanno promosso una nuova pseudo religione mondiale che non pone al centro Cristo, il Figlio del Dio vivente, ma la generica e umana parola “amore”, nella quale tutto e tutti sono chiamati a riconoscersi. Questa nuova filosofia mondiale non si fonda su Cristo, la Pietra; ma si ispira a Sai Baba, il fautore di tale progetto”.

Parole e argomentazioni certamente non pacificatrici ma in alcuni passaggi del testo reso pubblico dal sito, si legge anche del rancore nei confronti di chi ha osteggiato la nuova religione fin dall’inizio della sua costituzione. “La Donna di Dio (Giuseppina – ndr) trovò gioia e conforto solo e soltanto nel Suo popolo Santo, non in altri; neppure in coloro che pur essendoLe fisicamente vicini, non condividevano ciò che il Suo Spirito manifestava. Mai la “Nuova Gerusalemme” è stata accolta o accettata, né dai vicini, né dai benpensanti, né dai potenti del mondo, ma solo dai figli che Ella nel frattempo aveva spiritualmente generato”.

Eppoi la successiva quasi santificazione della veggente “Una e Santa è stata ed è l’azione della Donna di Dio, l’azione di Colei che Dio ha scelto e che ora continua per il compimento della salvezza dell’umanità”. Passaggio anche sull’indagine che la guardia di Finanza ha in corso sulle casse dell’organizzazione ipotizzando il reato di riciclaggio. “Nessun comitato o gruppo di uomini, laici o sedicenti religiosi, animato ora solamente da egoismi e interessi economici, (nessuno – ndr) potrà strumentalizzare l’Opera di Dio, la Donna di Dio, cercando di dividere l’azione di Giuseppina da quella di Samuele, strumentalizzando e prendendo a pretesto notizie false e tendenziose, costruite e diffuse ad arte, per creare un clima di tensione e di sospetto, al solo fine di screditare ed infangare volutamente la natura e l’immagine di questa Chiesa, della Sua guida e dei Suoi rappresentanti”. Il comunicato si chiude con riferimenti biblici alla lotta di Davide contro Golia. Immaginando chi impersona l’uno e chi l’atro, si legge “Ora come allora Davide non teme di affrontare Golia, perché se Golia è forte e umanamente potente, Davide confida nello Spirito Santo che anima la sua azione. Il male di questa Terra non deriva da Davide. Il male di questa Terra è causato dall’azione di Golia e dei suoi amici. Da ciò si comprende il fastidio che ha portato Golia a dichiarare guerra a Davide”.

Ermanno Amedei

15 giugno 2016 0

Estetiste e parrucchiere abusive, cinque saloni di bellezza “a nero” scoperti a Venafro

Di admin

Venafro – Svolgevano il loro lavoro completamente in nero, le tre estetiste e le due parrucchiere che, nell’ultimo mese, sono state scoperte dai militari della Guardia di Finanza di Venafro.

Quasi 375 mila Euro di elementi positivi di reddito non dichiarati al Fisco ed un’Iva evasa pari a 110 mila Euro.

Questo è il bilancio delle verifiche fiscali eseguite dalla Tenenza di Venafro nei confronti delle cinque donne, titolari di saloni di bellezza, perfettamente attrezzate con tutto il necessario per svolgere il loro lavoro, ma risultate evasori totali.

Il fenomeno è stato posto all’attenzione della Guardia di Finanza anche da parte di alcune associazioni di categoria che sollecitavano controlli nei confronti di chi operava abusivamente pur essendo molto attivo su social network.

Da qui è partita un’accurata analisi di rischio delle Fiamme Gialle, sviluppata integrando le informazioni presenti nelle banche dati in uso al Corpo con l’attività d’intelligence sul territorio.

Al termine di questa fase, una volta raccolti sufficienti elementi informativi, sono scattati gli interventi ispettivi con tanto di accessi domiciliari rilasciati dal Procuratore della Repubblica di Isernia, dott. Paolo Albano ed indagini finanziarie autorizzate dal Comandante Regionale Molise, Generale di Brigata Vito Straziota.

A carico delle responsabili dei saloni, oltre alle sanzioni connesse ai profili fiscali, sono state applicate anche sanzioni di natura amministrativa per la mancata iscrizione al registro delle imprese e per l’esercizio dell’attività in assenza delle prescritte autorizzazioni igienico-sanitarie.

Il contrasto al sommerso d’azienda rientra tra gli obiettivi primari della Guardia di Finanza perché consente di arginare la diffusione dell’illegalità e dell’abusivismo nel sistema economico, a tutela delle imprese e dei professionisti che operano nella piena e completa osservanza della legge e le cui prospettive di sviluppo sul mercato sono inevitabilmente compromesse da chi svolge attività in nero.

15 giugno 2016 0

Cus: XXVIII Edizione del Meeting Internazionale di Pallamano “Memorial Calise”

Di redazionecassino1

Il Cus Cassino organizza la XXVIII Edizione del Meeting Internazionale di Pallamano “Memorial Calise”. Lo slogan della manifestazione sarà: “Lo sport come mezzo di integrazione sociale”. Come spiega il presidente del Centro Universitario Sportivo Carmine Calce, “all’evento hanno infatti aderito squadre provenienti da 10 nazioni differenti, tra cui il Detono Zagreb – Croazia (10 volte Campione d’ Europa), le Campionesse d’ Europa 2013 di beach Camelot di Tilbur – Olanda, mentre, per il Torneo indoor, la squadra della Repubblica Ceca di Olomouc. Il programma sportivo sarà accompagnato anche da eventi collaterali, tra cui esibizioni di danza, visite Guidate nelle Gaeta Medievale, nelle città limitrofe e alle Unità navali della Scuola Nautica “Guardia di Finanza”, ma soprattutto l’evento “Tutti in spiaggia“ grazie alla collaborazione di tutti gli stabilimenti balneari. Gli incontri – prosegue sempre Calce – si susseguiranno ininterrottamente dalle 17 alle 22.30 presso il complesso sportivo di Via Venezia e per il Beach Handball presso i Lidi Serapide, Aurora e Miramare”. La presentazione ufficiale è prevista per martedi 21 giugno ore 18 presso la Banca Popolare del Cassinate, Filiale di Formia in Via Vitruvio. Per l’occasione verranno ufficializzate le varie discipline, le squadre partecipanti, i calendari degli incontri e il programma sportivo collaterale dell’evento e ovviamente ci sarà la presentazione ufficiale della squadra del Cus Cassino – Sezione Pallamano. Intanto il Cus Cassino prosegue anche con le iniziative legate ai festeggiamenti del trentennale: dal 7 al 23 luglio, presso i campi polivalenti del Campus Folcara a Cassino si svolgeranno i tornei estivi di calcio a cinque e di volley, oltre che l’university party. L’evento è patrocinato come sempre da Laziodisu e dal Cusi; main sponsor, ancora una volta, la Banca Popolare del Cassinate. Iscrizioni agevolate per gli universitari e tutti i possessori di Cus Card: il 3×3 misto prevede una donna in campo e un massimo di cinque iscritti.

15 giugno 2016 0

CUS – CASSINO: Gli atleti partono per i Campionati Nazionali Universitari

Di redazionecassino1

Il rettore dell’Università di Cassino Giovanni Betta e il direttore generale Antonio Capparelli hanno salutato gli atleti del Cus Cassino dando loro un caloroso in bocca al lupo. I ragazzi sono infatti partiti alla volta di Modena e Reggio Emilia dove in questi giorni si stanno svolgendo i Campionati Nazionali Universitari. Il presidente del Cus Carmine Calce, che la scorsa settimana è stato in Emilia Romagna per un sopralluogo, ha donato una bottiglia di vino pregiato al Magnifico. Il rettore, che si è complimentato con il presidente per le tante attività messe in piedi dal Cus anche per festeggiare il trentennale, ha ironizzato: “Il vino è un dono molto gradito. Spero però che voi – ha detto rivolgendosi agli atleti – torniate invece con tante medaglie, facendo brillare il nome dell’ateneo e della città martire. Le speranze del Cus per portare a casa i trofei sono riposte in particolar modo nel calcio. La squadra del Cus di calcio a 11 ha difatti vinto l’ultima partita delle fase preliminari ed è volato ai campionati Nazionali Universitari di Reggio Emilia e Modena che si svolgeranno. La compagine del professor Carmine Calce, abilmente diretta dalla giovane Flaminia Calce e allenata da Daniele Fusco, nella partita che si è svolta al polo didattico “Osvaldo Soriano” di Atina ha rifilato un poker al Cus Napoli. Nel 2013, lo ricordiamo, era stata la città martire ad ospitare il grande evento sportivo degli universitari. Un evento grazie al quale il Cus è riuscito ad ottenere il rifacimento della pista di atletica dove oggiAggiungi un appuntamento per oggi si svolgono molte discipline organizzate proprio dalla compagine degli universitari del professor Carmine Calce che, dopo il successo ottenuto a marzo con i mondiali di cross country, ora è concentrato su nuovi obiettivi e nuovi successi da ottenere. “I Campionati Nazionali Universitari – sottolinea il presidente Carmine Calce – sono vere e proprie olimpiadi, la massima espressione del movimento sportivo universitario agonistico a livello nazionale, un grande momento di incontro agonistico fra gli studenti di tutte le università Italiane. Non importa che lo sport sia di squadra o individuale, l’obiettivo è uno solo: conquistare una medaglia, aggiudicarsi un posto nella storia dello sport universitario. Potranno far parte delle rappresentative dei CUS d’Italia tutti gli atleti regolarmente iscritti alle diverse università.I Campionati Nazionali Universitari sono indetti dal Centro Universitario Sportivo Italiano (CUSI) ed organizzati con la collaborazione dei Centri Universitari Sportivi (CUS) e delle Federazioni Sportive Nazionali (FSN)”.

15 giugno 2016 0

Terzo posto per Sora alle finali del Campionato regionale CSI

Di redazionecassino1

Con la finale regionale vinta dal San Filippo Neri, si sono chiusi tutti i campionati CSI 2015-16. Per la compagine romana del XVIII Municipio l’impegno del torneo Interregionale. 03039 Sora che ha conquistato il titolo provinciale ha ottenuto nella fase regionale un ottimo terzo posto, dietro al San Filippo Neri e all’ASD Tolfa2004. Un ulteriore positivo traguardo per la formazione volsca che conferma la forza della squadra anche a livello regionale. Sora, infatti, dopo aver dominato il campionato territoriale ha ottenuto un meritato terzo posto regionale. Ora tutti in vacanza prima di affrontare il prossimo campionato.