pubblicato il4 giugno 2016 alle 23:48

Scomunicati i fedeli del bambinello di Gallinaro, sono migliaia

Gallinaro – I fedeli del Bambinello di Gallinaro scomunicati. Il provvedimento toglie la piena comunione ecclesiale, impedisce di ricevere i sacramenti e, in particolare, l’Eucaristia. Il Vaticano è intervenuto in maniera dura su quella che a Gallinaro viene ritenuto uno scisma dalla Chiesa Cattonica. Tra gli ultimi provvedimenti di scomunica c’è quello che risale al settembre del 2013 e ne fece le spese Padre Greg Reynolds, sacerdote australiano, per le sue posizioni di apertura sulle nozze omosessuali e sul sacerdozio femminile. Posizioni non in linea con l’orientamento della Chiesa.

Una sola persona, dunque, ma ci si interroga su cosa accadrà, spiritualmente parlando,  alle migliaia di fedeli della Nuova Gerusalemme. A Gallinaro accorrono fedeli da ogni angolo d’Italia e anche dall’estero. Decine di pullman al giorno portavano centinaia di fedeli nella cappella che piano piano è cresciuta sempre più. Il Bambin Gesù di Gallinaro ha i volumi di visita di un santuario e ci si chiede a chi materialmente è rivolta la scomunica considerando che tanti sono anche i sacerdoti che nel paesino della Valle di Comino accompagnavano fedeli organizzavano campi scuola per i ragazzi delle parrocchie. Cosa accadrà adesso ad uno dei luoghi di culto più visitati della provincia di Frosinone. Il comune stesso ha investito in parcheggi, bagni, viabilità. Resisterà il culto della Nuova Gerusalemme o vincerà la messa in riga di Papa Francesco con il suo perentorio “Dentro o fuori (la religione Cattolica)”? Domani, intanto, nelle chiese della povincia sarà letta la lettera della scomunica.

Ermanno Amedei  

Articolo precedente

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini

Tags: , ,



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07