pubblicato il6 luglio 2016 alle 18:29

Cinque statue trafugate ad Udine recuperate dai carabinieri del Tpc e restituite al vescovo

Udine – Nel corso della cerimonia di inaugurazione del 15° Nucleo carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, intitolato al Brigadiere Germano Craighero, il Ministro Franceschini e il Comandante Generale dell’Arma hanno consegnato all’Arcivescovo di Udine, S.E. Andrea Bruno Mazzocato, cinque pregevolissime sculture in legno intagliato, dorato e policromo, della fine del XV sec., asportate nella notte tra il 14 e il 15 novembre 1981 dalla Chiesa di “San Pietro Apostolo” in Carnia di Zuglio (UD).

Le opere, dal valore stimato in 500mila euro, facevano parte del gruppo di quattordici sculture lignee dei due registri principali del polittico realizzato dall’artista Domenico Mioni, detto “Domenico da Tolmezzo” (Canale di Gorto1448Udine1507).

Si tratta delle figure intagliate dei Santi Apostoli Andrea, Paolo e Giacomo Maggiore (che affiancavano la figura assiale di San Pietro) e di quelle di San Matteo e San Tommaso, un tempo alloggiate nel registro superiore. Le sculture testimoniano pienamente l’abilità raggiunta da Domenico da Tolmezzo nella sua maturità, sia per quanto riguarda l’intaglio sia per la doratura e la policromia. Il polittico infatti (che ora contiene copie delle opere trafugate), firmato e datato “O[PUS DOMI]NICI DE TUMETIO 148[4]”, è un’articolata struttura di 490 cm di altezza x 287 cm di larghezza x 38 cm di profondità, che prevedeva: predella, doppio registro con 14 sculture, cimasa con il Padre Eterno, simboli degli Evangelisti e Annunciazione nei decori laterali.

 

Quattro delle sculture erano state pubblicate su un social network, nella pagina di presentazione di una galleria antiquaria di Torino e lì individuate dai Carabinieri del TPC, nel diuturno monitoraggio dei siti internet teso alla ricerca di beni culturali illecitamente sottratti.

L’identificazione delle opere esposte per quelle rubate nel 1981 a Carnia di Zuglio, ha permesso al TPC di richiedere all’Autorità Giudiziaria di Torino un decreto di perquisizione e sequestro.

Il 1° luglio u.s., il TPC procedeva, pertanto, a sequestrare le quattrosculture pubblicate on-linenonché una quinta, presente nella galleria antiquaria e facente parte dello stesso polittico, denunciando per ricettazione due persone.

Il ritrovamento delle cinque sculture si qualifica come un importantissimo recupero per la storia, la cultura e l’identità del Friuli V.G. in generale e della Carnia in particolare, poiché restituisce alla pubblica fruizione un patrimonio che colloca Domenico da Tolmezzo tra il Friuli V.G. e Venezia, di cui assorbì l’insegnamento di Antonio e Bartolomeo Vivarini e di Giovanni d’Alemagna.

Proseguono le ricerche per il recupero delle altre sculture rubate.

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07