Giorno: 1 agosto 2016

1 agosto 2016 0

Offese ad un vigile urbano a Cassino. La solidarietà della Fenadip

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Una frase offensiva scritta ai danni di un vigile urbano di Cassino che proprio non può passare inosservata. Una pessima pagina scritta da mano ignota che sta destando sconcerto e grande indignazione in città. A tal proposito ed stata diffusa una nota della segreteria e del coordinamento provinciale della Fenadip, attraverso il segretario provinciale Vincenzo De Nisi, nella quale si viene espressa “solidarietà e vicinanza al Maresciallo Antonio Caramadre, RSU e dirigente della Fenadip in servizio presso il comando della Polizia Locale del comune di Cassino, per l’inqualificabile atto perpetrato nei suoi confronti. Tale esecrabile atto è stato commesso ai danni di un lavoratore caratterizzato da indubbie doti professionali e morali che attraverso l’impegno quotidiano, insieme all’abnegazione dei colleghi, ha contribuito, nonostante l’organico fortemente ridimensionato del corpo di PL, a tenere in vita questo importante presidio di sicurezza della nostra città. La Fenadip auspica che l’autore del gesto sia individuato e sanzionato nelle sedi opportune e che a tal fine contribuisca con ogni mezzo l’amministrazione comunale a tutela e difesa di un proprio dipendente”.

1 agosto 2016 0

Con la droga negli slip, arrestato un 42enne a Cassino

Di redazione

A Cassino, i militari del NORM della locale Compagnia, unitamente a personale del locale Commissariato di P.S., nel corso di predisposti servizi finalizzati al controllo del territorio, traevano in arresto per il reato di “detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente” un 42enne del cassinate, non censito. L’ uomo, nel corso di un controllo mostrava evidenti segni di nervosismo e, pertanto, gli operanti decidevano di sottoporlo a perquisizione personale che consentiva di rinvenire, celati negli slip, svariati grammi di sostanza stupefacente del tipo hashish. A seguito di quanto rinvenuto la perquisizione veniva estesa anche presso la sua abitazione, ove gli i carabinieri rinvenivano analoga sostanza stupefacente per complessivi grammi 47 circa nonché materiale atto al confezionamento, il tutto posto sotto sequestro. L’arrestato, ad espletate formalità di rito, su disposizione dell’A.G. veniva ristretto presso la propria abitazione in regime degli arresti domiciliari.

1 agosto 2016 0

Musica ad alto volume in auto? Ora sanzioni pesantissime per i “disturbatori”

Di redazionecassino1

Cassino – A chi non piace ascoltare la musica? I guai, però, cominciano quando questo avviene ad un volume poco consono e rispettoso della tranquillità altrui. Non è difficile, del resto, anche a Cassino, imbattersi in auto che somigliano più a delle discoteche viaggianti che a mezzi di trasporto. Un malcostume che non risparmia le ore del giorne e, peggio ancora, della notte, sia il centro cittadino che le periferie. Ancor più grave è quando la musica la si “spari ad alto volume” nel cuore della notte in campo Miranda o qualsiasi altra zona, tanto da far tremare i vetri e il letto dei malcapitati residenti. Bene, questi maleducati sappiano che “la musica”, sotto questo aspetto, è finita e potrebbero essere condannati e sanzionati a dovere con conseguente confisca dell’impianto da discoteca con cui vanno scorrazzando per la città a rompere i timpani. Lo ha stabilito una sentenza della Corte di Cassazione (sentenza n.7543 del 2016 ) pubblicata sul portale di un noto studio legale, che ha condannato un automobilista siciliano in giro con tre amplificatori da concerto da 200 a 1500 Watt sulla propria autovettura. Fermato dalla polizia, si è visto non soltanto sanzionare, ma anche sequestrare l’impianto stereo. L’incivile, inoltre, si è beccato una condanna, confermata in Cassazione, per “disturbo del riposo e delle occupazioni delle persone”, oltre a dover pagare un’ammenda di 300 euro, più altri mille euro a favore della Cassa della ammende e le spese processuali. E speriamo che la lezione possa essere di monito anche a qualche nostro concittadino…! F. Pensabene