Giorno: 3 agosto 2016

3 agosto 2016 0

Centri anziani sotto la lente del Nas, 12 irregolarità su 22 strutture controllate tra Frosinone e Latina

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

 

Frosinone – Centri per anziani sotto la lente dei carabinieri del Nas. L’operazione che si è svolta in tutta Italia ha visto tra la provincia di Frosinone e quella di Latina, i controlli di ben 22 strutture, 17 nel pontinoe 5 in ciociaria.

Una sola violazione al codice penale a Latina per inisservanza di provvedimenti dell’autorità, ma ben dodici irregolarità riscontrate dagli uomini del tenente Maurizio Santori. Si tratta per lo più irregolarità nella gestione, documentazione autorizzativa parziale o assente, numero ospiti in eccesso rispetto a quello autorizzato. Di queste dieci sono state riscontrate in provincia di Latina e due in quella di Frosinone.

Il Nas non ha trovato situazioni di abbandono o maltrattamento a carico degli anziani.

 

3 agosto 2016 0

Sulla battaglia contro Acea tante parole e, come sempre, pochi atti concreti

Di redazionecassino1

Cassino – L’acquedotto cittadino è nelle mani di Acea e si continuano a rimpallare le responsabilità da un’amministrazione all’altra. Uno scambio di colpe improduttive sotto l’aspetto pratico per la battaglia contro la multinazionale romana. In realtà non ci accorge che si stanno facendo gli interessi del colosso romano pronto ad impossessarsi dell’intero sistema di acqua pubblica. Forse i contendenti dimenticano che il vero interesse di Acea è mettere le mani sull’enorme bacino idrico, il secondo in Europa, infischiandosene delle esigenze dei cittadini. Ieri a poche ore dalla firma del verbale di acquisizione da parte del Commissario Raio, sono iniziati i comunicati stampa con le reciproche accuse di inefficienza, di incapacità, di populismo e via discorrendo. Per l’onore della cronaca, ha iniziato l’ex consigliere Danilo Picano, secondo cui la vicenda Acea si sarebbe chiusa nel peggiore dei modi per l’incapacità del sindaco D’Alessandro e la sua campagna populista di “salvatore dell’acqua pubblica”, omettendo persino di informare il Consiglio comunale sulle comunicazioni che gli arrivavano dalla Prefettura. Ad aggiungere benzina sul fuoco l’ex sindaco Petrarcone che è arrivato a chiedere le dimissioni dell’attuale Primo cittadino, perché “inadeguato a svolgere il ruolo. Ha vinto le elezioni assicurando di avere una strategia con cui impedire il passaggio degli acquedotti cittadini ad Acea: questa mattina i fatti hanno dimostrato che si trattava di bugie al pari delle tante menzogne dette in questi giorni e puntualmente smentite dai fatti. Stiamo conquistando il triste primato del sindaco più smentito dai fatti in così poco tempo”. E il neo sindaco che fa, come risponde a questa valanga di critiche? Dopo la contrarietà manifestata verso Raio, colpevole di non essersi fatto annunciare all’arrivo in piazza De Gasperi, con un: «Buona creanza vorrebbe che ci si annunciasse quando si va in casa d’altri», avrebbe tuonato il sindaco, a cui avrebbe risposto lo stesso Prefetto Raio, chiedendo al Primo Cittadino se “il Comune è ancora la casa di tutti o è diventata proprietà di qualcuno?”. Per tutta risposta, lo stesso D’Alessandro, ha prontamente riunito il “Tavolo tecnico per la gestione dell’acqua pubblica”, incassando l’appoggio di tutte le associazioni del settore che avrebbero “…concordato di sostenere l’azione amministrativa del sindaco del Comune di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro, nonché ogni ulteriore atto che consenta al Comune stesso di mantenere la gestione autonoma dell’acquedotto comunale. E’ emersa una grande compattezza di tutte le realtà coinvolte nell’istituzione del tavolo tecnico, le quali hanno anche deciso di organizzare un convegno pubblico il prossimo 26 agosto alle ore 18 in un luogo da definire.” Secondo quanto contenuto nel comunicato stampa emesso. In realtà di soluzioni concrete per contrastare nelle sedi giuste e con misure giudiziarie adeguate la gestione dell’acquedotto da parte di Acea neanche l’ombra. In altre parole è finito il tempo della campagna elettorale, delle marce di protesta, occorrono soluzioni concrete e serie senza più indugi, anche se ormai è troppo tardi. Sul fronte del contrasto ad Acea ci ha pensato proprio l’acquedotto comunale che per un guasto ha lasciato i rubinetti di Cassino a secco per qualche ora, quasi un monito alla multinazionale romana…come a dire che non è la benvenuta! F. Pensabene

3 agosto 2016 0

L’acquedotto cittadino rifiuta la “gestione Acea”. Un guasto lascia a secco i rubinetti della città

Di redazionecassino1

Cassino – Non ha neppure finito i firmare il famoso verbale di acquisizione dell’acquedotto cittadino e per il Commissario Raio, ma soprattutto per Acea, già cominciano i guai. Da questa mattina, infatti, Cassino improvvisamente nel giro di poco tempo si è ritrovata con i rubinetti a secco. Che si tratti di una delle tante maledizioni dei cittadini della Città Martire nei confronti della possibile gestione dell’acquedotto cittadino da parte della multinazionale romana? Se è valido il detto “non è vero, ma ci credo”, c’è da pensarci su e, soprattutto comincia davvero nel peggiore dei modi l’era Acea a Cassino. In realtà l’ufficio acquedotto del Comune, sentito telefonicamente, ha assicurato che si tratta di un guasto risolvibile nel giro di poco tempo, forse un’ora o giù di lì. Il guasto ha interessato una perdita all’incrocio tra via degli Eroi e via De Nicola, in pieno centro. Del resto l’impianto idrico cittadino non è che brilli in efficienza e le rotture sono quasi all’ordine del giorno, così come le perdite, sicuramente frutto della vetustà dello stesso, vecchio di sessant’anni. Che dire, Acea avrà pure ottenuto una pronuncia favorevole dal Consiglio di Stato, ma dovrà fare i conti con un acquedotto vecchio, converrà alla multinazionale gestirlo? I cittadini di Cassino sperano tanto di no, c’è da chiedersi, vista la situazione di stamattina, ma Acea oltre alle bollette salate portasse pure un po’ di sfiga?!? F. Pensabene Foto di repertorio

3 agosto 2016 0

“Ci whatsappiamo”, i sentimenti attraverso i social nel singolo di Luca Napolitano

Di admin

Dall’11 luglio è disponibile nei migliori store digitali Ci WHATSAPPIAMO, il nuovo singolo di LUCA NAPOLITANO, terzo classificato  nell’ottava edizione di “Amici” di Maria De Filippi. Il brano dal titolo molto social è prodotto dalla Clodio Management.

Ci WHATSAPPIAMO è un pezzo dal sound rock, un condensato di energia, armonia e grande musicalità. Il tutto armonizzato dalla straordinaria grinta interpretativa e vocalità di Napolitano. Il brano riproduce in maniera semplice ed efficace un nuovo stile di vita, un modo virtuale di coltivare i sentimenti attraverso i social network e le chat, ossia ricorrendo a una delle applicazioni più usate e celebri del momento: “Whatsapp” (Ci whatsappiamo mano nella mano / e abbiamo sempre il T9 nella testa). Tuttavia, a volte può accadere che la differenza tra virtuale e reale sia notevole, così come emerge dal ritornello di CI WHATSAPPIAMO (Ci sentiamo / ci messaggiamo / e poi arriva una che non sembri neanche tu).

Lasciamoci allora conquistare da quello che sarà di sicuro il tormentone dell’estate 2016 e sedurre dalla voce di Luca Napolitano che, con l’ironia del nuovo singolo, racconta le emozioni e le sorprese degli amori in chat.

Dopo il successo nel talent-show targato Mediaset, in cui Luca conquista il podio aggiudicandosi il terzo posto, l’artista pubblica il suo primo disco “Vai” e ottiene il disco d’oro grazie a oltre 50.000 copie vendute. Nel 2009 arriva la premiazione ai Wind Music Awards, insieme a Valerio Scanu e Alessandra Amoroso, per le vendite dell’album “Scialla”, certificato disco multiplatino. Oggi Luca Napolitano affronta tour nazionali e internazionali: è, infatti, amatissimo in Svizzera.

Il video del brano “CI WHATSAPPIAMO” da oggi, 11 luglio 2016, è disponibile cliccando QUI

Per il sito ufficiale di Luca Napolitano

www.lucanapolitano.it

Comunicazione “CI WHATSAPPIAMO” – LUCA NAPOLITANO

Clodio Management

Tel. 0689011880

ufficiostampa@clodiomanagement.it www.clodiomanagement.it