Giorno: 18 agosto 2016

18 agosto 2016 0

Cassino – Un seme di pace e di speranza affidato ai più giovani

Di Antonio Nardelli
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Cassino – Un passaggio del testimone tra generazioni per rinsaldare il senso della comunità e rafforzare l’impegno alla pace. Sono questi gli obiettivi raggiunti dall’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra, sezione provinciale di Frosinone, nell’ambito del convegno “La memoria siamo noi” realizzato in collaborazione con l’associazione no-profit Largo a don Bosco e alla Parrocchia di San Pietro Apostolo. Una giornata intensa e ricca di emozioni che ha preso il via con il convegno curato in particolar modo dal presidente dell’Anvcg Giovanni Vizzaccaro che ha voluto coinvolgere soprattutto i ragazzi e i bambini della comunità in occasione del secondo anniversario della Memoria Storica e dell’Educazione alla Pace. Sono stati tanti i giovanissimi che hanno aderito all’iniziativa e hanno voluto partecipare attivamente attraverso un disegno o un componimento sul tema della memoria, per preservare i ricordi di chi ha vissuto in prima persona l’orrore della seconda guerra mondiale.

Gli elaborati sono stati valutati con attenzione dal preside Gigante, già sindaco della città di Cassino, e tutti hanno rivelato il grande impegno dei ragazzi nello svolgere al meglio il compito. Al tavolo dei relatori, oltre al presidente Giovanni Vizzaccaro, i responsabili dell’Associazione Largo a don Bosco, Pierluigi Di Raddo e Benedetto Vizzaccaro, rappresentanti dell’amministrazione comunale come il vicesindaco Carmelo Palombo, l’assessore Dana Tawinkelova, il consigliere Sabrina Grossi, e poi il professor Giuseppe Troiano e tanti altri che hanno voluto portare il proprio contributo.

Il presidente Giovanni Vizzaccaro ha evidenziato: “Questa manifestazione ha lo scopo di sensibilizzare e portare a conoscenza dei più giovani la storia e i valori che hanno permesso di costruire e di essere quello che siamo oggi e quello che saremo, anzi che sarete, domani attraverso l’incontro e lo scambio con chi ha vissuto in prima persona le vicende storiche della seconda guerra mondiale e fornire una opportunità formativa di educazione alla comunità e alla pace che, per via del tempo, sarà difficile organizzare ancora negli anni a venire. In questo senso l’associazione nazionale vittime civili di guerra, in collaborazione con la parrocchia di San Pietro Apostolo e l’associazione Largo a don Bosco, ha voluto sensibilizzare i bambini, i ragazzi e i giovani sull’importanza pedagogica e culturale della memoria storica e fornire loro l‘idea di democrazia e di pace. Insieme a questi giovani, qui a Largo don Bosco, guardando al lavoro del domani e ben orientandolo ed elevandolo di qualità noi stessi contribuiremo a diffondere il seme prezioso della pace in cui prospera solo la civiltà”. Nel corso del convegno non è mancata una stoccata alla classe politica territoriale e in particolare nei confronti dei rappresentanti della Regione Lazio, assenti pur essendo stati invitati. Il presidente Vizzaccaro ha rivolto ai componenti dell’assemblea della Pisana una “preghiera” affinché comprendano che l’Italia è stato un Paese in guerra e che ci sono cittadini ancora in vita che necessitano dell’assistenza sanitaria protesica, cure climatiche, soggiorni terapeutici e riabilitazione. “Ogni fatto passato, per quanto doloroso, – ha sottolineato il presidente Vizzaccaro – è un insegnamento che deve diventare un seme nelle mani, nel cuore e nelle menti di chi sopravvive e delle generazioni che seguiranno perché nessun sacrificio sia sprecato e nessun dolore resti solo dolore, ma possa trasformarsi in nuova vita”.

18 agosto 2016 0

Furto nella notte alla Sata di Pozzilli, banda di malviventi catturata dai carabinieri

Di Antonio Nardelli

Pozzilli – Una banda di quattro malviventi è stata arrestata dai Carabinieri, nel corso della notte, mentre stava perpetrando furto di rame all’interno degli stabilimenti della SATA GROUP S.p.A, ubicati nella zona industriale di Pozzilli, e che si occupa della produzione di componenti destinati all’industria autoveicolistica e fa parte dell’indotto della Fiat Chrysler Automobiles. I quattro, tutti provenienti dalla zona dell’aversano, in provincia di Caserta, un 26enne di origine bulgara, un 27enne, un 25enne ed un 43enne, tutti di origine rumena, di cui l’ultimo latitante da oltre quattro anni perché evaso dagli arresti domiciliari dove si trovava ristretto per reati contro il patrimonio, sono stati intercettati dai militari della Stazione di Filignano e da quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Venafro, mentre perpetravano furto di rame dagli impianti elettrici della suddetta azienda. I quattro, arrestati in flagranza di reato, dopo le formalità di rito sono stati trasferiti presso la casa circondariale di Isernia.

Nella circostanza veniva inoltre sottoposta a sequestro un autovettura Renault Scenic, utilizzata dai malviventi, e a bordo della quale veniva rinvenuta altra refurtiva consistente in circa cinquanta bottiglie di liquore, asportate alcune ore prima all’interno degli stabilimenti della società SIL, ubicata sempre nella zona industriale di Pozzilli, e che si occupa proprio della produzione di liquori. Ulteriori indagini sono comunque in corso per accertare l’eventuale presenza di altri complici e se la banda sia coinvolta in altri furti commessi nel recente passato in provincia di Isernia.

18 agosto 2016 0

Ancora emergenza incendi ad Alatri, il rogo spento si rianima e arde altri 30 ettari di bosco al Cosciano

Di admin

Alatri – Ancora incendi ad Alatri, anzi, ancora lo stesso incendio. Case e rimesse di animali minacciati dall’incendio che da due giorni sta divorando decine di ettari di bosco nel territorio. Ieri le fiamme avevano lambito i ripetitori televisivi su Montelungo provocando un black out televisivo.

Nella giornata il rogo sembrava essere stato domato ma nel pomeriggio le fiamme si sono nuovamente rianimate e nonostante i ripetuti lanci da elicotteri e canadair proseguiti fino agli ultimi bagliori del giorno, hanno resistito tornando vigorose nella notte quando i mezzi aerei non possono operare. Altri 30 ettari di bosco, ulteriori ai 30 ettari di ieri, sono andati irrimediabilmente perduti. In diversi casi le fiamme hanno minacciato abitazioni e stalle.

 

18 agosto 2016 0

Il Touring Club nella Consulta dell’ambiente di Cassino con il console Pascucci e vice console Grossi

Di admin
Cassino – E’ Ufficiale, con protocollo del comune di Cassino n. 43069 del 9 agosto 2016, il Touring Club Italiano ha designato i componenti della Consulta dell’Ambiente nel Console Carlo Pascucci ed il sostituto del Console  Edoardo Grossi. Per la prima volta il Touring Club Italiano entra nella Consulta dell’Ambiente del comune di Cassino, proprio in un momento dove c’è la necessità di vigilare su progetti di valorizzazione del Parco del Monumento Naturale di Montecassino, dei luoghi storici e dei monumenti in esso contenuti. Da oltre cent’anni il Touring Club Italiano si fa portavoce di valori incentrati al rispetto dell’ambiente culturale e naturale e persegue obiettivi che vanno in questa direzione. Nonostante l’associazione sia nata sul finire del XIX secolo, i valori che ne costituiscono le fondamenta sono di estrema attualità.

Carlo Pascucci (nella Foto)

A cominciare dallo sviluppo del turismo in ogni angolo della penisola, incentivando e sostenendo in particolar modo la scoperta delle bellezze artistico-paesaggistiche meno note e frequentate soprattutto dell’entroterra. Salvaguardia del vastissimo patrimonio italiano di storia, arte e natura, educando il turista ad una sua responsabile e corretta fruizione e rendendolo consapevole della sua insostituibilità e importanza per le generazioni future. Conoscenza di paesi e culture e diffusione di uno spirito di reciproca comprensione e rispetto fra i popoli che porti ad una crescita umana e culturale di ciascun individuo. Estraneità dell’associazione a qualsiasi manifestazione politica o religiosa e ad alcuno scopo di lucro. Il Touring Club Italiano, insieme alle altre associazioni riconosciute dal Ministero dell’Ambiente, coadiuverà l’amministrazione comunale  nella tutela dell’ambiente dei beni artistici, storici, paesaggistici e culturali.

Edoardo Grossi

“Sono orgoglioso – ha detto il vice console Edoardo Grossi – di rappresentare, insieme al Console Pascucci, Touring Club Italiano, un’associazione prestigiosa che si occupa da oltre cent’anni di turismo, cultura e ambiente, e di mettere a disposizione del Touring Club Italiano la mia esperienza, ormai trentennale, sulla tutela dell’ambiente e della storia del territorio, ringrazio il presidente del TCI Franco Iseppi e la dirigenza per la loro fiducia”.