pubblicato il10 agosto 2016 alle 12:11

Vigili in affanno per emergenza incendi, l’allarme della Cisl

Roma – “La condizione lavorativa del personale vigili del fuoco sul territorio di Roma e provincia è divenuto insostenibile. L’emergenza incendi di questi ultimi giorni ha contribuito ad acuire tale situazione, già precaria sul Comando di Roma, che vede i nostri colleghi  impegnati, quotidianamente, in turni di lavoro massacranti”. Lo scrive in una nota stampa Riccardo Ciofi, Segretario Generale Fns Cisl Roma Capitale e Rieti.

“Le istituzioni devono intervenire tempestivamente per consentire ai vigili del fuoco di poter lavorare con serenità, con  mezzi adeguati e strumenti idonei affinché possano continuare a prestare, con la loro dedizione e professionalità, un soccorso efficiente ai cittadini di questa provincia. L’inadeguatezza dell’organico in forza su Roma e provincia evidenzia i limiti di una organizzazione del lavoro che non considera la nostra città per la sua reale complessità. Una città che nel suo territorio presenta oltre trenta sedi operative, due aeroporti internazionali, il porto di Civitavecchia tra i più grandi del Mediterraneo, per non considerare, in questo particolare momento storico, gli obiettivi sensibili siti in questo territorio.

La politica deve considerare il nostro lavoro di SOCCORSO AI CITTADINI una priorità negli impegni del Governo, e la nostra Amministrazione deve saper rappresentare, con decisione, le difficoltà dei lavoratori del Corpo.

Pertanto, la FNS CISL richiede un impegno immediato per una maggiore tutela del personale impiegato negli scenari di intervento, valorizzando tutte le componenti a disposizione del CNVVF per garantire con competenza e specificità il soccorso alla popolazione”.

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07