Giorno: 14 settembre 2016

14 settembre 2016 0

Picchia i genitori per portar via i bancomat, 28enne arrestato per rapina a Veroli

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Veroli – Ha picchiato i genitori rapinandoli dei bancomat.

E’ accaduto nel cuore della notte a Veroli dove i carabinieri sono intervenuti su richiesta dell’anziana coppia aggredita dal figlio 28enne. Il ragazzo, dopo aver picchiato il padre e la madre invalida, si è allontanato da casa portando via un borsello con due bancomat, oltre alle chiavi dell’auto di famiglia.

I militari agli ordini del maggiore Antonio Contente lo hanno fermato mentre tentava di allontanarsi con l’auto, dopo aver danneggiato altre macchine in sosta.

I due anziani sono stati soccorsi e trasportati in ospedale, il figlio, invece, è stato arrestato per rapina.

14 settembre 2016 0

Migranti in provincia di Frosinone, da 800 a 1700 in 5 mesi. Numeri al limite dell’allarme sociale

Di admin

Frosinone – Da 800 a 1700, il numero dei migranti, richiedenti asilo politico in provincia di Frosinone, si è più che raddoppiato nel giro di appena 5 mesi.

La provincia ciociara raccoglie il 17% dei migranti che arrivano nel Lazio, il che significa, in questo periodo, arrivano tra i 7 ai 15 migranti al giorno. Circa 1700, quindi, tra richiedenti Asilo Politico e coloro che hanno fatto ricorso perché esclusi. La permanenza dei migranti nella provincia di Frosinone, prima che si definisca l’iter per lo status di rifugiato, oscilla tra i 4 ai 6 mesi.

Quattro mesi servono per arrivare al parere della Commissione instituita in Prefettura, poi, in caso di bocciatura della pratica, il migrante può presentare ricorso entro 60 giorni, altrimenti è soggetto da rimpatriare. In questo periodo l’aumento degli stranieri è avvertito in qualsiasi comune della Ciociaria.

A Fiuggi, intere strutture alberghiere sono destinate all’accoglienza. A Cassino si cercano altre strutture che possano accoglierli. Alatri, Sora e anche i comuni minori non si sottraggono all’accoglienza. 

Considerando le continue ondate di sbarchi, il numero continuerà ad aumentare e ad inizio ottobre la quota duemila sarà abbondantemente superata. Inutile dire che questi cominciano ad essere numeri da emergenza. Le strutture per accogliere gli stranieri si reperiscono sempre con maggiore difficoltà e se una piccola percentuale di stranieri in una comunità non preoccupa, comincia invece a preoccupare con l’aumentare di quella percentuale iniziale. Il numero degli operatori delle forze dell’ordine e di quelli dei servizi di emergenza restano fermi nonostante aumenti velocemente e senza avere una soglia limite, il numero delle persone ospitate. Spesso le stesse forze dell’ordine del territorio non vengono informate della presenza di nuovi gruppi.

Lo ricordiamo, molte di queste persone scappano dalle guerre e vanno aiutate, ma è sicuro che sia questo il modo migliore per farlo? Siamo sicuri che portare al collasso le comunità sia utile almeno a loro?

Ermanno Amedei

14 settembre 2016 0

Commissione Patenti a Cassino, Fardelli (LB.OL) ringrazia Abbruzzese (Fi) per aver ultimato lavoro iniziato da Petrarcone (PD)

Di admin

Cassino – “La Regione Lazio ha quasi terminato l’iter per istituire una Commissione Patenti anche a Cassino”.  Lo ha dichiarato il consigliere regionale Marino Fardelli, capogruppo LB OL. “L’ubicazione dell’ufficio agevolerà infatti i numerosi utenti del cassinate che al momento sono costretti a recarsi a Frosinone con tutte le oggettive difficoltà. Ringrazio il collega Abbruzzese (Fi) per aver riportato all’attenzione la questione per la quale la Regione Lazio già aveva avviato le procedure a seguito della richiesta avanzata nel 2013 dall’allora sindaco Petrarcone (da luglio tesserato Pd) immediatamente dopo il Decreto del Presidente dei Ministri che ne disciplinava l’iter. La procedura legata quindi ad una novità legislativa complessa, ha portato comunque ad una istruttoria svolta regolarmente e che sta portando alla definizione di una questione di fondamentale importanza per centinaia di cittadini cassinati”.

14 settembre 2016 0

Basta un panino per mettere in crisi l’Italia

Di admin

Dall’Italia – Un panino mette in crisi tutto il sistema Paese. Già si parla della necessità di una nuova legge nazionale e regionale per aggirare il problema causato, appunto, da un panino.

Incredibile, ma la testardaggine di due genitori di “pretendere”, che il proprio figlio si cibasse del panino che la madre gli preparava la mattina a casa, e non di ciò che la mensa scolastica gli proponeva, è arrivata ad avere ragione solamente grazie ad una sentenza del tribunale di Torino.

 

A dire il vero, quella sentenza rigetta il ricorso che, il ministero addirittura, aveva presentato contro la sentenza di Corte d’Appelo che riteneva legittimo consumare pasti portati da casa, all’interno del refettorio, mentre altri alunni consumano il pasto della mensa scolastica. E’ l’Italia, la schiava della burocrazia per eccellenza, dove anche la cosa più naturale deve essere vincolata e burocratizzata. E’ così difficile accettare il sacrosanto diritto di un genitore di decidere cosa fra mangiare al proprio figlio. Possibile che si debba arrivare alle sentenze dei tribunali per sancire questo diritto?

Ermanno Amedei

Foto tratta da internet

14 settembre 2016 0

Controlli della Polizia di Stato nel Cassinate. Operazioni eseguite con il sistema Mercurio

Di redazione

Nel pomeriggio di ieri a Cassino è stata predisposta una specifica attività di controllo del territorio messa in atto dalle Volanti del commissariato con la collaudata collaborazione di due equipaggi del reparto Prevenzione Crimine Abruzzo. Nel corso di 4 posti di controllo sono state identificate 56 persone, verificata la regolarità di 39 veicoli, contestate 4 infrazioni al Codice della Strada e controllati tre esercizi pubblici. Fondamentale il contributo fornito dal “Sistema Mercurio”, dispositivo in dotazione sulle auto del Reparto Prevenzione Crimine, in grado di compiere direttamente accertamenti sulle persone fermate sulla strada, di leggere automaticamente le targhe e di riprendere e trasmettere alla Sala Operativa le immagini dello scenario in cui gli operatori sono impegnati. Attraverso l’avanzato congegno, gli operatori di polizia hanno potuto controllare circa 200 veicoli. Una persona è stata segnalata all’Autorità Amministrativa per possesso di sostanza stupefacente ad uso personale.

14 settembre 2016 0

Grande successo per la quarta edizione del “Mennea Day” targata Cus Cassino

Di redazionecassino1

Un grande successo la quarta edizione del “Mennea Day” targata Cus Cassino. Ai nastri di partenza si sono presentati in 200 per percorrere i 200 metri. Pettorina numero uno per l’atleta paraolimpico Giuseppe Campoccio che ha compiuto il giro sulla pista di atletica del “Salveti” sulla sua sedia a rotelle, a testimonianza, ancora una volta, che lo sport è inclusione sociale e che il Cus Cassino è da sempre sensibile a queste tematiche. Sempre più forte è difatti la sinergia con la comunità Exodus, lunedì presente alla manifestazione con Luigi Maccaro che ha raccolto il testimone dal sindaco D’Alessandro per percorrere i 200 metri. Il rettore dell’Università di Cassino Giovanni Betta ha invece fatto la staffetta con il direttore generale dell’ateneo Antonio Capparelli. Tra le altre istituzioni presenti l’assessore del comune di Cassino Benedetto Leone e il consigliere regionale Marino Fardelli. Il presidente della Banca Popolare del Cassinate Donato Formisano, pur non prendendo direttamente parte alla gara è stato presente al “Salveti” in quanto ancora una volta l’istituto di credito della città martire è main sponsor della kermesse che il Cus Cassino organizza ormai da quattro anni per celebrare il record del grande Pietro Mennea. Quest’anno il tempo totale è stato di 2 ore, 31 minuti e 44 secondi. Il rettore ha approfittato della sua preparazione di valido tennista per correre una seconda frazione in un buon 41”05. La terza frazione è stata appannaggio del Direttore Generale dell’ateneo ciociaro Antonio Capparelli che buttate giacca e cravatta a bordo pista si è difeso con una frazione di grosso impegno.Ha fatto quindi anche il battesimo sportivo il nostro primo cittadino, il Sindaco Carlo Maria D’Alessandro ha fatto valere le sue qualità di ex cestista e si è lasciato coinvolgere giocosamente nella kermesse applaudito dal folto pubblico presente. L’amministrazione cittadina ha registrato anche l’assessore alle politiche sociali Benedetto Leone che, grazie alla sua giovane prestanza ha fatto registrare il miglior tempo tra le autorità con un eccellente 32”96. Anche Marino Fardelli ha dato la sua simpatica adesione correndo tra l’altro in un buon 36”91. Naturalmente tra i tanti appassionati presenti che hanno partecipato attivamente alla manifestazione i tempi migliori sono venuti da due atleti di valore: in campo maschile si è confermato il più veloce Giuseppe Fantini della Intesatletica Latina con un eccellente 24”23; tra le ragazze invece ulteriore miglioramento per la giovanissima e promettente Giulia Verrecchia, del Cus Cassino, tra le più veloci tredicenni del lazio che ha fatto registrare un lusinghiero 29”75. Tra gli atleti di valore presenti oltre al due volte olimpionico ed ex primatista italiano dei 110 ostacoli Laurent Ottoz abbiamo avuto la piacevole e graziosa presenza delle due promettenti e con già un ricco palmares gemelle Mirabello: Anthea 4 volte campionessa italiana di marcia e 4 presenze nelle nazionali giovanili, in particolare ha gareggiato ai mondiali allievi di Calì (messico) e l’eccezionale secondo posto a Podebrady (Cechia) e il fantastico 49’23” sui 10 km ai mondiali di Roma; Angelica con 1 titolo di campionessa italiana e due eccellenti presenze nelle nazionali giovanili con l’8 posto agli europei di Tblisi e il 5° di Podebrady. Infine ultimo frazionista è stato il giovane e ormai famoso Luca d’Aguanno che dopo la presenza a numerose manifestazioni tra cui la maratona di Roma ha chiuso la kermesse cassinate con un’ultima frazione che ha visto tutti i presenti accompagnarlo in un festoso 200 metri finali. Ricordiamo che Luca è un testimonial dell’associazione Genitin onlus, associazione di genitori che affianca in tutte le problematiche le famiglie dei bambini nati prematuri. Ma aldilà dei numeri a vincere, anche quest’anno, al Mennea Day è stato il calore e l’entusiasmo dei tanti partecipanti, la passione e l’abnegazione del presidente del Cus Carmine Calce che insieme ad Agostino Terranova con tenacia continua a promuovere iniziative per sensibilizzare giovani e meno giovani all’atletica, ora che finalmente – grazie alla sinergia di Comune e Ateneo – la città può vantare una pista, intitolata proprio alla “Freccia del Sud”, che non ha nulla da invidiare agli impianti delle grandi città limitrofe. Un lavoro che va avanti da anni, e che ora finalmente comincia a dare i frutti sperati. Tanti, infatti, sono stati coloro che hanno partecipato e hanno voluto lasciare un pensiero: “Viva lo sport, viva Pietro Mennea: oggiAggiungi un appuntamento per oggi ho corso per te”; “è stata una giornata fantastica”; “lo sport non ruba e non illude: è il giudice più imparziale che la vita possa offrire”.

14 settembre 2016 0

Mercati rionali minacciati dalla Bolkestein, Delle Fontane (Fiva): “Con i punteggi abbiamo salvato le aziende”

Di admin

Lazio – La direttiva Bolkestein non fa tremare solamente i titolari di concessioni balneari, ma anche i commercianti ambulanti. In troppi pensano che la direttiva europea, vista come un terremoto che annulla investimenti e diritti assicurati per anni solamente sulle spiagge ma il grosso, avviene nell’entroterra, in ogni area mercatale dove, da sempre, si svolgono i mercati quotidiani, bisettimanali, settimanali. Anche quelle aree, indicate come piazzole, date in concessione dal comune a imprenditori che lo hanno tramandato ai figli anche per decenni facendone vere e proprie aziende di famiglia, rischiano di finire assegnate in seguito ad un bando al quale può partecipare chiunque. Significa cancellare il passato e togliere il diritto a chi, per decenni, ha lavorato in quei pochi metri quadri trasformandolo in un punto di riferimento con un proprio livello qualitativo.

Roberto Delle Fontane, presidente Fiva (federazione italiana venditori ambulanti) Lazio   di Confcommercio invita alla calma e dice: “Non appena abbiamo scoperto che anche i rappresentanti italiani in Europa avevano votato per approvare la direttiva Bolkestein ci siamo attivati per mettere in salvo le nostre aziende. Non è stato semplice, ma dopo una lunga battaglia, siamo arrivati ad un punto di incontro con le istituzioni europee. Si rischiava che le aziende venissero private di quelle piazzole che occupavano da anni per essere riassegnate con un bando al miglior offerente. Siamo riusciti ad ottenere il riconoscimento dell’anzianità di frequenza di posteggio. Si riconosce un punteggio di partenza per l’assegnazione della piazzola, a chi l’ha occupata in precedenza, a chi ha una anzianità di scrizione al registro imprese, alla camera di commercio e a chi ha pagato i posteggi in maniera regolare. Si chiamano criteri di professionalità e che danno un punteggio di partenza tale da assicurare la continuità alle aziende”.

Ecco quindi che l’iscrizione al registro delle imprese da 0 a 5 anni danno 40 punti, da 6 a 10 ne danno 60.

I vecchi titolari del posto banco che concorre al bando per riottenerlo hanno altri 40 punti.

“Così abbiamo messo in salvo tante aziende per un periodo di tempo che va dai 9 ai 12 anni, a discrezione dei comuni. Nel Lazio, inoltre, siamo riusciti a scongiurare la necessità di presentare la regolarità dei versamenti contributivi che resta facoltativa e quindi non obbligatoria ma nel caso la si presenti, da un punteggio maggiore”.

Ermanno Amedei    

14 settembre 2016 0

Auto in fiamme ad Aprilia, indagano i carabinieri

Di admin

Aprilia – Sono misteriose le cause dell’incendio che questa notte ha distrutto una Nissan Micra ad Aprilia.

L’allarme ai vigili del fuoco è arrivata poco dopo la mezzanotte da via Pergolesi. L’immediato intervento dei pompieri, è servito a spegnere le fiamme ma la vettura è praticamente inservibile. Domato il rogo, l’ufficiale di polizia giudiziaria dei vigili del fuoco ha effettuato un accurato controllo dei luoghi per risalire alle cause che comunque sembrano essere dubbie.

Sul fatto indagano i carabinieri della compagnia di Aprilia.