Giorno: 17 settembre 2016

17 settembre 2016 0

Carpineto, città di mucche e tori “randagi”. Chiesto l’intervento del Prefetto

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Carpineto Romano – La situazione dei bovini vaganti e inselvatichiti nel comune di Carpineto Romano diventa ogni giorno sempre più preoccupante. Gli animali, senza alcun elemento idenbtificativo di proprietà, si aggirano non solo per il centro, ma occupano le sedi stradali diventando ostacoli e pericoli per la circolazione. “Considerato che, in qualità di Autorità, è mio compito e dovere tutelare i cittadini di Carpineto” dichiara il Sindaco di Carpineto Romano, Matteo Battisti “ritengo sia doveroso risolvere, al più presto, il grave problema che, ormai da tempo, affligge l’intera comunità. Per questo motivo mi rivolgo, nuovamente, al Prefetto Basilone e a tutte le Autorità competenti affinché agiscano in sinergia per mettere fine a tale disagio. Anche perché, stando a quanto accaduto negli ultimi tempi, ci sono altissime probabilità che episodi gravi di incolumità fisica possono verificarsi, sfociando così, nell’irreparabile. Spero di conoscere al più presto la data d’incontro con il Prefetto e le Autorità per riuscire a risolvere, definitivamente, il problema dei bovini vaganti”. Da tempo il sindaco si batte per arginare un fenomeno che diventa di giorno in giorno sempre più preoccupante. Nella mattinata di giovedì 15 settembre un bovino, inselvatichito e visibilmente irrequieto, ha percorso la ex Strada Statale 609 nel tratto di Via Roma, cuore del Paese, correndo all’impazzata tra i passanti e i veicoli in marcia. L’episodio, solo per pura fortuna, non è stato causa di danni irreparabili.

17 settembre 2016 0

Duemila litri di gasolio sequestrati a Cassino

Di admin

Cassino – Gasolio di contrabbando o frutto di furti; una o l’altra, dato che i due campani a bordo del furgone in transito sull’autostrada Roma Napoli nei pressi di Cassino, viaggiavano con 2mila litri di Gasolio che certamente non avevano preso da una stazione di rifornimento. L’A1, si sa, è luogo di transito per mille traffici tra cui anche quello di carburante di contrabbando. Una attività che gli agenti della polizia stradale della sottosezione di Cassino diretta dal sostituto commissario Giovanni Cerilli, ben conoscono per aver effettuato sequestri per decine di migliaia di litri. Il furgone viaggiava in direzione sud e a bordo c’erano un 29enne e un 41enne. Consultando la banca dati sul loro conto è emerso che entrambi erano noti per furto di carburante. Perquisendo il mezzo gli agenti hanno trovato due taniche in pvc da mille litri ciascuno. Nel vano di carico i poliziotti hanno rinvenuto anche una pompa di aspirazione completa di tubi, diversi utensili tra cui una tronchese, una grossa chiave inglese e vari cacciavite, verosimilmente utilizzati per asportare il gasolio. In merito alla presenza della merce trasportata entrambi non hanno saputo fornire alcuna documentazione dando invece versioni contrastanti circa la provenienza. I due sono stati denunciati in stato di libertà per ricettazione e possesso di arnesi atti allo scasso nonché sanzionati amministrativamente per violazione della normativa di settore sulle accise. Il veicolo, le cisterne contenenti gasolio e tutto quanto rinvenuto è stato sottoposto a sequestro e messo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Cassino.

17 settembre 2016 0

Frosinone Latina, sosta sul parapetto dei “distinti” durante il derby, tifoso ciociaro multato

Di admin

Frosinone – Un tifoso del Frosinone Calcio è stato multato, dalla Digos della Questura, ai sensi della Legge n. 88 del 24 aprile 2003, recante “Disposizioni urgenti per contrastare i fenomeni di violenza in occasione delle competizioni sportive”. Il frusinate nel corso del derby “Frosinone – Latina”, disputatosi il 10 settembre scorso, è stato ripreso dal sistema di videosorveglianza dello stadio Matusa, costantemente monitorato dal personale del Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica, mentre sostava senza giustificato motivo sul parapetto del settore Distinti, a ridosso del vicino settore Ospiti, per un lasso di tempo considerevole. Proprio il settore “Distinti” è, difatti, sempre particolarmente attenzionato per le intemperanze e gli atteggiamenti provocatori che si sono verificati anche nello scorso campionato. Il quarantasettenne, in virtù del comportamento tenuto, è stato sottoposto a sanzione amministrativa pecuniaria pari a 166.66 euro, per aver contravvenuto al punto 8 del regolamento d’uso dello stadio comunale di Frosinone chetestualmenterecita: “è vietato sostare sui posti a sedere, sostare in prossimità di passaggi, vie di accesso e di uscita, uscite e ingressi, le scale ed ogni altra via di fuga senza giustificato motivo”. Sono in corso da parte della Questura ulteriori accertamenti per verificare se vi siano state altre violazioni. Si ricorda che alla seconda violazione del regolamento d’uso dell’impianto scatterà il provvedimento di Daspo.

17 settembre 2016 2

Senato, immigrazione e futuro del premier, le tre domande mai fatte al Promoter Renzi

Di admin

di Max Latempa

Dall’Italia – Il Promoter Matteo Renzi, tra una visita e l’ altra alle multinazionali, partecipa anche alle conferenze stampa in cui i giornalisti gli fanno sempre le stesse domande. E le risposte sono praticamente sempre le stesse: evasive o confacenti a realtà parallele che nulla hanno a che fare con la situazione reale in cui versa il Paese.

Avendocelo di fronte, sono almeno tre (solo tre per non rubare tempo prezioso a chi dovrebbe guidare il Paese con l’ obbligo di raggiungere gli obiettivi stabiliti) le domande che gli andrebbero fatte.

LA PRIMA – Quando ha partorito l’ idea della riforma del Senato era nelle sue piene facoltà di intendere e di volere? Perché nessun maggiorenne con cognizione di causa prospetterebbe un Senato composto da sindaci e presidenti di regione senza comprendere che questi svolgono già un ruolo che li dovrebbe assorbire completamente. Dire ad un Sindaco che per alcuni giorni a settimana dovrà partecipare a Roma alle sedute del Senato implica solo due ipotesi: o i sindaci (ed i presidenti delle regioni) non fanno un cavolo dalla mattina alla sera e quindi possono dedicarsi ad altro o queste istituzioni andranno rapidamente in malora senza poter di fatto funzionare.

LA SECONDA – Si è mai posto un limite oltre il quale non è più possibile accogliere immigrati oppure si continuerà ad andare ad oltranza? Perché tutte le belle parole sull’accoglienza e sul ruolo dell’ Italia in prima linea lasciano il tempo che trovano. La realtà è che tra Africa, Asia, Sud America ed Europa dell’ Est ci sono chiaramente almeno un miliardo di persone povere che, avendone la possibilità, verrebbero subito da noi. Ammesso che un decimo di questi ci riesca, stiamo parlando di cento milioni di persone che si riverseranno da noi nei prossimi anni. L’ Italia fa 60 milioni di abitanti.  Dato che il resto dell’ Europa non ne vuole sapere della ricollocazione e che gli immigrati nella Ue sono già quantificati in circa 30 milioni, anche un bambino che sa fare solo addizioni e sottrazioni capisce che siamo di meno. Pensare che chissà per quali fini l’ Italia possa risolvere i problemi del mondo è criminale.  Allora signor Promoter, qual è questo numerino che costituirà il limite oltre il quale i barconi saranno rispediti indietro?

LA TERZA – Visto il suo prodigarsi nella promozione delle multinazionali, dalla Apple alla Fiat, passando per Amazon e Ferrero, Ferrari e Cisco (solo per citare i casi più eclatanti) e visto che alcune di queste aziende hanno ricevuto dal Governo vantaggi fiscali (gli accordi con Amazon e Apple) ed altri hanno portato la sede fiscale all’ estero (Fiat e Ferrari), ricevendone da Lei solo elogi, ci vuole dire per quale multinazionale andrà a lavorare quando avrà finito il suo mandato politico? Del resto, secondo una recente indagine, quasi tutti gli ex leaders europei oggi lavorano o collaborano con banche o multinazionali. Allora signor Promoter, cosa farà da grande?

All’esercito di giornalisti che ogni giorno vedono Renzi e che gli fanno sempre le solite domande, il compito di dimostrare di avere gli attributi per fare bene, almeno una volta, il loro mestiere.

di Max Latempa

17 settembre 2016 0

Bar dello spaccio scoperto nel sorano dalla Polizia

Di Antonio Nardelli

Ieri sera i poliziotti del settore Anticrimine del Commissariato di Sora hanno effettuato nella città volsca un servizio mirato alla repressione dei reati nell’ambito del traffico delle sostanze stupefacenti. In particolare l’attività ha riguardato un bar della periferia sorana, gestito da una quarantottenne del posto.

Ad insospettire gli operatori della Polizia di Stato un anomalo andirivieni presso il bar in concomitanza con il fine settimana. Una perquisizione nei locali dell’attività commerciale ha consentito di rinvenire, occultato sotto il bancone, un pacchetto di sigarette contenente tre involucri cellophanati di cocaina di circa 1 grammo ed un altro contenente hashish del peso di oltre 3 grammi.

Indosso alla donna, invece, sebbene la stessa avesse dichiarato di non essere in possesso di altra droga, è stata rinvenuta un’altra confezione contenente 1.26 grammi di hashish. Nel suo portafoglio, riposto accanto alla sostanza stupefacente, è stata trovata la somma di 305 euro, suddivisa in nove banconote da cinque euro, sette banconote da venti e dodici pezzi da dieci euro, tagli piccoli che hanno convinto i poliziotti del come la stessa “arrotondasse” le entrate del suo esercizio.

Tra gli avventori dell’esercizio commerciale controllati anche un giovane ventiquattrenne di Sora. I sospetti su un suo possibile coinvolgimento nell’attività di spaccio hanno indotto gli agenti ad effettuare una perquisizione presso la sua abitazione che ha portato al rinvenimento di un revolver calibro 6, illegalmente detenuto. La quarantottenne è stata denunciata all’Autorità Giudiziaria per detenzione ai fini di spaccio, mentre il ragazzo per detenzione illegale di arma comune da sparo.

17 settembre 2016 0

Notte di incidenti stradali a Frosinone e Ceccano, due feriti

Di admin

Frosinone – Due incidenti stradali autonomi, hanno visto, questa notte, il ferimento di altrettanti automobilisti. Quello più grave è avvenuto alle tre sullo stradone Asi a Frosinone all’altezza della rotatoria del supermercato Carrefour dove una Q5 dell’Audi, per cause ancora al vaglio delle forze dell’ordine ma sicuramente con la complicità di velocità e asfalto bagnato, ha tagliato dritto sulla rotatoria percorrendola interamente. Il mezzo è stato seriamente danneggiato mentre il suo conducente è stato trasportato in ospedale in condizioni considerate serie.  In ospedale a Frosinone anche un altro giovane che alle 23, a Ceccano, con la sua auto nei pressi della stazione su via per Frosinone, è uscito fuoristrada ribaltandosi.

Ermanno Amedei