Giorno: 18 ottobre 2016

18 ottobre 2016 0

Incidente stradale, madre e figlia incastrate tra le lamiere

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Alatri – Un grave incidente stradale nel tardo pomeriggio ha visto una donna di Alatri di 45 anni e la figlia di appena sei, rimanere incastrate tra le lamiere della Fiat Punto su cui viaggiavano insieme all’altra figlia 16enne della donna.

Il sinistro è avvenuto sulla SS155 per Fiuggi in località Collelavena quando la Fiat Punto si è scontrata con una Passat guidata da un 38enne anch’egli di Alatri.

Sul posto, i vigili del fuoco che hanno liberato la mamma e la bambina, entrambe ferite e trasportate in ospedale, e i carabinieri della compagnia di Alatri per i rilievi. Ferito anche il conducente della Passat.

Ermanno Amedei

 

18 ottobre 2016 0

Recuperato il motopeschereccio Rosinella, il relitto è in viaggio verso Gaeta

Di admin

Gaeta – Alle 18 di oggi pomeriggio il motopeschereccio Rosinella affondato ad Aprile  è stato tirato in superficie e alle 22.30, dovrebbe arrivare nel porto commerciale di Gaeta.

Il natante è affondato ad 8 miglia marine dal porto di Formia da dove era partita con tre uomini di equipaggio la sera stessa dell’affondamento.

Dopo 72 ore di ricerche incessanti svolte dalla capitaneria di Porto di Gaeta e da decine di pescherecci muniti di sonar, il relitto venne rinvenuto sui fondali ad una profondità di circa 60 metri.

Alla partenza a bordo c’era il comandante Giulio Olivieri di Ercolano, Khalifa e Saipeddine Sassi, due tunisini, padre e figlio i cui corpi vennero ritrovati diversi giorni dopo.

Nonostante le immersioni di palombari e l’utilizzo di robot non è stato trovato invece il corpo del comandante.

Il peschereccio è tenuto su dalla gru di un pontone assicurato da fasce che alla velocità di due nodi stanno viaggiando verso il porto di Gaeta. Una volta svuotata si effettuerà una prima ispezione del relitto alla ricerca del corpo e delle cause della tragedia.

18 ottobre 2016 0

Hashish e marijuana in classe all’Agrario e all’Itis di Cassino

Di admin

Cassino – Invece del panino, due studenti di Cassino avevano portato in classe hashish e marijuana.

A scoprirlo, in due diverse scuole di Cassino, è stato il fiuto di Alec e Condor, due pastori tedeschi del Reparto Cinofili della Polizia di Stato.

I controlli tra gli studenti della città martire, spesso incentivati proprio dai presidi che così mantengono arginato il fenomeno dello spaccio nelle scuole, si ripetono ormai da tempo e oggi sono stati controllati circa 700 studenti tra Itis e Agrario.

Gli uomini del Commissariato di Polizia diretti dal Vice Questore Alessandro Tocco hanno accompagnato le unità cinofile tra gli studenti e, una volta individuato il 19enne e il 17enne che avevano indosso complessivamente 10 grammi di hashish e altrettanti di marijuana, sono passati alla perquisizione domiciliare del maggiorenne rinvenendo ulteriori 10 grammi di hashish e bilancini di precisione.

Il minorenne, quindi, è stato segnalato alla prefettura mentre il maggiorenne è stato denunciato per detenzione ai fini dello spaccio di droga.

Ermanno Amedei

18 ottobre 2016 0

Trova una granata e se la porta a casa rischiando di saltare per aria

Di admin

Veroli – Trova in Molise una granata da artiglieria, perfettamente funzionante e se la porta a casa a Veroli. Protagonista è A.G. 36 anni residente nella cittadina Ciociara denunciato dai carabinieri della Compagnia di Alatri  a seguito di una perquisizione domiciliare grazie alla quale è stato ritrovato il pericoloso residuato bellico.

L’uomo ha raccontato di aver trovato la bomba in una zona montuosa del Molise e inconsapevole del pericolo, l’aveva trasportata a casa senza alcun genere di attenzione.

Nell’abitazione, quindi è intervenuta anche una un’unità di artificieri – antisabotaggio dei Carabinieri di Roma per disinnescare l’ordigno, mentre l’abitazione dell’uomo veniva evacuata con apposita ordinanza del Sindaco di Veroli e opportunamente transennata e vigilata.

 

18 ottobre 2016 0

Trattative in corso per una ambulanza medicalizzata a Pontecorvo

Di admin

Pontecorvo – Una ambulanza medicalizzata a Pontecorvo. E’ questo l’obiettivo su cui si sta concentrando l’amministrazione comunale che ha incontrato i vertici Provinciali dell’Ares e annuncia incontri anche con i vertici della Asl e alla Regione Lazio.

Lo si apprende da una nota stampa diffusa dalla stessa amministrazione di Pontecorvo che riceviamo e pubblichiamo.

“Nella giornata di lunedì il sindaco Anselmo Rotondo, l’assessore alla sanità Gianluca Narducci, unitamente al consigliere comunale Annalisa Paliotta, hanno incontrato il direttore generale dell’Ares 118. Nel corso dell’incontro gli amministratori locali hanno illustrato al direttore le esigenze e le peculiarità territoriali di Pontecorvo e del comprensorio. Sono stati calati sulla scrivania numeri e criticità, anche e soprattutto dopo la chiusura dell’ospedale “Pasquale Del Prete”. I prossimi passaggi sono: incontro in Regione e presso l’Asl di Frosinone, si tratta di un percorso molto articolato.

“Il percorso è lungo, occorre unire le forze per il bene della nostra comunità per questo ringrazio la dottoressa Annalisa Paliotta, la quale pur nel rispetto dei ruoli e della volontà popolare, non ha esitato un attimo quando le prospettato l’invito. Questa è l’azione amministrativa che conta: su tematiche che interessano l’intera comunità non devono esserci divisioni di alcuna natura”, ha affermato il sindaco, Anselmo Rotondo.

“Il prossimo passaggio sarà incontrare i vertici della regione Lazio e la Asl. All’Ares è stato illustrato il fabbisogno territoriale in termini di emergenza sanitaria, non foss’altro perché Pontecorvo e il territorio non hanno strutture di emergenza e di recente è scomparso anche il punto di primo intervento È una causa che riguarda l’intera città quindi di noi tutti e per quanto sia una strada difficile vale comunque a mio parere la pena provare a percorrerla”, ha aggiunto Annalisa Paliotta.

“Come ogni battaglia per la salute dei cittadini siamo e saremo in prima linea, avere l’ambulanza medicalizzata è un’esigenza non più rinviabile, lo abbiamo spiegato all’Ares e lo spiegheremo molto bene sia alla Asl sia alla Regione Lazio”, ha concluso l’assessore alla Sanità Narducci.

18 ottobre 2016 0

Studenti inglesi, spagnoli e austriaci a Ferentino per il progetto Erasmus

Di admin

Ferentino – Studenti spagnoli, austriaci e inglesi sono stati accolti nella sala consiliare del Comune di Ferentino. Sono gli studenti giunti in città grazie al progetto Erasmus, a cui partecipa la locale Scuola Media Giorgi-Fracco, già dallo scorso anno.

Il progetto europeo di mobilità e di scambio interessa, oltre a Ferentino, ragazzi provenienti da istituti scolastici spagnoli, austriaci e inglesi: una delegazione che sarà ospitata in questi giorni in città, presso famiglie del luogo, facendo seguito alla visita che si è svolta lo scorso anno in Spagna, a cui hanno preso parte i ragazzi di Ferentino.

Ad accogliere la delegazione, oltre ad una rappresentanza del II istituto comprensivo del dirigente Salvatore Laino, il sindaco Antonio Pompeo e l’assessore alla pubblica istruzione Francesca Collalti.

“E’ grazie ad iniziative del genere che si può pensare ad un’Europa unita – ha dichiarato il sindaco Antonio Pompeo – Non si può costruire una comunità europea nel senso più autentico della parola, se non vi è uno sviluppo culturale in tal senso. Progetti come quello portato avanti dal II Istituto comprensivo fanno bene alla crescita della nostra comunità”.

Il sindaco Pompeo, dopo avere offerto alcuni omaggi ai ragazzi a ricordo della visita, ha rivolto il saluto di benvenuto: “La nostra città ha una storia importante, soprattutto a livello culturale e monumentale, dunque ben si presta a questo tipo di attività. Vi invito a visitarla e ad apprezzarne le peculiarità e gli aspetti più significativi, non tralasciando di estendere la vostra conoscenza anche al territorio a noi limitrofo”.

“Il progetto Erasmus – ha aggiunto l’assessore Francesca Collalti – è un’esperienza formativa importante, di quelle che cambiano la vita di ciascuno e che fa sentire i ragazzi parte di una famiglia globale. Complimenti al nostra scuola media per avere voluto investire su una così ottima progettualità ”.

I ragazzi dell’Erasmus trascorreranno questi giorni a Ferentino, impegnati in visite del territorio e venerdì prossimo, 21 ottobre, si svolgerà una cerimonia a loro dedicata presso l’Aula Magna della Scuola Media Giorgi-Fracco.

18 ottobre 2016 0

Cani bagnino, un nuovo campo di addestramento sull’Adriatico

Di admin

Dall’Italia – Rendere utili e impegnare nel sociale i nostri amici a quattro zampe: è l’obiettivo dell’associazione di volontariato “Sea Rescue Dog” che ormai da sette anni addestra unità cinofile (i cani con i loro padroni-conduttori) al soccorso nautico, ovvero ad affrontare le emergenze che si possono verificare in acqua.

Da qualche giorno l’associazione di cinofili, che conta una trentina di volontari ed è presieduta da Fabrizio Calgione (vice presidente Stefano Bagagli, tesoriere Enzo La Torre), ha attivato un nuovo campo di addestramento in contrada Foro di Ortona, al confine con Francavilla al Mare, un’area dove cominciare a educare “a terra” il cane da salvataggio prima di inserirlo in ambienti particolarmente sensibili, come le spiagge affollate, costantemente a contatto con altre persone, bambini in particolare.

Il nuovo campo è stato inaugurato con una festa animata da tanti appassionati e dalle loro famiglie sul terreno messo generosamente a disposizione dai proprietari, Fabio e Luisa Di Iulio, alla presenza di un ospite d’eccezione, il generale Domenico Milillo, giudice esperto dell’Ente nazionale cinofilia italiana (Enci).

L’associazione ha presentato il nuovo corso di addestramento per la stagione 2016/2017, rivolto a quanti vogliono acquisire una conoscenza approfondita del cane per diventare unità cinofile per il salvataggio nautico e svolgere questa attività di volontariato lungo le spiagge abruzzesi.

Con il patrocinio dei Comuni di Pescara e Francavilla al Mare è inoltre attivo un progetto rivolto alle scuole delle province di Chieti e Pescara, denominato “Sea Re-School Dog”, che intende educare gli alunni delle ultime classi della scuola primaria e dei primi anni della scuola secondaria a conoscere i pericoli nascosti in una giornata di divertimento al mare, alla prevenzione, alla sicurezza sulle spiagge, in acqua, in viaggio, al rispetto dell’ambiente, alla cultura della Protezione civile. Concetti favoriti dalla curiosità verso le unità cinofile attraverso incontri concordati con le scuole.

18 ottobre 2016 0

Ruba un furgone del pane da un fornaio e scappa seminando il panico

Di admin

Roma – Ruba un furgone del pane ad un fornaio e scappa ma viene rintracciato e arrestato dai carabinieri alla Magliana.

A spingere il 41enne al furto non è stata la gran fame, ma l’intenzione di appropriarsi del mezzo.

L’uomo, questa mattina è entrato nel panificio in via Cutigliano con la scusa di comprare una pizza, ha approfittato di un momento di distrazione della proprietaria ed è riuscito ad impossessarsi delle chiavi del furgone della ditta lasciate vicino alla cassa.

Uscito dal negozio, si è subito allontanato a forte velocità con il mezzo seminando il panico nella zona.

I militari sono riusciti a rintracciarlo, su via della Magliana. Per sua stessa ammissione, ha dichiarato di averlo “preso” per compiere alcune commissioni in Città. L’arrestato, dopo l’udienza di convalida, è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

(foto tratta da web)

18 ottobre 2016 0

Basket: Sconfitta di misura, 59-57, per la N.B. Sora 2000

Di redazionecassino1

L’Alfa Omega ha battuto 59-57 la N.B. Sora 2000 nella terza giornata di andata di C Gold, dopo una gara in cui i volsci è stata a lungo costretta a rincorrere l’avversario, in vantaggio per lunghi tratti anche oltre la doppia cifra ma a soli due punti per un’eventuale vittoria in trasferta. L’avvio è complicato, l’Alfa Omega parte meglio con un parziale di 6-4, interrotto da una bomba di Larizza per il 6- 7. Ai lidensi vie fischiato un fallo tecnico a Di Pietro, dalla lunetta Larizza porta i volsci sul 6-8. Negli ultimi minuti di parziale il Sora si scompone e i padroni di casa ne approfittano realizzando canestri importanti con un’ ispirato Troiani che sigla il 9-14 di fine quarto. Di Pietro apre il secondo quarto per un’ avvio scoppiettante dei lidensi che in pochi minuti si portano sul 21 a 17. A 6’40’’ dalla fine viene fischiato il secondo tecnico per simulazione ad uno dei punti di forza dei locali, Di Pietro che viene espulso. Da quel momento in poi i ragazzi di Polidori prendono coraggio e ricuciono lo strappo portandosi con Raponi su 25 a 21. Ancora Sora con Scekic da tre punti porta i biancocelesti a solo una lunghezza di distanza 25-24 a 4’45 dalla fine. Botta e risposta delle due formazioni ma, nel finale i volsci perdono palle importanti e i padroni di casa ne approfittano con due bombe dalla distanza di Di Pasquale e Cardi nell’andare all’intervallo sul 33 a 27. Si rientra dagli spogliatoi con i lidensi carichi al massimo andando a canestro in sequenza, Troiani, Di Pasquale e Manzo siglano un break di 8-0 dove i volsci perdono la matassa del gioco. Coach Polidori richiama i suoi per un minuto di sospensione e sostituendo Raponi per De Laurentis. Le speranze di rimonta della si infrangono sul canestro del 51 a 36 di Zanichelli. Ultimi dieci minuti. Sora cambia faccia. Si entra negli ultimi sette sul 52-41, con sei punti di fila di Mannarelli, Duovic e Raponi. Mancano 5’08” quando Scekic la mette ancora da tre (59-50). L’Alfa, a quel punto spegne completamente la luce, trasformando in un incubo gli ultimi 5′ minuti. Il Sora con la coppia Dulovic-Scekic si riporta a contatto dei lidensi, e si ritrovano per le mani la palla della vittoria, beneficiando di una clamorosa frittata commessa a 3″ secondi dalla fine da Cardi e Troiani. Sora a questo punto rischia il tutto per tutto e prova a vincerla, ma la tripla di Scekic si spegne sul ferro, consegnando una vittoria preziosissima alla formazione di coach Sardo. Delusione nelle file biancocelesti con coach Polidori infuriato con il tavolo dei giudici per alcune disattenzioni nei momenti cruciali del fine gara. Nonostante la sconfitta il Sora, ha dato una buona prova di carattere che con il tempo, unito all’affiatamento e l’esperienza accumulata potranno ben sperare ad una serie di soddisfazioni. Finale di gara 59 a 57. Al termine della gara coach Polidori: Coach ci sono segni di ripresa? Visti giocare i ragazzi, visto il punteggio finale, viste le non perfette condizioni fisiche di alcuni ragazzi allettati per quasi tutta la settimana, direi che forse abbiamo cominciato a percorrere la strada giusta. La classifica però parla chiaro siamo a zero punti e non possiamo illuderci di aver giocato a basket per circa 30 minuti serve molto di più per cominciare a vincere qualche gara. Qualcosa di positivo si era visto già in settimana contro la Meta Formia. Ad Ostia ancora una volta abbiamo commesso degli errori puerili che alla fine ci sono costati caro. Credo che ci sia solo una medicina per una squadra giovane come la nostra uno slancio di entusiasmo ed energia e tanto lavoro in palestra. Vogliamo parlare delle prestazioni dei singoli? Dovete sapere una volta per tutte che per il sottoscritto esiste solo la squadra, un giocatore gioca bene se i compagni lo aiutano e non gli complicano la vita in campo. Sul campo dell’Alfa ho visto gente che voleva aiutarsi a fare bene e questo mi basta. Insieme si esce dalla crisi di risultati e gioco. So anzi sappiamo perfettamente che per noi sarà difficile quest’anno e sappiamo che non vogliamo nasconderci dietro l’alibi della giovane età e della inesperienza. Il mio compito e far crescere questi ragazzi tecnicamente e umanamente, se poi c’è qualcuno che fa fatica ad allinearsi la porta è aperta non farò drammi se qualcuno decide di abbandonare la lotta. C’è qualcosa nel lavoro quotidiano che la disturba ? Nel lavoro in palestra la società mi ha messo nelle migliori condizioni per lavorare, la nostra casa è diventata il Pala Panico passiamo ore e ore ad allenarci perché sappiamo che dobbiamo migliorarci alla svelta per accontentare alcuni personaggi di Sora che forse il basket l’hanno visto in TV o vissuto dalla panchina. Non possiamo pretendere di accontentare i tanti palati fini ma su una cosa sicuramente non transigo NOI meritiamo rispetto, non spicciolo sarcasmo e ironia, anche se non siamo capaci di giocare ed allenare perché il nostro impegno non deve essere criticato noi giochiamo bene o male per la città i Sora questo sia ben chiaro. Se c’è qualcuno che vuole venire al campo e parlare di basket vero può venire al campo dove sicuramente mi troverete, è troppo facile usare le tastiere davanti ai computer, i consigli giusti sono sempre ben accetti. Sabato prossimo, alle 18.30 al PalaPanico, arrivera il Basket Aprilia. Alfa Omega 59 – N.B. Sora 2000 57 Parziali: 19-14 / 14-13 / 18-9 / 8-21 Alfa Omega: Manzo 14, Di Pasquale 18, Brichese n.e., Cappelluti 2, Vitale 2, Cardi 5, Di Pietro 2, Banach 0, Troiani 10, Muscariello 2, Zanchelli 4; Coach: Sardo N.B. Sora 2000: Larizza 10, Raponi 8, Reali 4, Mannarelli 7, Milicevic 0, Galuppi 4, De Laurentiis 0, Dulovic 11, Scekic 13, De Vittoris n.e.; Coach: Polidori