pubblicato il30 ottobre 2016 alle 14:24

Volley maschile serie D: Prima sconfitta nel debutto in trasferta per il CUS Cassino Volley

Seconda giornata per il campionato di Serie D Maschile di Pallavolo per il CUS Cassino Volley BPC e prima trasferta in terra capitolina per la formazione allenata da mister Giovanni Torraca. I cassinati si recano a far visita a uno dei team più in forma del torneo, e che, potendo contare su un organico praticamente nuovo di zecca, rappresenta una sorpresa per tutti in questo inizio di campionato. Già nella prima giornata il team romano aveva dato sfoggio di ottime potenzialità, battendo a domicilio con un secco 3-0 i ragazzi dell’Albano, formazione che lo scorso anno si era messa in grandissima evidenza, grazie ad un roster giovane e altamente competitivo. Quando il fischietto dell’incontro da il via alle operazioni, a partire meglio, sfruttando anche il fattore campo, è proprio il Montmartre. I romani, grazie a un paio di ottimi turni al servizio, vanno avanti nello score di 4/5 lunghezze, e sembrano voler imporre il proprio ritmo al match. I cassinati però non ci stanno a fare da sparring partner, e si rimboccano le maniche, rosicchiando punto su punto il vantaggio dei capitolini e affiancando i padroni di casa già prima del giro di boa del parziale. I romani non riescono più ad arginare la forza d’urto degli ospiti, che viaggiano con le marce alte inserite e non danno più alcuno spazio ai locali. Il team universitario mostra una difesa di ferro e un attacco impeccabile, e così il Montmartre sprofonda sotto le offensive dei cassinati, che viaggiano a vele spiegate verso l’1-0, cosa che si concretizza pochi minuti dopo con il netto score di 25-18, nonostante un ultimo tentativo di recupero da parte dei capitolini. Nel secondo parziale i cussini tornano in campo decisi a bissare il risultato della prima frazione, ma incappano immediatamente in un brutto filotto di punti subiti direttamente dalla battuta avversaria, scendono di concentrazione e non ritrovano più la giusta lucidità per battagliare con gli avversari. I romani hanno così vita facile nel trovare un largo vantaggio prima e il pareggio nel conto set poi, con lo score che li vede andare al cambio di campo sul 25-16. Nel terzo parziale il CUS Cassino Volley BPC sembra ancora frastornato da quanto successo nel parziale precedente: l’attacco fatica a trovare il campo avversario, la ricezione e la difesa non girano, e tutti i componenti del team universitario stentano a ritrovare la giusta strada. Coach Torraca prova a cambiare il regista, togliendo Di Mambro e inserendo D’Agostino per provare a dare una scossa alla squadra. Dopo alcuni stenti, Pittiglio e compagni ritrovano la giusta verve e incalzano da vicino gli avversari. Nel finale di gara i cussini operano un grandissimo recupero, rimontando ben 6 punti agli avversari e portandosi addirittura sul 25-24 ad un passo dalla vittoria del parziale. Tale possibilità però non riesce ad essere concretizzata, e il team cassinate deve cedere nuovamente il passo ai capitolini, che al fotofinish si portano sul 2-1 nel conto set grazie al punteggio finale di 27-25. Già dalla metà della terza frazione di gioco gli animi dei ragazzi in campo iniziano a scaldarsi, in quanto il direttore di gara, che fino a quel momento era stato ineccepibile e molto fiscale, cambia condotta di arbitraggio e lascia correre molte azioni, dimostrando quasi di aver perso polso sulla partita, e gettando semi di nervosismo tra i giocatori. Con il passare dei punti e delle sviste, il nervosismo latente ha il tempo di attecchire in profondità tra i giocatori e lo staff dei due team, sfociando. Nel quarto parziale, in inevitabili proteste e in un atteggiamento fin troppo remissivo da parte dell’arbitro. La quarta frazione di gioco inizia con un Montmarte fin troppo spavaldo e sbruffone, e un CUS Cassino Volley BPC che invece sembra subire sia qualche fischio opinabile sia gli atteggiamenti non troppo sportivi da parte dei romani. A metà parziale, con i locali in vantaggio di pochi punti, e dopo un attacco cassinate dentro di oltre un metro, l’allenatore dei romani chiama con insistenza la palla fuori per provare a confondere il direttore di gara. Il coach cassinate protesta per l’atteggiamento antisportivo del suo collega e per tutta risposta viene ammonito. Il nervosismo cresce ancora e si crea un parapiglia tra i ragazzi in campo, che solo l’intelligenza dei giocatori riesce a sedare in pochi istanti. La partita però è ormai segnata, e il Montmartre riesce a resistere agli assalti cassinati e porta a termine il set con lo score di 25-22 che porta al fischio finale dell’arbitro e alla vittoria piena da parte del team romano. A fine partita da segnalare ancora qualche scaramuccia tra le fila delle due formazioni, prontamente rientrata, e tutti sotto la doccia. Peccato per il risultato dei cussini, perché dopo il primo parziale vinto con facilità sono venute meno alcune regolazioni, dando così fiducia e spazio alle iniziative degli avversari. Siamo però solo alla seconda di campionato, e il team universitario vuole riprendersi subito dal passo falso, già dalla prossima gara interna di Domenica 30 Ottobre alle ore 19.00 presso il Palasport Osvaldo Soriano di Atina, dove affronterà ancora una volta una squadra romana, il Roma Otto Team che ha raccolto 5 dei 6 punti a disposizione nelle prime due giornate.

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini

Tags: , , , , , ,



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07