Giorno: 15 dicembre 2016

15 dicembre 2016 0

Bilancio 2016 della Prefettura di Frosinone, accolti 2000 stranieri

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Frosinone – Un anno di lavoro, il 2016, per la Prefettura di Frosinone fortemente caratterizzato dall’impegno per la gestione dei cittadini stranieri. Nella sede della Prefettura Ciociara da circa due anni, è operativa una sede distaccata per il riconoscimento dello status di rifugiati politici. Dei 1360  cstranieri convocati, sono state visionate 1253 pratiche accogliendo 70 domande e rigettandone 981. 108 sono stati i decreti per accoglienza umanitaria e 74 decreti accolti per protezione sussidiaria.

ACCOGLIENZA IMMIGRATI IN  AMBITO PROVINCIALE 

Sono stati accolti  e alloggiati  circa 2000 immigrati

Attivita’ sportello unico immigrazione

-lavoro stagionale                                                                                          150

-lavoro altamente specializzato                                                                94

-ricongiungimento familiare                                                                         490

-test lingua italiana                                                                                         500

-accordo integrazione 8 corsi per 160 utenti

Area depenalizzazione

provvedimenti ritiro patenti                                                                   900

Ricorsi avverso violazioni codice strada n. 4500 di cui 3000 definiti

provvedimenti sanzioniatori per assegni                                         3360

Cittadinanza

Decreti per matrimonio                                                                               101

Decreti  naturalizzazione                                                                         300

Area enti locali

Tornata elettorale 24 comuni

Referendum  trivellazioni    17 aprile 2016-

Referendum costituzionale  4 dicembre2016

Colloqui effettuati in materia sostanza stupefacenti                294

Ammoniti n. 119 ———-sanzioni applicate  n. 184

Comitato ordine e sicurezza pubblica                                        20 sedute

Antimafia

Pratiche esaminate 800

Interrogazioni sdi 2500 componenti di societa’ richiedenti certificati

Rilasciate certificazioni antimafia  450

Richiesta iscrizione white list n. 352 di cui iscritte n. 295 in istruttoria n.57

 

Polizia amministrativa

-rilascio/rinnovo licenze  porto di arma corta  n. 230 in favore di guardie giurate e n.90 in favore privati cittadini

-istituti vigilanza e  investigazioni n. 16 di cui 5 rinnovi istituti di vigilanza e 11 istituti investigazioni

-n. 80 provvedimenti di  divieto detenzione armi

-rilascio licenze trasporto esposivi n. 150

-rilascio/rinnovo licenze per fabbricazione e detenzione di munizioni,di uniformi e altri oggetti destinati all’armamento e equipaggiamento di forze armate n. 25

Grande attenzione – si legge nella nota della Prefettura – è stata posta  anche alle problematiche di Protezione Civile, con l’ impegno di svolgere un ruolo di raccordo tra i vari organi competenti nell’attuazione e gestione delle emergenze, con il precipuo fine di mitigare al massimo ogni possibile rischio. Stiamo cercando di diffondere anche un concetto di protezione civile integrata e partecipata che miri ad un più diretto coinvolgimento dei cittadini, attraverso un’attività di sensibilizzazione finalizzata ad accrescere il loro senso civico. Da qui l’avvio di una serie di attività a partire dalla stipula di alcuni Protocolli d’ Intesa con la Provincia e altri Enti Locali,  nei quali  sono disciplinati ed implementazione delle rispettive risorse in caso di emergenze gravi o diffuse nel territorio.

Il massimo impegno è stato profuso affinché la macchina della protezione civile in provincia sia il più possibile rispondente alle esigenze del territorio, supportando i comuni nell’aggiornamento dei piani comunali e portando avanti un’intensa attività di pianificazione per le varie ipotesi emergenziali che potrebbero coinvolgere il nostro territorio (Piani emergenze esterne gallerie ferroviarie, industrie a rischio di incidente rilevante), come da ultimo il Piano Neve 2016-2017.

15 dicembre 2016 0

Rubano un’auto ad Avezzano e si schiantano sulla superstrada Cassino-Formia, arrestati tre stranieri

Di admin

San Giorgio a Liri – Rubano una macchina ad Avezzano e si schiantano sulla superstrada Cassino Formia nel territorio di San Giorgio a Liri.

È accaduto questa notte quando i carabinieri della compagnia di Pontecorvo comandata dal Maggiore Fabio Imbratta sono intervenuti su quello che sembrava un normale incidente stradale.

La vettura era uscita di strada ma non vi erano occupanti. Da una prima verifica la macchina è risultata rubata poco prima ad Avezzano. Immediatamente sul posto sono arrivati altri carabinieri che, poco dopo,  hanno rintracciato tre uomini, due 20enni ed un 35enne tutti magrebini. Nonostante feriti a causa dell’incidente, si erano allontanati dall’auto che avevano rubato.

Trasportati in ospedale a Cassino, è stato riscontrato loro traumi al cranio ed escoriazioni varie per prognosi di 10 giorni.

Inoltre sono risultati positivi anche ad alcool e droghe. Per loro è scattato l’arresto per furto di auto in concorso e, per il conducente, anche la denuncia per guida sotto effetto di droga e guida senza patente. Concessi i domiciliari sono stati riaccompagnati nella loro abitazione di residenza.

Ermanno Amedei 

15 dicembre 2016 0

Misterioso pestaggio e annesso incendio, due arresti a Cassino. Indagini ancora in corso

Di admin

Cassino – Botte e fiamme a Cassino e due persone finiscono in manette.

Ieri sera, secondo quanto riferito in una nota stampa dei carabinieri, la madre di un 20enne ha chiamato i carabinieri perché suo figlio era stato brutalmente malmenato da due uomini.

I militari comandati direttamente dal colonnello Giuseppe Tuccio, hanno costatato che il giovane era stato selvaggiamente picchiato.

Il referto medico del pronto soccorso gli ha riconosciuto una prognosi di 20 giorni. Poco dopo, la stessa pattuglia ha notato nei pressi della zona dell’aggressione, l’incendio di una sorta di magazzino e due uomini che si davano alla fuga.

Immediatamente bloccati mentre i vigili del fuoco domavano l’incendio, i due sono risultati essere un 36enne ed un 27enne di Cassino entrambi con precedenti per spaccio di droga. Emanavano un forte odore di benzina, lo stesso combustibile utilizzato per innescare l’incendio.

Per questo i due sono stati tratti in arresto per incendio doloso in concorso.

Gli investigatori ipotizzano che il rogo sia stato appiccato per vendetta nei confronti del proprietario del locale che è stato probabilmente scambiato per quello che avrebbe avvertito i carabinieri dopo il pestaggio del giovane. Le indagini proseguono per stabilire il motivo del pestaggio e se fossero realmente i due gli autori dell’aggressione.

Ermanno Amedei

15 dicembre 2016 0

Incidente stradale, 65enne vola giù con l’auto nel fossato

Di admin

Sabaudia – E’ uscito fuori strada facendo un volo di alcuni metri e finendo con la sua auto capottato.

E’ accaduto nella tarda mattinata di oggi sulla Migliara 58 all’incrocio con la via Litoranea nel comune di Sabaudia.

Un  65enne della zona alla guida di una Volkswagen Tiguan, ha perso il controllo del mezzo finendo giù dal terrapieno su cui scorre la strada.

Per liberarlo sono dovuti intervenire i vigili del fuoco di Terracina che lo hannoi affidato alle cure degli operatori del 118.

 

15 dicembre 2016 0

Truffa della pensione ad una anziana di Veroli, denunciato finto dipendente di un patronato

Di admin

Frosinone – Si spacciava per  dipendente di un patronato e ha convinto una donna di 66 anni di Veroli ad affidarsi a lui per ottenere la pensione di invalidità ottenendo  da lei un compenso di 2.500 euro.

Ma la pensione non arriva e la donna si è rivolta direttamente all’ufficio del patronato di Frosinone del quale il truffatore si spacciava come dipendente, scoprendo, quindi, di essere stata vittima di un raggiro.

Ha quindi presentato una denuncia alla Questura e gli agenti della Squadra Volanti, dopo una attenta indagine, sono arrivati all’identità del truffatore, un 57enne di Boville che ha diversi precendenti per estorsione, sequestro di persona, detenzione illegale di arma da fuoco, oltre ad associazione a delinquere, circonvenzione di incapace e truffa per il conseguimento di erogazioni pubbliche. Mancava la truffa aggravata che adesso invece ha perché gli agenti lo hanno denunciato e continuano ad indagare per scoprire se vi sono altre vittime.

15 dicembre 2016 0

Il Prefetto di Frosinone: “A Cassino furti in calo, ma mai abbassare la guardia”

Di admin

Cassino – “Da dati forniti dalle forze di polizia è emersa una significativa diminuzione del numero dei furti che sicuramente costituisce uno dei reati di più sicuro e maggiore impatto sulla percezione della sicurezza”.

E’ quanto si legge in una nota stampa diffusa ieri dalla prefettura di Frosinone. A parlare è il prefetto Emilia Zarrilli dopo aver incontrato i vertici delle forze di polizia in una riunione del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica per Cassino.

“Ciò nonostante pur prendendo atto che la situazione dei furti appare soddisfacente perché in decremento, il Prefetto ha sottolineato la necessità di mantenere alto il livello di guardia da parte delle Forze di Polizia che, grazie al loro quotidiano impegno, ha assicurato apprezzabili risultati. A qul tavolo c’era anche il sindaco di Cassino Carlo D’Alessandro che, oltre ad assicurare la piena funzionalità degli appartati di videosorveglianza già installati, si è impegnato a reperire fondi regionali per ampliare il sistema con altri 37 telecamere per vigilare i varchi della Ztl.

Nel comunicato redatto, si legge anche che il prefetto ha chiesto alle forze dell’ordine di intensificare le attività di controllo del territorio durante tutto il periodo natalizio con un rafforzamento dell’azione di pattugliamento e di vigilanza presso i luoghi maggiormente caratterizzati da un notevole afflusso di persone e le attività commerciali, uffici postali e istituti bancari.

Ermanno Amedei

Foto Repertorio

15 dicembre 2016 0

Per disposizione del giudice rischia di trovarsi in casa l’ex fidanzato, presentata interpellanza parlamentare

Di admin
Colleferro – La vicenda della donna di Colleferro, sposata e madre di un bambino che rischia per una controversa vicenda giudiziaria di trovarsi in casa il suo ex fidanzato, approda in Senato grazie ad una interrogazione parlamentare presentata dal senatore Bruno Astorre. L’interpellanza rivolta al ministro della Giustizia ripercorre le tappe della vicenda che vede la donna, proprietaria di una casa a Colleferro pagata con un mutuo decennale, e di un suo ex fidanzato al quale, il tribunale di Velletri ha riconosciuto il co-possesso dell’abitazione perchè ha convissuto in quella casa per meno di due anni. (Leggi articolo precedente) Un paradosso giudiziario che impone alla donna di consegnare all’uomo le chiavi dell’abitazione attualmente abitata oltre che dalla donna, da suo marito e da suo figlio. Particolare attenzione l’interpellanza la presta a due giudizi espressi sulla vicenda dallo stesso magistrato. Per questo, Astorre chiede al Ministro di verificare quanto sia accaduto in tribunale a Velletri e di mettere in atto ogni misura necessaria per risolvere il paradosso giudiziario. Ermanno Amedei