pubblicato il20 dicembre 2016 alle 17:36

A caccia di droga nelle fognature, centrale dello spaccio “richiusa” dalla polizia a Frosinone

Frosinone – Sono stati sorpresi dagli agenti mentre confezionavano decine di dosi di cocaina. Era una vera centrale dello spaccio della droga quella smantellata dalla quadra mobile e dal reparto Volanti a Frosinone. Gli agenti hanno fatto irruzione in nell’appartamento di una casa popolare in via Bellini da dove, secondo le indagini svolte, arrivava buona parte della dose che riforniva i tossicodipendenti della zona. Impegnati nel “confezionamento” erano due albanesi, gli stessi che a marzo, nello stesso appartamento, vennero arrestati insieme ad un rumeno perché, anche in quella circostanza, stavano preparando dosi da spacciare.

I malviventi, facendo tesoro della pregressa esperienza, hanno tentato di rendere la vita più difficile ai poliziotti perché, dopo aver occupato abusivamente un appartamento attiguo al precedente, lasciato libero dopo la morte del legittimo assegnatario, avevano applicato al portone una grata rinforzata, a prova di sfondamento, per avere il tempo di disfarsi della droga in caso di irruzione delle forze dell’ordine.

Lo stratagemma in parte ha funzionato perché, mentre gli agenti forzavano la grata e sfondavano il portone d’ingresso, i due spacciatori hanno avuto il tempo di disfarsi delle dosi di cocaina già pronte, scaricandole nel water, e del bilancino di precisione gettandolo dalla finestra.

I due albanesi però non hanno fatto i conti con la scaltrezza dei poliziotti, che si erano posti in osservazione nella parte retrostante del palazzo ed hanno visto uno dei due mentre lanciava il bilancino.

Inoltre, prevedendo la reazione degli spacciatori, gli investigatori hanno aperto i tombini di raccolta delle acque nere del palazzo e, azionando più volte lo scarico del bagno dell’appartamento incriminato, hanno visto affiorare, a più riprese, numerosi dosi di cocaina, 79 in tutto, dimostrando così la loro “provenienza”.

droga-frosinone

Sul tavolo dell’appartamento perquisito è stato rinvenuto altro materiale idoneo al confezionamento delle singole dosi, tra cui il bicarbonato per il taglio della droga, il pentolino ed il fornello per cuocere la cocaina, le buste di plastica già tagliate in piccoli cerchi per confezionare la “polvere bianca”, rotoli di carta tipo scottex nonché il nastro adesivo per sigillare le confezioni.

Nelle loro tasche avevano oltre mille euro, sequestrati perché ritenuti provento dell’attività di spaccio.

Gli elementi a carico degli arrestati non sono però finiti lì perché, grazie al cane dell’unità cinofila antidroga, intervenuta da Napoli, sul davanzale del pianerottolo antistante l’appartamento, nascosti in un vaso di fiori, sono stati trovati 4 involucri, confezionati con la carta tipo scottex e chiusi con lo stesso nastro adesivo rosso trovato sul tavolo degli arrestati. Ogni involucro conteneva 10 dosi di cocaina già pronte per la cessione.

Il p.m. di turno della Procura di Frosinone, dott.ssa Maria Pia Ticino, ha disposto che gli arrestati venissero associati al carcere del Capoluogo, in attesa di vagliare le ulteriori richieste, alla luce degli atti dell’arresto.

 

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini

Tags: , , , ,



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07