Giorno: 10 gennaio 2017

10 gennaio 2017 0

Affiliato all’Isis professava la Jihad anche nel carcere di Frosinone

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Frosinone – E’ accusato di aver predicato la Jihad nelle carceri italiane tra le quali anche l’istituto penitenziario di Frosinone dove è stato per circa tre mesi. Hmidi Saber (nella foto), 34 anni tunisino, sposato con una italiana convertita all’Islam e padre di una bambina. L’uomo è stato arrestato questa mattina nel carcere di Rebibbia dove stava scontando una pena a 3 anni ed 8 mesi per aver tentato di sparare ad un poliziotto durante un controllo. Massimo Costantino segretario generale della Fns Cisl Lazio, in una nota stampa scrive quanto segue.

 

“La Fns Cisl Lazio esprime Vivo apprezzamento per l’operazione avvenuta nella mattinata odierna, a seguito di indagini condotte dalla Polizia di Stato della DIGOS della Questura di Roma e dal Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria NIC , coordinati dal Pool Antiterrorismo della Procura della Repubblica di Roma, è stata notificata, nella casa circondariale di Rebibbia, una ordinanza di custodia cautelare a carico di Hmidi Saber, nato in Tunisia, 34 anni, già detenuto per altra causa, indagato in quanto “partecipava all’organizzazione terroristica Ansar al-Sharia. L’attività di monitoraggio ha, infatti, permesso di rilevare che, nel febbraio 2015, Hmidi Saber si è posto a capo di un gruppo di preghiera con la finalità di creare problemi di natura gestionale e di adattamento con gli altri detenuti. Il suo modus operandi ha assunto un carattere violento a partire da giugno 2015, allorquando presso il carcere di Civitavecchia è stato il mandante di una vera e propria spedizione punitiva, con bastoni e sgabelli, nei confronti di un detenuto che si era lamentato delle preghiere notturne che il gruppo, guidato dall’indagato, imponeva all’interno della sezione di appartenenza.

Anche presso la Casa Circondariale di Frosinone, dove era stato trasferito per motivi di sicurezza, nel mese di luglio 2015, si è reso nuovamente protagonista di una violenta aggressione nei confronti di un detenuto italiano che aveva contestato i continui ed insistenti discorsi inneggianti all’Islam. La vittima è stata dapprima circondata da diversi detenuti di fede musulmana facenti parte del gruppo di preghiera e poi malmenato con calci, pugni e con oggetti contundenti che gli hanno procurato tagli profondi al collo ed alla schiena. Il NIC in tale frangente ha raccolto ulteriori elementi investigativi in ordine all’opera di radicalizzazione ed indottrinamento dell’HMIDI tanto che nell’agosto 2015, anche un suo compagno di preghiera ha denunciato alla Polizia Penitenziaria di aver subito dall’ HMIDI soprusi e imposizioni.

Nel corso delle attività di intercettazione delle telefonate tra l’Hmidi e il padre, il N.I.C. ha raccolto non solo la preoccupazione del genitore per le scelte del figlio ma anche elementi che confermano la conoscenza diretta dell’indagato con un leader di Ansar Al Shari’a, tale Zarrouk Kamal, morto in Siria nella città di Raqqa, nota roccaforte del DAESH. Trasferito presso l’Istituto penitenziario di Napoli Secondigliano, per motivi di ordine e sicurezza, l’HMIDI si è reso responsabile, nel maggio 2016, di una violenta aggressione ai danni di un detenuto nigeriano di fede cristiana. Assegnato al carcere di Salerno, per motivi di sicurezza, l’HMIDI è stato protagonista di numerose violazioni penali e disciplinari tra le quali anche quelle di minaccia nei confronti degli operatori di Polizia Penitenziaria intervenuti per la risoluzione delle diverse criticità dallo stesso create. In un caso specifico HMDI urlò agli agenti che gli avrebbe tagliato la testa se non lo avessero accontentato nelle sue richieste, cercando nel contempo di coinvolgere i compagni di detenzione nelle azioni turbative. Nel settembre 2016, trasferito, sempre per motivi di sicurezza, alla C.C. di Viterbo, si è reso anche protagonista di un evento di grave nocumento per l’incolumità del personale di Polizia penitenziaria e degli altri detenuti, allorquando ha appiccato un incendio doloso nella sua camera. Nell’occasione, all’atto dell’intervento del personale di Polizia penitenziaria, teso alla messa in salvo di tutti i detenuti del reparto, Hmdi ha aggredito gli agenti.

Per la Fns Cisl Lazio Importante è il ruolo del personale del Corpo di Polizia penitenziaria che lavora negli istituti penitenziari e in special modo dal ruolo che riveste il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria( NIC ) poichè percepiscono situazioni che necessitano di essere attenzionate riuscendo a scoprire situazioni del genere”.

10 gennaio 2017 0

Lite tra detenuti a Cassino, con lametta tunisino taglia il volto ad un italiano

Di admin

Cassino – Con un colpo di lametta, un detenuto tunisino ha sfregiato il volto di un detenuto di Frosinone. L’episodio sarebbe avvenuto domenica pomeriggio nel carcere di Cassino durante la così detta ora d’aria.

La lite è ancora al vaglio degli agenti della penitenziaria che sono prontamente intervenuti per evitare il peggio.

Il medico del penitenziario ha suturato la ferita al detenuto aggredito con ben 15 punti. L’aggressore che sarebbe stato portato in isolamento si sarebbe già reso protagonista di altri episodi come l’incendio della sua stessa cella appena 40 giorni fa.

Ermanno Amedei

10 gennaio 2017 0

Pedemontani in movimento, si scaldano i motori per le prossime elezioni comunali. Appello ai cittadini

Di redazione

Piedimonte San Germano- Si scaldano i motori per l’imminente campagna elettorale in città dopo la caduta del governo Nocella. A tal proposito, riceviamo e pubblichiamo una nota stampa del gruppo Pedemontani in movimento. “Si avvisano i cittadini di Piedimonte San Germano che anche nel nostro comune è nato un gruppo di persone che crede nel programma del Movimento 5 Stelle. A causa della sfiducia del sindaco Vincenzo Nocella, saremo presto richiamati a votare. Proprio in queste ore stiamo lavorando per fornirvi una degna e valida alternativa a chi ha (mal) governato in passato. Con grande umiltà e in accordo con i principi del Movimento, chiediamo l’ impegno e la partecipazione di tutti, in particolare dei più giovani. Nel caso foste interessati a presentarci le vostre idee,pronti ad avanzare una vostra eventuale candidatura o per qualsiasi altro tipo di informazione, potete contattarci via mail all’indirizzo meetuppiedimontesangermano@yahoo.it, su Facebook al nostro account “MeetUpPiedimonteSanGermano” o telefonicamente ai seguenti numeri 331-3537427 / 347-3107643. Ci auguriamo di essere in grado di trasmettervi il.nostro entusiasmo e la nostra determinazione per questo progetto di rinnovamento politico.Siamo ansiosi di darvi il benvenuto nel nostro team”. Pedemontani in movimento.

10 gennaio 2017 0

Ancora gelo a Cassino, tubi rotti e giochi di ghiaccio – VIDEO –

Di admin

Cassino – La morsa del freddo non molla il Cassinate. Le temperature rigide conservano il ghiaccio che si forma quando scendono sotto lo zero.

Saltano quindi i contatori dell’acqua e le condutture idriche da cui fuoriesce acqua che va a formare lastre o giochi di ghiaccio che, se non sono sulle strade dove diventa pericolo, sono anche belle.

Problemi di questo genere lo hanno avuto questa mattina gli impianti del centro commerciale Panorama a Cassino mentre un tubo d’acqua che passa sotto il ponte di San Pasquale, si è spaccato generando uno zampillo che finendo sulla riva del fiume Rapido, ha creato un manto di ghiaccio che ha ricoperto la vegetazione.

Lì, a parte la perdita d’acqua, non fa danni ma sulle strade, ogni pozza d’acqua è potenziale lastra di ghiaccio.

Ermanno Amedei

Foto Antonio Nardelli

10 gennaio 2017 0

Due chili di cocaina sequestrati sull’A1 a Frosinone

Di admin

Frosinone – Due chili di cocaina purissima sono stati sequestrati dagli uomini della polizia stradale della sottosezione di Frosinone su tratto di A1 nei pressi del casello autostradale del capoluogo Ciociaro.

La droga è stata trovata su un’auto che viaggiava in direzione sud, su cui c’erano due uomini, un italiano di origini campane e un cittadino peruviano. La vettura è stata fermata per un controllo e il successivo controllo del mezzo ha permesso il rinvenimento dello stupefacente che è stato sequestrato mentre i due i due uomini sono stati tratti in arresto con l’accusa di traffico di stupefacente.

Ermanno Amedei