Giorno: 18 gennaio 2017

18 gennaio 2017 0

Terremoto, scuole chiuse a Frosinone e venerdì prove di evacuazione

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Frosinone – Scuole chiuse a Frosinone e venerdì sono previste prove di evacuazione. Lo ha stabilito il sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani a seguito degli eventi sismici che stanno interessando in queste ore le zone dell’Italia Centrale. Quattro squadre di tecnici coordinate dall’Assessorato ai Lavori Pubblici effettueranno controlli di tutte le scuole comunali, per verificare la presenza di eventuali lesioni ai plessi didattici.

Pur non essendo state riscontrate particolari criticità, il  Sindaco ha ritenuto opportuno disporre ulteriore verifiche anche per la mattinata di giovedì 19 gennaio, tenuto conto del fatto che le indicazioni dell’Istituto di Geofisica e Vulcanologia non escludono un’ ipotesi di sciame sismico, sulle aree interessate dal fenomeno tellurico di oggi.

Oltre alla chiusura delle scuole di ogni ordine e grado, pubbliche o private, il sindaco ha invitato le Autorità, diverse da quelle comunali, ad effettuare i  relativi controlli sugli edifici di propria competenza.

Con la medesima ordinanza, inoltre, il Sindaco ha disposto, per la giornata di venerdì 20 gennaio, l’effettuazione straordinaria delle prove di evacuazione, in tutti gli istituti scolastici e di istruzione, aventi sede nel capoluogo, nel rispetto dei relativi piani di sicurezza connessi alle emergenze sismiche, tenuto conto del fatto che spesso l’improvvisazione nella gestione degli eventi calamitosi, come quello registratosi nella giornata odierna, rischia di creare maggiori danni rispetto all’evento stesso.

 

18 gennaio 2017 0

Droga e violenza a Cassino, commercianti sotto la lente

Di admin

Cassino – Sono stati in tutto 30 le persone arrestate nel corso delle indagini svolte dal nucleo operati o dei carabinieri di Cassino in merito alla guerra tra gli spacciatori che a Cassino si contendevano le piazze dello spaccio a suon di pestaggi e pistolettate.

Ai 19 arresti di lunedì mattina eseguiti su ordine di misure cautelari, vanno aggiunti altri tre trovati in possesso di droga nel corso delle perquisizioni domiciliari dello stesso lunedi e gli altri otto arrestati in precedenza nel corso delle indagini.

Ma non tutto è stato ancora definito. Ci sarebbero ancora aspetti da chiarire come quello relativo ai commercianti, alcuni dei quali sarebbero vittime di estorsioni non denunciate per paura, altri invece, sarebbero veri e propri fiancheggiatori degli spacciatori.

Entrambe le categorie, quindi non solo coloro che erano in affari con i pusher, ma anche chi non denunciava le minacce e le richieste di pizzo, rischiano, se fatti accertati, denunce per favoreggiamento. Un motivo in più, oltre al contributo da dare per evitare che il “sistema” si diffonda, per prendere coraggio e svelare agli investigatori  dettagli a loro noti della vicenda.

Ermanno Amedei
18 gennaio 2017 0

Cassino, housing sociale – Tarallo Asia USB: “Solo soluzioni tampone”

Di Antonio Nardelli

“È stata negata una trattiva sindacale con persone iscritte e che rappresento negandomi l’accesso al tavolo per discutere la loro situazione abitativa”.

Con queste parole Rino Tarallo di Asia USB ha commentato quanto accaduto ieri mattina in comune a Cassino.

“Non è affatto una strumentalizzazione politica come vuol far passare l’assessore Benedetto Leone visto che sono mesi che il problema è stato sollevato ma poco o nulla è stato fatto, sono rimaste al buio e al freddo senza riscaldamento. Soltanto ieri il sindaco si è messo a disposizione per discutere con queste persone, e la soluzione provvisoria a cui sono giunti, e cioè tre mesi nei comuni limitrofi non ha certamente risolto il problema e soprattutto mi risulta che nessuno dei quattro nuclei abbia accettato le soluzioni. Dove andranno quando saranno trascorsi i tre mesi? L’unica soluzione fattibile sarebbe una proroga dell’housing fino al completamento delle case popolari che vanno per intero all’emergenza abitativa.

18 gennaio 2017 0

Terremoto – Cassino, scuole chiuse anche domani

Di redazionecassino1

Cassino – Dopo le forti scosse sismiche registrate nella mattinata di oggi, in tutta la provincia di Frosinonne e a Cassino il sindaco D’Alessandro ha disposto in via precauzionale la chiusura delle scuole, pubbliche e private di ogni ordine e grado, anche per domani. Il Sindaco del comune di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro ha, infatti, emesso l’ordinanza per la chiusura a scopo precauzionale di tutte le scuole per la giornata del 19 gennaio. Un provvedimento necessario, ha spiegato il Primo Cittadino della Città Martire, necessario a garantire la sicurezza di tutti gli alunni e dei docenti. Partiranno al più presto le verifiche tecniche sugli istituti scolastici al fine di verificarne le condizioni dopo le scosse sismiche avvenute oggi. F.P.

18 gennaio 2017 0

Niente pensione, 58enne di Cassino abbandona per “protesta” il figlio disabile

Di admin

Cassino – Disperato, un genitore abbandona per protesta il figlio disabile. La storia giunge da Cassino dove gli agenti del Commissariato di Polizia sono dovuti intervenire per trovare una soluzione al problema. Alcuni giorni fa il 58enne, in commissariato ha esposto la difficile situazione, dovuta anche al fatto che gli era stato negato il riconoscimento dell’indennità di accompagno. Una situazione alla quale non trova rimedio e neanche supporto dalle istituzioni. Il figlio 26enne non è autosufficiente e vivono con una pensione di 290 euro al mese. Annunciava la sua intenzione di abbandonare la casa e il giovane. Poco dopo il figlio ha chiamato il 113 riferendo di essere rimasto solo in casa su una sedie a rotelle e di non essere nelle condizioni nemmeno di provvedere a mangiare.

Il personale della Polizia di Stato, che nel frattempo ha interessato gli Enti competenti, si è recato presso l’abitazione del ragazzo facendosi carico di tutte le sue necessità, anche grazie alla preziosa  collaborazione di un istituto di religiose. Rintracciato dagli inquirenti,  il genitore “disperato”, anche lui invalido, ha confermato il volontario allontanamento come eclatante gesto di protesta nei confronti del disinteresse delle Istituzioni, dalle quali si sente a sua volta “abbandonato”.

Nella giornata di ieri i Servizi Sociali del Comune di Cassino si sono fatti carico della situazione.

La vicenda è stata posta all’attenzione dell’Autorità Giudiziaria.

 

18 gennaio 2017 0

La neve copre la faglia (nella foto) ma non ferma il terremoto, l’inferno di Amatrice – VIDEO E FOTO –

Di admin

Amatrice – Il metro di neve che ha quasi coperto interamente la faglia lunga 25 chilometri sui monti Sibillini nel reatino, nata in seguito alla scossa di terremoto del 24 agosto, non è servita a scongiurare le altre scosse che hanno seminato panico nel reatino e in tutto il centro Italia.

La mattinata, nel territorio di Amatrice, era cominciata con la convinzione che la neve fosse l’unica emergenza con cui il sistema si sarebbe dovuto confrontare nel corso della giornata.

Nel corso della nottata di inferno bianco nella zona del cratere la neve è caduta come non accadeva da decenni. Da Antrodoco fino ad Amatrice ed Accumuli, si sono riscontrati grossi problemi per la viabilità ed era impossibile, come lo è ancora adesso,raggiungere alcune località. La via Salaria è stata a lungo bloccata e accessibile solo ai mezzi di soccorso. In nottata a Saletta, vigili del fuoco e polizia sono dovuti intervenire per soccorrere alcuni automobilisti bloccati nel furgone in mezzo alla tormenta di neve sulla Provinciale 20.

Le tende crollano sotto il peso della neve e ci sono persone bloccate nei container da muri bianchi. E’ complessa la situazione ad Amatrice e nel territorio colpito dal sisma del 24 agosto. Con difficoltà si muovono i mezzi di soccorso dei vigili del fuoco, della protezione civile e delle forze di polizia. Un metro di neve rende impossibile le manovre anche ai potenti fuoristrada con ruote motrici e con catene. Quasi tutte le località sono irraggiungibili dal resto della provincia e gli unici che stanno intervenendo sono i soccorritori che sono già nelle zone colpite. In tutto questo,, le altre scosse di terremoto che hanno provocato ulteriori crolli ma, a quanto sembra, in strutture rese instabili da altre scosse.

Ermanno Amedei

18 gennaio 2017 0

Cassino – Terremoto; Ordinanza del sindaco di chiusura delle scuole di ogni ordine e grado

Di redazionecassino1

Le forti scosse di terremoto di quuesta mattina, avvertite a Cassino, hanno indotto il sindaco Carlo Matia DAlessandro a firmare un’ordinanza di chiusura di tutte e scuole, di ogni ordine e grado. Nel provvedimento lo stesso Primo cittadino si è riservato la facoltà di valutare l’eventuale estensione degli effetti dell’ordinanza anche per i prossimi giorni. Sono in corso gli accertamenti tecnici per eventuali danni. F.P.

18 gennaio 2017 0

Cassino – Terremoto, lezioni interrotte e alunni a casa, sospese le udienze anche in Tribunale

Di redazionecassino1

Le forti scosse di terremoto di questa mattina, intorno alle ore 10.25, hanno creato panico in tutta la provincia di Frosinone sono state avvertite anche a Cassino. Sembra che si sia trattato di una serie di tre scosse avvertite distintamente e di forte intensità nella Città Martire che hanno indotto molti genitori, su indicazione dei Dirigenti scolastici, a riprendere i propri figli nelle varie scuole della città. Alle elementari e le medie di via Pascoli, e di via Donizetti, via Herold, via XX Settembre sono state dapprima fatte evacuare dai rispettivi dirigenti scolastic, poi per ragioni di sicurezza e per il persistere delle scosse si è proceduto ad avvisare i genitori degli allievi. Anche nei plessi scolastici di Sant’Angelo e Caira sono state interrotte le lezioni e i genitori sono stati invitati, per ovvie ragioni di sicurezza, a riprendere i figli.Sospese anche tutte le udienze al Tribunale di Cassino. F. Pensabene

18 gennaio 2017 0

Terremoto, lezioni interrotte nelle scuole di tutto il frusinate

Di admin

Terremoto – Quattro scosse di terremoto nel giro di un’ora hanno seminato il panico anche in provincia di Frosinone. Da nord a sud della provincia, gli studenti si sono riversati per le strade.

Alcune sono state evacuate a scopo precauzionale per via di crepe che si sono create sui muri. In altri casi, i genitori spaventati sono andati a riprendere i figli e i presidi hanno autorizzato a portarli via.

Vigili del fuoco sono impegnati in verifiche mentre dal 118 non risultano interventi legati al sisma.

 

18 gennaio 2017 0

Terremoto, paura a Frosinone per scossa. Evacuata scuola

Di admin

Frosinone – La forte scossa di terremoto registrata alle 10.25 di oggi con una magnitudo di 5.3 è stata nitidamente avvertita anche a Frosinone. Dove gli studenti di alcune scuole si sono riversati per le strade.

Evacuato, ma solamente per verifiche, l’istituto ex Ipsia. Decine le telefonate ai vigili del fuoco e gente in strada in tutta la provincia. Al momento si sta procedendo a verifiche per danni strutturali.

Situazioni di grande paura per la cittadinanza che ha affollato con post di terrore i social network

Ermanno Amedei