pubblicato il13 gennaio 2017 alle 00:12

Piedimonte- L’ex assessore Valerio D’Alessandro difende il suo operato e risponde agli attacchi di Patrizia Caccavale

Piedimonte San Germano- Botta e risposta tra l’ex assessore allo sport Valerio D’Alessandro e l’ex capogruppo di maggioranza Patrizia Caccavale. Dopo la caduta del governo Nocella, durato in carica appena 18 mesi, non accennano a smorzarsi le polemiche tra coloro che prima facevano capo al medesimo gruppo.
A tal proposito, riceviamo e pubblichiamo una nota stampa da parte di Valerio D’Alessandro. “In questi ultimi 20 mesi – afferma D’Alessandro- ho avuto la possibilità di lavorare politicamente e,per fortuna, con la Caccavale, in quanto presente raramente in comune e sempre assente in tutte le manifestazioni e gli eventi promossi dalla nostra amministrazione,ma ho avuto purtroppo nelle nostre riunioni e nei preconsigli la brutta esperienza di ascoltare i suoi pensieri e le sue innumerevoli gaffe, dovendo spesso tapparmi le orecchie; ho detto che a mio avviso non potrebbe nemmeno amministrare un condominio composto da un solo appartamento e, anche questa volta, con un articolo giornalistico mi da ragione. Intanto nelle cifre che lei ha dato, dove parla di sperpero di denaro di 57.000 euro, vorrei farle notare che le prime somme per un importo di 15.000 euro sono datate 24-2-2015, ebbene Patrizia so benissimo che sai che a quella data non ero ancora stato eletto, quindi ti invito ad applicarti meglio a leggere le carte la prossima volta,visto che in queste 15.000 euro sono state impegnate dalla precedente amministrazione.Ma le cose più gravi a mio avviso – prosegue D’Alessandro- sono queste: Caccavale parla di sperpero di denaro pubblico ma lo sa che con queste cifre sono stati promossi altri due sport, il basket e il volley che hanno dato la possibilità ai bambini non amanti del calcio di fare altri sport; per la Caccavale sono soldi sperperati, per il sottoscritto no.
Lo sa lei che sotto il mio operato abbiamo dato ai bambini, con i genitori senza reddito, di fare sport gratuitamente e non farli sentire diversi dai loro coetanei più fortunati economicamente. Per la Caccavale sono soldi sperperati, per il sottoscritto no. Lo sa che abbiamo dato a 20 ragazzi di Piedimonte San Germano la possibilità di partecipare ad un torneo internazionale a Monaco di Baviera promosso dalla Uefa che ha dato loro un’esperienza unica oltre ad aver portato il nome della nostra città in Europa,vista la presenza di squadre di ben 11 nazionali . Per la Caccavale soldi sperperati, per me no. Lo sa che è stato rifatto il campetto di Viale Brunelleschi, il cui terreno di gioco era diventato marmoreo, qui ci giocano bimbi dai 4 ai 12 anni e li abbiamo salvaguardati da infortuni seri.
Lo sa che in palestra comunale con questi soldi pubblici sono state cambiate le caldaie che erano bucate,evitando che questi bambini rimanessero folgorati sotto le docce? Per la Caccavale sono soldi sperperati, per me no. Quindi oltre a non essersi vergognata per essere complice del commissariamento del nostro comune in un momento storico importante, per non essersi vergognata per un post su un social che esula dalla politica e spazia su sfere familiari, non si vergogna neanche di dire che sono soldi sperperati quelli investiti sulla sicurezza e la salute dei bambini.
La stessa mi invita a dire la verità, ebbene io lo faccio quotidianamente,perché cara Patrizia, io mi sono candidato per dare un contributo alla mia città, amministrando la stessa con dedizione ed impegno senza interessi personali,al contrario di qualcun’altra che- conclude l’ex assessore- ha cercato di sfruttare il proprio ruolo di amministratore comunale per cercare di farsi assumere a tempo indeterminato presso il proprio ente al servizio dello stesso comune amministrato”.

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini

Tags: , , , , , ,



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07