Mese: febbraio 2017

28 febbraio 2017 0

In casa con quattro chili di droga, coppia arrestata ad Aprilia

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Aprilia – Circa quattro chili di droga, tra hashish, marijuana e cocaina sono stati sequestrati dai carabinieri di Aprilia nel corso di una perquisizione domiciliare nell’abitazione di un agricoltore apriliano.

A finire in manette è stato l’uomo, D.L. 27 anni, noto per fatti di droga e la compagna, L.J. 24 anni di Genzano (Rm).

I militari, nel corso della perquisizione, hanno rinvenuto 2,5 chili di marijuana, 1,4 chili di hashish suddivisi in panetti, e tre grammi di cocaina suddivisa in dosi nonché un bilancino di precisione, materiale per il taglio ed il confezionamento dello stupefacente, il tutto sottoposto a sequestro. I due sono stati arrestati e posti ai domiciliari in attesa dell’udienza di convalida.

28 febbraio 2017 0

Filo diretto tra Prefettura di Frosinone e Acea, perché?

Di admin

Frosinone – Filo diretto tra Prefettura e ACEA ATO 5. E’ il nuovo servizio presentato questa mattina in prefettura a Frosinone dallo stesso presidente della società che gestisce il servizio idrico in buona parte della Provincia.

Un canale telefonico dedicato alla Prefettura per comunicare in maniera rapida con ACEA, un filo diretto per ogni esigenza che riguardi infrastrutture o in generale urgenze e criticità che possano coinvolgere il sistema idrico.

Il servizio, introdotto da ACEA, è stato particolarmente apprezzato dal Prefetto Zarrilli, che già in passato aveva auspicato che simili iniziative potessero essere intraprese da tutti i soggetti pubblici o privati, gestori di servizi di pubblica utilità.

La Dottoressa Zarrilli ha sottolineato che “la sinergia e la cooperazione sono infatti fondamentali per assicurare una struttura operativa in grado di fronteggiare nella maniera più efficace ed efficiente possibili eventuali casi di emergenza”.

Ci chiediamo: perchè? Un numero di emergenza per segnalare guasti esiste. I cittadini lo conoscono bene. Spesso, quel numero verde lo compongono più volte per chiedere il motivo per il quale il rubinetto resta “asciutto” o per segnalare qualche copiosa perdita che inonda qualche strada da settimane. Forse è un numero di super emergenza; per quando, cioè, più persone stufe di chiamare a quel numero verde si rivolgono direttamente alla Prefettura affinché interceda presso l’azienda privata che gestisce l’acqua.

Ermanno Amedei

28 febbraio 2017 0

Presentata a la Folcara, “Sandy”, la mascotte dei Campionati di Handball di Gaeta

Di redazionecassino1

Adesso c’è anche la mascotte. “Sandy” (derivante dal termine inglese sand, ovvero spiaggia) è stata presentata, oggi, martedì 28 febbraio, in una conferenza stampa nell’aula magna del Campus Folcara organizzata dal Cus Cassino che organizza i campionati di beach handball nella città di Gaeta. Alla conferenza erano dunque presenti i sindaci delle due città – D’Alessandro e Mitrano – nonché il rettore dell’Unicas Giovanni Betta, il suo delegato alle attività sportive Daniele Masala, Donato Formisano, presidente della BpC che è main sponsor dell’evento e Francesco Purromuto, presidente Figh, che ha spiegato in cosa consiste il beach handball. Su tutti ha chiosato il presidente del Cus Cassino Carmine Calce, che ha rivelato: “Lo scorso 18 gennaio abbiamo ottenuto l’ok alla mascotte, che è stata ideata da Flaminia Calce e altri studenti dell’Unicas, quindi mercoledì scorso, in occasione dell’accensione della fiaccola benedettina in Vaticano abbiamo consegnato un esemplare a Papa Francesco, che siamo certi è di buon viatico per l’evento che si terrà a Gaeta dal 26 al 28 maggio prossimi”. Si è trattato di una conferenza in cui grazie al Presidente Purromuto si sono ripercorsi anche gli albori del Beach Handball, ovvero una disciplina nata proprio sulle spiagge e sulle isole pontine e che si è sviluppata a dismisura in questi anni arrivando alle soglie olimpiche, ed inoltre l’Italia con le sue nazionali (soprattutto a livello femminile) può vantare un palmares davvero importante. Grande la soddisfazione espressa dai sindaci delle due città mentre il rettore da parte sua ha spiegato che l’Università come sempre farà il possibile. Rassicurazioni sono giunte anche dal presidente Formisano della Bpc: una banca che si si dimostra sempre più attenta e sensibile al territorio, non solo dunque un istituto di credito del territorio. Tanti gli studenti presenti alla conferenza, tra cui anche alcune scuole, che il Cus ha simbolicamente ringraziato donando una tuta alla preside De Vincenzo. Un coro unanime di consensi e complimenti, da parte dei relatori e della platea, per il presidente del Cus Cassino Carmine Calce, che da parte sua ha ringraziato e spiegato: “Vogliamo che questa non sia una manifestazione sportiva fine a se stessa, altrimenti non avremmo proprio accettato. Vogliamo che, così come abbiamo fatto per i Cnu nel 2013 a Cassino, la città di Gaeta possa avere una ricaduta infrastrutturale una volta che calerà il sipario sull’evento”. Il rettore Betta, in sintonia con Masala ha aggiunto: “Come Università faremo il possibile e l’impossibile per organizzare l’evento nel migliore dei modi”. Il beach handball è uno sport relativamente nuovo, ma già ben radicato a Gaeta: nacque in Italia intorno al 1990 da un’idea del professor Gianfranco Briani del C.O.N.I., che intendeva sfruttare la buona competenza italiana nell’ambito del nascente beach volley per rendere popolare anche la pallamano, in Italia ancora uno sport minore. La Federazione Italiana Gioco Handball diede incarico nel 1992 ad un Comitato Organizzatore (COHB) di promuovere questo progetto di disciplina sportiva. Il Comitato Organizzatore di Handball Beach, presieduto da Gianni Buttarelli con il supporto di Franco Schiano, Gianfranco Briani ed Emanuele Testa iniziò ad esportare sui litorali italiani questa nuova disciplina open air. Il primo torneo di beach si svolse a S.Antonio di Ponza, piccola isola nel Sud Italia, nel settembre 1992. Si tratta di uno sport di squadra nato come variante outdoor del gioco della pallamano. Viene giocato su campi di sabbia, da qui il nome Sandy, della mascotte che accompagnerà l’avventura del Cus Cassino.

28 febbraio 2017 0

Pallavolo maschile serie D: I cassinati del Cus trionfano con una prestazione solida i cassinati con una prestazione solida

Di redazionecassino1

Giornata 17 per il campionato regionale di Serie D maschile di pallavolo ed ennesimo successo per la formazione del CUS Cassino Volley BPC guidata in panchina da Giovanni Torraca. I ragazzi cussini si erano preparati bene per la gara contro la squadra campione d’inverno del campionato, che dopo la sosta per le festività natalizie ha evidentemente perso smalto e convinzione, cedendo il passo diverse volte agli avversari fino a ritrovarsi quarta in coabitazione proprio con gli universitari. I romani venivano però da una doppia vittoria sia in campionato che in Coppa Lazio, e si presentavano al Palasport “Osvaldo Soriano” con la voglia di tornare a gioire ancora. L’inizio di gara da parte del team capitolino però non è all’altezza delle aspettative, perché i padroni di casa piazzano una prima bruciante accelerazione che lascia esterrefatti gli ospiti e lancia il Cassino al comando con 5/6 lunghezze di vantaggio. I cassinati, forse stupiti anch’essi dall’atteggiamento fin troppo arrendevole dei loro avversari, si rilassano più del dovuto e subiscono il ritorno del Roman Volley, aiutati anche da un paio di banali errori in fase offensiva proprio del team locale. Si arriva così al finale di set con le due formazioni appaiate sul 23-23, ma un buon turno al servizio del CUS Cassino Volley BPC apre una breccia nel sistema difensivo ospite e manda in archivio il parziale con lo score di 25-23: 1-0 per gli universitari. Nel secondo parziale il CUS Cassino Volley BPC parte con il freno a mano tirato, il Roman Volley ne approfitta e balza al comando. Con la squadra capitolina in vantaggio di 3 punti, Torraca opera un paio di sostituzioni, ma le mosse del tecnico cassinate non danno il frutto sperato. Roman Volley aumenta ancora il suo vantaggio e arriva a metà parziale con il doppio dei punti dei locali. Incredibilmente però a questo punto il motore dei romani si inceppa, gli attaccanti ospiti iniziano una vera a propria sagra degli errori e i cussini ne approfittano per riportarsi col fiato sul collo degli avversari. Nel finale poi, sull’onda dell’entusiasmo per il buon recupero, i cassinati si trovano addirittura due palle set in mano, con lo score fermo sul 24-22 in loro favore e con l’occasione d’oro di portarsi sul 2-0 e tarpare le ali ad ogni altra ambizione di vittoria ospite. I cussini però per ben quattro volte si intestardiscono su una giocata, sbagliando sempre la finalizzazione, e regalando un break di 4-0 agli ospiti che così, in modo rocambolesco e ormai insperato, fanno loro il set con lo score di 26-24. Nella terza frazione di gioco ci si aspetterebbe una formazione capitolina grintosa e determinata, ma al fischio di avvio del direttore di gara i romani si afflosciano inaspettatamente, e danno via libera alla fuga dei cassinati. Il CUS Cassino Volley BPC si guadagna un break di 4 punti e si piazza con autorità al comando della gara. I romani non riescono più a tornare in partita, e per i cussini è più facile che mai tenere la testa del set e condurre in porto il risultato, riportandosi avanti per 2-1 nel conto dei set vinti con lo score di 25-20. Il copione si ripete pressoché uguale anche nella successiva frazione di gioco, con i cassinati determinati a far loro il set, la vittoria e i tre punti in palio, e con il team della capitale che invece subisce quasi passivamente le trame di gioco ordite dai padroni di casa. La spallata definitiva alle speranze dei romani arrivano a metà frazione, quando i cussini, già in vantaggio di qualche punto, realizzano un filotto di 5 punti, prendendo definitivamente il largo e ipotecando la vittoria. Di li a pochi minuti infatti arriva la chiusura del match da parte del CUS Cassino Volley BPC, che con l’eloquente punteggio di 25-18 fa suo il quarto game, vince la gara per 3-1 e conquista bottino pieno, 3 punti grazie ai quali rimane sola al quarto posto in classifica. Ora per il campionato di Serie D ci sarà una settimana di stop dovuta alle elezioni per il rinnovo delle cariche politiche federali nazionali, mentre alla ripresa i cussini dovranno vedersela in trasferta contro il Green Volley, uno dei team più in forma delle ultime giornate che in classifica occupa la quinta posizione, proprio a ridosso dei cassinati e con sole due lunghezze a separarla dal team universitario.

28 febbraio 2017 0

Strisce blu: Prorogato il servizio alla TMP, in attesa di una “Municipalizzata”

Di redazionecassino1

Cassino – “Il servizio di controllo aree di sosta a pagamento (strisce Blu) è stato istituito nella città di Cassino nel 2001. Da allora il sistema di gestione del servizio deciso dall’Amministrazione è stato sempre quello dell’affidamento a terzi mediante gara d’appalto che ha portato al succedersi, nel corso dei 15 anni di gestione, diverse aziende private: Ice Express – Urbania – Multiservizi – Urbania e infine TMP S.R.L. Alla luce di diverse problematiche inerenti la gestione del servizio e del personale impiegato l’Amministrazione D’Alessandro ha sempre manifestato l’opportunità di rimodulare il sistema della gestione delle aree di sosta a pagamento attraverso una radicale rivisitazione di tutto l’impianto del servizio stesso e in primo luogo ripensare il sistema di gestione da privato a pubblico attraverso l’affidamento del servizio ad una azienda speciale ovvero municipalizzata con capitale prevalentemente pubblico (comunale)”. Lo ha dichiarato il Vice Sindaco e assessore alla Polizia Locale, Dott. Carmelo Geremia Palombo in risposta ad una interrogazione dei consiglieri Petrarcone, Salera, D’Ambrosio e Grossi. “Purtroppo dopo una attenta, capillare e profonda valutazione complessiva del quadro economico generale del comune l’amministrazione è stata costretta a fare scelte diverse. Considerata l’attuale situazione finanziaria dell’Ente caratterizzata dalla esigenza di approvare entro tempi rapidi un bilancio solo tecnico a causa della mole di sentenze definitive ed esecutive a causa di contenziosi pendenti dalla passati amministrazioni ,non è allo stato possibile iscrivere in bilancio né le spese per la costituzione di una società municipalizzata per l’espletamento dei servizi in House, né quelle per costituire il capitale sociale, né le spese per gli inevitabili costi di avviamento come per esempio i parcometri, software di gestione ecc.. Pertanto al momento la scelta politica non poteva che essere quella di ricorrere al bando pubblico. Il nuovo bando di gara per l’affidamento della gestione del servizio delle aree a parcheggio a pagamento su strada regolamentata da parcometri, prevedrà ai fini dell’aggiudicazione punteggi e criteri premiali per quelle società che procederanno alla assunzione di tutte le unità attualmente in organico. Visto e considerato che nel contratto collettivo nazionale di settore non è prevista la garanzia dell’assunzione da parte della società subentrante per i dipendenti della ditta uscente come previsto invece ad esempio per il contratto della Federambiente (FISE). Con Delibera di G.C. n. 11 del 19.01.2017 è stato dato mandato al dirigente della Polizia Locale di avviare le procedure di gara per un nuovo affidamento del servizio di gestione di aree di parcheggio a pagamento su strada mediante parcometri. Il Dirigente della Polizia Locale al fine di non interrompere un servizio pubblico che avrebbe creato pregiudizi alla viabilità del centro urbano e che avrebbe causato il licenziamento dei trentacinque lavoratori ausiliari del traffico, in data 02.02.2017 a mezzo pec prot. N. 6063 ha inoltrato la richiesta alla Società T.M.P. per prorogare il contratto in essere per il tempo necessario all’espletamento delle procedure di gara. La società T.M.P con pec del 02.02.2017 ,prot. 7666 del 10.02.2017 ha manifestato la piena volontà e disponibilità ad eseguire in proroga il servizio di gestione della aree di parcheggio a pagamento su strada mediante parcometri alle medesime condizioni di cui al contratto rep. 657 del 28.12.2011”. Ha concluso il Vicesindaco.

28 febbraio 2017 0

Scoperte e bonificate alcune discariche abusive, la Polizia provinciale sanziona gli “inquinatori”

Di redazionecassino1

Cassino – La Polizia Provinciale, in collaborazione con il Comune di Cassino, ha intensificato i controlli per la tutela dell’ambiente. Nei giorni scorsi gli agenti coordinati dal capitano del distaccamento della Città Martire, Pietro D’Aguanno hanno individuato alcune discariche abusive in alcune zone verdi, dove sono stati accumulati rifiuti di ogni genere e tra i quali calcinacci e residui di lavorazioni edilizie. Sono state elevate, quindi, altre contravvenzioni nei confronti dei trasgressori ed inoltre i luoghi sono stati ripristinati: il materiale accatastato abusivamente è stato trasportato in una discarica autorizzata. “Voglio rivolgere il mio plauso all’intensa attività di monitoraggio che sta mettendo in campo la polizia provinciale. – Ha detto il consigliere delegato alla Protezione Civile, Alessio Ranaldi – Un sincero ringraziamento va al capitano Pietro D’Aguanno che è sempre molto attento alle criticità dei singoli territori. L’azione di questi giorni rientra in una più ampia azione di contrasto agli illeciti ambientali messa in campo dal Corpo di Polizia Provinciale di Frosinone su tutti il territorio di competenza. L’Amministrazione D’Alessandro vuole cooperare con tutte le istituzioni e tutte le organizzazioni per riuscire a debellare nella nostra città la piaga delle discariche abusive e dei rifiuti abbandonati abusivamente per strada”. “Non posso che indirizzare un meritato plauso agli agenti – dice, invece, l’assessore all’ambiente, Dana Tauwinkelova– che continuano a presidiare il nostro territorio quotidianamente e spesso con condizioni meteo molto difficili, per affermare il rispetto delle leggi e tutelare il patrimonio ambientale. La piaga delle discariche abusive di rifiuti a cielo aperto è difficile da contrastare a causa di una inciviltà diffusa di chi continua a violare le leggi di salvaguardia dell’ambiente procurando danni a se stesso, all’intera collettività e al patrimonio naturalistico territoriale. Ma non ci arrendiamo”. Ha concluso Tauwinkelova.

28 febbraio 2017 0

Spaccatura nella Fns Cisl di Frosinone, i delegati dei Vvf denunciano gravi irregolarità

Di admin

Frosinone – I Vvf della FNS CISL denunciano gravi irregolarità durante il Congresso Provinciale per il rinnovo del direttivo. “Un organismo illegittimo – si legge in una nota stampa redatta dai delegati VVF al Congresso FNS CISL FROSINONE – eletto in contrapposizione alle norme statutarie e che vedrà posticipata ad altra data e in altro luogo la nomina della segreteria.

Chiesto il diretto intervento della Segretaria Generale Annamaria Furlan. Lo avevamo detto, scritto e denunciato a tutti i livelli della nostra Organizzazione Sindacale: il Congresso Territoriale FNS CISL di Frosinone, nonostante le gravissime e reali irregolarità compiute ai danni dei lavoratori dei Vigili del Fuoco, si è ugualmente svolto ieri mattina a Paliano per coprire le mostruosità a livello statutario messe in atto fino ad oggi. Con l’ormai evidente inerzia e complicità della Segreteria Regionale e Nazionale della FNS CISL , sono state fatte prevalere le infondate e pretestuose ragioni di una gestione antidemocratica unilaterale degli ultimi quattro anni da parte della segreteria territoriale uscente.

Per questi motivi, i VVF della FNS CISL di Frosinone non si arrenderanno all’ennesimo tentativo di far prevalere, malgrado le palesi violazioni delle regole statutarie un inconsueto “regime” sindacale. A tal fine, chiederemo l’intervento del collegio dei probiviri Federale e Confederale, un incontro chiarificatore con il Segretario Generale della Cisl, Annamaria Furlan e ci adopereremo, fin da subito, a informare puntualmente l’opinione pubblica e tutte le strutture provinciali della nostra federazione in merito al mancato rispetto delle regole che si è consumato all’interno della nostra organizzazione. Nei prossimi giorni convocheranno una specifica conferenza stampa per presentare agli organi di stampa tutti la documentazione dettagliata che testimonia i soprusi finora commessi nei confronti dei lavoratori iscritti alla FNS CISL”.

28 febbraio 2017 0

Parcheggi a pagamento a Cassino, si sogna la municipalizzata ma si prepara il bando pubblico

Di admin

Cassino – “Il servizio di controllo aree di sosta a pagamento (strisce Blu) è stato istituito nella città di Cassino nel 2001. Da allora il sistema di gestione del servizio deciso dall’Amministrazione è stato sempre quello dell’affidamento a terzi mediante gara d’appalto che ha portato al succedersi, nel corso dei 15 anni di gestione, diverse aziende private: Ice Express – Urbania – Multiservizi – Urbania e infine TMP S.R.L.

Alla luce di diverse problematiche inerenti la gestione del servizio e del personale impiegato l’Amministrazione D’Alessandro ha sempre manifestato l’opportunità di rimodulare il sistema della gestione delle aree di sosta a pagamento attraverso una radicale rivisitazione di tutto l’impianto del servizio stesso e in primo luogo ripensare il sistema di gestione da privato a pubblico attraverso l’affidamento del servizio ad una azienda speciale ovvero municipalizzata con capitale prevalentemente pubblico (comunale)”. Lo ha dichiarato il Vice Sindaco e assessore alla Polizia Locale, Dott. Carmelo Geremia Palombo in risposta ad una interrogazione dei consiglieri Petrarcone, Salera, D’Ambrosio e Grossi.

“Purtroppo dopo una attenta, capillare e profonda valutazione complessiva del quadro economico generale del comune l’amministrazione è stata costretta a fare scelte diverse.

Considerata l’attuale situazione finanziaria dell’Ente caratterizzata dalla esigenza di approvare entro tempi rapidi un bilancio solo tecnico a causa della mole di sentenze definitive ed esecutive  a causa di contenziosi pendenti dalla passati amministrazioni ,non è allo stato possibile iscrivere in bilancio né le spese  per la costituzione di una  società municipalizzata  per l’espletamento dei servizi in House, né quelle per costituire il capitale sociale, né le spese per gli inevitabili costi di avviamento come per esempio i parcometri, software di gestione ecc..

Pertanto al momento la scelta politica non poteva che essere quella di ricorrere al bando pubblico.

Il nuovo bando di gara per l’affidamento della gestione del servizio delle aree a parcheggio a pagamento su strada regolamentata da parcometri, prevedrà ai fini dell’aggiudicazione punteggi e criteri premiali per quelle società che procederanno alla assunzione di tutte le unità attualmente in organico. Visto e considerato che nel contratto collettivo nazionale di settore non è prevista la garanzia dell’assunzione da parte della società subentrante per i dipendenti della ditta uscente come previsto invece ad esempio per il contratto della Federambiente (FISE).

Con Delibera di G.C. n. 11 del 19.01.2017 è stato dato mandato al dirigente della Polizia Locale di avviare le procedure di gara per un nuovo affidamento del servizio di gestione di aree di parcheggio a pagamento su strada mediante parcometri.

Il Dirigente della Polizia Locale al fine di non interrompere un servizio pubblico che avrebbe creato pregiudizi alla viabilità del centro urbano e che avrebbe causato il licenziamento dei trentacinque lavoratori ausiliari del traffico, in data 02.02.2017 a mezzo pec prot. N. 6063 ha inoltrato la richiesta alla Società T.M.P. per prorogare il contratto in essere per il tempo necessario all’espletamento delle procedure di gara.

La società T.M.P  con pec del 02.02.2017 ,prot. 7666 del 10.02.2017 ha manifestato la piena volontà e disponibilità ad eseguire in proroga il servizio di gestione della aree di parcheggio a pagamento su strada mediante parcometri alle medesime condizioni di cui al contratto rep. 657 del 28.12.2011”. Ha concluso il Vicesindaco.

28 febbraio 2017 0

Campionati di Cross regionale: Ancora successi per gli atleti Cus Cassino

Di redazionecassino1

Ancora un successo targato Cus Cassino. Il Centro Universitario Sportivo del professore Carmine Calce ha organizzato i campionati di cross regionale al Campus Folcara ed è stato un tripudio di emozioni. E di soddisfazioni: le atlete “di casa” Francesca Marotta e Camilla Pizzuti del Cus hanno infatti guadagnato il podio nella competizione femminile. E domenica mattina da Cassino sono arrivati tutti i verdetti del cross regionale in vista della finale nazionale di Gubbio, con oltre 800 atleti iscritti ritrovatisi sui prati circostanti il complesso universitario. Una manifestazione valida per l’occasione come terza prova del Trofeo Lazio giovanile di Cross e del Challenge assoluto di cross corto, nonché come seconda prova regionale del Campionato di Società assoluto di corsa campestre. Splendido il colpo d’occhio offerto dalla moltitudine di presenti accorsi in una domenica finalmente soleggiata dopo la pioggia della giornata precedente. Un evento che era partito subito forte nella prima mattinata con i 10.000 metri assoluti promesse/senior uomini, lanciati nel ritmo fin dalle prime battute dal trio dell’Aeronautica composto da Giuseppe Gerratana, Michele Fontana e Francesco Bona. Degli inseguitori solo Delian Stateff (Area LBM Sport) riusciva a tenere il passo imposto in testa alla gara, con Giuseppe Gerratana lucido nell’aumentare ancora l’intensità per chiudere da vincitore in 31:54, circa 30 secondi davanti a Michele Fontana. Per il terzo posto ha quindi prevalso Francesco Bona su Delian Stateff, per una classifica finale che ha visto lo schiacciante successo dell’Aeronautica Militare, con il podio completato da S.M.A.C. ASD e Atletica dei Gelsi. Sugli 8 km assoluti femminili ci ha pensato invece la solita Eleonora Bazzoni a dettar legge, gettando le basi per il primo trionfo regionale del suo club, l’ASD Runner’s Academy, grazie ad un’agevole vittoria in 31:05. Alle sue spalle si è piazzata Sara Carnicelli (Acsi Italia) seconda in 32:19, con l’intramontabile Elisa Palamara (Acsi Campidoglio Palatino) terza e staccata non di molto, per una vittoria di società andata appunto al giovane sodalizio di Roma Sud, precedendo Atletica Colleferro Segni e Polisportiva Università Foro Italico. Tutt’altro che scontato anche il successo di Romatletica Salaria Village tra gli juniores, impegnati anche loro sugli 8 km, in una gara che ha offerto l’esaltante duello di testa fra Giovanni Ceselli e Tito Marteddu, entrambi portacolori Fiamme Gialle Simoni. I due hanno condotto la gara con autorità, poi Giovanni Ceselli ha preso metri importanti per aggiudicarsi la competizione in 28:33 sul compagno di squadra (28:41) con Claudio Giovanetti (RCF Roma Sud) a far suo il terzo posto. Sul secondo gradino del podio salgono le Fiamme Gialle Simoni, mentre i reatini di Faratletica seguono in terza posizione. Sui 5 km junior femminili Sara Foschi (LBM Sport Team) prevale sul ristretto numero di avversarie in 20:44, accompagnata sul podio da Stella Carboni (Acsi Italia) e Fulvia Caterini (LBM Sport Team), con Area LBM Sport Team che si impone in classifica di società su Acsi Italia e Romatletica Salaria Village. Grande spettacolo poi lo hanno offerto i 3 km del Challenge assoluto di cross corto, validi come campionato regionale individuale. Al maschile il mattatore è stato Alexandru Ciumacov (RCF Roma Sud), primo al traguardo in 9:21, rifilando oltre 15 secondi al secondo classificato Simone Valentini (GS Pod. Preneste), con Gabriele Caroli (Romatletica Salaria Village) a spuntarla di un nulla su Lorenzo Cacciamani (Atletica Futura Roma). Di autorità anche la prova femminile di Marta Castelli (Acsi Italia), a coprire la distanza in totale controllo senza avversarie in grado di impensierirla, chiudendo da campionessa regionale in 11:11 sulla coppia di casa del Cus Cassino composta da Francesca Marotta e Camilla Pizzuti. L’entusiasmo del pubblico presente è quindi cresciuto ancora con le gare giovanili nella seconda parte della mattinata, aperte dalle centinaia di giovanissimi delle categorie Esordienti, applauditi ed incitati lungo tutto il percorso, a precedere le prove necessarie per assegnare il Trofeo regionale giovanile di cross, a cominciare da quelle Ragazze e Ragazzi rispettivamente su 1000 e 1500 metri. Tra le ragazze è emersa alla fine Flavia Bianchi (G. Scavo 2000) a guadagnare metri nel tratto finale su Isabella Ferri (G.S. Bancari Romani), 3:26 contro 3:29, con la frascatana Beatrice Ghilardi (Atl. Frascati) non distante in terza posizione. Vittoria di misura al maschile anche per Giovanni Finocchiaro (Fiamme Gialle Simoni) tenace nel tener testa a Francesco Grieco (Atl. Frascati) per vincere in 5:05, due secondi meglio del rivale con il più giovane Davide De Rosa (Esercito Sport&Giovani) a seguire. Le classifiche finali del Trofeo Regionale Giovanile di cross hanno visto quindi trionfare Fiamme Gialle Simoni al maschile su Area LBM Sport e Atletica Tiburtina, mentre al femminile si è aggiudicata il primo posto la Libertas Castel Gandolfo-Albano, accompagnata sul podio da Fiamme Gialle Simoni e Area LBM Sport.

28 febbraio 2017 0

Basket C Gold: NB Sora 2000 espugna il campo della Petriana

Di redazionecassino1

In quel di Roma i volsci si sono espressi bene, anche se sono stati necessari gli ultimi dieci minuti di fuoco per mettere al tappeto gli avversari. Ora la concentrazione si sposta sugli allenamenti settimanali e la prossima prova casalinga, con la speranza che la Expert Lucarelli NB Sora 2000 possa accedere alla fase dei playoff. La cronaca: i papalini aggrediscono la gara andando forte a rimbalzo e cercando di muoversi con grande ritmo in attacco. Dopo una fiammata di Spence (9) che lancia la NB Sora nelle fasi iniziali, i volsci però si disuniscono un po’ nella metà campo offensiva, pagando dazio alle soluzioni in transizione di Fucini e Melillo. Un’ innumerevole grandinata di palle perse per i ciociari, che subiscono un +10 (19-9): colpa soprattutto della netta superiorità espressa dai padroni di casa che permette loro di chiudere in vantaggio il primo quarto. Anche nel secondo quarto la situazione resta presso che la stessa, la formazione di Polidori fa fatica a trovare il canestro e nessun giocatore bianco-celeste riesce a dare una sterzata alla gara. I padroni di casa spinti da una tripla di Ramundo si portano sul +13 (22-9) il massimo vantaggio dei papalini, ma da quel momento in poi, Roljic, fino a quel punto assente, decide di salire in cattedra e prendere la squadra per mano e tirala su, piazzando una serie di triple che permette il Sora a tornare in partita(25-20). I padroni di casa con il nuovo innesto Tozzi allungano nuovamente portandosi sul +11. Mancano una manciata di minuti prima di andare a bere un bel the caldo, quando Rossetti e Roljic sfoderano delle triple di spessore ricucendo nuovamente il distacco dai giallo-blu, chiudendo il secondo quarto sul 34 a 28. La NB Sora 2000 rientra dagli spogliatoi con una faccia diversa, aggredendo la partita invece che aspettandola. Dulovic nega tutte le linee di passaggio, e dopo il canestro di apertura del quarto siglato da Spence arriva così il sorpasso degli ospiti, firmato dalla 4^ tripla di Roljic (38-40) al 5’. Il coach papalino Pazzi inizia a far girare i suoi per trovare una nuova chiave di svolta, ma i volsci oramai mettono la freccia e con un ritrovato Dulovic e Roljic spietato dalla distanza. Negli ultimi due minuti la Petriana torna nuovamente sotto i ciociari con Nero, ma Ramundo spereca il libero del pareggio dopo dopo il tecnico sanzionato a coach Polidori. Il terzo quarto finisce sul punteggio di 46 a 48. Ultimo quarto che si apre con la Petriana che passa in vantaggio con l’ala Nero prima di uscire per 5 falli. Sora reagisce nuovamente con l’ennesima tripla di Roljic (5^ personale), che porta i volsci in vantaggio. In seguito viene fischiato un fallo discutibile a Rossetti che sancisce la sua uscita dal campo per il suo 5° fallo personale. Da quel momento in poi in campo si vedrà solo una squadra, quella degli ospiti sorani che con Spence e Roljic (6ª tripla di serata), e grazie ai suoi realizzatori principi ne approfitta per tornare a +5 (54-59), mentre la Petriana appare totalmente in confusione in questo frangente, lo dimostra ampiamente l’antisportivo ingenuo commesso da Ferrarese. Il papalino piazza una tripla che fa sperare nuovamente i padroni di casa , ma i 5 punti di fila infilati dall’americano del Sora Spence mettono la parola fine alla gara, regalando agli uomini di Polidori una vittoria importantissima pesante (60-73 il finale). Sugli scudi uno scatenato Roljic, che con Spence ha messo a ferro e fuoco la difesa avversaria, sfoderano un finale di gara molto convincente.

Petriana 60 – N.B. Sora 2000 73 Parziali: 19-9 / 15-19 / 13-20 / 13-25

Petriana: Recchia n.e., Tozzi 10, Melillo 10, Ficini 9, Martongelli 5, Nero 9, Cavarocchi 0, Araja 0, Gasperini 2, Ferrarese 8, Ramundo 7, De Santis 0; Coach: Pazzi

N.B. Sora 2000: Spence 18, Tchitchveishvili n.e., Roljic 27, Tanzilli n.e., Mannarelli 0, Galuppi 4, De Laurentiis 1, Taskov 0, Dulovic 15, Rossetti 8; Coach: Polidori. Ass. Spaziani