Giorno: 1 febbraio 2017

1 febbraio 2017 0

Operazione “La storia infinita” tredici ordinanze di custodia cautelare per spaccio e porto abusivo d’armi

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Cassino – Nell’ambito dell’operazione convenzionalmente denominata “La Storia Infinita”, il GIP del Tribunale di Roma, nell’esprimersi sulla richiesta del P.M. dott.ssa Ilaria CALO’, Sostituto Procuratore presso la Direzione Distrettuale di Roma chiamata a pronunciarsi in merito all’ordinanza emessa dal GIP del Tribunale di Cassino, che si era dichiarato incompetente, emetteva ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 13 persone ritenute responsabili dei seguenti reati: per nr. 9 persone di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti e concorso in detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti (artt. 110 C.P., 73 e 74 DPR 309/1990); per nr. 3 persone di concorso in detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti (art. 110 C.P. e 73 DPR 309/1990) e per nr.2 persone per detenzione e porto illegale di armi (artt. 2 e 4 L. 895/1967). Il GIP di Roma, pertanto, ha disposto la misura cautelare in carcere di: F.G., classe 1974 di Napoli; P.E., classe 1992 di Piedimonte S. G.; M.A., classe 1992 di Cassino; C.L., classe 1991 di Cassino; T.A., classe 1987 di Villa Santa Lucia; M.L., classe 1994 di Cassino; Q.A., classe 1997 di Cassino; M.P.A., classe 1989 di San Giorgio a Liri, C.A., classe 1994 di Cassino; D’A.D., classe 1982 di Cassino; S.F., classe 1982 di Cassino; mentre ha disposto la sostituzione della misura degli arresti domiciliari con quella cautelare in carcere di F.R., 23enne di Cassino. Ha confermato la misura degli arresti domiciliari a V.O.M., 26enne di Ausonia. Le suddette misure coercitive sono state eseguite nella mattinata odierna dai militari del NORM della Compagnia di Cassino.

1 febbraio 2017 0

Arrestato dai carabinieri un 25enne marocchino per spaccio di droga nel parco fluviale

Di redazionecassino1

Sora – Ennesimo arresto dall’inizio dell’anno in danno di un “pusher”. Ieri sera a finire nei guai un giovane marocchino 25enne da tempo residente a Sora e già noto alle Forze dell’Ordine per diversi precedenti per furto e spaccio. Da alcuni giorni era stato segnalato uno strano andirivieni all’interno del parco fluviale, location ideale per lo spaccio, in pieno centro e nel contempo non accessibile alle autovetture con diverse zone buie dove appartarsi, facilmente controllabile dai malintenzionati con vedette e complici. I militari del NORM della Compagnia di Sora, che stavano monitorando il luogo con diverse pattuglie in abiti civili dalla scorsa settimana, nel pomeriggio di ieri notavano lo scambio tra il marocchino ed un ragazzo (ieri divenuto maggiorenne e che pensava di festeggiare in quel modo il suo passaggio nel mondo dei “grandi”). All’avvicinarsi dei Carabinieri il pusher tentava una fuga a piedi lungo il viale del parco, ma veniva immediatamente raggiunto e bloccato. Le successive perquisizioni permettevano di rinvenire indosso al cliente grammi 3 circa di “marijuana” ed allo spacciatore altri grammi 7 circa, suddivisa in tre dosi della stessa sostanza. Stante quanto accertato il giovane extracomunitario veniva dichiarato in stato di arresto per spaccio ex art. 73 DPR 309/1990. Immediatamente scattava anche la perquisizione presso il domicilio indicato dall’arrestato che però sortiva esito negativo. Tuttavia la troppa tranquillità dell’indagato ed alcuni particolari insospettivano i Carabinieri che, dopo diversi controlli incrociati, riuscivano a risalire all’effettivo domicilio in Sora dove dopo un’accurata perquisizione si rinvenivano ulteriori grammi 30 circa di “marijuana”. Al termine delle formalità di rito il giovane marocchino veniva tradotto presso la Casa Circondariale di Cassino, mentre il 18enne veniva segnalato alla Prefettura di Frosinone, quale assuntore di sostanze stupefacenti ex art. 75 DPR 309/1990. Ulteriori indagini sono in corso per risalire ai nominativi dei clienti e dei fornitori dello spacciatore sorano.

1 febbraio 2017 0

Bloccata dalla polizia la folle corsa in auto di un 28enne cittadino ucraino

Di redazionecassino1

Frosinone – La Squadra Volante, impegnata in normali servizi di controllo del territorio, blocca la folle corsa di un’auto che percorre contromano la SR214: denunciato il conducente ucraino per guida in stato di ebbrezza. Sono da poco scattate le 23 quando sulla linea di emergenze 113 della Questura è segnalata, nel territorio del comune di Sora, la presenza di un veicolo che, a forte velocità, percorre contromano la SR 214, in direzione di Frosinone. Le volanti presenti sul territorio immediatamente si dirigono verso la superstrada. Mentre un’ unità operativa rallenta il traffico stradale, mettendo in atto tutte quelle procedure necessarie per poter far fermare l’auto, un’altra pattuglia procede in direzione Sora. All’altezza del chilometro 16+800 gli agenti riescono, infatti, ad intercettare il veicolo, il cui conducente, incurante dell’alt di polizia, prosegue la marcia contromano. L’equipaggio si trova costretto così ad una repentina manovra ed ad inseguire il fuggitivo. La folle corsa termina finalmente dopo pochi chilometri, grazie ad uno strategico “piano” dei poliziotti, che riescono a far rallentare il veicolo, per poi bloccarlo, salvaguardando l’incolumità degli altri utenti della strada. Il conducente viene identificato: è un ucraino di 28anni, residente nel frusinate. Sottoposto all’alcol test, l’uomo viene denunciato per guida in stato di ebbrezza, con la contestazione di numerose violazioni al Codice della Strada.

Frosinone

1 febbraio 2017 0

Scuole e stazione ferroviaria di Cassino passate al setaccio dalla polizia, denunciata 19enne – LE FOTO

Di redazionecassino1

Cassino – Scuole e stazione ferroviaria di Cassino passate al setaccio dagli agenti di polizia del commissariato di Cassino alla ricerca di droga. Gli uomini diretti dal vice questore Alessandro Tocco che si sono avvalsi anche dell’infallibile fiuto delle unità cinofile che hanno “annusato” pendolari, e studenti alla ricerca di sostanze illecite.

Il problema della droga, a Cassino come altrove, è dilagante e lo sforzo delle forze dell’ordine si concentra proprio nelle prossimità dei giovani. Sorprendere un giovane con uno spinello, significa mostrare il problema a chi gli è intorno nella speranza che lo si riesca a recuperare prima che sia troppo tardi.

Questa mattina gli agenti hanno controllato due istituti scolastici: l’istituto Alberghiero e l’Agrario senza trovare tracce di droga. A finire nella rete dei controlli della polizia, però, è stata una 19enne di Cassino, che alla Stazione è stata trovata in possesso di alcuni grammi di hashish e pertanto è stata segnalata al Prefetto di Frosinone per detenzione ad uso personale di sostanze stupefacenti.

Ermanno Amedei 

Foto antonio Nardelli

1 febbraio 2017 0

L’Albergo “Antico Borgo” di Fossanova torna al Comune, prima di passare alla Soprintendenza

Di redazionecassino1

Fossanova – Il Comune di Priverno ha ripreso in consegna l’Albergo “Antico Borgo” di Fossanova, in attesa di poterlo restituire alla Soprintendenza, così come più volte reclamato dalla stessa. La conclusione di questa lunga e oscura vicenda arriva dopo che l’Amministrazione Delogu, insediatasi alla fine di maggio 2013, tentò immediatamente e più volte di riavere la disponibilità della struttura, affidata alla Società “Agostino a mare srl” dall’Amministrazione Macci, soltanto due mesi prima della fine del suo mandato. Finalmente dopo anni di inutili richieste di restituzione al Gestore di turno, di conseguenti ricorsi e atti amministrativi, il Comune il 2 settembre scorso ha emanato un’Ordinanza, con la quale ha disposto il divieto di proseguire l’attività alberghiera in quella struttura, dopo che il SUAP aveva respinto la richiesta di SCIA presentata dalla Società “Agostino a mare srl” per subentro al Gestore precedente, la Società “Borgo Antico srl”, a sua volta subentrata alla Società “Agostino a mare srl” subito dopo il primo affidamento. Tanto per essere precisi, l’Albergo fu affidato alla Società “Agostino a mare srl” fin dal 2011 in ragione di un bando emanato dal Comune nel 2006, nel quale detta Società era giunta al secondo posto. Dopo la rinuncia alla gestione della struttura del vincitore del bando, il Funzionario responsabile del Servizio Patrimonio adottò più atti gestionali per affidare l’Albergo alla Società “Agostino a mare srl” senza che questa accettasse. Nel marzo 2013, però, quando lo stesso Funzionario con una modifica all’art. 7 del bando di gara rimosse la clausola del divieto di sub locazione, la Società accettò la gestione dell’albergo per sublocarlo subito dopo alla Società “Borgo Antico srl”. Resta l’atroce dubbio se un bando di gara possa essere modificato a posteriori dopo l’aggiudicazione della gara stessa! A restituire le chiavi, lo scorso lunedì, è stato l’Amministratore della Società “Agostino a mare srl” dopo che il Consiglio di Stato, con sentenza pubblicata il 19 gennaio, ha definitivamente respinto il suo appello ad annullare il divieto dell’Ente di prosecuzione dell’attività ricettiva, confermando quanto aveva già disposto il Tar lo scorso ottobre. Nella nota inviata dalla Società al Comune di Priverno, l’Amministratore Unico della stessa sottolinea che “la decisione del Consiglio di Stato si è fondata sostanzialmente sulla circostanza che l’irregolarità consisteva solo nel fatto che il contratto di affitto di azienda in vigore tra il Comune di Priverno e la Società fosse privo di titolo valido ed efficace in quanto fondato su un titolo concessorio tra il Comune di Priverno e il Ministero dei Beni Culturali ormai scaduto”. Giova ricordare, infatti, che la struttura alberghiera realizzata con i fondi per il Giubileo del 2000 dall’Amministrazione Renzi, è di proprietà del Ministero dei Beni culturali, che l’affidò in comodato d’uso al Comune di Priverno solo per nove anni. Nel marzo del 2013, quattro anni dopo la scadenza del comodato a beneficio del Comune, l’Amministrazione Macci, senza averne più evidentemente la disponibilità, la concesse in gestione alla Società “Agostino a mare srl”. E’ per questa ragione che nella stessa nota, l’Amministratore Unico della Società evidenzia “la grave colpa e negligenza ascrivibile interamente al Comune di Priverno nello stipulare il contratto di affitto di azienda con la scrivente che era al tempo completamente ignara di tale circostanza e che, a causa di ciò, ha subito ingenti danni (sia in termini di danno emergente che di lucro cessante) per il risarcimento dei quali avvierà tutte le azioni giudiziali opportune e possibili ed esperirà tutti i rimedi alla stessa concessi”. Naturalmente, se si presentassero le condizioni di dover rispondere ad eventuali danni procurati a terzi a causa delle scelte adottate dall’Amministrazione Macci e dai suoi Funzionari, agiremo di conseguenza a tutela degli interessi dell’Ente e quindi della Comunità. Intanto, possiamo tirare un sospiro di sollievo perché dopo il recupero da parte dell’Ente del Castello di San Martino, anch’esso affidato a terzi con metodi a dir poco discutibili, senza pretese di canoni di affitto, pagando per anni le bollette di tutte le utenze, un altro bene, di quelli più importanti del nostro territorio affidati con lo stesso stile tipico dell’era Macci, è stato recuperato al bene pubblico per tornare nei prossimi giorni nella mani dei legittimi proprietari. Saremo accanto al Polo Museale del Lazio, attualmente responsabile del sito abbaziale, per programmare tutte le azioni utili alla promozione e allo sviluppo del Borgo di Fossanova nel rispetto e nella valorizzazione della sua importanza storica e della sua natura spirituale. L’Albergo “Antico Borgo” potrà costituire un elemento essenziale in tal senso, gestito legittimamente e all’interno di una progettualità ampia, coerente e condivisa.

1 febbraio 2017 0

Guardia Costiera: Esercitazione antinquinamento nel porto di Gaeta

Di redazionecassino1

Gaeta – Si è svolta questa mattina nell’area portuale di Gaeta, un’esercitazione nel corso della quale è stato simulato uno sversamento in mare di sostanze inquinanti da parte di una nave da carico. L’esercitazione ha visto, sotto il coordinamento della Sala operativa della Guardia Costiera di Gaeta, responsabile per le operazioni antinquinamento in mare, la partecipazione del personale e dei mezzi della Guardia Costiera, dei Vigili del Fuoco, della Guardia di Finanza, dei Servizi tecnico/nautici del porto nonché del Concessionario per il servizio di disinquinamento portuale. L’esercitazione antinquinamento ha previsto una ipotesi d’intervento operativo complesso, tale da prevedere la Dichiarazione di emergenza locale da parte del Capo del Compartimento marittimo di Gaeta, in attuazione del Piano antinquinamento compartimentale. Per fronteggiare tale situazione è stato impiegato anche il mezzo antinquinamento del Ministero dell’Ambiente, in servizio ordinario a Gaeta. L’esercitazione ha avuto un esito positivo, permettendo così di raggiungere lo scopo, prefissato dalla Guardia Costiera di Gaeta, di perfezionare il coordinamento e la direzione delle attività operative nonché di elevare gli standard addestrativi degli equipaggi dei mezzi navali e terrestri per una risposta immediata in caso di emergenza in mare.

1 febbraio 2017 0

Capuani, Mastrangeli e Briglianti i riforzi per il Basket Alatri

Di redazionecassino1

Il Nuovo Basket Alatri comunica di aver acquisito Nicolò Capuani, Giuseppe Mastrangeli e Lorenzo Briglianti dal Basket Ferentino. Capuani e Mastrangeli, rispettivamente classe 2000 e 1999, arrivano in maglia verderosa con la formula del doppio tesseramento: continueranno le loro attività con la società di appartenenza ma allo stesso tempo saranno a disposizione di coach Claudio Pantano per il finale di stagione nel campionato di C Silver. In vista della decisiva fase per evitare la retrocessione è tornato in prestito al Chiappitto anche Briglianti, ala che ha già cominciato la sua quarta esperienza con il club alatrense, facendo il suo nuovo esordio nella gara persa sul campo del Fonte Roma Basket.

1 febbraio 2017 0

Pallamano/A2: Il Cus Cassino Gaeta ’84 lotta e gioca bene ma spreca troppo, 28-27 per la Lazio

Di redazionecassino1

Il 2017 non inizia nel migliore dei modi per la compagine gaetana del Cus Cassino Gaeta Handball ’84 di coach Antonio Viola che,dal 40×20 di Settecamini,esce sconfitta di misura contro i padroni di casa della Lazio quali allungano in classifica proprio sugli inseguitori cussini. Avvio di match di marca biancoceleste visto il rapido 4-0 che riescono ad infliggere ai gaetani ma la reazione dei ragazzi di Viola non tarda ad arrivare,D’Ovidio para,arrivano le reti di Mitrano e La Monica e i gaetani si riportano prima sotto sul -1 e poi agganciano i biancocelesti sul 5-5. Da qui la gara diventa equilibrata e si gioca sempre punto a punto,la difesa ospite si compatta e si perfeziona e gli spazi per i laziali di coach Giuseppe Langiano sono ben pochi e la prima frazione si chiude con la Lazio in vantaggio sul +1 (12-11). Nella ripresa parte bene il Cus Cassino Gaeta ’84 che approfittando della maggior freschezza di Capomaccio (inizialmente fuoriuscito per un infortunio alla mano da accertare nei prossimi giorni) e di Mitrano,riesce a rimanere in partita; D’Ovidio continua a parare i tiri dalla distanza dei biancocelesti ed in attacco i cussini ruotano bene ma la lucidità sotto porta non è delle migliori e sono davvero troppi gli errori dai 6 metri ed anche dai 7 metri che permetterebbo ai gaetani quel sorpasso che non arriva mai. I cussini sono sempre sul -1, poi gli errori al tiro fanno il resto e la Lazio riallunga sul +3. Mancano 4 minuti circa e la lazio si porta sul +4 (28-24) ma qui la bella reazione dei gaetani,il time out chiamato da coach Viola sortisce effetti sperati e grazie alle parate di D’Ovidio,il rigore siglato da Mitrano e la rapida doppietta di capitan Capomaccio,il Cus Cassino Gaeta ’84 si riporta sul -1 ma ormai è tardi e ad esultare sono i padroni di casa della Lazio visto che il tabellone segnala il 28-27 finale al suono della sirena. La Lazio allunga in classifica proprio sui gaetani che ora inseguono a -4,mentre gli uomini di Viola rimangono stabili al quinto posto e si lasciano alle spalle Capua e Pescara viste le sconfitte di quest’ultime. Nel prossimo turno previsto per sabato 4 Febbraio,capitan Roberto Capomaccio e compagni faranno ritorno a Gaeta per affrontare l’N.H.C. Teramo di coach Chionchio.

A fine partita parla Luigi Di Schino,autore di una bella prova e 4 reti messe a referto nei momenti decisivi:”L’approccio non è stato dei migliori visto il 4-0 subìto praticamente a freddo ma ci siamo subito compattati e riaperto la gara portandola punto a punto e chiudendo la prima frazione solo sul -1. Nella ripresa hanno pesato i troppi errori al tiro dai 6 metri ed in controfuga e i 5 rigori in totale nell’arco del match,sinonimo di poca lucidità e poca fame di vittoria. È mancato questo facendo un rapido sunto ma dobbiamo ripartire consapevoli dei nostri mezzi e dalla rimonta che stavamo attuando quasi come capitato con il Capua,se fosse durata altri 2 minuti ce l’avremmo fatta. Peccato. Ripartiamo proprio da qui e continuiamo nella nostra direzione, che è quella giusta”.

Lazio – Cus Cassino Gaeta Handball ’84 (28-27, primo tempo 14-10)

Lazio (28): Mariani C.,Varrera,Corrado 6,Barbu 5,Manfrè 1,La Rosa D. 3,Mariani F. 4,Paolone 4,Mucci 1,La Rosa M. 4,Carmeni,Langiani 1,Pelone,Verdura. All: Giuseppe Langiano.

Cus Cassino Gaeta ’84 (27): D’Ovidio, Monti. R., Bertolami,Capomaccio 4,Carbone,Cappello,Di Schino 4,La Monica 6,Macone 1,Valente,Monti A. 2,Pantanella 1,Uranga 3,Mitrano 6. All: Antonio Viola. Arbitri: Nicolella – Rispoli.

1 febbraio 2017 0

Al via corso alfabetizzazione informatica promosso dal RotarAct

Di redazionecassino1

L’assessore alle Politiche Sociali, Benedetto Leone ha portato il saluto dell’amministrazione comunale di Cassino alla giornata inaugurale del corso di alfabetizzazione informatica per la terza età promosso dal RotarAct e Rotary Club Cassino. “Ringrazio il presidente del Rotary Club Michele Ciufo e il presidente del RotarAct Gianluca Pistore per questa bellissima iniziativa. – ha detto l’assessore Leone – Siamo a disposizione come ente, a partire dalla prossima edizione del corso, a qualsiasi forma di collaborazione con il vostro sodalizio al fine di creare sempre più opportunità di apprendimento dei sistemi informatici per la terza età”. “Il nostro club è diventato una realtà in città, di tutti i nostri soci, ben 15 hanno dato la disponibilità per tenere il corso. – ha detto invece Gianluca Pistore, presidente Rotaract Club di Cassino – Questo significa un grande impegno del Rotaract per essere al servizio del territorio. Ringrazio l’assessore Benedetto Leone che ha portato il suo saluto e si è reso disponibile per una collaborazione, i nostri soci e un grazie speciale ai nostri “ex giovani” che ci danno fiducia e hanno riposto in noi la speranza di imparare qualcosa di nuovo!” L’Assessore alle Politiche Sociali sarà protagonista anche domani, primo febbraio, nella presentazione del progetto legato al “Fondo SosteniAmo” denominato “Nuove Opportunità – Percorsi di reinserimento sociale e lavorativo”. L’appuntamento è alle ore 12 presso la Sala della Giunta Comunale del Comune di Cassino.

1 febbraio 2017 0

Settore manutenzione del Comune al lavoro per sistemare i marciapiedi

Di redazionecassino1

Cassino – Dipendenti del settore Manutenzione del comune impegnati, da questa mattina, nella sistemazione della pavimentazione dei marciapiedi cittadini.In particolare i lavori di ripristino e messa in sicurezza sono stati eseguiti sui marciapiedi a mattoncini, spesso messi fuori asse dalle radici degli alberi, ma soprattutto dalla vetustà, dalla carenza di manutenzione nel corso degli anni e alla pessima realizzazione fin dall’inizio della loro costruzione. Con il tempo, poi, gli stessi mattoncini che ne costituiscono la pavimentazione sono stati causa di cadute ed incidenti ai pedoni. L’amministrazione ha deciso di intervenire in maniera mirata per prevenire e tutelare l’incolumità dei cittadini garantendone una manutenzione adeguata. “Per questa amministrazione – si legge in una nota del consigòiere delegato al settore manutenzione Francesco Evangelista – è una priorità offrire ai residenti la massima sicurezza. Anche nelle cose più semplici come la percorribilità dei marciapiedi. La scelta di intervenire in maniera mirata su questo tipo di pavimentazione è dovuta alle criticità vissute quotidianamente dai cassinati, in particolare dalle persone più anziane, ma anche le mamme con i passeggini, i disabili e chi ha difficoltà di deambulazione – ha spiegato il consigliere Evangelista. Abbiamo approfittato delle previsioni metereologiche che ci assicuravano bel tempo per poter eseguire i lavori nelle condizioni più propizie”. I lavori proseguiranno in questi giorni. Oltre alla manutenzione sulla pavimentazione gli operai hanno anche effettuato interventi su piccoli danni a condutture idriche in centro, mentre un’altra squadra è impegnata nell’ultimazione dei lavori di potatura sugli alberi. “Ringrazio ancora gli operai del settore manutenzione – ha concluso Evangelista – che stanno lavorando quotidianamente per risolvere in tempi brevi qualsiasi criticità si presenti, creando meno disagi possibili alla cittadinanza e assicurando il giusto ordine e il giusto decoro a Cassino.