Giorno: 4 febbraio 2017

4 febbraio 2017 0

Cade nel Fiume Rapido a Cassino, cucciolo salvato dai vigili del fuoco

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Cassino – Rischiava di morire affogato nelle acque del fiume Rapido. A salvarlo sono stati i vigili del fuoco di Cassino.

Si tratta di un cane di piccola taglia che per sua fortuna è stato notato questa mattina da un signore che stava passeggiando in via Madonna di Loreto.

Immediatamente ha lanciato l’allarme e in pochi minuti sono arrivati sul posto i pompieri del distaccamento cittadino. Pochi attimi e l’animale è stato imbragato e tirato in salvo.

Stremato, spaventato ma in buone condizioni è stato affidato alle cure di una famiglia del posto.

4 febbraio 2017 0

Controlli senza sosta a mercato stazione ferroviaria sale scommesse di Cassino

Di admin

Cassino – Mercato e attività commerciali di Cassino oggetto di controlli da parte della polizia. Gli uomini del vice questore Alessandro Tocco, hanno esteso le verifiche dai luoghi dello spaccio di ieri sera, al mercato e ai centri di scommesse di questa mattina. Oltre al personale del locale Commissariato sono scesi in campo le pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine Lazio dotate del noto sistema “Mercurio”, piattaforma tecnologica per il controllo automatico delle targhe.

L’attività di Polizia ha riguardato il centro cittadino, lo scalo ferroviario, le aree periferiche nonché il mercato settimanale.

Nel corso di tale attività sono state identificate 79 persone, controllato 881 veicoli (di cui 848 con sistema Mercurio), elevate 2 contravvenzioni per violazione delle norme del Codice della Strada e controllato 4 esercizi commerciali.

4 febbraio 2017 0

Droga in piazza Labriola a Cassino, arrestato 30enne di Aquino

Di redazionecassino1

Cassino – Piazza Labriola si conferma tra i principali punti di spaccio a Cassino ed è lì che si concentrano le maggiori attività di controllo delle forze dell’ordine che, ieri sera, hanno assicurato alla giustizia un altro presunto spacciatore.

Si tratta di un 30enne di Aquino individuato grazie al fiuto di Yago e Yamil, i due cani poliziotto dell’unità cinofila che ieri hanno partecipato ai controlli insieme agli agenti del commissariato di cassino diretti dal Vice questore Alessandro Tocco.

Scatta la perquisizione, l’uomo, viene trovato in possesso di diversi pezzi di hashish per un peso complessivo di 40 grammi. La perquisizione si è spinta fino alla sua abitazione dove sono stati trovati altri 18 grammi di hashish e un bilancino di precisione.

Il 30enne viene tratto in arresto per il reato di  detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

In foto la droga sequestrata.

4 febbraio 2017 0

Pretende di viaggiare gratis e aggredisce il controllore, straniero arrestato dalla Polfer di Cassino

Di admin

Cassino – Alla stazione di Cassino, il treno diretto a Napoli centrale è pronto per la partenza, quando il controllore chiede il biglietto ad un passeggero.

L’uomo, un trentenne nigeriano,  invece di esibire il titolo di viaggio, reagisce con arroganza pretendendo di viaggiare senza pagare il biglietto e aggredisce il controllore.

Intervengono  gli uomini della Polizia Ferroviaria che stavano pattugliando lo scalo, e riescono ad immobilizzare, con non poche difficoltà, il nigeriano.

L’uomo è stato tratto in arresto e dovrà rispondere per i reati di violenza lesioni e minaccia a Pubblico Ufficiale.

4 febbraio 2017 0

Basket: Ferentino, contro Trapani, alla ricerca della prima vittoria interna

Di redazionecassino1

Seconda gara casalinga consecutiva per la FMC Ferentino: domenica 5 Febbraio gli amaranto saranno nuovamente di scena al Ponte Grande per affrontare la Lighthouse Trapani nella 20ª giornata del campionato di Serie A2 Citröen – Girone Ovest. I ciociari andranno alla ricerca del primo successo interno del 2017 affrontando la formazione siciliana di coach Ugo Ducarello che occupa il decimo posto in classifica con 18 punti all’attivo, due in più dei gigliati. All’andata la Lighthouse s’impose con il punteggio di 83-60 ma anch’essa, come la FMC, è reduce da una sconfitta casalinga, riportata per mano della Novipiù Casale Monferrato.

Riccardo Paolini: “Sarà una gara durissima perché Trapani ha un roster lungo e di altissimo livello, come dimostrato nella gara di andata. Nonostante ciò la Lighthouse ha solamente due punti più di noi quindi ha avuto qualche problemino, noi dovremo dare il massimo senza farci condizionare dai vari acciacchi avuti in settimana. Contro Treviglio abbiamo difeso male e ci è mancata un po’ di cattiveria agonistica, fa parte delle caratteristiche della squadra ma stiamo cercando di mascherarlo, inoltre è mancato quel pizzico di fortuna che spesso decide l’esito finale delle partite, senza voler togliere meriti alla Remer. A questo punto della stagione non conta giocare in casa o fuori, bisognare dare il massimo per prendersi i due punti, facendo più attenzione ai particolari che molte volte risultano decisivi”.

Bernardo Musso: “Con coach Paolini mi trovo davvero bene, ho giocato con lui per diversi anni e ormai ci conosciamo a vicenda. Domenica ci troveremo di fronte una squadra molto profonda, che come noi sta rendendo al di sotto delle aspettative ma che ha molte armi per metterci in difficoltà. Manca ancora tanto alla fine della stagione e c’è tempo per rimediare, speriamo di ripartire già dalla gara contro Trapani, dove dovremo cercare di essere più continui rispetto alle ultime uscite interne. La vittoria che manca da tanto tempo a Ponte Grande può condizionarci inconsciamente ma dobbiamo superare questo fattore e aggredire subito la partita per imporre il nostro ritmo, cosa che non siamo riusciti a fare contro Treviglio”.

Lighthouse Trapani: 1 Mays, 3 Costadura, 5 Renzi, 8 Tavernelli, 10 Simic, 11 Amato, 14 Ondo Mengue, 15 Ganeto, 19 Viglianisi, 22 Filloy, 34 Scott. Coach: Ducarello FMC Ferentino: 0 Guarino, 4 Capuani, 5 Musso, 6 Gigli, 10 Datuowei, 11 Sabbatino, 14 Gilbert, 15 Carnovali, 16 Aatata, 17 Bertocchi, 20 Benvenuti, 42 Raymond. Coach: Paolini

Arbitri – Federico Brindisi di Torino, William Raimondo di Roma, Alessandro Buttinelli di Cerveteri (RM)

Note – Bernardo Musso e Angelo Gigli hanno saltato qualche allenamento per problemi fisici ma saranno della partita, Matteo Imbrò prosegue il suo percorso di recupero e dalla prossima settimana tornerà a lavorare con la squadra.

4 febbraio 2017 0

Incendio alla ex Videocon di Anagni, in fiamme capannone di mille metri

Di admin

Anagni – Una densa colonna di fumo, questa mattina poco dopo le 10, si è levata dallo stabilimento ex Videocon di Anagni. Nell’azienda che produceva televisori ma chiusa da anni, si era sviluppato un grosso incendio che ha coinvolto i circa mille metri quadri di un capannone all’interno del quale erano ammassati materiali per imballaggi.

Cartoni, plastiche e polistirolo che hanno alimentato le fiamme fino a farle arrivare al tetto dove l’incendio ha attecchito anche ai fogli di catrame.

Per diverse ore due squadre di vigili del fuoco, oltre a quattro mezzi di supporto e ad una autoscala proveniente da Roma, hanno lavorato per arginare e domare il rogo. Sul posto anche carabinieri e polizia e l’Arpa Lazio.

Foto repertorio

 

4 febbraio 2017 0

Al San Raffaele bambini disabili privi di fisioterapia neuro-psicomotoria da settimane. Manca il medico di reparto

Di redazionecassino1

Cassino – C’è fermento e grande preoccupazione fra i genitori dei bambini che frequentano il reparto di riabilitazione neuro psicomotoria del San Raffaele di Cassino. Da settimane, per qualcuno anche mesi, molti di loro, circa settanta, che seguono progetti riabilitativi specifici non possono proseguire le cure per mancanza di un medico specialista che elabori quei progetti mirati alle esigenze di ciascuno dei piccoli pazienti. Da troppo tempo, infatti, il responsabile medico specializzato in neuro-psicomotricità infantile ha lasciato la struttura cassinate per un altro incarico, almeno questa è la motivazione che la direzione dell’Istituto ha fornito ai genitori dei piccoli pazienti e alle associazioni che sono intervenute a seguire il caso. La preoccupazione dei genitori, però, è rappresentata dalle possibili conseguenze che ne possono derivare, per i bambini, da una sosta riabilitativa così prolungata. Molti di loro, proprio per evitar queste nefaste conseguenze sulla salute dei propri figli, sono corsi ai ripari facendo proseguire la riabilitazione privatamente a casa con esborsi considerevoli di denaro di tasca propria. Ma non basta, visto che, a detta di molti di loro, i piccoli sarebbero dirottati, in modo più o meno palese, verso altre strutture a pagamento molto lontane da Cassino, sembra ad Arce, Piedimonte e per qualcuno anche a Campobasso, in attesa che si risolva il problema. Una situazione, quella che si è creata, che ha dell’incredibile e vergognosa, che incide non solo sui bilanci delle famiglie interessate, in modo gravoso, ma pesantemente soprattutto sulle condizioni dei piccoli pazienti che si vedono penalizzati nel percorso riabilitativo con ovvie conseguenze sul loro stato di salute già compromesso dalle patologie di cui soffrono. Secondo la Direzione dell’Istituto sembra che non si riescano a trovare professionisti per sostituire il posto lasciato vacante dal precedente responsabile del reparto riabilitativo. Certamente qualche perplessità sotto questo aspetto e sulle motivazioni fornite dalla direzione del San Raffaele, esistono, tra le famiglie interessate e, a detta di alcuni di loro, potrebbero riguardare i compensi proposti ai medici contattati. Ma questa è un’altra storia. La Direzione dell’Istituto, tuttavia, ha assicurato che nelle prossime settimane si dovrebbe trovare la soluzione definitiva. Resta, comunque, il disagio vissuto dalle famiglie, ma soprattutto dai piccoli pazienti, fortemente penalizzati da questa situazione. In altre parole, un contesto che incide fortemente sempre e soltanto sui più deboli, su chi ha bisogno di cure costanti per non perdere i risultati e i progressi già acquisiti con fatica nel corso degli anni. L’ennesima vergogna di una sanità locale sempre più allo sbando e priva di interesse per il nostro territorio e per i suoi pazienti, ma è risaputo che gli interessi economici prevalgono sempre su tutto e tutti, anche se a farne le spese siano bambini disabili! F. Pensabene

4 febbraio 2017 0

Cassino – Chiusura del distaccamento della Polizia Stradale, Costanzo scrive al ministro Minniti

Di Antonio Nardelli

Simone Costanzo, Segretario Provinciale del PD, scrive al Ministro Minniti, ai Sottosegretari e a tutti i parlamentari eletti in ciociaria per scongiurare la chiusura di fatto del distaccamento della Polizia stradale di Cassino: un efficace presidio di legalità per tutto il cassinate.

di seguito il corpo della lettera.

Spettabile Ministro degli Interni On. Marco MINNITI

Per conoscenza Viceministro on. Filippo BUBBICO

Per conoscenza Sottosegretario On. Gianpiero BOCCI

Per conoscenza Sottosegretario On. Domenico MANZIONE

Per conoscenza tutti i parlamentari della provincia di Frosinone

Oggetto: Piano nazionale di razionalizzazione dei presidi della Polizia Stradale: accorpamento Distaccamento Polizia Stradale Cassino (FR).

Egregio Ministro,

mi permetto di sottoporre, alla sua attenzione, la situazione del distaccamento della Polizia Stradale di Cassino (Fr), che è oggetto nel piano nazionale sulla razionalizzazione dei presidi, di accorpamento con la Sottosezione Autostradale sempre di Cassino che, in pratica, considerato la mole di lavoro della Polizia Autostradale, la cronica carenza di personale e gli impegni assunti con la società autostrade per la vigilanza dell’arteria, significa la chiusura, con l’eliminazione di tutti i servizi d’istituto sul territorio. Parliamo di un reparto di 15 unità che rappresenta un presidio di legalità nella città e in tutto il cassinate ( un territorio di 25 comuni con oltre 100.000 abitanti ) che, purtroppo, per la sua posizione geografica, denota sovente una forte infiltrazione criminale, come si evince anche da recenti indagini: nel 2016 le oltre 1000 pattuglie impiegate hanno percorso più di 125.000 km sulle strade del basso Lazio, producendo un’attività significativa e importante in termini di efficienza e di sicurezza per i cittadini, in un territorio vasto e articolato, crocevia di numerose direttive di marcia dal Tirreno all’Adriatico e dal Nord al Sud della penisola. Ulteriormente il territorio di competenza è interessato ad un intenso traffico veicolare per la presenza dello stabilimento Fiat, attualmente in fase di rilancio, tanto che il Distaccamento è stato considerato organo di rilevanza sia nella progettazione della nuova viabilità a servizio dello stabilimento che nel piano dei rischi per la messa in sicurezza. Nella valutazione generale del piano di razionalizzazione credo sia utile valutare anche il particolare che Cassino è sede di un importante Tribunale, recentemente ampliato nelle competenze con la chiusura del tribunale di Gaeta e sede di un altrettanto importante polo universitario, molto frequentato, oltre a numerosissimi istituti scolastici di vari ordini e gradi presenti sempre in città. E’ importante tenere presente, pur nella giusta e condivisibile ottica di un risparmio, che l’affitto della sede del distaccamento ha un contratto con scadenza 2022 e può essere rescisso solo con una forte penale e che la sede della sezione autostradale, logisticamente non ha spazi a sufficienza per accogliere ulteriori mezzi e personale.

Pertanto, considerato tutti i motivi sopraesposti, vi chiedo di valutare positivamente la possibilità di stralciare il distaccamento della Polizia Stradale di Cassino dal piano di razionalizzazione e di consentire a un importante presidio di legalità di continuare a svolgere la propria funzione a favore del territorio.

Simone Costanzo

Segretario Provinciale PD Frosinone

4 febbraio 2017 0

Strana sostanza oleosa nel “Vascone” a Piumarola. Preoccupazione tra i cittadini

Di redazione

Villa Santa Lucia- Piumarola- Ancora preoccupazioni per le sorti di quello che viene chiamato il “Vascone” di Piumarola. Nell’acqua del canale, che si trova nei pressi del laghetto, questa mattina è stata notata da alcuni residenti una strana sostanza apparentemente oleosa di colore giallo scuro. Inutile parlare dello sconcerto e della preoccupazione che stanno agitando i cittadini che nei mesi scorsi addirittura si trovarono davanti acqua completamente verde. Sul posto questa mattina si sono recati alcuni rappresentanti dell’amministrazione comunale ed è stato chiesto l’intervento delle forze dell’ordine e dell’Arpa affinché venga fatta luce su quanto sta accadendo al canale e se c’è qualcuno che stia immettendo sostanze nell’acqua, mettendo a rischio l’ambiente e la salubrità del luogo. N.Costa