Giorno: 5 febbraio 2017

5 febbraio 2017 0

Cassino, muore in carcere per infarto un detenuto polacco

Di Antonio Nardelli
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Ieri sera alle 21.40 nella casa circondariale di Cassino un detenuto Polacco è morto per infarto fulminante. Inutili i soccorsi da parte del medico di turno che ha tentato invano di rianimarlo. Non ha potuto far altro che constatarne il decesso. L’uomo aveva circa 50 anni aveva.

5 febbraio 2017 Non attivi

Cassino- Distribuiti 3 quintali di trote alle famiglie in difficoltà grazie all’associazione Il sole splende per tutti e Asd Black Mamba Daiwa

Di redazione

Distribuiti 3 quintali di trote alle famiglie in difficoltà. L’iniziativa è stata messa a punto oggi presso la nuova sede de Il Sole Splende per tutti, associazione presieduta da Bruno Della Corte. La distribuzione è stato possibile grazie alla preziosa collaborazione dell’Asd Black Mamba Daiwa di Italo Velardo che ha donato la grande quantità di trote a seguito della gara di pesca. Un segno che la solidarietà può funzionare e bene e che a volte con un piccolo gesto si possono aiutare persone con gravi difficoltà economiche. Erano presenti alla distribuzione il vice sindaco di Cassino Carmelo Palombo e l’assessore alla cultura Nora Noury.

5 febbraio 2017 0

Pallamano A2: NHC Teramo non accetta il campo sostituttivo, verdetto nelle mani del giudice sportivo

Di redazionecassino1

Arriva Febbraio ed ecco che diventa impossibile allenarsi e disputare gare di pallamano in quel di Gaeta, infatti nel pomeriggio di Sabato 4 Febbraio ad avere la meglio tra i padroni di casa del Cus Cassino Gaeta ’84 e gli ospiti della NHC Teramo è stata ancora una volta la condensa creatasi sul 40×20 della struttura Geodetica,solo per denominazione visto lo stato pietoso in cui versa da decenni. Si giunge al campo e basta vedere quella patina che viene a formarsi sulla superficie di gioco per far subito intendere ai gaetani che sarà l’ennesima partita rimandata ma soprattutto una figuraccia con gli ospiti che rimangono perplessi da una struttura ormai in decadenza ed ai limiti del praticabile, indipendentemente dall’imprevedibile vento di scirocco,causa scatenante di condensa e forte tasso di umidità all’interno della struttura. In settimana il team di coach Antonio Viola si era già attivato per reperire il campo sostitutivo data l’impossobilità di allenarsi e vista la rottura di una parte della tensostruttura di Atina e dopo aver ricevuto risposte negative per concomitanze di gara ed altri impegni tra Formia,Fondi e Pontinia, si era raggiunta la disponibilità del campo di Capua. Secondo regolamento,i direttori di gara hanno aspettato la canonica ora di attesa (non proficua visto il peggioramento della superficie di gioco) per poi decidere sullo svolgersi della gara ma gli ospiti abruzzesi hanno rifiutato di recarsi in quel di Capua ed ecco che ora la decisione passerà nelle mani del giudice sportivo, quale assieme alle dichiarazioni delle due società ed al referto dei signori Carrino-Pellegrino con allegata la documentazione della società cussina, deciderà il da farsi. Per coach Antonio Viola:”Sappiamo ormai da anni che nei mesi di Gennaio e Febbraio andiamo incontro ai problemi di condensa dovuti al forte scirocco ma la sfortuna ci è ricaduta addosso doppiamente visto il danno creato da neve e ghiaccio alla nostra struttura sostitutiva di Atina. Ecco che da mercoledì ci siamo attivati scrivendo in federazione e riuscendo a reperire il campo di Capua grazie agli amici campani che si sono prontamente messi a disposizione. Ciò che mi preme è che in federazione nelle persone degli organi competenti e del giudice sportivo, capiscano gli enormi sforzi da noi fatti e delle problematiche di certo non dipese da noi ma da eventi atmosferici particolari. Attendiamo la decisione del giudice sportivo e siamo disposti a ripetere la gara infrasettimanalmente come da regolamento o ad ogni modo in un giorno stabilito e preconcordato tra società e federazione. Purtroppo sono anni che capitano eventi del genere e speriamo sia davvero la volta buona che arrivi una struttura degna di un campionato nazionale e con impianti atti a combattere l’umidità delle nostre zone in periodi particolari dell’anno”.

Cus Cassino Gaeta ’84 – NHC Teramo (NON DISPUTATA) Arbitri: signori Carrino – Pellegrino.

5 febbraio 2017 0

Donna ferita al petto da colpi di pistola a Sant’Elia Fiumerapido

Di redazione

Sant’Elia – Una donna di 45 anni è in gravi condizioni ricoverata all’Umberto I di Roma. Alle dieci circa di stamattina a Sant’Elia Fiumerapido, la donna di origini albanesi è stata trovata agonizzante con un colpo di ama da fuoco al petto. Le immediate indagini mentre scattavano i soccorsi, sarebbero indirizzate verso il tentato suicidio. Il colpo è stato esploso dala pistola del compagno della donna. L’uomo è stato denunciato per mancata custodia.

5 febbraio 2017 0

Latina – Frosinone: la lunga giornata del derby

Di redazionecassino1

Si è conclusa alle venti di ieri sera con la festa dei tifosi al Matusa insieme alla squadra la lunga giornata dell’atteso derby Latina – Frosinone. I 450 sostenitori gialloblu’ si erano radunati nella mattinata a piazzale Europa seguendo le indicazioni ripetute più volte nei giorni scorsi dalla Questura di Frosinone attraverso appositi comunicati stampa.

Qualche malumore si è creato tra i tifosi quando hanno ricevuto la comunicazione che il G.O.S. della Questura di Latina non aveva autorizzato l’esposizione di uno striscione “copricurva” in quanto non approvato come ignifugo dal rappresentante dei Vigili del Fuoco in seno al citato organismo; i supporters canarini hanno ritardato di circa due ore la loro partenza sperando che le loro richiese dell’ultimo minuto sullo striscione potessero essere accolte.

Il calibrato servizio di ordine e sicurezza pubblica predisposto – circa 30 poliziotti diretti da due Funzionari – ha posto in essere tutte le iniziative del caso e la carovana si è mossa verso il capoluogo pontino lungo il percorso vigilato anche con la preziosa collaborazione delle pattuglie della Polizia Stradale, Carabinieri, Polizia Provinciale e Locale.

Al limite di provincia il corteo è stato “ agganciato “ dal personale della Polizia di Stato della Questura di Latina ed accompagnato presso l’Area Expo del capoluogo pontino dove, dopo i controlli di routine, i sostenitori canarini sono stati condotti allo stadio a bordo di bus navetta.

Dopo i festeggiamenti al Francioni per la vittoria dei loro beniamini i 450 sono ripartiti per Frosinone scortati sempre dagli uomini della Polizia di Stato e, giunti nel capoluogo, si sono diretti al Matusa ad attendere la squadra.

Anche allo stadio la Questura di Frosinone aveva già predisposto adeguati servizi di ordine e vigilanza con le Volanti dell’UPGSP e le Pattuglie dell’Arma Carabinieri che hanno assicurato che la festa si svolgesse nella massima sicurezza.