Giorno: 25 febbraio 2017

25 febbraio 2017 0

Imprenditori agricoli a sostegno delle aziende colpite dal terremoto del Centro Italia

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Anche il gruppo dell’associazione amici della campagna di Piedimonte San Germano tra gli imprenditori agricoli del frusinate che hanno voluto offrire solidarietà alle sfortunate aziende agricole delle zone colpite dal terremoto del Centro Italia. Si sono messi in viaggio per portare ciò che può essere utile a tante persone che stanno vivendo momenti difficili. La colonna di mezzi ha provveduto a raggiungere alcune zone del Centro Italia e a portare alimenti per gli animali da fattoria e un aiuto concreto. Un grande atto di solidarietà che riempie il cuore di gioia.

25 febbraio 2017 0

Trappola sul marciapiede in via Garigliano

Di admin

Cassino – E’ largo quanto basta perché un bambino ci infili un piedino dentro e, se ciò avvenisse, la frastagliatura del bordo metallico non gioverebbe certamente alla salute del piccolo.

La “trappola”  larga poco più di una decina di centimetri sul coperchio metallico di un pozzetto, ci è stato segnalato da alcuni lettori.

È sul marciapiedi in via Garigliano di fronte al civico 56, dove ci sono tanti negozi e attività, quindi, con tanti pedoni che lo percorrono.

Un buco, inoltre, può essere anche tana o passaggio di topi; ulteriore motivo perché gli operai della manutenzione del comune di Cassino intervengano quanto prima.

Ermanno Amedei 

25 febbraio 2017 0

Gentiloni nelle zone terremotate: “Tutto a posto”… per loro

Di admin

di Max Latempa

In visita nelle zone terremotate, a sei mesi dal primo sisma, il premier Gentiloni ha stretto mani e dato pacche sulle spalle a destra e manca. Poi ha dichiarato: “Le istituzioni si dimostrino all’altezza della sfida che viene da questa situazione difficile, ciascuno si prenda le proprie responsabilità, perché se tutti, a cominciare dal presidente del Consiglio, alla Protezione civile, al commissario, alla presidente di Regione, ai sindaci e a tutti coloro che fanno parte di questa catena di comando, ci prendiamo le nostre responsabilità, abbiamo visto che i problemi possono essere risolti”.

E’ evidente che Gentiloni vive nel mondo delle favole, visto che fin’ora sono state realizzate solo 18 casette in legno sulle tremila necessarie e meno della metà delle stalle richieste  (gli allevatori hanno perso oltre novantamila capi di bestiame). Ma, in generale, come possono le istituzioni improvvisamente dare risposte ad un paese che da alcuni anni vive abbandonato a sé stesso? Quali problemi sono stati risolti?

E’ stato arginato il fenomeno dell’ immigrazione ed il degrado sociale derivante dalla guerra tra poveri in atto nelle città italiane?

E’ stato  trovato il modo di assicurare degna assistenza ai malati di Sla che da mesi rivendicano diritti civilmente e moralmente innegabili?

E’ stata fatta una legge elettorale che permetta agli italiani di avere un premier finalmente eletto dal popolo?

E’ stato risolto il problema della mancanza di insegnanti di sostegno per cui nelle scuole vi sono bambini disabili senza assistenza?

E’ stato ridotto il debito pubblico?

E’ stata ridotta la pressione fiscale?

E’ stata aumentata l’ occupazione?

Sono stati risolti i problemi di viabilità, aggiustando strade e ponti ridotti in stato pietoso in tutta Italia?

E ci sono altre mille problemi irrisolti.

I politici risolvono solo i propri problemi: vitalizi, poltrone, rimborsi spese, incarichi, beghe di partito.

La gente ha imparato a sopravvivere nonostante i danni creati da chi ci governa. Chi non ha imparato, soccombe.

A breve avremo anche un disoccupato in meno. Matteo Renzi, dopo tre anni passati da Premier a fare pubblicità e favori alle multinazionali Apple, Yahoo ed Amazon, ha avuto l’ incarico di insegnare all’ Università Stanford. Nel frattempo ha fatto anche un viaggetto nella Silicon Valley, perché una visita agli amici è d’obbligo.

Scommettiamo che a breve ci sarà un bell’incarico lautamente remunerato? Gli amici di solito sono di parola.

25 febbraio 2017 0

I bambini disabili potranno riprendere la neuro riabilitazione al San Raffaele

Di redazionecassino1

Cassino – Possono tirare un sospiro di sollievo le famiglie dei piccoli pazienti disabili che erano rimasti senza trattamento di fisioterapia neuro motoria del San Raffaele di Cassino. Sembra finalmente risolta la grave situazione che dallo scorso mese di novembre aveva privato i bambini che seguivano i progetti di neuro riabilitazione nella clinica cassinate. La struttura, infatti, sembra abbia trovato il nuovo specialista in neuro psichiatria infantile che dovrà elaborare e attuare quei progetti, in sostituzione del collega che nei mesi scorsi aveva assunto un nuovo incarico in una diversa struttura sanitaria. Come si ricorderà la Direzione della struttura aveva assicurato la soluzione al problema in breve tempo e così è stato. Si è così evitato che i bambini dovessero rivolgersi ad altre strutture lontane interrompendo la riabilitazione con gravi e negative conseguenze sui risultati ottenuti, con sacrificio, nel corso degli anni. Per una volta, insomma, si è scongiurato il peggio e la burocrazia ha seguito un percorso ed una durata quasi accettabile. Dovrebbero essere cessate, per genitori, le preoccupazioni per la salute dei loro figli e soprattutto la necessità di dover pagare privatamente le sedute di fisioterapia, come è avvenuto in questi mesi. Bisogna, infatti, ricordare che la vicenda aveva costretto molti di loro a pagare a proprie spese la riabilitazione con prestazioni a domicilio, proprio per evitare che una lunga inattività dei loro figli potesse pregiudicare la loro salute e i risultati ottenuti negli anni. I piccoli pazienti dovrebbero riprendere la riabilitazione al San Raffaele nei prossimi giorni. F. Pensabene

25 febbraio 2017 0

Paola Verde, nuovo assessore alle attivita’ produttive, innovazione tecnologica e rapporti con l’universita’

Di redazionecassino1

Il Sindaco del comune di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro ha firmato, questa mattina, la nomina della Prof. Ing. Paola Verde ad assessore alle Attività Produttive, Innovazione Tecnologica e Rapporti con l’Università. Il nuovo componente della giunta è professore ordinario di “Sistemi elettrici per l’energia” presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università degli studi di Cassino dal 2001. Dall’1 Settembre 2009 è stata Direttore del Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università di Cassino, la prima donna ad assumere questo incarico nella storia dell’UNICAS. La Prof. Paola Verde è, inoltre, responsabile scientifico dell’Unità di Cassino del Gruppo Nazionale di Ingegneria Elettrica ed Azionamenti Industriali – Sezione “Sistemi Elettrici per l’Energia” – del CNR. E’ stata nominata (8 marzo 2006 – delibera n. 214/07 dell’AEEG ) esperto per la valutazione dei progetti di ricerca di sistema del settore elettrico di cui all’art.11 del Decreto del Ministro delle Attività Produttive. Inserita nell’Albo permanente dei Revisori dei progetti COFIN, dal 1992 è membro dell’Institute of Electrical and Electronic Engineering (IEEE). “Dopo la designazione del Prof. Ulderico Schimperna, – Ha dichiarato il Sindaco del Comune di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro – che ha assunto la delega al bilancio, abbiamo voluto inseire nella nostra squadra un’altra eccellenza del nostro territorio. Paola Verde è una donna con capacità professionali elevate, stimata in ambiente universitario, ma, soprattutto, apprezzata per il lavoro che quotidianamente svolge in settori nevralgici per lo sviluppo e la crescita economica come, le attività produttive, l’innovazione tecnologica e la formazione”.