pubblicato il10 febbraio 2017 alle 17:15

Stalking in rosa a Frosinine, 20enne di Latina denunciata per molestie minacce e aggressione all’ex

Frosinone – Aggressione fisica, calunnie sul posto di lavoro, fino anche ad inseguimenti in auto. È una storia di stalking in rosa quella che a Frosinone ha portato alla denuncia di una 20enne di Latina. La ragazza aveva maldigerito la rottura del rapporto con il 23enne di Frosinone e aveva assunto atteggiamenti sempre più morbosi, diffamanti e aggressivi.
Dopo aver iniziato a contattare amici e parenti al solo fine denigrarlo, ha allargato il suo “raggio d’azione” cercando di “colpire” anche la sfera professionale dell’uomo.
Ha escogitato  di  telefonare al datore di lavoro ed ai colleghi del malcapitato ex per calunniarlo ma, constatando che le sue azioni non avevano sortito l’effetto sperato, ha cambiato strategia, optando per un appuntamento che il 23enne ha accettato  sperando di poter mettere fine definitivamente alla vicenda.
Tutto inutile, dato che la sera dell’incontro, l’uomo si è reso conto che la finalità del chiarimento era soltanto un pretesto della donna per fare un nuovo tentativo di riconciliazione.
All’ennesimo suo rifiuto scoppia l’ira furiosa della “respinta” che ha aggredito fisicamente l’ex che riesce ad allontanarsi anche grazie all’intervento di un suo amico.
La 20enne, però, ha iniziato un rocambolesco inseguimento in auto riuscendo ad affiancare la vettura del giovane minacciandolo dal finestrino.
Stanco, a quel punto Il giovane ha deciso di recarsi presso gli uffici della Divisione Anticrimine della Questura, diretta dal Primo Dirigente Agnese Cedrone, per formalizzare la denuncia. La donna è stata così denunciata per stalking, violenza e diffamazione.
© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini

Tags: , , , , , ,



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07