pubblicato il14 febbraio 2017 alle 14:15

Usura ed estorsione a Fumone, prestito di 12mila euro, diventa debito di 60mila

Fumone – Un prestito da 12mila euro è lievitato, nel giro di 15 mesi, fino a 60mila euro. Il tasso di interesse applicato che supera il 300% annuo ha portato all’arresto per usura, un uomo di Fumone e dovrà rispondere anche di estorsione dato che l’indagato, per ottenere i soldi, aveva minacciato la vittima.

L’indagine svolta dai carabinieri della compagnia di Alatri comandata dal maggiore Antonio Contente, è scattata in seguito alla denuncia fatta da un imprenditore alatrense che, non potendo accedere ai crediti bancari, aveva ottenuto la cifra di cui aveva bisogno dall’uomo oggi arrestato e ristretto presso il carcere di Frosinone.

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini

Tags: , ,



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07