Giorno: 5 marzo 2017

5 marzo 2017 0

Frosinone, pubblicati dal Comune i dati dell’ascensore dell’ultimo anno

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Frosinone – I responsabili dell’ufficio mobilità del comune di Frosinone hanno divulgato i dati relativi al periodo di esercizio dell’ascensore inclinato compreso tra il 9 febbraio 2016 e il 9 febbraio 2017: 22.500 le corse effettuate; 121.800 gli utenti che hanno usufruito della blindovia, in un anno. Da sottolineare il fatto, già reso noto precedentemente, che il Comune ha proceduto all’attivazione dell’iter relativo al raddoppio della linea dell’ascensore, per permettere alla cittadinanza di non rinunciare all’utilizzo dell’impianto, nei giorni in cui il primo binario risultasse chiuso, per motivi connessi all’attività di manutenzione ordinaria e straordinaria, come previsto dalla normativa. Il costo della nuova opera dovrebbe aggirarsi attorno al milione di euro e sarà finanziato, in parte, con gli oneri concessori dell’amministrazione comunale ed, in parte, con i fondi previsti dalla Comunità europea e dalla Regione per le procedure di infrazione, connesse all’inquinamento della valle del Sacco. “I dati diffusi dall’ufficio comunale alla mobilità – ha detto l’assessore preposto, Flora Ferazzoli – indicano chiaramente come i cittadini apprezzino la possibilità di usufruire di mezzi alternativi per gli spostamenti interni al capoluogo, facendo a meno dell’auto privata. Proprio per incentivare tale buona pratica, a vantaggio della qualità dell’aria, l’amministrazione sta lavorando al raddoppio dell’impianto, allo scopo di mettere in campo ogni strumento utile nell’ottica dell’abbattimento dei livelli di inquinamento all’interno del perimetro urbano del capoluogo”.

5 marzo 2017 0

Frosinone, autobus Cotral multato per smog.

Di redazionecassino1

Frosinone – Nella giornata di venerdì, la Polizia locale di Frosinone ha elevato una contravvenzione al codice della strada a un autobus del Cotral della Regione Lazio per aver violato l’ordinanza disposta dal sindaco Nicola Ottaviani, con cui si disponeva l’obbligo di spegnimento dei motori degli autobus, per le soste prolungate all’interno della cinta urbana. Gli uomini diretti dal vicecomandante Giancarlo Tofani, infatti, hanno proceduto ad irrogare la sanzione pecuniaria al conducente di uno degli automezzi del Cotral, che aveva lasciato il motore acceso per diverso tempo all’interno della stazione delle autolinee di piazza Sandro Pertini, ignorando le disposizioni emanate dal Comune, per tutelare la salute dei residenti e dei lavoratori impiegati all’interno del palazzo dell’Agenzia delle Entrate.

——————————————————————————–

5 marzo 2017 0

Di Rollo: “Aria nuova al Consorzio Valle del Liri”

Di redazionecassino1

Che il commissario non fosse arrivato a Cassino per concedersi un piacevole passatempo era apparso chiaro già dalla sua conferenza di presentazione, quando con una perentorietà che non ammetteva repliche (infatti non ve ne furono) denunciò artifici per chiudere i bilanci in (fittizio) pareggio e definì indifendibili le ultime assunzioni, deliberate nonostante il parere negativo della Regione, perché prive di adeguata copertura finanziaria. Le dichiarazioni rilasciate da Raffaele De Lipsis dopo il confronto con le organizzazioni agricole, sono altrettanto nette e coerenti con la sua missione finalizzata a ripristinare quella corretta e trasparente gestione amministrativa che, evidentemente, al Valle del Liri deve essere mancata se è vero che il consorzio registra la mancata riscossione di tributi per otto milioni di euro e se è vero che l’ente, per fare fronte alle ordinarie spese di funzionamento, ricorreva a cospicue anticipazioni bancarie, di fatto indebitandosi e accollando alla comunità dei consorziati interessi sempre più onerosi. Da subito abbiamo sostenuto la riforma dei consorzi voluta dal presidente Nicola Zingaretti, dall’assessore Mauro Buschini, condivisa e approvata dai consiglieri di maggioranza all’assemblea della Pisana. Non possiamo che benedire il nuovo corso, anche per il rispetto che si deve agli imprenditori agricoli, artigiani, alle fabbriche e alle aziende che hanno puntualmente pagato i tributi consortili tanto a Cassino, come ad Anagni e Sora, sede delle altre bonifiche dove i conti risultano in ordine e dove l’evasione è ridotta al tasso fisiologico, se non addirittura azzerata. Ben venga anche in via Gian Battista Vico la riorganizzazione del catasto per censire, e per assoggettare a contribuzione, tutti gli immobili e i terreni serviti dalla bonifica. Ben vengano i contatori per la verifica, con relativa tariffazione, dei reali consumi di acqua a uso irriguo perché finalmente tutti paghino e perché così ciascuno paghi il giusto, come ha ricordato Raffaele De Lipsis. Le responsabilità del disastro finanziario del Valle del Liri hanno nomi, cognomi, facce. Consorziati e cittadini sanno già abbastanza, non hanno bisogno di altre informazioni per arrivare alla loro “identificazione”. Il consorzio è un patrimonio di tutta la città di Cassino, non solo dei consorziati. Come consigliere e come gruppo consiliare siamo pronti, nei limiti delle nostre prerogative, a sostenere il nuovo corso del Valle del Liri perché la sua riorganizzazione si traduca in servizi finalmente efficienti e in una gestione finanziaria rigorosa che, azzerando sprechi, evasione e contenziosi, riporti la bonifica più importante della provincia al suo prestigio di sempre. E’ quanto sostiene in una nota stampa Barbara Di Rollo, consigliere comunale di Cassino.

5 marzo 2017 0

Successo a Solfegna Cantoni per la Via Crucis in largo don Bosco

Di Antonio Nardelli

Il sole di primavera ha alimentato  il grande successo di pubblico riscosso per l’evento della Via Crucis organizzato dalla parrocchia di San Pietro Apostolo e dall’oramai nota associazione Largo a Don Bosco. Oggi pomeriggio alle ore 15.oo in largo don Bosco zona Solfegna  a Cassino si è tenuta una manifestazione che ha visto la presenza del parroco  della chiesa di San Pietro Apostolo don Fortunato Tamburrini il quale ha ricordato ai presenti il significato della Via Crucis.

Originariamente la vera Via Crucis comportava la necessità di recarsi materialmente in visita presso i luoghi dove Gesù aveva sofferto ed era stato messo a morte. Dal momento che un tale pellegrinaggio era impossibile per molti, la rappresentazione delle stazioni nelle chiese rappresentò un modo di portare idealmente a Gerusalemme ciascun credente. Le rappresentazioni dei vari episodi dolorosi accaduti lungo il percorso contribuivano a coinvolgere gli spettatori con una forte carica emotiva.

Tale pratica popolare venne diffusa dai pellegrini di ritorno dalla Terrasanta e principalmente dai Minori Francescani che, dal 1342, avevano la custodia dei Luoghi Santi di Palestina. Inizialmente la Via Crucis come serie di quattordici “quadri” disposti nello stesso ordine (vedi il capitolo seguente) si diffonde in Spagna nella prima metà del XVII secolo e venne istituita esclusivamente nelle chiese dei Minori Osservanti e Riformati. Successivamente Clemente XII estese, nel 1731, la facoltà di istituire la Via Crucis anche nelle altre chiese mantenendo il privilegio della sua istituzione al solo ordine francescano.

Il direttivo dell’associazione Largo a Don Bosco Giovanni Pontone Benedetto Vizzaccaro Giovanni La Marra Piero Luigi Di Raddo Pontone Paolo e Luigi D’Aguanno augurano a tutti buona Pasqua 2017.

5 marzo 2017 0

Cassino- Uno studente dell’Itis primo classificato nella fase provinciale delle Olimpiadi di Matematica. Grande soddisfazione presso l’istituto

Di redazione

Riceviamo dai ragazzi della redazione Ad Majorana dell’Itis di Cassino la nota stampa relativa alle Olimpiadi di Matematica. Comunicato che contiene una bellissima notizia. “Nella fase provinciale si classifica primo uno studente dell’ITIS “E. MAJORANA” di Cassino A sbaragliare la concorrenza con ben 11 punti di vantaggio sul secondo classificato è stato Riccardo Lanni, studente dell’ITIS “E. MAJORANA” di Cassino. Riccardo frequenta la classe V sez. B, specializzazione Informatica si è classificato primo alla fase provinciale delle “Olimpiadi della Matematica” – Edizione 2017, una importantissima competizione nazionale. Lo scorso 21 febbraio, presso il Liceo Scientifico “F. Severi” di Frosinone, si è svolta la gara che ha visto la partecipazione dei migliori studenti di matematica provenienti da diverse scuole della provincia. Tra tutti si è distinto il giovane e brillante studente del Majorana che aveva già brillato lo scorso anno, classificandosi terzo a livello nazionale alle “Olimpiadi dell’Informatica” svoltesi a Catania, risultando primo assoluto tra gli studenti frequentanti il quarto anno. Il prossimo impegno è previsto a Cesenatico, nel mese di maggio, dove si svolgeranno le gare nazionali. A rappresentare la provincia di Frosinone sarà Riccardo, insieme allo studente classificatosi al secondo posto. Grandissima la soddisfazione del dirigente Prof.ssa Ina Gloria Guarrera, del suo insegnante Prof. Izzo Gigante, dei docenti tutti dell’istituto che si sono congratulati con il vincitore e il suo “mentore”. La notizia ha suscitato grande emozione tra gli studenti dell’ istituto che hanno manifestato il loro giovanile entusiasmo a Riccardo per l’impresa compiuta. Ancora un successo per l’istituto cassinate a conferma del risultato ottenuto nella precedente Edizione delle Olimpiadi della matematica, dove si è classificato primo nella gara a squadra regionali – sezione tecnica -svoltesi l’8 marzo 2016 presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” e delle ben cinque vittorie della suddetta competizione conseguite negli anni precedenti. Risultati che consentano al Majorana di risultare primo tra gli istituti tecnici a livello regionale e primo assoluto tra tutti gli istituti della provincia di Frosinone. Un plauso agli insegnanti di matematica dell’istituto che, ormai da anni, elaborando strategie didattiche innovative, cercano di rendere accattivante e interessante lo studio di una disciplina che, come dimostrano le indagini statistiche, non sempre è “amata” dagli studenti”. Redazione AD MAJORAna

5 marzo 2017 0

A 26 anni, deve scontare pena di 20 anni per furti e rapine

Di admin

Terracina – Venti anni di carcere per furti e rapine. È la pena che deve espiare S.D. 26 anni residente a Ciampino, arrestata questa mattina dai carabinieri della compagnia di Terracina. Gli uomini del capitano Margherita Anzini hanno arrestato, in ottemperanza all’ordine di esecuzione per la carcerazione emessa dalla procura della Repubblica di Trapani, la donna di etnia  rom che, nonostante la giovane età, si era già macchiata di vari reati le i quali, è stata più volte condannata. L’unificazione delle varie pene la condannano a scontare in carcere 19 anni, 2 mesi e 6 giorni più ulteriori sei mesi. La donna è stata accompagnata in carcere a Rebibbia.

5 marzo 2017 0

Donna 52enne aggredisce e tenta di rapinare un 26enne a Casal di Principe. Arrestata

Di redazione

I Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Casal di Principe hanno tratto in arresto, nella flagranza del reato di rapina una donna 52enne di origini nigeriane. La donna, irregolare sul territorio nazionale, in Corso Umberto di quel centro cittadino, ha minacciato ed aggredito fisicamente un giovane 26enne di Lusciano al fine di farsi consegnare il denaro in suo possesso. Il tempestivo intervento dei militari dell’Arma ha interrotto l’azione delittuosa. L’arrestata verrà giudicata con rito direttissimo.

5 marzo 2017 0

Cassinate- Servizi di prevenzione e repressione dei furti, i carabinieri intercettano 4 persone sospette

Di redazione

Anche in questo fine settimana la Compagnia Carabinieri di Cassino, sotto il diretto coordinamento del Comando Provinciale di Frosinone, ha predisposto servizi di prevenzione e repressione dei reati contro il patrimonio. In merito sono stati effettuati servizi di pattugliamento sulle principali arterie che attraversano la giurisdizione, attuati di Posti di controllo tesi alla captazione di soggetti di interesse operativo nonché, ispezionati luoghi frequentati da pregiudicati e spacciatori. L’attività ha permesso di conseguire i seguenti risultati: a Cassino, segnalavano alla Prefettura di Frosinone quale assuntore di sostanze stupefacenti un 54enne del luogo, già censito per reati specifici, poiché trovato in possesso di grammi 0,213 di “eroina, sottoposta a sequestro; Sempre a Cassino, intercettavano e controllavano un 35enne campano, già censito per i reati di truffa, furto, estorsione ed altro, nonché tre donne di etnia rom, domiciliate a Napoli e già censite per reati contro il patrimonio, mentre si aggiravano con fare sospetto nei pressi di abitazioni isolate ed esercizi commerciali di quel centro. Ricorrendone i presupposti di legge, gli stessi venivano proposti alla Questura di Frosinone per l’irrogazione del Foglio di Via Obbligatorio; A Sant’Ambrogio sul Garigliano, intercettavano e controllavano due 30enni di questa Provincia, già censiti per reati contro il patrimonio ed altro, mentre si aggiravano con fare sospetto nei pressi di abitazioni isolate di quel centro. Ricorrendone i presupposti di legge i due venivano proposti alla Questura di Frosinone per l’irrogazione del Foglio di Via Obbligatorio; A Picinisco, intercettavano e controllavano un 36enne della provincia di Napoli, mentre si aggirava con fare sospetto nei pressi di abitazioni isolate di quel centro. Ricorrendone i presupposti di legge lo stesso veniva proposto alla Questura di Frosinone per l’irrogazione del Foglio di Via Obbligatorio.

5 marzo 2017 0

Weekend sicuro- Intensi controlli della Polizia in tutto il territorio provinciale

Di redazione

Sempre alta la guardia della Polizia di Stato nella provincia frusinate contro ogni forma di illegalità. Anche nella serata di ieri, infatti, la Questura di Frosinone, i Commissariati di Cassino e Sora e le Specialità presenti sul territorio provinciale hanno visto il proprio personale impegnato nel contrasto, in particolare, dello sfruttamento della prostituzione, dei reati predatori e dello spaccio di sostanze stupefacenti. La Task Force formata dagli uomini della Squadra Volanti, dagli agenti della Squadra Mobile, dai poliziotti dell’Ufficio Immigrazione e della Divisione Amministrativa, dagli specialisti del Reparto Prevenzione Crimine Lazio, dagli operatori della Polfer e della Polizia Scientifica e della Polizia Stradale, hanno setacciato la provincia di Frosinone. Mentre nel capoluogo gli agenti della Polizia di Stato erano impegnati in un servizio antiprostituzione, nel Cassinate i poliziotti hanno eseguito una serie di posti controllo per contrastare il fenomeno dello spaccio e dei reati predatori. Ad Isola del Liri gli uomini della Divisione Amministrativa e del Commissariato di Sora hanno concentrato la loro attenzione sui locali oggetto di movida. Nel corso di tale attività, durante la quale sono state identificate 335 persone, sono state eseguite le procedure di espulsione nei confronti di tre 25enni nigeriane non in regola con i documenti di soggiorno. Per una donna italiana della provincia di Potenza, con precedenti per reati contro il patrimonio, è stata avviata la procedura per il F.V.O.. Ad incappare nei controlli antidroga un egiziano ed un campano, apparsi particolarmente a disagio nella fasi del controllo. Sottoposti a perquisizione personale, occultavano nelle tasche diversi grammi di hashish. Accompagnati negli Uffici di Polizia del Commissariato di Cassino sono stato segnalati alla Prefettura di Frosinone per detenzione di sostanza stupefacente per uso personale. Una discoteca e diversi esercizi pubblici sono stati controllati nella “città delle cascate” per verificare la regolarità delle autorizzazioni di polizia e degli avventori. Alla Sezione Polizia Stradale di Frosinone, con il contributo delle sezioni distaccate, il compito di monitorare le arterie viarie della provincia. 22 le contravvenzioni al Codice della Strada elevate, 2 i documenti di circolazione ritirati.