Giorno: 8 marzo 2017

8 marzo 2017 0

Feroci polemiche sul film “La Ciociara” porno, minacciato il regista annuncia denunce

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Frosinone – La replica di Mario Salieri alle polemiche nate attorno al suo film hard “La Ciociara” è affidata ad un post su Facebook. Dopo aver ricordato che tra da sempre, tra le atrocità delle guerra vi è anche lo stupro compiuto dai vincitori sui vinti, il regista si dice sorpreso di tanto clamore anche perché, scrive: “Sottolineando con forza l’orrore e l’indignazione nei confronti di tutti coloro che nella vita reale si macchiano di qualsiasi tipo di violenza o sopruso ai danni dell’essere umano, ricordo che moltissimi registi di fama internazionale hanno rappresentato nelle loro fiction lo stupro con dovizia di particolari voyeuristici”.

Dopo aver fatto un lungo elenco di esempi, continua: “Ora apprendo con stupore che con tutti i problemi di cui è afflitta la nostra povera Italia la Senatrice Maria Spilabotte predispone un intervento urgente nell’aula del Senato per limitare la commercializzazione del film ancor prima della sua uscita, che il presidente dell’associazione vittime delle marocchinate Emiliano Ciotti ha scritto al presidente del consiglio Paolo Gentiloni una lettera di sdegno senza neanche aver visto il film e che la testa pelata Fernando Incitti dei CasaPound di Frosinone, che certamente nulla conosce del poeta Ezra, minaccia me e Roberta Gemma di violenza fisica. Ma stiamo scherzando? Spero che tutto questo sia frutto d’invenzione giornalistica (le minacce sono vere e già state querelate), ma se fosse reale allora è la conferma che in Italia siamo messi davvero molto male. A proposito… ma poi chi dice che nella mia versione della Ciociara siano rappresentate le marocchinate?”.

In un secondo post il regista sottolinea la distanza tra “La Ciociara” di De Sica interpretata dalla Loren e la sua interpretata dall’attrice hard Roberta Gemma. “Essendo molti di voi abituati a leggere soltanto i titoli dei post comunico immediatamente che nella mia versione della ciociara non sono presenti stupri e che non esiste alcuna citazione alle marocchinate. Soddisfatti? La storia del film è tutt’altra e si sviluppa prendendo spunto solo dalla parte iniziale del romanzo di Moravia. Avete regalato tanta pubblicità a un film porno, e per questo vi ringrazio, senza neanche aver visto un fotogramma e fidandovi di tutte le sciocchezze che giravano in rete. Insulti a me ed alla mia famiglia, minacce di violenza fisica, interventi urgenti all’aula del senato e lettere al presidente del consiglio. Povera Italia…”.

Ermanno Amedei 

foto tratte da facebook

Articolo precedente

8 marzo 2017 0

Il 10 marzo, il Presidente Zingaretti inaugurerà la Scuola Media “San Tommaso d’Aquino”

Di redazionecassino1

Aquino – Sarà inaugurata venerdì 10 marzo alle ore 10.45 la Scuola Media “San Tommaso d’Aquino” alla presenza del sindaco Mazzaroppi, la sua amministrazione, con la Dirigente Ladisi, i docenti e tutti i ragazzi dell’Istituto Comprensivo di Aquino, la progettista Arch. Carla Antonelli e l’impresa esecutrice, il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, accompagnato dal Prefetto di Frosinone S.E. dott.ssa Emilia Zarrilli, l’Assessore Mauro Buschini e dal Presidente della Provincia Antonio Pompeo. Il cantiere per la messa in sicurezza e la ristrutturazione dell’istituto scolastico, si era aperto poco più di un anno fa a seguito del finanziamento ottenuto a seguito della partecipazione al Bando Pubblico della Regione Lazio che ha visto il Progetto proposto dall’amministrazione Mazzaroppi, collocarsi nei primissimi posti della graduatoria utile. “Oggi, contro ogni avversità, nonostante gli esposti prodotti ad arte con lo scopo di rallentare o bloccare i lavori, in perfetta sintonia con i tempi di lavorazione – sottolinea il Primo Cittadino in una nota – previsti, lo storico edificio voluto, negli anni 70, dall’amministrazione guidata dall’allora sindaco Nicola Mazzaroppi, viene riconsegnato più nuovo, più bello, più sicuro, più efficiente alla comunità aquinate”. Enorme soddisfazione del sindaco Libero Mazzaroppi, nipote di quello che la fece edificare, cui si unisce quella della Dirigente Scolastica e di tutto il personale scolastico. “Siamo orgogliosi di ogni cosa fatta per assicurare tranquillità e sicurezza ai nostri ragazzi che devono stare in strutture adeguate e accoglienti – ha ribadito il sindaco della Città di San Tommaso– ma questo traguardo è la dimostrazione che quando si fanno le cose per bene e ci si crede fino in fondo, non c’è denuncia che tenga, i risultati arrivano. Oggi è la festa della Città e della gente di Aquino che si riappropria di una struttura importante, essenziale ma, soprattutto, è la vittoria dei nostri figli, di tutti i ragazzi che la frequentano e la frequenteranno nel prossimo futuro. Vincono le nostre buone pratiche amministrative che, quando efficaci, si impongono sempre – ha concluso il sindaco Mazzaroppi – per questo invito tutti i cittadini a partecipare all’evento ed approfittare per visitare la struttura per rendersi conto di persona di quanto di buono è stato fatto. Siamo certi – ha concluso – Libero Mazzaroppi – di aver reso, a costo zero per il bilancio comunale, un utile servizio al bene comune e alla crescita delle nuove generazioni”.

8 marzo 2017 0

Film porno ispirato alla Ciociara, il sindaco di Pontecorvo: “Vergogna”

Di admin

Pontecorvo – “Una sola parola riassume quanto sta avvenendo in queste ore, dove un dramma è stato trasformato in film porno: vergogna”.

Lo scrive in una nota stampa il sindaco di Pontecorvo Anselmo Rotondo in merito alla iniziativa del regista Mario Salieri, di realizzare un film porno ispirato a La Ciociara, il romanzo di Alberto Moravia che racconta delle nefandezze delle truppe marocchine compiute in Ciociaria durante la Seconda Guerra Mondiale.

“Pontecorvo assieme ad altri centri del sud della Ciociaria ha pagato un presso altissimo, donne e bambini stuprati dalle truppe marocchine. La conciliazione con la storia, una brutta storia, ancora non è avvenuta e molto probabilmente non avverrà. Troppa è l’amarezza e il rancore ora, questa pellicola, rappresenta un nuovo schiaffo. Siamo pronti, come amministrazione comunale, ad adottare e ad aderire a qualsiasi atto sia necessario per fermare la visione del film. Esprimiamo la solidarietà all’associazione Vittime delle Marocchinate”.

Leggi articolo precedente

8 marzo 2017 0

Simula una rapina per poter incassare l’assicurazione, denunciato 46 enne a Frosinone

Di admin

Frosinone – Ha denunciato di essere stato rapinato dell’incasso per poter  ottenere l’indennizzo dall’assicurazione.

Una iniziativa, quella compiuta da un 46 enne ciociaro, titolare di una agenzia assicurativa a Frosinone, che gli è costata la denuncia per simulazione di reato.

Il mese scorso l’uomo si era recato presso la Stazione Carabinieri di Supino per denunciare l’avvenuta rapina di cui era stato vittima all’uscita del suo ufficio dove, mentre si trovava a bordo della sua autovettura, era stato ostacolato da un’altra utilitaria dalla quale era sceso uno sconosciuto, con volto travisato da passamontagna, che minacciandolo con un coltello, lo avrebbe costretto a consegnargli l’incasso di 13mila euro contenuto in un borsello.

Nel successivo interrogatorio però, i Carabinieri del Norm, hanno colto più di una contraddizione nel racconto dell’uomo, il quale, incalzato dalle domande sempre più circostanziate, ha, infine, ceduto confessando di avere simulato la rapina per ottenere un indennizzo assicurativo, che però non aveva ancora richiesto.

 

8 marzo 2017 0

Pronto il Regolamento “rottamazione” tributi locali

Di redazionecassino1

Cassino – “Il regolamento per la “rottamazione” dei tributi locali è già pronto, con annesse delibere necessarie per l’approvazione in consiglio comunale e il modulo di adesione. Insieme all’assessore Ulderico Schimperna e gli uffici preposti stiamo valutando l’impatto che avrà sulle, purtroppo, già disastrate casse comunali”. Lo ha dichiarato il consigliere comunale e presidente della Commissione bilancio, Gianrico Langiano. “Tale provvedimento disciplinerà la definizione agevolata delle entrate comunali Ici, Imu, Tarsu, Tares, Imposta di pubblicità, canone occupazione suolo pubblico e violazioni codice della strada non riscosse a seguito di provvedimenti di ingiunzione di pagamento. Gli eventuali debitori possono estinguere il debito, senza corrispondere le sanzioni, versando: le somme ingiunte a titolo di capitale ed interessi, le spese relative alla riscossione coattiva, riferibili agli importi di cui sopra; le spese relative alla notifica dell’ingiunzione di pagamento; le spese relative alle eventuali procedure cautelari o esecutive sostenute. L’istanza deve contenere la manifestazione della volontà di avvalersi della definizione agevolata e tutti i dati identificativi del soggetto (cognome, nome o ragione sociale, data e luogo di nascita o di costituzione, residenza, sede legale e domicilio fiscale), i dati identificativi del provvedimento o dei provvedimenti di ingiunzione oggetto dell’istanza, l’eventuale richiesta di rateizzazione dell’importo dovuto. Nell’istanza il debitore indicherà altresì il numero di rate nel quale intende effettuare il pagamento, entro il numero massimo di quattro rate, nonché l’eventuale pendenza di giudizi aventi ad oggetto i debiti cui si riferisce l’istanza, assumendo assume l’impegno a rinunciare agli stessi, a non attivarne di nuovi o ad accettare la rinuncia, con compensazione delle spese di lite. Una volta finita l’analisi di impatto sul bilancio il provvedimento potrà essere calendarizzato in commissione e poi in consiglio comunale per la definitiva approvazione. Il regolamento vuole dare una preziosa opportunità ai cittadini che vogliano eliminare queste pendenze fiscali, soprattutto in un momento di crisi economica così difficile per tante famiglie”. Ha concluso il consigliere comunale, Gianrico Langiano.

8 marzo 2017 0

Gli atleti del Cus, pronti a fare incetta di medaglie ai C.N.U. La Fiaccola benedettina parte da Bruxelles

Di redazionecassino1

Icampionati nazionali universitari si avvicinano e il Cus Cassino viaggia a gran velocità. Quest’anno le fasi finali dei Cnu – che Cassino ha ospitato nel 2013 e che intende bissare nel 2020 – si disputeranno a Catania e la compagine del professor Carmine Calce intende portare a casa un bel po’ di medaglie. A far ben sperare sono soprattutto le formazioni di volley femminile e calcio a cinque maschile che viaggiano a tutta velocità verso Catania. Per quanto riguarda la pallavolo le ragazze di Carmine Calce nella giornata di martedì hanno battuto 3 a 2 il Cus Foro Italico mentre i ragazzi del calcio a cinque hanno espugnato Tor Vergata con un risultato tennistico: 1 a 7. Nelle fase preliminari dei Cni, insomma, queste due squadre stanno ottenendo ottimi risultati: sempre nel calcio a 5 il Cus Cassino la scorsa settimana era riuscito a strappare un pareggio d’oro con il corsaro Siena. “I miei complimenti vanno a entrambe le squadre”, commenta con entusiasmo il professor Carmine Calce che punta molto su queste due formazioni per i Cnu di Catania. Per la formazione di calcio a cinque sono scesi in campo: Francesco Di Fonzo, Matteo Pannozzo, Daniele Fusco, Diego Polselli, Alessandro Mercone, Alessio Patriarca, Mattia Izzo, Simone Cretella e Mariano Carcatella. Queste invece le “eroine” del volley femminile: Ilaria Pagliaroli, Noemi Pantano, Alessia De Luca, Martina Cancelli, Jola Dakas, Sara Marini, Chiara Ottaviani, Martina Tedeschi, Vanessa Massaro e Ilaria D’Annunzio. Intanto in questi giorni il Cus Cassino è impegnato anche con l’accensione della fiaccola benedettina che i tedofori del Centro Universitario Sportivo faranno brillare a Bruxelles, nella sede del Parlamento Europeo. Da mercoledì 8 marzo a sabato 11 la Fiaccola farà tappa in Belgio, a Bruxelles, capitale amministrativa d’Europa, dove sarà accolta dal Presidente del Parlamento Europeo; poi farà tappa al Governo Belga e dal Municipio di Bruxelles. “Porteremo la fiaccola benedettina nel cuore dell’Europa sia dal punto di vista geografico che istituzionale. – ha detto il Sindaco di Cassino Carlo Maria D’Alessandro – Saranno dei momenti intensi anche perché insieme ai Sindaci di Norcia e Subiaco sottoscriveremo il patto di fratellanza che ci legherà per gli anni a venire. Non esistono steccati, frontiere, ma solo tre entità unite nel nome del fondatore della Regola, nato in una splendida città che dovrà risorgere dalle macerie, ma che non sarà mai sola. Avremo l’onore di ufficializzare il patto di gemellaggio dinanzi al Presidente del Parlamento Europeo, l’amico Antonio Tajani che controfirmerà anche lui la carta che unirà la città di Cassino a Norcia e Subiaco”. “Quest’anno è stato scelto il ‘cuore’ dell’Europa perché nel 2017 il Marzo Benedettino coincide con il 60esimo anniversario dei Trattati di Roma”, spiega il presidente del Cus Carmine Calce che con i suoi tedofori provvederà all’accensione della fiaccola come ormai da tradizione consolidata.

8 marzo 2017 0

Al Santa Scolastica, intervento in endoscopia bronchiale salva la vita ad un 76enne, paziente oncologico

Di redazionecassino1

Cassino – Importante intervento eseguito all’ospedale “Santa Scolastica” di Cassino. Si tratta di un intervento eseguito in endoscopia bronchiale dall’equipe guidata dal Dott. Filippo Di Ruzza. Il paziente 76enne, di nazionalità straniera, arriva all’Ospedale Santa Scolastica di Cassino in urgenza con una grave affezione oncologica che potrebbe rivelarsi fatale: non respira, l’affezione oncologica gli blocca la trachea. (foto 1) Si decide per l’intervento di urgenza, si rimuove la massa tumorale e si aspetta di verificare l’esito. Al primo controllo in trachea lo spazio per respirare, per via della vicinanza delle parti aggredite dal male, si è di nuovo ridotto. Il paziente di lì a poco (qualche giorno, se non proprio ore) potrebbe venir meno. È questione di urgenza prendere una decisione delicata, affrontare un nuovo intervento che si effettua in pochi Ospedali italiani (non più di 10, quasi tutti strutture con identità universitaria), la parete interessata dall’intervento è fragile (di poca consistenza perché aggredita dal male) ed occorre una protesi speciale. I rischi, quindi, sono molti.

L’equipe guidata dal Dott. Filippo Di Ruzza, Responsabile della Unità Endoscopia Bronchiale, che fa parte del Dipartimento di Scienze Mediche (Direttore il Dott. Bruno Macciocchi), da qualche settimana – per una specifica iniziativa del Commissario Straordinario Luigi Macchitella – dispone a Cassino di un nuovo apparecchio grazie al quale possono proseguire nell’intervento salvavita del paziente: stiamo parlando del Bronscopio Rigido di Dumon con Laser. Ma occorre una protesi di nuova generazione (foto n. 2), non c’è in Ospedale, deve arri-vare dalla Francia. L’equipe non si perde d’animo e, grazie al buon nome ed all’eccellente livello di presta-zioni assicurate, riesce a far arrivare la protesi indispensabile alla perfetta riuscita dell’intervento (foto n. 3) in meno di 2 giorni. Dopo poche ore il paziente (76 anni) addirittura è in piedi e l’equipe operatoria non credeva ai propri occhi!».

«È questa la Sanità che stiamo cercando di organizzare – afferma con una punta di soddisfazione il Commissario Straordinario Luigi Macchitella – che prima si occupa dei servizi e poi di ciò che si dice. Come è noto questo esempio di prestazioni di eccellenza non è il solo e, sono certo, non sarà l’ultimo nella nostra ASL. Mi congratulo con i professionisti coinvolti, che come minimo hanno migliorato la qualità della vita al paziente, e spero nella positiva evoluzio-ne della patologia».

8 marzo 2017 0

Piedimonte San Germano: Rosa Maiuccaro, candidata sindaco del M5S: “Cercherò di onorare con serietà ed impegno questo incarico”

Di redazionecassino1

Rosa Maiuccaro è ufficialmente la candidata Sindaco del M5S di Piedimonte San Germano in attesa che la lista venga certificata dal team di Beppe Grillo. Alla presenza di 14 attivisti del MeetUp “Pedemontani in Movimento” la giovane giornalista è stata designata per ricoprire il ruolo di portavoce in vista delle prossime elezioni comunali. Laureata alla Kingston University di Londra in BA Journalism & Film Studies, Rosa Maiuccaro ha successivamente alternato al lavoro da giornalista freelance per i gruppi Condè Nast, Mondadori e Cairo Editore quello da volontaria nel terzo settore. Un impegno costante nel sociale che l’ha portata a viaggiare nei paesi più diversi per lingua, cultura ed etnia: dal Kenya al Canada, dagli Stati Uniti all’Europa dell’Est. Oggi, a 25 anni, si dice pronta per affrontare con coraggio l’ennesima avventura. “Sono lusingata dalla fiducia che gli attivisti del gruppo hanno riposto in me”, ha dichiarato. Non ho mai avuto ambizioni politiche e probabilmente mai ne avrò ma mi auguro di poter contribuire attivamente al cambiamento culturale promosso dal Movimento 5 Stelle, anche in una realtà piccola come quella di Piedimonte San Germano”. In nome della trasparenza, uno dei valori cardine dei pentastellati, il MeetUp ha deciso di rendere pubblica la votazione trasmettendola in diretta streaming sulla propria pagina Facebook dove centinaia di pedemontani hanno potuto assistere all’evento. Un volto nuovo nella politica locale che costituisce una sorpresa anche per gli altri due candidati al ruolo di primo cittadino che in questa tornata elettorale saranno l’avv. Gioacchino Ferdinandi e il dott. Ettore Urbano. Da domenica 12 marzo il MeetUp inaugurerà una serie di eventi per farsi conoscere dai cittadini di Piedimonte S.G. e per promuovere gli ideali e gli obiettivi del Movimento a cui si ispirano. Al primo posto c’è sicuramente l’emergenza rifiuti che da anni affligge il territorio ed è proprio da qui che gli attivisti del M5S hanno scelto di partire. All’agorà di domenica in Piazza Municipio saranno presenti il Parlamentare Luca Frusone e il Consigliere Regionale Devid Porrello che illustreranno i problemi e le eventuali soluzioni per ottenere una raccolta dei rifiuti più virtuosa. L’iniziativa sarà anche un modo per i cittadini di Piedimonte di venire a contatto con questo nuovo gruppo di attivisti che tenterà di dare uno scossone alla politica locale.

8 marzo 2017 0

Incendio distrugge giostra a Gaeta

Di admin

Gaeta – Giostra in fiamme questa notte a Gaeta. L’allarme è stato lanciato poco dopo la mezzanotte da passanti che hanno segnalato ai vigili del fuoco il denso fumo che sciva dalla giostra per bambini in via Battaglione degli Alpini.

All’arrivo sul posto i pompieri hanno trovato la struttura già completamente avvolta dalle fiamme. Subito dopo spento il rogo sonominiziate le indagini per risalire alle possibili cause che al momento sembrano essere accidentali.

Le gistrine, però, non erano funzionanti e nessuno è rimasto ferito.

8 marzo 2017 0

San Vittore del Lazio commemora i caduti della seconda guerra mondiale

Di Antonio Nardelli

San Vittore del Lazio – Preservare la memoria affinché essa sia lezione di vita, specialmente in circostanze come quelle odierne, dove la perdita dei valori è fattore così dilagante”. Su questo concetto, espresso in un momento di alta commozione e partecipazione emotiva della Sindaca Nadia Bucci, si è incentrata la celebrazione a San Vittore del Lazio del Martirologio in onore delle vittime civili e militari della Seconda guerra mondiale.

La commemorazione si è incardinata su due momenti clou: il primo, legato alla cerimonia vera e propria, breve, concisa ma emozionantissima a Largo Corte dei Santi, il secondo figlio di un ricordo più composto ma non meno solenne, condiretto dal parroco don Erwin Reyes che ha celebrato un’apposita mesa di suffragio presso la collegiata di Santa Maria delle Rose.

La chiesa, poco distante dal luogo ove l’ufficiale di Municipale preposto ha deposto una corona di alloro con fascia tricolore presso il monumento cippo ai Caduti sanvittoresi, ha quasi officiato in senso laico, con la sua solenne ombra serotina, un momento di profonda riflessione.

“Dobbiamo onorare questi martiri che a suo tempo furono capaci di tollerare non solo il sacrificio di una vita di orrori, ma la morte stessa – ha affermato la sindaca Bucci dopo aver sfiorato la corona di alloro deposta – ma anche di essere di insegnamento per le generazioni future affinché errori ed orrori della guerra dovenissero monito a ché la guerra divenisse strumento ripudiato dal nostro Paese. Viva l’Italia -è stata la chiosa con voce rotta dall’emozione- viva i sanvittoresi morti per la sua edificazione come Nazione civile che oggi onoriamo grazie anche ai nostri caduti”. Applauso scrosciante di fronte ad una raccolta platea, pausa riflessiva coi cittadini datisi convegno in villa e presenza alla funzione.