Giorno: 20 marzo 2017

20 marzo 2017 0

Appalti pubblici irregolari per 3,4 miliardi di euro scoperti dalla Gdf nel corso del 2016

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Roma – Molteplici le attività che hanno visto protagonista nel 2016 la Guardia di Finanza, illustrate a Roma nella sede della caserma “Gen. B. Sante Laria” del Comando Generale con la presentazione del “Rapporto annuale”.

Ben 45 i piani operativi sviluppati nelle diverse aree del Paese, finalizzati ad individuare possibili profili di connessione tra illeciti fiscali e ogni forma di delinquenza: dal contrasto patrimoniale alla criminalità economico-finanziaria e organizzata al concorso nella salvaguardia della vita umana, passando per la lotta agli sprechi di risorse pubbliche e ai traffici illeciti via terra come per mare.

Interventi parallelamente accompagnati da una politica condotta sul piano della prevenzione dei fenomeni evasivi, con risvolti positivi a carattere sociale generati dall’azione al servizio del Paese, come emerge dalle parole del Comandante Generale Giorgio Toschi. Nel suo discorso, di fatto, rimarcando le responsabilità del Corpo nell’arginamento del problema dell’evasione, ha evidenziato il contributo delle Fiamme Gialle al quadro di generale stabilità e semplificazione del sistema fiscale così come al sostegno dei contribuenti onesti nell’adempimento agli obblighi tributari. Sulla stessa scia il Ministro Padoan, prima di incontrare i componenti del Consiglio Centrale di Rappresentanza, sul tema ha sottolineato: “le Fiamme Gialle hanno continuato a svolgere un’azione di vigilanza e di tutela che contempla anche l’adempimento di una funzione sociale, sia a sostegno dei cittadini onesti che di quelli più bisognosi di aiuto da parte delle Istituzioni”.

Risultati importanti quelli riportati nel corso dello scorso anno, come emerso dai dati: su un milione circa di interventi, distribuiti nelle 2 missioni fondamentali di polizia economica (35%) e polizia finanziaria (65%), sono stati individuati appalti pubblici irregolari per 3,4 miliardi di euro, con la denuncia di 1.866 soggetti dei quali 140 tratti in arresto; scoperti casi di illegittima percezione o richiesta di finanziamenti pubblici – comunitari e nazionali – per oltre 775 milioni di euro, con la denuncia all’Autorità Giudiziaria di 3.066 soggetti di cui 53 arrestati. Individuate truffe nel settore previdenziale e nel Sistema Sanitario Nazionale per circa 158 milioni di euro, con la denuncia di 8.926 soggetti, 87 dei quali tratti in arresto, segnalati sprechi o irregolari gestioni di fondi pubblici che hanno cagionato danni patrimoniali allo Stato per più di 5,3 miliardi di euro. Per reati ed altri illeciti contro la Pubblica Amministrazione, denunciati 4.031 soggetti (56% per abuso d’ufficio, 21% per peculato e 23% per corruzione e concussione), di cui 241 tratti in arresto.

Queste sono solo alcune delle irregolarità sgominate a livello nazionale, alle quali si aggiungono 2.000 casi circa di frodi all’IVA, 4.056 casi di evasione immobiliare, in particolare nel settore delle cessioni/acquisti di immobili per importi diversi da quelli dichiarati,4.629 datori di lavoro risultanti aver impiegato 10.449 lavoratori in “nero” e 8.766 lavoratori irregolari. Sequestrate disponibilità patrimoniali e finanziarie per il recupero delle imposte evase nei riguardi dei responsabili di frodi fiscali per oltre 781 milioni di euro. Confiscati inoltre1.640 beni mobili e immobili, 239 aziende nonché quote societarie e diponibilità finanziarie per un valore complessivo di 1,3 miliardi di euro e ancora 710 apparecchi automatici da gioco, 715 postazioni di raccolta di scommesse clandestine, oltre 37,9 tonnellate di droga a carico di 6.678 soggetti denunciati, di cui 1.963 arrestati. Fondamentali in queste ultime operazioni l’intervento dei mezzi navali ed aerei del Corpo, che ha altresì fornito un rilevante contributo in termini di soccorso in occasione degli eventi sismici che hanno interessato il territorio del centro Italia nella notte del 24 agosto 2016e nei giorni successivi, grazie all’opera di fornitura di assistenza alle popolazioni colpite dal sisma, garantendo il trasporto di beni di prima necessità.

Nel corso del 2016, in occasione dell’emergenza rappresentata dall’aumento dei flussi migratori nel mar Mediterraneo centrale, individuati e tratti in salvo 3.574 migranti. Nel settore del contrasto all’immigrazione clandestina 124 soggetti sono stati tratti in arresto e 32 mezzi sono stati sequestrati perché utilizzati nell’illecito traffico.

Previsto un rafforzamento, nel 2017, dei rapporti di cooperazione e scambio informativo tra la stessa Guardia di Finanza e gli altri Enti e Istituzioni impegnati nel settore nonché la collaborazione di polizia e la mutua assistenza amministrativa in ambito internazionale ed europeo al fine di potenziare ulteriormente la qualità delle operazioni e l’ottimizzazione dei tempi di indagine ed intervento.

Giulia Guerra

20 marzo 2017 0

Residenza fantasma in Molise per truffare le compagnie assicurative. Una denuncia

Di redazione

Un imprenditore, 50enne di Cardito, in provincia di Napoli, è stato denunciato dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Agnone, in quanto avrebbe prodotto false documentazioni attestanti la sua residenza anagrafica presso il comune di Pietrabbondante, al fine di ottenere dalle compagnie assicurative di circa quaranta veicoli intestati alla società da lui amministrata, il pagamento di tariffe di gran lunga inferiori a quelle del luogo di effettiva origine. Quest’ultima operazione segue altre analoghe attività eseguite negli ultimi mesi dai Carabinieri dei reparti territoriali del Comando Provinciale di Isernia. Infatti lo scorso mese di novembre, fu sgominata una organizzazione composta da tre persone, tutte originarie del napoletano, che dopo aver ottenuto una residenza fittizia, stipulavano contratti assicurativi con diverse compagnie, per la copertura assicurativa di ben sessanta autovetture a loro intestate ma in uso ad altre persone, che pagavano a loro volta una percentuale ai componenti dell’organizzazione, ottenendo comunque il vantaggio di pagare tariffe molto più vantaggiose rispetto a quelle che avrebbero dovuto pagare nei luoghi di origine. In un’altra circostanza, una decina di falsi residenti che si erano trasferiti in modo fittizio da un comune all’altro della provincia, furono scoperti dai Carabinieri nell’imminenza delle consultazioni elettorali, ipotizzando in questo caso anche il reato di voto di scambio. E solo il mese scorso presso numerosi comuni della provincia, furono acquisiti documenti di interesse investigativo, ascoltate persone informate sui fatti e condotte altre attività di indagine che portarono alla scoperta di ben cinquantacinque residenze fantasma. Gli indagati, per la quasi totalità originari di comuni ubicati nelle vicine province di Caserta e Napoli, secondo quanto accertato dai militari, avrebbero prodotto false documentazioni attestanti la loro residenza presso comuni isernini, anch’essi al fine di ottenere dalle compagnie assicurative dei veicoli a loro intestati, in totale circa duecento, il pagamento di tariffe di gran lunga inferiori a quelle dei luoghi di origine. Alcuni di loro, avevano addirittura istituito le sedi, di fatto inesistenti, di quattro società nella provincia di Isernia, intestatarie complessivamente di centoventi veicoli. Altri ottanta veicoli, risultavano singolarmente intestati alle persone coinvolte nelle indagini, ed in alcuni casi alla stessa persona risultavano intestati anche più veicoli. Una truffa che supererebbe, secondo una stima approssimativa, di gran lunga il mezzo milione di euro.

20 marzo 2017 0

Anagni- Individuata dai carabinieri area con rifiuti speciali e pericolosi

Di redazione

Continuano i servizi in tutela dell’ambiente predisposti dal Comando Compagnia Carabinieri di Anagni. Nell’ambito di tali attività, nella mattinata odierna, ad Anagni, i militari della locale Stazione lungo la via comunale Anagni-Morolo, individuavano un altro sito, della superficie complessiva di circa 25 mq, sul quale era stata sversata ingente quantità di rifiuti speciali e pericolosi, consistente in materiale plastico, scarti di materiale edile e rifiuti solidi urbani ed eternit. Nella circostanza, i militari operanti delimitavano l’area, attivando immediatamente le procedure previste ai sensi della normativa vigente a carico della competente Amministrazione Comunale.

20 marzo 2017 0

Piedimonte al voto. il candidato sindaco Ferdinandi: “Piazza Municipio va resa più fruibile e vivibile”

Di redazionecassino1

Piedimonte San Germano – Il “Tour dell’Ascolto” del candidato Sindaco Gioacchino Ferdinandi continua senza sosta verso la quarta settimana di incontri-dibattito con i residenti nelle diverse zone di Piedimonte San Germano. Nel pomeriggio di venerdì scorso il trentacinquenne avvocato ha incontrato i cittadini di piazza Municipio, mentre domenica quelli di via Cesarelle, zona frazione Ruscito a confine con il territorio di Villa Santa Lucia. Ad accompagnare l’aspirante primo cittadino nell’appuntamento di venerdì vi erano i candidati: Leonardo Capuano, Nunzio Di Palma, Veronica Avella, Donatella Massaro, Elena Spiridigliozzi, Valerio D’Alessandro, Claudio Calao, Carlo Cerrito e Marilisa Tomassi. E’ stata proprio quest’ultima ad introdurre l’aspirante primo cittadino del movimento civico che, giorno dopo giorno, sta raccogliendo sempre più consenso ed approvazione da parte della popolazione. Tanti sono stati i cittadini che hanno voluto prendere la parola nel corso del dibattito pubblico a ridosso della piazza del Comune. Tanti sono stati gli attestati di stima e di fiducia di persone che, anche in questa occasione, hanno voluto ribadire con forza il loro impegno a sostenere il progetto civico che vede un gruppo di giovani e giovanissimi protagonisti in una competizione elettorale basata su rinnovamento e voglia di cambiare. “E’ il momento giusto per voltare pagina – ha sottolineato la candidata Tomassi rivolgendosi agli abitanti del centro – ora è il nostro turno. Voglio ringraziare pubblicamente gli amministratori che ci hanno preceduto in questi anni ma ora Piedimonte ha bisogno di una classe dirigente in grado di governare stabilmente. E la squadra che vede come portavoce Gioacchino Ferdinandi sarà sicuramente all’altezza del compito”. Poi è stata la volta del giovane professionista che ha presentato il suo progetto per Piedimonte, fatto di argomentazioni concrete e di impegni strategici per lo sviluppo del territorio. “Vogliamo che la piazza diventi più vivibile e più fruibile a tutti con un progetto di riqualificazione – ha detto Gioacchino Ferdinandi rivolgendosi ai tanti – e raccolgo con grande responsabilità le richieste che ci giungono dai nostri concittadini che ci chiedono più attenzione al problema della sosta selvaggia intorno alla piazza, al miglioramento della viabilità della zona e la sistemazione dell’arredo urbano, magari semplicemente con l’istallazione di altre panchine, per permette ai nostri anziani di godersi la piazza. Cose fattibili e che sicuramente daranno un aspetto migliore e più civile all’intera zona, cuore pulsante del nostro Paese”. Dalla campagna di ascolto fra la gente stanno arrivando molti contributi per la costruzione del programma politico-elettorale. Domenica 19 marzo l’aspirante Sindaco Ferdinandi si è spostato in zona Cesarelle. I cittadini, nel corso dell’incontro, oltre a lamentare la carenza di servizi indispensabili, come ad esempio l’assenza della rete del metano e il miglioramento e la manutenzione della viabilità stradale, hanno lanciato un appello: amministrare il Paese con un occhio di riguardo alle periferie che vanno salvaguardate e protette soprattutto mantenendo quella vocazione agricola che hanno sempre avuto e che in molti continuano a portare avanti con grandi sacrifici. “Perché – ha sottolineato un residente – quando è passata la Tav questa zona ha visto in simultanea la nascita di importanti opere che ancora oggi sono sotto gli occhi di tutti e quando invece è passata una grossa rete del metano non si è visto uno straccio di opera compensativa? Hanno danneggiano la nostra zona e nessun amministratore dell’epoca ha pensato di chiedere in cambio contributi per migliorare la vita dei cittadini di queste parti”. All’incontro a Cesarelle l’avvocato Ferdinandi era accompagnato dai candidati: Nunzio Di Palma, Vincenza De Bernardis, Leonardo Capuano e Francesca Pannone.

20 marzo 2017 0

Incidente stradale tra “super car” a Cassino, coinvolta una Lamborghini

Di admin

Cassino – Una Lamborghini e una Audi A6 sono le due “super car” rimaste coinvolte questa mattina poco dopo le 13 in un incidente stradale sulla via Casilina nord a Cassino.

Il sinistro è avvenuto proprio di fronte al supermercato Conad in direzione Cassino.

Le due potenti e costose auto, si sono scontrate e l’Audi è finita con la parte anteriore nella cunetta. Danneggiata anche la Lamborghini nella parte anteriore. Per fortuna non sembrano essere stati segnalati feriti ma solo danni.

Ermanno Amedei

A parziale rettifica di quanto scritto nel pomeriggio, precisiamo che la Lamborghini sarebbe arrivata successivamente sul posto e che, quindi, l’incidente ha visto coinvolta l’Audi A6 e una Fiat. Ci scusiamo per l’imprecisione. E. A.

20 marzo 2017 0

“Finiscono” i vice Prefetto a Frosinone, il Commissario di Villa Latina arriva da Roma

Di admin

Frosinone – Vice Prefetto Dott.ssa Letizia Lucia Teresa Miglio, della Prefettura di Roma, è stata nominata dal Prefetto di Frosinone Emilia Zarrilli, commissario prefettizio del comune di Villa Latina, con poteri spettanti al consiglio Comunale, alla  Giunta e al Sindaco.

Il provvedimento si è reso necessario in seguito allo scioglimento del civico consesso a seguito delle dimissioni contestuali rassegnate da parte di sei Consiglieri in data 2 marzo.

Tale nomina “esterna” alla Prefettura di Frosinone si è resa necessaria a causa della carenza di dirigenti prefettizi in servizio presso la sede Ciociara già impegnati in incarichi commissariali nei comuni di Pignataro, Piedimonte e Campoli Appennino.

Ermanno Amedei

 

20 marzo 2017 0

Due incidenti stradali nel Pontino, tre feriti

Di admin

Terracina – Due incidenti in poche ore in provincia di Latina hanno causato il ferimento di tre persone di cui due in modo grave.

Il primo è avvenuto ieri sera sulla via Flacca in territorio di Terracina nella località Santa Anastasia quando, una Kia con una coppia a bordo, è andata dritta sulla rotatoria schiantandosi contro un palo della pubblica illuminazione.

Sul posto i vigili del fuoco di Terracina hanno dovuto liberare dalle lamiere il conducente e affidarlo alle cure degli operatori del 118, che, insieme alla compagna, lo hanno trasportato in ospedale a Terracina.

Questa mattina, invece, la stessa squadra di pompieri di Terracina è dovuta intervenire sulla strada provinciale Fondi Sperlonga per un altro sinistro che ha visto coinvolta una utilitaria guidata da una donna.

Anche in questo caso è stato necessario tagliare le lamiere per liberare la ferita le cui condizioni sono apparse molto gravi.

20 marzo 2017 0

La Virtus Cassino supera anche la LUISS Roma

Di redazionecassino1
La LUISS Roma ci prova in tutti i modi e pareva ad un certo punto che il vantaggio accumulato dai romani nel corso dei primi due quarti fosse tale da rendere la rimonta, l’ennesima rimonta, cassinate vana. Ma l’atmosfera del palasport cassinate quando diviene incandescente è davvero un toccasana per le “V” rossoblù che si esaltano nelle difficoltà di un match tutto in salita e regalano l’ennesima gioia ai propri sostenitori.  Partenza forte degli uomini di Vettese che al settimo minuto di gioco della prima frazione conducono 21 a 11 grazie al solito Simone Bagnoli (ennesima doppia-doppia, 12 rimbalzi portati giù dalle plance, 29 punti realizzati, con il 74% da due punti in 30 minuti giocati per un 30 di valutazione finale), MVP di serata, che con una conclusione dall’area sigla il massimo vantaggio per i padroni di casa.

Ma qui inspiegabilmente arriva il “black out” che definiremmo totale per le “V” rossoblù.

In 13 minuti, fino alla sirena del termine della seconda frazione, Panzini e soci porteranno a casa la miseria di 16 punti a fronte dei 38, dicasi trentotto, realizzati dagli ospiti universitari.

49 a 37 per gli ospiti.

Una enormità per le velleità dei padroni di casa che oggettivamente hanno subito la verve dei romani e soprattutto la perfetta organizzazione offensiva dei ragazzi di Paccariè. Sugli scudi per gli ospiti un ottimo Scuderi che con 26 punti realizzati risulterà il top scorer e Beretta a duellare con Bagnoli sotto le plance.

Negli spogliatoi coach Vettese evidentemente si fa sentire, dal momento che la BPC al rientro dagli spogliatoi ha totalmente un altro cipiglio. La squadra della città martire riorganizza la sua difesa che sale notevolmente di tono e soprattutto di intensità e le palle recuperate vanno via a go go. Sul fronte opposto sono dapprima Bagnoli e poi il play Panzini (due triple in rapida successione) a scrivere la nuova parità a quota 54, nel corso della terza frazione. Gli universitari però replicano immediatamente rimettendo la testa avanti e vanno all’ultimo riposo con 5 lunghezze di vantaggio. 65-60.

E’ nella frazione conclusiva che la Virtus Cassino mette il turbo piazzando un parziale di 24 a 11. E sono soprattutto gli ottimi Petrucci e Quartuccio a riconsegnare la testa nel punteggio alla BPC di Cassino. Il primo con palle rubate, il secondo con canestri dalla lunga distanza. I romani provano a resistere ma i rossoblù sono gasatissimi e aggrediscono il match. Continuano nel loro show Panzini e Bagnoli. L’asse play – pivot rossoblù si riappropriano della partita e propiziano l’allungo in doppia cifra, in modo tale che i tifosi cassinati possano vivere con meno apprensione il finale.

La gara termina con la Virtus Cassino vittoriosa per 84 a 76. Con questo successo la Virtus mette definitivamente in cassaforte il quinto posto in classifica e da qui in avanti potrà guardare esclusivamente alle squadre che la precedono, con tutte le intenzioni di guadagnare qualche posizione nella griglia playoff.

Altra considerazione importante è che dal punto di vista emotivo questa affermazione rappresenta una vittoria importantissima, che dimostra tutta la capacità di questa squadra di trovare sempre protagonisti diversi e reagire nei momenti di difficoltà, anche contro un avversario molto forte ed organizzato come la Luiss.

In sala stampa per la Virtus Cassino va l’assistant coach Furio De monaco il quale commenta così la gara: “Loro sono un brutto cliente, qualità ne hanno a iosa ed essendo una squadra di universitari c’è sempre il rischio di prenderli sotto gamba. Avevamo però il dente avvelenato dalla gara di andata. In quell’occasione nel secondo tempo la gara aveva preso una brutta piega per merito del duo arbitrale. I primi 5 minuti oggi sono stati tutti nostri, poi ci siamo rilassati e loro ci hanno punito. In un campionato come questo non ci si può permettere assolutamente un lusso del genere”.

Negli ultimi due quarti però la Virtus ha ribaltato tutto : “Siamo rientrati dagli spogliaoti con un’altra testa, abbiamo subito messo sul parquet la necessaria intensità ed il giusto atteggiamento. Abbiamo fatto quello che avevamo preparato e lo abbiamo fatto con la giusta mentalità. Bisogna riconoscere alla Luiss il merito di averci messo in grossa difficoltà per un tempo, merito a noi che siamo rimasti lì e che poi abbiamo cambiato passo”. Ora la gara di Patti, prima della settimana terribile con le sfide contro Palestrina e Cuore Azzurro Napoli Basket. Poi Catanzaro, Scauri e Teramo per chiudere la regular season, secondo De Monaco la posizione in classifica non sarà fondamentale in vista dei playoff: “Di solito noi mettiamo qualcosa in più nella seconda parte della stagione, quest’anno era difficile essendo partiti con un roster totalmente nuovo e avendo cambiato due giocatori in inverno. Normale che la squadra avesse bisogno di un periodo di rodaggio, adesso arriveremo alla post-season nella migliore condizione possibile. La posizione la vedremo, il fattore campo non è fondamentale”.

In casa Cassino nessuna preoccupazione per questa fase finale del girone di ritorno, ma i ragazzi di coach Vettese si preparano al momento della verità: “Il campionato è come una lunga preparazione ai playoff e noi sappiamo di potercela giocare con tutti. La voglia di arrivare in fondo c’è”.

 

BPC Virtus Cassino – ASD LUISS Roma 84-76

Parziali: 21-22, 16-27, 23-16, 24-11

BPC Virtus Cassino: Simone Bagnoli 29 (14/19, 0/0), Nicolò Petrucci 16 (1/3, 4/11), Biagio Sergio 14 (4/4, 0/3), Lorenzo Panzini 10 (2/4, 2/8), Renato Quartuccio 7 (2/2, 1/4), Maurizio Del Testa 5 (1/2, 1/1), Valerio Marsili 2 (1/3, 0/0), Duilio Ernesto Birindelli 1 (0/1, 0/2), Gianluca Valesin 0 (0/0, 0/0), Filippo Serra 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 10 / 13 – Rimbalzi: 34 12 + 22 (Simone Bagnoli 12) – Assist: 23 (Lorenzo Panzini 8)

All. Luca Vettese

ASD LUISS Roma: Scuderi 26 (7/9, 2/6), Beretta 16 (5/11, 0/1), Marcon 14 (5/7, 0/1), Pozzetti 12 (1/3, 2/4), Ramenghi 6 (2/3, 0/0), De Dominicis 2 (1/2, 0/0), Di Fonzo 0 (0/6, 0/0), Bonaccorso 0 (0/0, 0/1), Miriello 0 (0/0, 0/0), Faccenda 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 22 / 27 – Rimbalzi: 27 7 + 20 (Beretta 9) – Assist: 15 (Marcon 6)

All. Paccarié

MVP : Simone Bagnoli

20 marzo 2017 0

Longobarda e Sangermanese, prove di fuga

Di redazionecassino1

Prosegue la marcia solitaria della Longobarda Pontecorvo nel torneo di Eccellenza, in testa alla classifica dopo la vittoria casalinga, per 2 a 1 ottenuta contro Cafè Retrò Aquino. Sei le lunghezze che la separano dalla diretta inseguitrice 03039 Sora a cui non basta il 3 a 0 inflitto a Tordoni Pontecorvo per avvicinarsi ulteriormente alla capolista. Tre punti conquistati anche dall’altra formazione volsca, Canceglie Sora, che supera i padroni di casa Cover Yammo.it per 2 a 3. Vince anche il fanalino Viticuso che infligge un pesante 3 a 1 a Real Valle. Vittoria esterna anche per la Virtus Scauri sul campo di Caira per 0 a 1. Vittoria anche per Extravaganti (nella foto) in terra di Pontecorvo su Tiffany Isotopi. Nel girone “A” di Promozione domina la classifica la Sangermanese, a quota 45 punti, dopo la facile vittoria casalinga, 5 a 2, contro S. Apollinare. Sei lunghezze separano la capolista da AM Castrocielo nonostante la vittoria di misura, 0 a 1, ottenuta sul terreno di Cervaro. Non va oltre il pareggio, 2 a 2, AM Aquino, fermato da Tecnocasa Cassino. Brutta sconfitta, 3 a 0, per La Cartiera sul terreno di AM S. Ambrogio. Nel girone “B” ancora in vetta Collecedro e Guaranà Cafè dopo le vittorie ottenute rispettivamente, contro Caffè Reale per la formazione sant’angelese che batte 2 a 3 i padroni di casa di Cassino. Di misura, invece, la vittoria esterna pe Guaranà Cafè sul terreno di S. Ambrogio City. Non ne approfitta Vallemaio che si ferma al pareggio, 2 a 2, contro AM Pignataro.

F. Pensabene

20 marzo 2017 0

Basket serie A2: Ferentino sbanca in volata il Pala Estra di Siena

Di redazionecassino1

Vittoria di prestigio per la FMC Ferentino che sbanca in volata il Pala Estra di Siena. Un match perennemente in equilibrio, quello fra biancoverdi e amaranto, deciso solamente nel quarto periodo: Musso, infatti, guida i gigliati con una fiammata all’inizio dell’ultima frazione, Raymond a riprende per i capelli il match nel finale, poi capitan Gigli decide l’incontro una tripla pazzesca a 14″ dalla fine. La truppa di coach Paolini conquista così il secondo successo consecutivo, lo fa portando quattro uomini in doppia cifra e tirando con il 52% da dietro l’arco. Un successo che tiene vive le speranze playoff dei gigliati che restano a -4 dalla zona post season ma si riportano a -2 dal terzetto composto proprio da Siena, Rieti e Trapani.

Avvio di gara con alte percentuali da dietro l’arco per entrambe le squadre: colpiscono Harrell e Flamini da una parte e Imbrò dall’altra. Siena trova anche un paio di penetrazioni di Saccaggi e la prima tripla della serata di Tavernari, gli amaranto rispondono con Raymond dall’arco ma quando anche il play della Mens Sana segna dalla lunga distanza i toscani salgono sul +8 (16-8). La risposta di Ferentino arriva con i suoi lunghi che vengono ben serviti e colpiscono con continuità dal post basso, dall’altra parte la difesa gigliata non concede più canestri dal campo tornando in parità a quota 18. Il primo periodo si chiude sul 21-20 con un’altra bomba di Tavernari e due liberi di Imbrò. Nel secondo periodo la FMC mette la testa avanti grazie al buon impatto di Benvenuti ma la conclusione pesante di Saccaggi riporta in vantaggio Siena. Sono le difese a farsi preferire in questa seconda frazione in cui entrambe le squadre fanno ricorso alla zona, i padroni di casa comunque piazzano un mini-break di 4-0 servendo due palloni in area a Flamini e Myers per il nuovo +4. I ciociari non si scompongono e si affidano a Radic (cinque punti in un amen), anche Harrell ne mette quattro in rapida successione ma la tripla di Musso manda tutti negli spogliatoi sul 37-37.

La terza frazione si apre con le triple di Raymond e Musso, la Mens Sana prova a tenersi a galla con i tiri liberi di Harrell ma arrivano anche il jumper di Guarino e il lay up di Radic con i quali Ferentino si porta sul +5 e spinge coach Griccioli a chiedere timeout dopo 3’. Siena si scuote con la presenza di Myers in area ma i ciociari restano avanti grazie al piazzato di Raymond, poi due triple di Tavernari e una di Musso scrivono la nuova parità a quota 52. Il match continua a correre sui binari dell’equilibrio, anche se Imbrò prova a spezzarlo con due bombe pesantissime che mandano la FMC all’ultima pausa sul +2 (58-60).  Siena prova a dare una spallata all’incontro approfittando del dubbio tecnico fischiato a Guarino e della fortunosa tripla di tabella di Saccaggi. I senesi, infatti, si portano sul +4 ma Musso risponde con una tripla, la Mens Sana va ancora a segno in contropiede ma un gioco da quattro dell’argentino tiene la contesa in perfetta parità. Poco dopo arriva un’altra bomba del n.5 gigliato che firma il suo decimo punto nel quarto, anche se i toscani mettono a segno un parzialino di 4-0 con Saccaggi e Harrell, tornando avanti (73-71) a metà periodo. Radic riporta in vantaggio la FMC con tre liberi ma un’altra bomba del solito Saccaggi e un tap-in di Vildera permettono a Siena di sorpassare ancora sul 78-75 a 3’ dalla fine. I ciociari si affidano a Raymond che mette quattro punti di fila dal post basso per il +1 esterno, Vildera risponde da sotto canestro ma è una tripla da campione di Gigli a 14” dalla fine a decidere l’incontro. Siena ci prova con il fallo sistematico ma non riesce a riaprire la gara, Ferentino vince al Pala Estra per 82-87.

TABELLINI

Risultato finale: Mens Sana Siena 82 – FMC Ferentino 87

Parziali: 21-20, 16-17, 21-23, 24-27

Siena: Tavernari 20, Harrell 18, Flamini 5, Saccaggi 20, Myers 11, Mascolo 4, Pichi, Masciarelli n.e., Neri n.e., Vildera 4. Coach: Griccioli

Ferentino: Musso 20, Raymond 20, Datuowei n.e., Gigli 5, Imbrò 13, Ianuale n.e., Radic 19, Guarino 4, Bertocchi n.e., Benvenuti 6, Carnovali. Coach: Paolini