Giorno: 29 marzo 2017

29 marzo 2017 0

I TITOLI – la giornata di oggi raccontata da Il Punto a Mezzogiorno

Di admin

I titoli di oggi – La giornata di oggi è stata caratterizzata da una tragedia, quella che ha macchiato di sangue la superstrada Cassino Formia a Pignataro

http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/incidente-stradale-mortale-sulla-superstrada-cassino-formia/

http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/incidente-stradale-mortale-la-vittima-e-di-pignataro-e-non-aveva-ancora-30-anni/

La tragedia è stata preceduta da un altro incidente che ha San Vittore ha ridotto in fin di vita un maresciallo dei carabinieri

http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/incidente-stradale-a-san-vittore-maresciallo-dei-carabinieri-in-gravi-condizioni/

Sempre a Cassino, si scopre che dal Carcere due detenuti affiliati alla Camorra avevano iphone

http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/cassino-collegati-con-la-camorra-dal-carcere/

Alatri, invece, non si rasserena la difficile situazione che si è cdreata con la morte di Emanuele e si scopre che

http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/omicidio-di-alatri-castagnacci-era-stato-arrestato-a-roma-il-giorno-prima-liberato-il-venerdi-mattina/

ed anche che gli avvocati difensori sono minacciati

http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/omicidio-alatri-i-buttafuoiri-tra-gli-indagati-per-rissa-minacciati-gli-avvocati-difensori/

Ad Anagni in tre sono denunciati per inquinamento ambientale

http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/anagni-inquinamento-ambientale-tre-persone-denunciate/

Bella l’esperienza di 600 cassinati che incontrano Papa Francesco

http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/papa-benedetto-xvi-benedice-leffige-di-santantonio-scortata-da-600-cassinati/

e la generosità dei carabinieri che donano alla Caritas…

http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/2017/03/cassino-450-capi-di-biancheria-donati-alla-casa-della-carita-dai-carabinieri/

A domani

29 marzo 2017 0

Cassino- 450 capi di biancheria donati alla Casa della Carità dai Carabinieri

Di redazione

I Carabinieri della Compagnia di Cassino hanno devoluto alla responsabile della “Casa della Carità” di Cassino, Suor Ermanna BECCACECE, 450 capi di biancheria, oggetto di sequestri amministrativi operati nel corso di mirati servizi eseguiti presso il mercato settimanale della città martire, a carico di venditori ambulanti risultati sprovvisti della prevista licenza per la vendita.

Alla consegna hanno preso parte oltre alla Responsabile della Casa della Carità, i suoi collaboratori e alcuni ospiti del centro.

29 marzo 2017 0

Bullismo e Cyberbullismo, la polizia prosegue la campagna di sensibilizzazione

Di redazione

Questa mattina, il Direttore Tecnico Capo Psicologo della Polizia di Stato dott.ssa Cristina Pagliarosi ed il Responsabile della Sezione di Polizia Postale e delle Comunicazioni Sost. Comm- Tiziana Belli hanno analizzato il fenomeno del bullismo e del cyberbullismo con gli alunni dell’Istituto Comprensivo di Morolo.

Continua infatti la campagna di sensibilizzazione della Polizia di Stato nelle scuole della provincia per prevenire e contrastare ogni forma di comportamento prevaricante.

Sono state esaminate le differenze, evidenziando che, seppure entrambi scaturiscono da atteggiamenti vessatori e persecutori nei confronti dell’altro, nel cyberbullismo gli effetti sono più devastanti in quanto amplificati dalla rete. La vittima, infatti, non troverà mai “rifugio” sicuro, a causa dell’assenza dell’oblio, della potenziale visibilità al vasto popolo del web e della mancanza di limiti spazio – temporali. La scolaresca è stata invitata, pertanto, ad un uso consapevole di internet ed a riflettere sulla triste storia di una loro coetanea: la ragazzina, credendo in un “fidanzamento” online, aveva condiviso le sue immagini di nudo con il suo “innamorato” virtuale che si è rivelato, in realtà, essere un pedofilo. Inoltre gli alunni sono stati sollecitati anche a limitare il tempo dedicato ai giochi online.

29 marzo 2017 0

Pd, Ermelinda Costa nuovo responsabile giustizia della segreteria provinciale

Di redazione

L’Avvocato Ermelinda Costa nuovo Responsabile Giustizia della Segreteria Provinciale del Partito Democratico. A renderlo noto il segretario provinciale Simone Costanzo. Nella nota stampa si legge “L’avvocato pedemontano Ermelinda Costa è il nuovo Responsabile Giustizia della segreteria provinciale del PD, con il preciso intento di promuovere le politiche nazionali e territoriali, in questo settore nevralgico del nostro paese, portate avanti dalle forze democratiche per un orizzonte migliore per i nostri cittadini. Pensiamo alle tante novità dal processo civile telematico, alle misure contro la corruzione, all’istituzione dell’Autorità Nazionale Anti Corruzione, al divorzio breve, alle unioni civili, alla legge contro il caporalato, alle leggi sui reati ambientali, all’introduzione del reato di depistaggio e alla desecretazione dei segreti di stato, alle norme a tutela dei dipendenti pubblici onesti e dei cittadini contro i furbetti, alle norme per le pari opportunità e per le vittime di violenza ecc. ecc.. Il tutto per tendere a una giustizia più moderna, più rapida, più efficiente con più diritti per tutti”. Il segretario Costanzo ha affermato “ Sono certo che Ermelinda darà un grosso contributo alla nostra struttura provinciale grazie alle sue capacità e alla sua passione politica che interpreta con autentico spirito di servizio “

29 marzo 2017 0

Papa Francesco benedice l’effige di Sant’Antonio “scortata” da 600 cassinati

Di admin

Cassino –  Sole e cielo terso hanno accompagnato oggi un folto gruppo di Cassinati all’incontro con il Santo Padre Francesco che, questa mattina ha benedetto in piazza San Pietro a Roma alla presenza di oltre seicento pellegrini della parrocchia di San Antonio in Cassino, la  effige del Santo di Padova.

I Cassinati sono arrivati nella Capitale a bordo di 12 pullman e, a guidare la numerosa comitiva c’era don Benedetto Minchella parrocco della chiesa di San Antonio.

Una giornata particolare che sarà ricordata a lungo da ciascuno dei seicento cassinati.

29 marzo 2017 0

Omicidio Alatri, i buttafuoiri tra gli indagati per rissa. Minacciati gli avvocati difensori

Di admin

Alatri – Tre buttafuori del disco pub Mirò di Alatri, il locale sequestrato dinnanzi al quale Emanuele Morganti è stato pesto a sangue nella notte tra venerdì e sabato, sono tra gli indagati che devono rispondere del reato di rissa.

Secondo la ricostruzione della procura, almeno uno di loro avrebbe cacciato dal locale Emanuele. Non è chiaro poi cosa sia avvenuto sulla piazza di via Regina Margherita e che coinvolgimento hanno avuto i tre della sicurezza del Mirò nel pestaggio del 20enne.

Intanto gli avvocati difensori sono oggetto di minacce. Il primo ad essere stato affrontato nel suo studio è stato Giampiero Vellucci che difende tre indagati: “Sono entrate tre persone nello studio imponendomi di rinunciare a difendere i miei assistiti, cosa che io non ho fatto”.

Rinuncia al suo mandato invece Tony Ceccarelli ma lui dice che la sua è una scelta senza condizionamenti presa in totale autonomia. L’avvocato difendeva per i suoi precedenti reati Mario Castagnacci, indagato per omicidio.

 

29 marzo 2017 0

Incidente stradale mortale, la vittima è di Pignataro e non aveva ancora 30 anni

Di admin

Pignataro Interamna –  L’uomo deceduto nell’incidente stradale avrebbe compiuto 30 anni tra qualche giorno ed era di Pigntaro Interamna.

Il terribile schianto di oggi pomeriggio è avvenuto sulla superstrada Cassino Formia nel territorio di Pignataro.

Il corpo della vittima è rimasto incastrato tra le lamiere della Mini Cooper dopo lo schianto frontale con un autoarticolato guidato da un 50enne.

Il mezzo pesante, dopo l’impatto, è finito ribaltato fuoristrada. Ferito il conducente che è stato trasportato in eliambulanza all’Umberto Primo di Roma.

Ermanno Amedei 

29 marzo 2017 0

Incidente stradale a San Vittore, maresciallo dei carabinieri in gravi condizioni

Di admin

San Vittore del Lazio – Sono gravi le condizioni di un maresciallo dei carabinieri di 38 anni, vice comandante della stazione di Carpineto Romano, rimasto ferito in un incidente stradale avvenuto questa mattina poco dopo le 10, all’uscita del casello autostradale di San Vittore del Lazio.

Il militare fuori servizio, stava facendo ritorno nella sua abitazione di Tora e Piccilli quando, per cause ancora al vaglio de carabinieri di Cervaro, ha perso il controllo della Smart su cui viaggiava schiantandosi.

Sul posto è arrivata una ambulanza del 118 ma è stato poi necessario far atterrare una eliambulanza per trasferire il ferito all’Umberto Primo di Roma.

Le sue condizioni inizialmente disperate, nel corso del pomeriggio sono sembrate migliorate, ma resta comunque in pericolo di vita.

 

29 marzo 2017 0

Anagni- Inquinamento ambientale, tre persone denunciate

Di redazione

Nella mattinata di ieri, in Anagni, i Carabinieri della locale Stazione, a conclusione di accertamenti iniziati nello scorso mese di febbraio, deferivano in stato di libertà un 64enne, amministratore di un’azienda del luogo, poiché responsabile di inquinamento ambientale.

I militari operanti, unitamente a personale dell’Arpa Lazio, rilevavano che l’azienda, sita nella zona industriale della cittadina, sin dall’inizio della propria attività nell’anno 2015, non aveva mai richiesto la prescritta autorizzazione ambientale unica per l’emissione di fumi in atmosfera, nonché era sprovvista di certificazione di agibilità dell’intero stabile adibito ad azienda di produzione. Nella circostanza venivano deferiti in stato di libertà un 44enne  ed  un 48enne del luogo per omissione atti d’ufficio, in quanto nonostante fossero a conoscenza di quanto sopra, non emettevano alcun provvedimento, permettendo all’azienda di continuare la produzione nonostante la mancanza dei requisiti richiesti. Immagine d’archivio

29 marzo 2017 0

Conosce una ragazza su Internet, poi la sequestra in casa a Piglio. 32enne arrestato

Di redazione

Nella mattinata odierna, in Piglio, i Carabinieri della locale Stazione, coadiuvati da personale dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Anagni, a seguito di richiesta  di aiuto pervenuta sull’utenza 112 da parte una ragazza di Roma, traevano in arresto in flagranza di reato per sequestro di persona un 32enne romano già censito per violenza sessuale, proprietario di una abitazione in Piglio.

L’uomo, dopo aver conosciuto la ragazza sui social network presentandosi con generalità diverse dalle sue, dopo una serata trascorsa insieme in un ristorante del posto, conduceva la ragazza nella propria abitazione di Piglio.

Giunti all’interno dell’abitazione, lo stesso chiedeva insistentemente per diverse ore di avere un rapporto sessuale con la giovane ed al suo continuo diniego le impediva di andar via chiudendo la porta d’ingresso a chiave. 

La malcapitata, nonostante vari tentativi di convincere l’uomo a lasciarla andare e le insistenti urla, solo grazie ad un momento di sua distrazione, riusciva a chiedere aiuto tramite 112, comunicando di trovarsi nel centro di Piglio e di essere stata sequestrata, senza riuscire a dare altre utili notizie per l’individuazione dell’abitazione. Immediatamente il Comandante della Stazione, unitamente all’equipaggio del Nucleo Radiomobile, intuito di chi potesse trattarsi, proprio per essere intervenuto in analoga circostanza alla fine del 2015, si portavano in quella via, ove, arrivati sul posto, venivano attirati dalle forti urla della ragazza. Dopo aver chiesto invano l’apertura della porta, temendo per l’incolumità della stessa i militari si trovavano costretti a sfondare la porta d’ingresso facendo irruzione nell’abitazione. Qui soccorrevano la ragazza e bloccavano l’uomo, il quale sottoposto a  perquisizione personale veniva trovato in possesso della chiave della porta blindata d’ingresso, custodita all’interno della tasca dei pantaloni.

La ragazza, nonostante lo stato di forte agitazione e di ansia, si rifiutava di sottoporsi alle cure dei sanitari  mentre il reo veniva trattenuto presso le camere di sicurezza. A conclusione del rito direttissimo, tenutosi nella giornata odierna, l’A.G. convalidava l’arresto disponendo a carico dell’arrestato il divieto di dimora in Piglio. Immagine d’archivio