pubblicato il2 marzo 2017 alle 08:56

Cassino, convivente violento torna in carcere e l’alloggio restituito all’Ater

Cassino – Gli arresti domiciliari concessi al convivente 35enne di Cassino, sono stati la cosa peggiore che potesse capitare ad una donna domiciliata in un appartamento Ater, oggetto di sfratto da parte dello stesso ente.

L’uomo, che secondo gli investigatori era già violento di per se, con ma misura cautelare degli arresti domiciliari, quindi costretto a stare tutto il giorno in casa con la donna, ne era diventato l’incubo con minacce e atti persecutori di vario genere tanto da spingerla ad abbandonare l’alloggio.

Date le circostanze, la Corte di appello di Roma ha revocato la misura dei domiciliari ristabilendo la detenzione in carcere e, per questo, l’alloggio ormai liberato è stato riconsegnato all’Ater.

Ermanno Amedei

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini

Tags: , , , , ,



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07