pubblicato il7 marzo 2017 alle 16:52

Furti in chiesa a Gaeta, recuperati da cc registri battesimali del 1600

Gaeta – Otto antichissimi registri battesimali manoscritti, riportanti iscrizioni datate tra il 1638 ed il 1860, trafugati a Gaeta dalla chiesa di San Giacomo lo scorso 12 dicembre, sono stati restituiti al parroco. Le serrate indagini, condotte dai carabinieri della tenenza di Gaeta comandati dal tenente Carmine Manzi, in stretta collaborazione col personale specializzato del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Roma, hanno consentito di identificare un quarantenne di Casagiove (CE) che, celandosi dietro un “nickname” di pura fantasia, aveva messo all’asta i preziosi tomi utilizzando il popolare sito di vendita on-line “eBay”.

L’immediata perquisizione domiciliare ha consentito il recupero di tutti i manoscritti che stavano per essere spediti ad un acquirente straniero.

Grande emozione è stata espressa da don Carlo Saccoccio, parroco della chiesa di San Giacomo, nel recupero dei preziosi manoscritti il cui furto aveva destato particolare clamore nella locale comunità religiosa che si era sentita depauperata di parte della propria storia.

A conclusione dell’indagine, inoltre, lo stesso D. G., quarantenne di Casagiove, è stato denunciato per la ricettazione di altra opera d’arte rinvenuta e sequestrata nel corso della citata perquisizione domiciliare.

In particolare si tratta di un gruppo scultoreo raffigurante la Madonna di Pompei e Gesù bambino, risalente al secolo XIX risultato provento di furto perpetrato in Montasola (RI), nel luglio del lontano 1977, presso la chiesa di San Pietro e Tommaso.

 

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini

Tags: , , , , ,



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07