Giorno: 21 aprile 2017

21 aprile 2017 0

Cassino- 32enne nei guai per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Nell’ambito di predisposti servizi finalizzati alla prevenzione e repressione del consumo di droga, i Carabinieri della Compagnia di Cassino, hanno denunciato in stato di libertà, 32enne della città martire, già noto alle forze dell’ordine per analoghi reati, resosi responsabile di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, nonché detenzione abusiva di munizioni e porto abusivo di arma bianca. Il predetto, notato dagli operanti mentre si aggirava con atteggiamento sospetto nei pressi di luoghi frequentati da tossicodipendenti locali, è stato sottoposto a perquisizione personale è trovato in possesso di gr.0,732 circa di sostanza stupefacente del tipo marijuana nonché di un coltello a serramanico di cm.19, con la lama annerita dai residui di sostanze stupefacenti. La successiva perquisizione estesa dai militari operanti anche alla sua abitazione, ha permesso di rinvenire, nella camera da letto occupata dal medesimo, gr.0,343 di cocaina, gr.0,413 di hashish e ulteriori gr.0,297 di marijuana, oltre a due coltelli ed una forbice, tutti con lame annerite, ed un proiettile calibro 9×21 illegalmente detenuto. Il tutto è stato posto sotto sequestro. Immagine d’archivio

21 aprile 2017 0

Cosilam- Zola incontra gli imprenditori del territorio

Di redazione

“È stato un grande piacere ospitare all’interno del Cosilam gli imprenditori del nostro territorio. Quella di ieri, giovedì 20 aprile, è il risultato di un nuovo corso che il Consorzio ha intrapreso da oltre un anno e mezzo. Un cammino dove io, il consiglio di amministrazione, il direttore generale e tutto il personale immaginiamo il Consorzio come un grande centro di servizio per tutto il territorio. Fino ad oggi abbiamo puntato molto l’attenzione sulle opere infrastrutturali. In questo senso non posso non ricordare la conclusione di alcune opere come la rotatoria di Castrocielo, quella di Esperia, ma anche l’avvio di importanti progetti come la messa in sicurezza dell’agglomerato industriale di Cassino, la costruzione della nuova rotatoria di Aquino e, a breve, l’inizio dei lavori per la costruzione di una nuova strada in località Fontana Livia e la messa in sicurezza dell’arteria di accesso allo stabilimento Sanpellegrino. Abbiamo posto particolare attenzione al settore delle infrastrutture perché necessitavano di un intervento immediato viste le precarie condizioni in cui si trovavano. Ci sono ancora dei problemi, ma ormai l’azione di restyling è iniziata e interesserà l’intero comprensorio. Ora il percorso del “nuovo Cosilam” vuole puntare sui servizi agli imprenditori e a tutte le aziende che più volte ci sono stati richiesti e mai attivati. Nelle prossime settimane saremo in grado di presentare una serie di attività che saranno a loro servizio e di cui potranno usufruirne a condizioni agevolate rispetto alle medie di mercato. Penso, ad esempio, all’accesso al credito, al credito d’imposta, all’assistenza per l’individuazione e la partecipazione a bandi di finanziamento europei, statali e regionali. Ma non solo. Stiamo lavorando anche a servizi di marketing, contabilità ed altro. Attività su cui, a breve, informeremo con un incontro plenario di aziende, comuni, associazioni territoriali alla presenza anche dei nostri rappresentanti in Regione. Ieri c’è stato il primo incontro per illustrare il Progetto Apea – Aree Produttive Ecologicamente Attrezzate. Un progetto che rappresenta la vera innovazione, il vero futuro per il territorio. Le possibilità di miglioramento e i vantaggi per le aziende sono innumerevoli e sono state spiegate dal professor Gian Matteo Panunzi e dagli ingegneri Giampiero Ceci e Nazzareno De Angelis. Tra i diversi vantaggi quelli di avere una corsia preferenziale nei finanziamenti regionali ed europei: ben il 70% dei finanziamenti europei riguardano gli ambiti di competenza dell’Apea, ovvero ecosostenibilità, efficientamento energetico, innovazione tecnologica. Inoltre le aziende facenti parte dell’Apea, utilizzando fonti di energia “pulita” e processi ecosostenibili, saranno automaticamente certificate per la fornitura di beni e servizi alle pubbliche amministrazioni. Infine le aziende potranno disporre di energia pulita a costi ridotti rispetto a quelli delle fonti tradizionali. Con le giuste condizioni questi costi potranno addirittura ridursi a zero. Un grande progetto che ha trovato il favore di molti imprenditori del territorio che si sono detti pronti a investire su questa progettualità”. Lo ha affermato il Presidente del Cosilam Pietro Zola a margine dell’incontro con gli imprenditori che si è tenuto giovedì 20 aprile nella sala conferenze del Cosilam.

21 aprile 2017 0

Pocho il cane antidroga “tascabile” odiato dagli spacciatori di Cassino – IL VIDEO

Di admin

Cassino – La testardaggine del cane antidroga tascabile Pocho ha permesso di scovare in un giardinetto di Cassino, il magazzino di uno spacciatore.

Pocho, piccolo, ma capace di scavare come un “bobcat”, ha condotto gli agenti del commissariato di Cassino diretti dal vice questore Alessandro Tocco, fin alla buca in cui erano interrati 50 grammi della sostanza stupefacente.

I controlli antidroga con l’unità cinofrila, sono scattati di primo mattino nelle scuole della città martire e nei luoghi frequentati dai giovani.

Giunto nel quartiere fossa dei serpenti, il fiuto di Pocho lo ha portato a scavare con insistenza e testardaggine sotto ad un cespuglio rinvenendo l’involucro con la droga.

Pocho sembra essere un’arma formidabile odiato dagli spacciatori.

Ermanno Amedei

21 aprile 2017 0

Randagismo a Cassino, l’impegno delle volontarie tra cani salvati ed altri abbandonati

Di admin

Cassino – “Ringraziamo i vigili del fuoco per il tempestivo e professionale intervento di ieri grazie al quale sono stati recuperati cinque cagnolini e la madre dal ciglio del canale di bonifica del consorzio”.

Bruno Della Corte, presidente dell’associazione Il  Sole Splende per Tutti, ha notato gli animali e ha chiamato i pompieri. Il rischio che un nubifragio potesse riempire d’acqua il canale causando l’affogamento degli animali la cui madre li aveva partoriti sotto ad un cespuglio vicino al corso d’acqua.

“Al momento i cuccioli e la madre sono accuditi presso la nostra associazione in via Casilina, sostenuti da alcune volontarie Lucia, Azzurra, Isabella e Giovanna che vanno pubblicamente ringraziate non solo per questo caso, ma per le decine di casi di animali abbandonati di cui si occupano quotidianamente.

L’ultimo, proprio questa mattina quando hanno dovuto raccogliere dalla strada in via Pescarola due cuccioli abbandonati. Sono loro che di tasca propria comprano cibo e pagano veterinari per assistere animali abbandonati da altri. Il problema del randagismo a Cassino si fa di giorno in giorno più serio. Serve rispettare le leggi punendo chi abbandona gli animali e predisponendo un piano di sterilizzazione immediato”.

Ermanno Amedei

21 aprile 2017 0

Ladri di tende a Frosinone, in tre tentano di smontare struttura da esterno: denunciati

Di admin

Frosinone – Hanno bisogno di una tenda da esterni e tentano di rubarla smontandola dall’esterno di una casa privata a Frosinone. Alcuni passanti, hanno segnalato alla polizia la presenza di due uomini che, dopo aver scavalcato la recinzione, erano  davanti alla casa privata intenti a smontare una tenda di tre metri con avvolgimento meccanico.

All’arrivo della volante i due si erano dileguati su un’auto e la tenta smontata era stata abbandonata. I poliziotti, anche grazie alla collaborazione di cittadini, hanno ricostruito l’accaduto.

Due uomini avevano scavalcano la recinzione di un’abitazione privata nell’intento di mettere a segno il colpo,  mentre il terzo complice era rimasto alla guida dell’auto, con cui erano poi fuggiti.

Scattano le indagini: gli inquirenti risalgano all’intestatario del veicolo, un 53enne di Anagni che aveva partecipato al tentativo di furto con altri due  frusinati, un 33enne ed un 40 enne, già noti alle Forze dell’Ordine e con precedenti per reati contro il patrimonio.

I tre malfattori sono stati denunciati per tentato  furto aggravato in concorso.

La tenda è stata restituita al legittimo proprietario.