pubblicato il11 aprile 2017 alle 19:32

Allarme truffe a Cassino, malviventi a caccia di anziane vittime

Cassino – Un 31enne residente a Napoli è stato denunciato dagli agenti del commissariato di Cassino per tentata truffa e truffa in concorso.

L’uomo, con il “modus operandi” della telefonata ad un’anziana signora, alla quale chiedere soldi preziosi da far ritirare da un fantomatico carabiniere accompagnato da un finto avvocato, contatta una 70enne, residente nella Città Martire.

La signora, comprendendo subito si trattasse di una truffa, non accetta l’ “incontro”, ma contatta i figli  che, immediatamente, raggiungono l’abitazione dell’anziana madre.

Qui notano una Panda sospetta, di cui annotano la targa per segnalarla alla Polizia.

In fuga da Cassino, il truffatore con il suo complice continua il “viaggio” sperando di poter mettere a segno il “colpo”.

A pochi chilometri, contatta un’altra donna che, purtroppo, cade nella “trappola” del truffatore, spaventata soprattutto dalla notizia, che scoprirà poi  falsa, che il figlio era stato arrestato.

Per la sua scarcerazione doveva pagare euro 2.200.

Consegnata la somma la preoccupata madre, successivamente contatta il figlio, per rassicurarsi delle sue condizioni.

Nel frangente scopre di essere stata truffata e si rivolge al Commissariato di Cassino, riferendo di saper riconoscere il truffatore, con il quale aveva conversato in salotto.

Gli inquirenti diretti dal vice questore Alessandro Tocco “incrociano” i dati in loro possesso: dal numero di targa della Panda  si risale alla identità del truffatore, con riscontro anche fotografico.

Sono in corso accertamenti per identificare anche il complice.

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini

Tags: , , , , ,



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07