pubblicato il6 aprile 2017 alle 20:57

Costanzo del Pd risponde alle polemiche sui social relative a Sora

Riceviamo e pubblichiamo una nota stampa a firma del segretario provinciale del Pd
Simone Costanzo relativa ad alcune polemiche innescatesi proprio su un social network.
“In merito a tutta una serie di accuse gratuite, fuori luogo e offensive al limite della querela penale- si legge da Simone Costanzo- espresse sui social da sedicenti esponenti politici di Sora, partite da una foto che mi riprendeva insieme a tutta una serie di persone perbene, iscritte al PD di Sora, durante le votazioni del congresso nazionale, desidero rammentare a tutti che in politica ci si confronta con umiltà, sulle idee e sulle proposte senza offese personali e senza mai avere la verità in tasca. Nelle ultime consultazioni amministrative a Sora si è registrata una competizione sostanzialmente civica con molto disordine politico per cui respingo al mittente ogni accusa su presunti trasformismi o quant’altro. Il PD di Sora- afferma Costanzo- con il recente tesseramento ha registrato un considerevole aumento dei suoi aderenti, con spiccate personalità che hanno scelto il nostro campo democratico, che con passione, non vivendo di politica, a differenza di alcuni che si permettono di offendere senza pudore e senza un minimo di rispetto, stanno provando a fare un percorso politico per la città di Sora. Prossimamente il circolo, che attualmente è commissariato, svolgerà il suo congresso per eleggere gli organismi dirigenti e per fissare la linea politica e io auspico che ciò avvenga nella massima unità possibile e con la più ampia discussione sui bisogni dei cittadini. A coloro che vivono di odio e che si nutrono di offese rispondo con un sorriso perché credo fermamente che la politica sia ben altro”.

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini

Tags: , , ,



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07