pubblicato il18 aprile 2017 alle 21:37

Randagismo a Cassino, il sindaco promette rifugio e piano sterelizzazioni

Cassino – Rifugio e programma di sterilizzazione sono stati i due argomenti affrontati oggi pomeriggio nel corso di un incontro che ha visto da un lato il sindaco di Cassino Carlo D’Alessandro, l’assessore all’ambiente Dana Tawuinkelova, il consigliere Rosario Franchitto e dall’altro, le principali animaliste della città di Cassino oltre a Bruno della Corte presidente dell’associazione Il Sole Splende per Tutti.

“Il primo cittadino ci ha assicurato un intervento diretto dell’amministrazione per far fronte al sempre crescente problema del randagismo a Cassino”. Ha detto Della Corte che ha anche aggiunto: “Ci ha assicurato che nei piani dell’amministrazione vi è l’individuazione di un’area su cui realizzare un rifugio per gli animali randagi gestito dall’Anpana con la collaborazione degli animalisti. Si è anche impegnato a trovare i fondi per un piano di sterilizzazione per mantenere controllate le nascite. Siamo soddisfatti per la presa di posizione dell’amministrazione” ha concluso Della Corte.

Il problema della gestione dei randagi assorbe importanti risorse economiche al comune che paga per accalappiare e mantenere i randagi in canili autorizzati.

Da tempo gli animalisti, in forma privata oppure organizzata, si sono detti disposti a contribuire per trovare una soluzione al problema individuando un’area su cui realizzare una struttura per accogliere i randagi. Ma a monte del problema c’è la miopia di molte amministrazioni comunali nel capire che la sterilizzazione dei cani limita sul nascere il problema.

Ecco perché è importante l’impegno preso oggi dal sindaco di Cassino.

Ermanno Amedei

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini

Tags: , , , , ,



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07