pubblicato il13 aprile 2017 alle 19:16

Spacciatrice e usuraia, aveva stretto “cappio” a tossicodipendente e alla famiglia

Cassino – Cedeva dosi di droga e stringeva il cappio dell’usura al tossicodipendente e a tutta la sua famiglia. Per questo i carabinieri di Cassino hanno arrestato una giovane donna per usura ed estorsione che cedeva dosi a credito, facendo lievitare il tasso di interesse annuo sul debito fino al 400%.

Le indagini svolte dai militari ha permesso di raccogliere elementi sulla attività malavitosa dell’indagata di estrazione Rom. Approfittando dello stato di tossicodipendenza di un giovane del Cassinate, vendeva droga a credito, facendo lievitare in pochi mesi il debito a decine di migliaia di euro e sottoponendo l’usurato e la sua famiglia a continue minacce e pressioni psicologiche.

La presunta usuraia si era fatta consegnare oggetti preziosi dalla famiglia dell’usurato, a garanzia dell’estinzione del debito per un valore di 40mila euro circa. Nel corso dell’operazione sono stati recuperati preziosi e la somma in contanti di circa 10.000 euro frutto del reato di usura e probabilmente di attività di spaccio.

Foto repertorio

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini

Tags: , , , , , ,



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07