pubblicato il3 maggio 2017 alle 11:26

Piedimonte al voto. Ferdinandi e D’Alessandro: “Istituire una Consulta sovracomunale dello Sport”

Piedimonte San Germano – Quinta tappa per il “Tour della Proposta” del candidato a primo cittadino di Piedimonte San Germano, Gioacchino Ferdinandi. Dopo il grande successo di pubblico registrato il 30 aprile scorso in occasione dell’inaugurazione della sede del Comitato Elettorale del movimento civico Piedimonte#ORA, il gruppo capeggiato dal trentacinquenne avvocato è tornato di nuovo fra i cittadini per presentare progetti, idee e proposte per il governo del paese.
Martedì 2 maggio, alle ore 18, il tour ha fatto tappa in viale Decorato. Ad accompagnare l’aspirante Sindaco Ferdinandi vi era uno dei dodici sostenitori della sua candidatura, Valerio D’Alessandro. E’ stato proprio quest’ultimo, davanti un nutrito gruppo di residenti, simpatizzanti e cittadini ad introdurre l’argomento e a presentare il progetto Piedimonte #ORAsport.
“Lo sport – ha sottolineato D’Alessandro nel suo discorso – è cultura, serve a coltivare sogni e a creare socialità ed è per questo che deve essere assolutamente affidato e gestito da chi sa assumersi responsabilità, oneri e onori. La nostra idea è legata soprattutto alla promozione di tutte le pratiche sportive, soprattutto tra gli adolescenti, perché sono loro i primi a dover godere dei benefici che lo sport produce. E poi, sport significa aggregazione, significa crescita e confronto, significa valori, oltre a rappresentare un importantissimo momento di aggregazione per i più giovani e non solo. In virtù di questo il movimento Piedimonte #ORA ha in animo il potenziamento di tutti gli impianti sportivi di Piedimonte, come ad esempio il campo sintetico “Saverio Cirillo”, oltre a promuovere le cosiddette “palestre all’aperto” negli spazi pubblici o nelle arre verdi del paese, magari partendo proprio dalla zona di via Cimabue. Non siamo qui per prenderci impegni che in futuro non riusciremo ad onorare – ha concluso D’Alessandro -. Ma mi preme affermare che faremo il massimo per individuare spazi idonei alla realizzazione di nuovi impianti sportivi, magari sfruttando meglio i finanziamenti regionali ed europei e tutte quelle somme che arriveranno dai privati in project financing”.
Anche il candidato Sindaco ha dimostrato, nel corso della tappa in viale Decorato del “Tour della Proposta”, di avere le idee chiare in materia.
“L’argomento impianti sportivi è una cosa che mi sta particolarmente a cuore – ha dichiarato Gioacchino Ferdinandi -. Io credo fortemente nel valore sociale ed educativo delle discipline sportive. La nostra mission sarà quella di mettere insieme finanza pubblica e privata per migliorare e realizzare importanti opere, che saranno a servizio non solo dei cittadini di Piedimonte San Germano. E questo lo si potrà fare solo se ci sarà una progettualità condivisa con il mondo imprenditoriale locale e grazie ad una buona programmazione di quello che da qui ai prossimi anni andremo a realizzare sia per Piedimonte che per l’intero comprensorio sovra-comunale. Queste sono le ragioni per cui sono fermamente convinto che c’è bisogno di una “Consulta dello Sport”, un organismo di raccordo tra la pubblica amministrazione ed il variegato mondo dell’associazionismo sportivo, un gruppo di lavoro del quale dovranno far parte, oltre agli amministratori locali, società sportive, imprenditori, organismi sportivi nazionali, anche persone con una comprovata esperienza nel variegato mondo dello sport. Questo indispensabile organismo – ha concluso Ferdinandi – non avrà solo il compito di consulenza sullo sviluppo degli impianti esistenti o da realizzare, ma avrà anche il ruolo di promozione ed organizzazione di eventi che coinvolgano tutte le realtà sportive del territorio”.

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini

Tags: , , , , , ,



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07