Giorno: 6 giugno 2017

6 giugno 2017 0

Cassino- Dopo le risse, controlli a tappeto da parte della Polizia sugli autolavaggi degli egiziani

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Cassino– Dopo i fatti delle scorse settimane che hanno visto cittadini egiziani gestori di autolavaggi rendersi protagonisti di violenti scontri in una sorta di guerra per i prezzi del servizio per le strade della città martire, la Polizia del Commissariato di Cassino ha intensificato i controlli soprattutto su questo tipo di esercizi. L’attività di polizia, nello specifico ha interessato il centro cittadino, la periferia, i centri di maggiore aggregazione sociale e le attività commerciali con particolare attenzione per gli esercizi di autolavaggio. Nel corso delle ispezioni, sono state controllate le autorizzazioni comunali, il rispetto delle norme edilizie ed urbanistiche, nonché la regolarità della cessione dei fabbricati e le autorizzazioni allo scarico delle acque reflue. Sono stati identificati sette cittadini egiziani, intenti al lavaggio di veicoli, sei dei quali sono stati segnalati alla Direzione Territoriale dell’Ispettorato del Lavoro di Frosinone per la verifica sulla regolarità dei rispettivi rapporti di lavoro. Sono in corso ulteriori accertamenti sulla regolarità degli impianti di depurazione delle acque reflue.

6 giugno 2017 0

Pontecorvo- Arrestata una donna 33enne per danneggiamento aggravato

Di redazione

Una 33enne di Pontecorvo è stata arrestata, la scorsa notte per danneggiamento aggravato. I carabinieri sono intervenuti presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale perché una donna aveva segnalato il furto di un portafoglio, mentre identificavano la derubata hanno sentito delle grida provenire dal piano sottostante e dei forti colpi inferti contro una vetrata. Prontamente si sono precipitati a verificare cosa stesse accadendo e hanno trovato la 33enne, poi denunciata, in evidente stato di agitazione, che colpiva con un leggìo di ferro i vetri del box informazioni, posto all’interno della hall; immediatamente l’hanno bloccata e identificata. Nell’occorso i vetri rotti hanno procurato delle lievi lesioni all’impiegata che si trovava all’interno del box, la quale impaurita è fuggita all’esterno. Stante i presupposti di legge, la donna violenta è stata arrestata e posta agli arresti domiciliari presso l’abitazione di residenza, in attesa del rito direttissimo. Foto d’archivio

6 giugno 2017 0

Incendio di sterpaglie minaccia scuola elementare a Cisterna

Di redazione

Un incendio di sterpaglie ha minacciato, oggi, la scuola elementare in viale Adriatico a Cisterna di Latina. L’allarme è stato lanciato poco dopo le 12.30 per il rogo che si era propagato in un terreno adiacente al plesso scolastico. Al loro arrivo i pompieri hanno scoperto che le fiamme erano già arrivate ad una vicina centralina del gas che alimentava l’impianto di riscaldamento della scuola. Complesso l’intervento di spegnimento delle fiamme da parte dei vigili del fuoco. Le operazioni si sono concluse dopo circa un’ora e, fortunatamente, nessuno è rimasto ferito.

6 giugno 2017 0

Fra sorte e volontà: il disagio di un senza tetto a Cassino

Di redazionecassino1

Cassino – Negli scorsi giorni è emersa la vicenda di un senza tetto di origine polacca che, schiavo del bere, aveva arrecato diversi fastidi alla cittadinanza. Dopo l’ultima bravata – il tentativo di baciare una fedele che usciva dalla chiesa di S. Antonio, in centro, l’uomo ha spostato la sua “sede”. Ha lasciato il giaciglio creato da mucchi di coperte all’entrata della suddetta chiesa in piazza Diamare a Cassino per spostarsi… pochi metri più avanti! Ha di fatto attraversato le strisce pedonali poste al lato della chiesa per stabilire il nuovo riparo sotto i portici che danno verso piazza Labriola. Di giorno come a notte fonda, sotto gli occhi dei passanti, l’uomo giace sotto la capanna di coperte da lui creata, in uno spettacolo davvero raccapricciante per un essere umano, dominato dalle consuete bottiglie di birra delle quali è schiavo. Il Comune di Cassino aveva già predisposto che l’uomo fosse ospitato nella struttura d’accoglienza Casa della Carità, luogo dal quale tuttavia l’uomo si era allontanato per il giusto divieto di assumere alcool. È chiaro come il clochard si trovi in una condizione psicologica e psicofisica di disagio oltre che di emarginazione, incapace di intendere e di volere per l’alcolismo. Prima che lo sfortunato possa diventare potenzialmente pericoloso ai danni della cittadinanza – proprio per le situazioni sopracitate – dovrebbe essere condotto in una struttura dove disintossicarsi e riprendere coscienza di sé, accompagnato da un forte sostegno psicologico per essere guidato in un percorso di rinserimento nella società. In questo modo si limiterebbero i danni per la popolazione e lo stato di degrado in cui sono rivolti i portici per la presenza del senza tetto ma, cosa sicuramente più importante, si salverebbe una vita umana. Giulia Guerra

Foto d’archivio

6 giugno 2017 0

Gianni Minà a Cassino per il suo prossimo documentario, ricevuto dal sindaco D’Alessandro

Di redazionecassino1

Cassino – Incontro d’eccezione questa mattina in comune a Cassino, il giornalista Gianni Minà ricevuto dal sindaco D’Alessandro. Gianni Minà è nella Città Martire per svolgere alcuni sopralluoghi alle location che utilizzerà per le ripresa del suo documentario sul produttore cinematografico di origini cassinate, Andrea Iervolino.

“E’ stato un grande onore e una grande emozione per me poter interloquire con uno dei più grandi giornalisti Italiani” ha detto il Primo Cittadino.

“Gianni Minà ha fatto la storia del giornalismo attraverso le sue interviste ai personaggi più influenti del mondo. Da Fidel Castro a Papa Francesco. É rimasto impressionato dalla storia e dalla brillante carriera di Iervolino come anche dalle vicende che hanno riguardato la citta di Cassino durante la seconda guerra mondiale. C’è da dire che fa di tutto per metterti a tuo agio – ha spiegato D’Alessandro in un post sul suo profilo facebook – e credo che questo sia il suo segreto per aver avuto sempre delle risposte, anche alle domande più “scomode”, dai grandi leader che ha intervistato.

F. Pensabene

Foto tratte dal profilo facebook del sindaco D’Alessandro

 

6 giugno 2017 0

“III Maratona di Primavera in carcere” con il Cus-Cassino e l’auspicio di partecipare da uomini liberi

Di redazionecassino1

Cassino – “La maratona di primavera è una storica manifestazione di Cassino che ogni anno, da oltre un quarto di secolo, il 25 aprile riunisce la cittadinanza per una giornata di festa e di sport. Il mio auspicio è che voi, un giorno, possiate partecipare a questa festa con le vostre famiglie da uomini liberi”. Con queste parole la direttrice della casa circondariale di Cassino Irma Civitareale ha chiuso la terza edizione della “Maratona di primavera in carcere”, un evento targato sempre Cus Cassino per abbattere le distanze e per dimostrare che lo sport unisce e non divide. Allo start oltre 70 detenuti che hanno percorso i 5 km del percorso messo a punto da Agostino Terranova del Cus Cassino. Insieme ai ragazzi ha preso parte alla kermesse, con la pettorina numero 1, l’assessore ai servizi sociali Benedetto Leone in rappresentanza del Comune di Cassino. “Questa giornata – ha spiegato il delegato del sindaco D’Alessandro – serve a far riscoprire quel senso di comunità all’interno della città. Oggi la maratona viene portata all’interno del carcere cercando di trasmettere anche qui quei valori di solidarietà di fratellanza e soprattutto di amore, pertanto questa è certamente una bella giornata per la città di Cassino, a dimostrazione, ancora una volta, che lo sport unisce e non divide: fa anzi abbattere qualsiasi tipo di barriera”. Sul punto ha concordato anche la direttrice del carcere che ha quindi elogiato il Cus Cassino per aver portato ancora una volta la maratona nelle mura del San Domenico: “L’allegria che si respira oggi è bellissima. Questa è una corsa verso la libertà: una conquista che passa attraverso la sofferenza, così come la corsa passa attraverso uno sforzo che rende poi però un traguardo ancora più bello e sicuramente raggiungibile per chi si impegna”. Il presidente del Centro Universitario Sportivo Carmine Calce non esclude, a breve, altri eventi sportivi nella casa circondariale, e chiosa: “Ormai è un’abitudine che ogni anno noi veniamo al San Domenico per la maratona di primavera insieme a un gruppo di detenuti che trascorrono una giornata all’insegna dello sport e della solidarietà. Per noi è una soddisfazione far passare loro una giornata diversa, una giornata che certamente aiuta questi ragazzi a stare meglio: lo sport è anche questo, soprattutto questo, non sono solamente le gare che incoronano i vincitori, mai come in questa giornata l’importante è stato partecipare”.

6 giugno 2017 0

Domani inaugurazione dei giardini di piazza Toti

Di redazionecassino1

Cassino – Domani, mercoledì 7 giugno, alle ore 10,30 il Sindaco, Carlo Maria D’Alessandro e l’amministrazione comunale di Cassino inaugureranno i giardini di Piazza Enrico Toti che sono stati oggetto di riqualificazione e valorizzazione nell’ambito del progetto “Adotta un giardino” coordinato dal consigliere comunale con delega al Decoro Urbano, Angelo Panaccione.

“Vorrei ringraziare innanzitutto la Scad sas per la ristrutturazione della fontana e per la riqualificazione del giardino in questione. – ha dichiarato il consigliere comunale, Angelo Panaccione – Lo scopo del progetto “Adotta un giardino” è ridare dignità alle aree verdi di Cassino dopo cinque anni di abbandono ed incuria. In poco tempo i primi risultati si stanno vedendo.

Le aree oggetto dei contratti di sponsorizzazione manterranno la funzione ad uso pubblico in base alle destinazioni previste dagli strumenti urbanistici del Comune.”

“Stiamo lavorando molto per rendere la nostra città sempre più bella ed accogliente. – ha detto il primo cittadino, Carlo Maria D’Alessandro – Il progetto “Adotta un giardino” ha permesso la riqualificazione di alcune aree verdi importanti della città e per questo ringrazio il consigliere Panaccione per l’impegno che sta mettendo in questo programma.

E’ evidente che le cose da fare sono molte dopo anni di abbandono, ma da un anno ci stiamo adoperando per far si che sia dal punto di vista della manutenzione che del decoro urbano la nostra città migliori giorno dopo giorno.

Un’attenzione particolare a queste tematiche rappresenta un messaggio di civiltà che vogliamo condividere con la popolazione. Tutti dobbiamo impegnarci, sia amministratori che cittadini nel mantenere in ottimo stato il patrimonio della nostra amata città”

 

 

6 giugno 2017 0

Una convenzione fra Comune e “Ars Interamna” per lo sviluppo delle attività turistico-culturali

Di redazionecassino1

Cassino – Sarà presentata giovedì 8 giugno 2017 presso la Sala Restagno del Palazzo Municipale alle ore 10, nel corso di una conferenza stampa la firma della convenzione di intesa tra il comune di Cassino e l’Associazione Culturale Ars Interamna. Saranno presenti per illustrare i termini dell’accordo, le linee guida delle collaborazioni, le iniziative imminenti e future: il sindaco di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro, l’assessore alla Cultura, Nora Noury, Dom Luigi Maria Di Bussolo, Monaco di Montecassino, Mario Abbruzzese, consigliere Regione Lazio, il presidente dell’Associazione Ars Interamna, Antonio Evangelista, la storica e critica d’arte, Dott.ssa Elena Gradini.

“La firma della Convenzione d’Intesa tra le due realtà presenti nella Città di Cassino mira alla promozione delle attività turistico-culturali, rivolte tanto alla popolazione locale, quanto all’incremento dei flussi turistici italiani e stranieri già presenti all’interno della realtà cittadina. – ha detto l’assessore Noury – lo scopo è pertanto quello di incentivare, sensibilizzare e attirare i cittadini, già partecipativi, verso le future iniziative culturali, mediante un approccio multidisciplinare rivolto a tutte le fasce di pubblico. Scopo dell’intesa è dunque la realizzazione di eventi ad alto profilo qualitativo – culturale che al loro interno riescano a promuovere realtà già avviate e favorirne delle nuove, sotto diversi profili. L’auspicio è quello di coinvolgere per il futuro quanta più popolazione possibile, con una particolare attenzione a forme di iniziative che riescano ad attirare le fasce di pubblico giovanili, convinti che le nuove generazioni siano portatrici di enorme potenziale creativo da supportare e favorire, soprattutto nei tempi tanto delicati che tutti stiamo vivendo.

In occasione della Conferenza all’interno degli spazi del Municipio, che conducono dall’atrio sino alla Sala Restagno, sarà allestito un percorso artistico caratterizzato da opere d’arte contemporanea realizzate da prestigiosi artisti internazionali e locali, secondo i più diversi e molteplici linguaggi espressivi, quali pittura, scultura, videoarte e installazioni”. Ha concluso l’assessore alla Cultura Nora Noury.

Ecco le Opere dell’Esposizione d’Arte Contemporanea “PREQUELS”

             Andy Warhol – Marilyn

             Mario Schifano – Ortobotanico

             Mario Schifano – Ora esatta

             Manuel Campus – Terremoto

             Valerio Pittiglio – Il Ratto di Diogene

             Viviana Faiola – Spazio – Tempo senza vento

             Valerio Pittiglio – Videoarte e una +

             Paz Blandina  – Trump

             Fausto Cubello – San Sebastiano

             Raimondo Carretta “Carrai” – Primavera

             Raimondo Carretta “Carrai” – Impercettibile mondo delle cromie

             Luciano Tocci – Dalla serie: Emozioni – Vibrazioni

             Luciano Tocci – Dalla serie: Inno alla Vita

             Manuel Campus – Lucio Battisti

6 giugno 2017 0

Piedimonte al voto. Ferdinandi: “Basta minestroni, la città vuole un governo nuovo”

Di redazionecassino1

Piedimonte San Germano – Continua serrato e senza sosta il dibattito politico-programmatico a Piedimonte San Germano in vista dell’imminente voto dell’11 giugno prossimo per il rinnovo del Consiglio comunale. Il candidato Sindaco Gioacchino Ferdinandi, della lista n. 2 Piedimonte#ORA, è salito di nuovo sul palco con tutta la sua squadra, al gran completo, nessun assente. Domenica sera piazza Sturzo era gremita di cittadini, simpatizzanti e amici che insieme hanno voluto dare il massimo sostegno nel corso di un comizio incentrato soprattutto sui programmi e le proposte che questa squadra ha per il futuro della città. Uno scrosciante applauso ha accompagnato la salita sul palco del trentacinquenne avvocato che in queste ultime settimane ha dimostrato di avere le carte in regola per andare ad amministrare nel migliore dei modi Piedimonte San Germano. “Una campagna elettorale in cui, almeno da parte nostra, – ha subito sottolineato Ferdinandi in apertura di discorso – è regnata la proposta ed è stato dato spazio alle soluzioni da mettere in campo per il nostro paese. Ricordo a qualcuno che abbiamo fatto quasi venti tappe del Tour della Proposta per presentare ai cittadini il nostro programma elettorale e lo abbiamo fatto in tempi non sospetti, al contrario delle menzogne che si vanno raccontando oggi su qualche palco. In parte ci siamo dovuti anche difendere da attacchi infondati, dalle bugie e dalla macchina del fango, ma mai siamo andati sopra le righe, cosa che non è accaduta in particolar modo nella lista del mio competitor, dove c’è stata poca proposta, e scarsa credibilità. Per noi questo è un danno a Piedimonte, dobbiamo scongiurare che non andrà a governare chi ha fatto poco o niente per questo territorio, chi ha pensato prima ai fatti propri e forse, dopo, al bene comune”. E poi subito una stoccata al candidato Urbano, che alla stessa ora stava tenendo un comizio in località Ruscito e nel quale ha cercato in ogni modo di trovare giustificazioni assieme ad un suo candidato che, a quanto sembra, sarebbe in procinto di aprire l’ennesimo impianto di trattamento di rifiuti ospedalieri, pericolosi e non, proprio a quattro passi da Piedimonte, in via Cerro Antico, La Fiotech Srl. “Quella politica ad alto livello come l’hai definita – ha detto Ferdinandi riferendosi ad Urbano – ti è servita personalmente, ti è servita per farti eleggere in provincia, a farti nominare presidente dell’Ater, a farti poi eleggere in regione, ed ancora per portare a casa un vitalizio da circa 3000 euro al mese e a vita. L’ho già detto due giorni fa nel comizio a Ruscito: vigileremo su tutti i titolari di autorizzazioni per lo smaltimento, stoccaggio o trattamento di rifiuti. L’ho già detto ai tuoi candidati Caporusso ed Ermelinda Costa e glielo ribadisco: riteniamo che il nostro territorio ha altre prospettive di sviluppo, ha altre caratteristiche ma di certo non saranno i rifiuti a renderlo migliore. La nostra politica è lontana anni luce da questo indirizzo che voi continuate a sponsorizzare. Chi all’interno della propria lista ha candidati interessati a questo tema, lo dica con chiarezza, ed abbia rispetto per questa comunità. Ma purtroppo – ha aggiunto Ferdinandi – siete bravi solo a dire che noi creiamo allarmismi. Noi allarmismi non ne facciamo e saremo attenti e determinati alla tutela della salute dei cittadini e del territorio dove viviamo”. Parole forti quelle del candidato Sindaco che hanno entusiasmato i presenti. Il trentacinquenne avvocato è poi passato ad un punto fondamentale del programma, il sociale, anche questo argomento che ha destato forti polemiche. “Questa piazza – ha continuato Ferdinandi – ospita importanti Enti, gli uffici del Consorzio dei Comuni del Cassinate per i Servizi Sociali, una struttura che gestisce importanti prestazioni in ventisei Comuni della parte meridionale della provincia di Frosinone. E’ strategico e fondamentale, in un momento difficile come quello che stiamo attraversando, trovare un dialogo forte e concreto magari convocando tavoli tecnici e attraverso i quali si potranno stringere e rafforzare tutte quelle sinergie necessarie ai bisogni della popolazione anziana, dei minori a rischio disagio e dei portatori di handicap. Queste per noi sono priorità. A chi oggi si scaglia contro gli ex assessori dicendo che sono i responsabili del taglio al sociale voglio dire, una volta per tutte, che non è leale e non è serio. Continuano ad omettere e specificare che questo taglio deriva da un debito nei confronti della Rsa di 336mila euro e che 90mila sono stati già messi in bilancio per l’anno 2017, proprio per iniziare ad estinguere questo passivo”. Una stoccata è stata data anche al candidato Delicato, l’uomo dei volantini. “Di questa nostra unione ho la certezza – ha detto Ferdinandi – è una squadra viva, forte e credibile, ma che viene addirittura attaccata da Lucio Delicato mi sorprende e mi fa pensare che dall’altra parte c’è un forte senso di debolezza. All’amico Lucio voglio solo fare una domanda: sei lo stesso che nel 2004 fece girare un volantino con su disegnato un pentolone? Ti ricordi chi c’era dentro: Mario Riccardi che girava dall’alto il brodo, un minestrone con dentro Ettore Urbano, Oreste Gentile e Gioacchino Costa. Oggi in quel pentolone, oltre a Riccardi, Gentile, Urbano e Costa ci sei anche tu. Quando si suol dire cuocere nel proprio brodo. Non avete dignità e credibilità avete negli anni detto e fatto il contrario di tutto e oggi avete anche il coraggio di venire a farci la morale a noi. Una cosa ve la riconosco – ha sottolineato Ferdinandi – quella di esservi messi tutti insieme nello stesso pentolone e senza vergogna”. Il candidato Sindaco di Piedimonte#ORA ha chiuso il suo comizio ricordando un primo cittadino di Piedimonte, il dottor Mario Aceti. “Un grande uomo, un grande sindaco che all’epoca aprì un ciclo e governò questo paese per ben 25 anni. Fu lui a dare lo slancio a Piedimonte e fu anche grazie al suo interessamento e determinazione che la Fiat scelse Piedimonte come sede. Una persona che già all’epoca aveva una marcia in più, semplice, umile e di alto spessore umano. Spero – ha concluso Gioacchino Ferdinandi -, e non solo perché sono di Ruscito come lui, di riuscire ad aprire un nuovo ciclo e ad essere ricordato per aver fatto cose buone per il mio paese”.

6 giugno 2017 0

Ferentino- Decimo anniversario della scomparsa di Luca Malancona, giornata ricordo al centro diurno

Di redazione

In occasione del decimo anniversario della scomparsa di Luca Malancona, la Cooperativa Osa che gestisce il centro diurno intitolato proprio al ragazzo, insieme con l’Amministrazione comunale hanno voluto organizzare una giornata in ricordo della ricorrenza.

Nel corso dell’evento sono stati proiettati video e foto di Luca, alla presenza dei familiari del ragazzo, da sempre molto legati al centro e alle attività che vi si svolgono.

Luca Malancona ha lasciato un ricordo indelebile tra tutti gli operatori e i frequentatori della struttura. Un pomeriggio di ricordi ed emozioni dedicato a Luca, durante il quale i ragazzi del centro hanno scritto dei pensieri che hanno letto alla sua famiglia , per testimoniare la loro vicinanza e la loro amicizia.

Parole commosse anche da parte dell’assessore ai servizi sociali Luigi Vittori: “Un ricordo importante di una persona che è rimasta nei cuori di tutti noi. Un bravo ragazzo e una famiglia speciale. Oggi era doveroso ricordare questo ragazzo”.

Conclusione della giornata affidata al sindaco di Ferentino Antonio Pompeo: “Abbiamo ancora tutti nel cuore Luca Malancona, la sue cordialità, la sua affabilità. Un ragazzo a cui non potevi non volere bene, così come alla sua straordinaria famiglia, sempre pronta a vivere i momenti più importanti della vita del nostro centro diurno. Oggi lo abbiamo ricordato, ed è come se ci fossimo sentiti ancor più vicini a lui”.