Giorno: 11 giugno 2017

11 giugno 2017 0

Esenzione spese sanitarie per vigili del fuoco e penitenziari infortunati, la FNS Cisl lo chiede a Zingaretti

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Lazio – “Il personale appartenente al Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e a quello della Polizia Penitenziaria, così come tutti gli appartenenti al Comparto Sicurezza e Difesa (Carabinieri, Polizia di Stato, Guardia di Finanza e Forze Armate) come è noto, non godono, in caso di infortunio sul lavoro, della copertura INAIL”.

Lo scrive in una nota il segretario regionale della Fns Cisl Massimo Vespia.

Questa grave anomalia comporta che, gli appartenenti a questi Corpi dello Stato, in caso di infortunio sul lavoro, per poter usufruire delle prestazioni sanitarie anche da parte delle Strutture Pubbliche, siano costretti a pagare di tasca propria le spese sanitarie necessarie per potersi curare.

Diverse Regioni Italiane, ultima la Regione Toscana, hanno ritenuto iniquo il trattamento riservato agli operatori di questi Comparti e, pertanto, il 2 maggio u.s., anche la Giunta Regionale Toscana ha approvato la proposta dell’Assessore al Diritto alla Salute e al Sociale che prevede, fra le altre cose, che i Vigili del Fuoco, la Polizia Penitenziaria e tutti gli altri operatori del Comparto Sicurezza, siano esentati dal pagamento delle quote di partecipazione per le prestazioni di pronto soccorso (comprese anche quelle classificate in codice bianco o azzurro erogate in seguito a infortuni sul lavoro).

La FNS CISL, facendosi interprete delle giuste lamentele dei lavoratori di questi Comparti, ha chiesto attraverso una specifica nota al Presidente della Regione Lazio, un formale e solerte impegno su questa delicata tematica, al fine di garantire al personale del Corpo Nazionale VVF e della Polizia Penitenziaria, le esenzioni previste nelle altre Regioni Italiane.”

11 giugno 2017 0

Memory Hole, interesse a Londra per il progetto “Cassino”. Presto verrà presentato al Parlamento Europeo

Di admin

Cassino – Cassino e Londra unite da un ponte che si chiama Memory Hole.  Si è svolta ieri nella capitale inglese l’open day degli studi di architettura più importanti d’Inghilterra che sono stati premiati e menzionati nel London Festival Architecture.

Non poteva mancare lo Studio Paul Murphy che oggi ha nuovamente presentato il progetto Memory Hole che ha come attore principale il territorio di Cassino e il borgo di San  Germano.

Centinaia di addetti ai lavori hanno consultato le tavole e visionato i master plan del progetto che potrebbe risollevare le sorti culturali ed economiche di Cassino con la guida del titolare dello studio  e degli architetti tra cui il cassinate Mario Sacco.

“Dopo il successo del mostra collettiva presso in Building Centre di Londra- si legge in un comunicato dello Studio PMA- durante l’evento organizzato dalla New London Architecture, quello di oggi è un ulteriore passo verso la presentazione del progetto al Parlamento Europeo”. Del resto la dimensione europea del progetto è  e deve essere la molla per tutti gli europei e npn solo che hanno trovato la morte a Cassino”.

www.londonfestivalofarchitecture.org

11 giugno 2017 0

Week-end di fuoco nel cassinate tra controlli e arresti

Di redazionecassino1

Cassino – Questo fine settimana ha visto le Forze dell’Ordine impegnate in un servizio finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati in genere, che hanno fruttato arresti e misure cautelari in diverse zone del cassinate.

A partite dal pomeriggio di sabato, un 32enne è stato bloccato in Veroli dai militari della Stazione locale perché alla guida dell’auto in evidente stato di alterazione psicofisica. Il giovane si è inoltre rifiutato di sottoporsi agli accertamenti e, quando l’auto è stata perquisita, è stato trovato sotto il sedile del guidatore un bastone di circa 50 cm.

La patente di guida è stata quindi ritirata e l’arnese sequestrato. A Sant’Apollinare, deferito in stato di libertà un 31enne originario della provincia di Caserta, già censito per reati contro il patrimonio e la persona, per guida in stato di ebbrezza.

Il tasso alcolemico è risultato superiore a quello consentito dalla norma quindi gli agenti gli hanno ritirato la patente. Infine, a Piedimonte San Germano, un 27enne ed un 32enne entrambi di Napoli, già censiti per reati contro il patrimonio, nonostante fossero colpiti dall’ordine di rimpatrio da quel comune, sono stati identificati mentre si aggiravano senza motivo attorno l’area di parcheggio del centro commerciale locale.

Giulia Guerra