Giorno: 24 giugno 2017

24 giugno 2017 0

Le telecamere della Rai alla mostra “Genti Safine” a San Biagio sulle orme del Brigante Fuoco

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

San Biagio Saracinisco – Le telecamere della Rai sono arrivate a San Biagio Saracinisco sulle tracce dei briganti. La rubrica itinerari senza motori del programma La Vita in Diretta ha visto il giornalista Nicola Mastronardi visitare la Mostra Permanente delle Genti Safine realizzato da Dante Sacco, responsabile del Progetto Summa Ocre.

Una vetrina importante per la comunità che ha approfittato per mettere in mostra il meglio dei prodotti tipici.

“La presenza di Raiuno e del giornalista Nicola Mastronardi nel nostro comune coincide con l’inizio della nuova esperienza di amministrazione in continuità con quanto è stato fatto nell’ultimo decennio”.

Lo ha detto il sindaco di San Biagio Dario Iaconelli.

“Ospitare la troupe e i giornalisti nelle strutture ricettive comunali rappresenta la soddisfazione completa per aver creato a San Biagio Saracinisco i presupposti per un turismo a chilometro zero che trova la giusta affermazione nella Mostra Permanente sulle Genti Italiche e nella memoria del fenomeno del Brigantaggio post unitario”.

Presente anche il gruppo dei Cavalieri coordinati da Gianluca Fuoco, erede dell’indomito brigante Fuoco.

24 giugno 2017 0

Un bosco “stupefacente” ad Alatri, carabinieri trovano seppelliti 4,5 chili di cocaina

Di admin

Alatri – Quattro chili e mezzo di Cocaina sono stati ritrovati dai carabinieri di Frosinone sotterrati in un bosco ad Alatri. I carabinieri del comando provinciale avevano in corso una attività di indagine durante la quale avevano acquisito informazioni circa la possibilità che nella zona boschiva di Monte Radicino, posta a confine tra i comuni di Alatri e Ferentino, fossero state occultate delle armi e delle sostanze stupefacenti. Le informazioni sono state poi sviluppate in collaborazione con il personale della Compagnia di Anagni e del Gruppo Carabinieri Forestale di Frosinone, concentrando l’attenzione nella pineta del versante di Ferentino limitrofa ad una nota azienda agricola a conduzione familiare. Le ricerche effettuate anche con l’ausilio di due unità cinofile del Nucleo carabinieri di Santa Maria di Galeria di Roma, hanno permesso di localizzare tre nascondigli in cui erano stati abilmente sotterrati altrettanti contenitori in plastica, generalmente usati per gli alimenti, nel cui interno si rinvenivano complessivamente quattro panetti di cocaina ed altrettanti involucri contenenti la stessa sostanza, per un totale di 4,5 chili. L’importante rinvenimento, sicuramente ha determinato un duro colpo agli sconosciuti autori di tali traffici, i quali attraverso la vendita al dettaglio di un quantitativo di cocaina così cospicuo avrebbero ricavato un introito di circa un milione di euro a fronte di un costo di base di 160 mila euro.

24 giugno 2017 0

Mercato immobiliare del sesso a Cassino, prostitute pagano mille euro di affitto

Di admin

Cassino – Lo sfruttamento della prostituzione a Cassino passa per l’affitto degli appartamenti a giovani prostitute. Emerge dall’ultima indagine svolta dagli agenti del commissariato di Polizia che hanno messo sotto la lente il mercato del sesso.

Nell’epoca in cui l’indotto della prostituzione sembra spostarsi sempre più dalle strade asfaltate, a quelle telematiche, costituite dagli annunci su siti internet specializzati, sembra cambiare anche laa figura del protettore, meglio noto con il nome del “pappone”.

Le due ragazze individuate a Cassino dagli uomini del vicequestore Alessandro Tocco, adoperavano come “vetrina” proprio internet e dopo la trattativa telefonica, accoglievano i clienti in tre appartamenti presi in affitto in pieno centro.

Il via vai di persone sempre diverse non facevano stare tranquilli i condomini. Gli unici soddisfatti della situazione erano i proprietari degli appartamenti che percepivano mille euro al mese di affitto, ben al di sopra del valore di mercato delle case. Probabilmente conoscevano le attività delle donne perchè, come riferisce una nota della polizia, tre di loro sono stati denunciati per favoreggiamento delle prostituzione in concorso. Uno di loro anche per estorsione dato che si era impossessato delle chiavi dell’auto di una delle ragazze.

Le due donne, invece, una straniera originaria del Venezuela si sta verificando la sua regolarità sul territorio nazionale; e una campana per la quale è stato proposto il foglio di via.

Ermanno Amedei

24 giugno 2017 0

Polizia di Stato: Cassinate interessato da un’intensa attività di controllo, il bilancio

Di redazione

Il Personale del Commissariato di P.S. di Cassino, in collaborazione con le unità cinofile antidroga della Polizia di Stato, nell’ambito della capillare e costante azione preventiva finalizzata a scoraggiare l’uso e lo spaccio di sostanze stupefacenti, ha effettuato alcune perquisizioni domiciliari nella Città Martire. Inoltre, nel corso dell’attività, sono stati effettuati anche servizi mirati a contrastare il fenomeno dello sfruttamento della prostituzione: rintracciate due persone, una delle quali di origini venezuelane, che non sono state in grado di dare contezza circa la loro presenza in zona, dichiarando altresì di dedicarsi alla prostituzione, procurandosi i clienti tramite un sito internet di incontri. Nei confronti della persona straniera, sono state avviate le procedure di identificazione con il conseguente invito a presentarsi presso l’Ufficio Immigrazione per regolarizzare la propria presenza sul territorio nazionale, mentre a carico dell’altra, di origini campane, viene avviato il procedimento amministrativo per l’adozione del rimpatrio con foglio di via obbligatorio. Gli agenti rintracciano anche tre locatari degli appartamenti controllati che, dopo gli accertamenti di rito, sono stati denunciati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cassino per favoreggiamento della prostituzione in concorso tra loro ed uno di essi, anche per estorsione, poiché si era appropriato delle chiavi dell’autovettura di una delle ragazze controllate. Sono in corso approfonditi accertamenti per la verifica della corretta cessione in affitto degli appartamenti oggetto del controllo. Nel mirino della Polizia di Stato anche i locali pubblici: controllato anche un bar, in cui erano presenti alcuni clienti con pregiudizi di polizia. In particolare, un avventore è stato immediatamente allontanato con foglio di via obbligatorio, mentre un 21enne di Cassino, trovato in possesso di alcuni grammi di hashish, è stato segnalato al Prefetto di Frosinone.