Giorno: 19 luglio 2017

19 luglio 2017 0

Sviluppo di incendio a Cassino, in via Garigliano. Intervenuti sul posto sindaco, Vigili del fuoco e Polizia

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Apprendiamo dal profilo facebook del sindaco di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro, la notizia di un principio d’incendio sviluppatosi nel pomeriggio su un terreno in via Garigliano a Cassino. I Vigili del Fuoco, prontamente intervenuti, hanno spento le fiamme che a parere del primo cittadino sarebbero di natura dolosa, originate sfruttando un mucchio di rifiuti già presenti in loco. D’Alessandro ha poi specificato l’intento di emettere un’ordinanza nei confronti dei proprietari del terreno, al fine di tenerlo pulito e impedirne l’accesso per arginare il pericolo di un nuovo incendio, con l’ulteriore obiettivo di evitare il riaccumulo di immondizia.

Giulia Guerra

19 luglio 2017 0

Razzismo o autodifesa? il significato dei termini dopo aver subito un furto

Di admin

ROMA – La sensazione è quella di non essere più sicuri neanche dentro casa e fatti come quelli accaduti ieri in un ufficio a Roma, conferma che è realmente così.

Il campanello suona e qualcuno apre la porta. Un ragazzo, dall’apparente aria mite, di circa 28/30 anni, con un italiano appena accennato misto al rumeno, chiede una informazione e un foglio; viene lasciato entrare per spiegare meglio la sua necessità e nell’ufficio cerca di far capire ai dipendenti di cosa ha bisogno. Gli viene dato il foglio che poggia su una scrivania per meglio gesticolare le sue esigenze comunicative.

Poi, quando mostrandosi deluso dal fatto che ciò che in apparenza cercava non era in quella sede, ha recuperato quel foglio, ha salutato e se ne è andato portando via un telefono di ultima generazione. Il foglio poggiato sulla scrivania è stato lo stratagemma per derubare chi si prodigava per cercare di aiutarlo nelle sue finte necessità. Un inganno vile scoperto solamente dopo che il giovane è andato via e, viene da dire, meno male.

Se il furto fosse stato scoperto nel suo compimento certamente avrebbe provocato la reazione dei presenti. Gente per bene, tranquilla nel proprio ambiente, contro chi è capace di entrare in ambienti altrui con intenzioni da malavitoso e certamente pronto a tutto per tirarsi fuori dai guai, magari anche con una coltellata.

“Hanno sbagliato ad farlo entrare” diranno certamente in tanti, gli stessi che, nel caso in cui il giovane fosse stato lasciato sull’uscio, avrebbero gridato al razzismo. Il senso di tutto ciò è proprio questo; in Italia chi si difende o si tutela è razzista.

Ermanno Amedei