Giorno: 26 agosto 2017

26 agosto 2017 0

Cassino: Zona Cerro, ancora miasmi. Disagi e proteste dei residenti

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Cassino- Una situazione davvero complessa per i residenti di zona Cerro che spesso sono costretti a sopportare i cattivi odori collegati all’impianto di depurazione. Purtroppo il disagio nelle ultime ore è stato nuovamente pesante e nel corso della notte e della giornata di ieri ed oggi i miasmi hanno messo in allarme le persone della contrada. Nonostante gli interventi di manutenzione sull’impianto di pompaggio sotto accusa, is3, da parte del Cosilam, il problema pare non sia stato risolto. Sul piede di guerra i comitati del territorio e i cittadini che sono davvero esausti di convivere con questo disagio.

26 agosto 2017 0

Il suo hobby era il giardinaggio: sorpreso dai Carabinieri mentre innaffiava cannabis.

Di redazionecassino1

Di questi tempi, si sa, il pollice verde è sempre più in voga: c’è chi nel proprio giardino ama far germogliare rose e ciclamini e chi opta per piantine più vistose, come la cannabis. Il giardinaggio risulta poi particolarmente soddisfacente se i frutti del proprio orto riescono a far entrare qualcosina in tasca: sarà stato di questa idea un 43enne di Pastorano (Ce) che stava coltivando una vera e propria piantagione di “cannabis indica” nell’angolo verde della sua abitazione. I Carabinieri dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Marcianise hanno sorpreso l’uomo nel pieno del suo hobby, mentre innaffiava ben 9 arbusti dell’altezza di circa 4 metri. La perquisizione dell’appartamento ha permesso di rinvenire 170 gr circa di stupefacente pronto per il confezionamento, occultato all’interno di buste in plastica e vasi in metallo. L’audace green-friend è stato quindi sottoposto agli arresti domiciliari, dove tuttavia non potrà più dedicarsi alla sua passione.

Giulia Guerra

26 agosto 2017 0

Incendio a Posta Fibreno: indaga la Polizia di Stato

Di redazionecassino1

 

Un incendio divampato ieri nel comune di Posta Fibreno è stato segnalato sulla linea di emergenza del 113. Le fiamme, probabilmente di natura dolosa, si sono sviluppate nei pressi di una struttura che ospita richiedenti asilo. La Squadra Volante del Commissariato di Sora è prontamente intervenuta sul posto, allertando nel frattempo i Vigili del Fuoco, mentre gli agenti  si adoperavano con mezzi di fortuna allo spegnimento delle fiamme.

Sono in corso accertamenti dei poliziotti del Commissariato per ricostruire la dinamica dei fatti ed individuare l’eventuale autore del gesto.

26 agosto 2017 0

La frana dimenticata di Sant’Antonino a Cassino continua a mettere paura

Di admin

CASSINO – “Un grande movimento franoso, per un fronte di circa 200 metri, si è verificato più di vent’anni fa, e continua a scendere, a poche centinaia di metri dallo scollinamento tra Cassino Sant’Antonino e San Michele“. Lo scrive in una nota Bruno della Corte, presidente dell’associazione Il Sole Splende per Tutti.

“La frana cancellò completamente, risucchiando nel canale, tutto il giardino e le strutture pertinenti  al  B&B “Villa Forletta” travolgendo anche mezzi agricoli. Sul posto arrivarono i vigili del fuoco ed i geologi del Comune di Cassino che ordinarono lo sgombero della famiglia che abitava e attualmente abitano nel B&B stesso. La casa infatti, pur non avendo subito danni, è stata sfiorata dallo smottamento che potrebbe rimettersi in moto da un momento all’altro. Il timore è infatti che la terra franando possa investire un’altra casa e una chiesa del 1274 che si trova solo 100 metri più in basso sulla strada che da S.Antonino porta a Cassino; chiesa che è patrimonio storico in quanto all’interno sono custoditi affreschi tutelati dai beni culturali. L’odissea della Signora Maria, proprietaria dell’immobile, ad oggi non è ancora finita. Privata della sua attività, dopo stressanti battaglie durate 20 lunghi anni, è ancora  in attesa di una risoluzione di agibilità, nonostante gli  innumerevoli e dettagliati documenti prodotti, il coinvolgimento di associazioni, politici e addirittura Striscia La Notizia che ne ha fatto notizia televisiva nazionale. Oggi si può pensare che una famiglia debba aspettare dallo Stato un risanamento all’agibilità della propria casa per lunghi vent’anni? E’ inascoltato il grido di dolore della Signora Maria, mentre a Sant’Angelo frazione di Cassino, che ha avuto un caso analogo, si è materializzato subito l’intervento di messa in sicurezza e l’agibilità dell’immobile, forse perché la proprietaria è parente a qualcuno che conta? Resta solo il grande dispendio di soldi pubblici che sono finiti nel calderone della messa in sicurezza, ma di sicurezza, la Signora Maria, ha perso memoria”.

26 agosto 2017 0

Castelnuovo Parano arriva Bandabardò e sarà tutta un’altra musica!

Di redazionecassino1

Castelnuovo Parano – Si chiuderà questa sera, sabato 26 agosto, la XXXVII “Festa di Montecalvo” con il concerto di Bandabardò, in programma dalle ore 21.30 al Campo Polivalente del centro storico. Si concluderà una stagione di eventi importanti e per tutti i gusti che ha spaziato dal successo delle colonne sonore di indimenticabili pellicole con “Morricone and Others” magistralmente eseguite dall’Orchestra da Camera di Frosinone, alle travolgenti e coinvolgenti note di pizzica, tammurriate e tarantelle di Antonio Castrignanò e la Nuova Compagnia delle Tarante. Fra eventi religiosi e gastronomici, che hanno allietato le caldi serate estive dell’Antico Borgo, del suo Castello e della sua maestosa Torre si archivia un’estate di musica. Questa sera sarà la volta del “Più scalcinato e improbabile accrocchio di musicisti irriverenti, fuori da qualsiasi legge di mercato e di tecniche di marketing, un controverso fenomeno destinato a cavalcare fino ad oggi una originale storia” secondo Carlo Lucarelli. Definizione quanto mai azzeccata per Bandabardò, una band che con la loro musica, i loro testi catturano il pubblico, sia quello che li segue da tempo, sia quello che li ascolta per la prima volta. Stasera sarà la volta della musica d’impegno sociale e politico di Bandabardò, la band toscana, di Orla (chitarra elettrica e tastiera), Donbachi (basso e contrabbasso) del giovane Nuto (batteria) arricchita dai fiati e dalle percussioni di Jose Ramon Caravallo Armas, meglio conosciuto come Ramon, chiuderà l’estate culturale dell’Antico Borgo arroccato all’ombra del Maniero e della sua torre. Caselnuovo Parano si prepara ad un’altra serata di buona musica. Un evento, senza ombra di dubbio, di elevato valore culturale e di importante valorizzazione del suo territorio. L’amministrazione De Bellis, insomma, ha fatto le cose in grande, realizzando un programma di tutto rispetto e per tutti gusti, nell’ambito della XXXVII Festa di Montecalvo. È anche tempo di bilancio e quello della kermesse di Castelnuovo Parano è senz’altro positivo come ha voluto sottolineare il Primo Cittadino, Oreste De Bellis: “Questo evento insieme a tutti gli altri appuntamenti che hanno caratterizzato il cartellone della stagione estiva del comune di Castelnuovo Parano, segna il ritorno da protagonista del nostro paese sulla scena culturale laziale attraendo così turismo ed economia sul territorio .L’amministrazione comunale sta mantenendo fede alla promessa fatta ai nostri concittadini di rilancio culturale turistico ed economico del paese”.

Un’altra serata da vivere e ballare sulle note di una grande band, in cui divertimento e impegno civile si fondono magistralmente!

F. Pensabene