pubblicato il5 agosto 2017 alle 17:55

Vecchioni, al Teatro romano, insegna la vita: “Credo nella speranza, ma non per questo Paese”

“Cassino è una città unica perché unica è l’Italia anche se siamo troppo presi dalle ‘stronzate”

Cassino – Della speranza, dell’ironia e della poesia ha fatto armi di istruzione di massa anche se Roberto Vecchioni ci ha confidato che se si guarda attorno, non vede grosse speranze per la cultura di questo Bel Paese. Una chiacchierata in cui il professore di Milano, tra sigari e risate, ci ha raccontato poco prima del concerto al Teatro Romano di Cassino cosa resta di una vita divisa tra banchi, palcoscenici, famiglia, figli, nipotine.  Una lezione di vita agli oltre 1000 che hanno atteso le 22 di venerdì quando Vecchioni ha aperto la sua due ore di musica con “El bandolero stanco”. Non c’è spazio però alla stanchezza  nella vita del cantautore di Milano che non ha risparmiato ironiche invettive contro una società più attenta a promuovere cereali, cornflakes, diuretici ed anticalcare piuttosto che investire nel bello e nella cultura. E d’altronde nella nostra chiacchierata la speranza di Vecchioni che l’Italia possa risorgere dal punto di vista artistico e culturale è ridotta al lumicino. “Siamo il tempo del tutto e subito, tutto viene consumato in 4 o 5 secondi, divoriamo la vita.” E  poi l’invidia, questo è per Vecchioni uno dei cancri dell’anima.

faccedivita.it

La sferzata è lanciata contro un sistema che valorizza lo sguardo veloce, fugace, la fretta, il mordi e fuggi. Un approccio che va ribaltato – dice Vecchioni – partendo dalla scuola. La calma e la pazienza, la voglia di imparare e di aspettare. Queste le   fondamenta su cui costruire una vita.  E purtroppo  l’Italia oggi   dimentica la sua Cultura  per abbracciare nuove forme d’esperienza  che durano poco o nulla. Per questo i luoghi della cultura si  svuotano. “Siamo troppo presi dalle stronzate” senza troppi giri di parole Roberto Vecchioni analizza lo stato di salute di noi tutti.

E’ cresciuto – ci ha detto – rispetto a Parabola, l’album che nel ’71 lo ha consacrato. C’è più attaccamento per la vita, meno idee sballate per la testa, ragione e sentimento hanno trovato il modo per convivere, laddove, 40 anni fa, c’era posto solo per il sentimento. E’ l’esperienza la grande arma di Vecchioni con cui riuscire ad affrontare la vita anche quando questa ci mette dinanzi a questioni dolorose ed inspiegabili. “Le rose blu” la rabbia di un padre pronto a cedere il passato ed il futuro per riempire la tristezza del figlio malato.

Tutto fa parte di un percorso che va metabolizzato attraverso l’esperienza.

Il silenzio, la commozione di tanti, di fronte alla voce che Vecchioni presta alla poesia. “Sogna ragazzo sogna” la preghiera che da quasi 20 anni ha accompagnato la speranza di migliaia di giovani, molti dei quali oggi genitori.

Il teatro romano ospita così una serata che resterà nei ricordi storici della città.  Un’aura di magia che ha fermato il tempo. E’ già mezzanotte. Cala il sipario sulla lezione di vita che l’uomo semplice, il professore, senza troppe pretese ma con la bonarietà che lo contraddistingue, ha lasciato ai tanti presenti.   “Cassino è una città unica” ha detto alla platea prima di andare via con il suo staff “perché unica è l’Italia”.

Un evento magico che si inserisce all’interno della quattro giorni ideata che darà ancora spazio all’ironia di Giobbe Covatta, sabato 5 agosto, ed al ritmo di Enzo Avitabile e l’Orchestra dei Bottari domenica 6 agosto.

 

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini

Tags: , , , , , ,



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07