Giorno: 5 settembre 2017

5 settembre 2017 0

Cassino: Sanità “Trasfusionale a domicilio nel caos, manca personale”. Le preoccupazioni di Quadrini

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

“La cronica carenza di personale e la rimodulazione dei centri trasfusionali sta mettendo a serio rischio servizi indispensabili per la salute dei cittadini del Cassinate. I servizi e le struture sanitarie della provincia di Frosinone sono state oggetto di tagli dissennati per mano di un’amministrazione regionale di centrosinistra e del presidente Zingaretti che a tutt’oggi ne stanno compromettendo gravemente l’operatività mettendo in gravissimo pericolo la salute dei cittadini ciociari. Questa è l’ennesima dimostrazione”. Sono le parole del consigliere provinciale capogruppo di Forza Italia e Presidente della XV Comunità montana Gianluca Quadrini sul servizio trasfusionale a domicilio di Cassino sospeso senza preavviso per personale insufficiente. L’unica unità infermieristica a disposizione nel sud della provincia è stata infatti trasferita presso la casa della salute di Pontecorvo.

“E’ inimmaginabile già di per se che un centro così importante qual è quello trasfusionale territoriale che offre servizio ad un’utenza affetta da patologie oncologiche e ematologiche per cui una trasfusione corrisponde ad un salvavita, abbia solo una unità operativa. –osserva Quadrini- Ma ancor più assurda la decisione di trasferire la stessa altrove, lasciando scoperto il servizio. Questo è assurdo e richiede una soluzione con la sostituzione immediata del personale, evitando l’aggravio di inconvenienti ai malati che vivono già disagi indicibili”.

5 settembre 2017 0

Frosinone: la Polizia di Stato arresta la banda dei furti

Di redazione

La Squadra Volante arresta la “banda dei furti”, che aveva messo a segno diversi furti in abitazione nel capoluogo. Un agente della Squadra Volante, libero dal servizio, nel transitare nella parte bassa del capoluogo, nota una ragazza uscire di corsa dal portone di uno stabile e salire su un utilitaria, il cui conducente già posizionato per la fuga, si allontana prontamente dal luogo. Il poliziotto, insospettito dalla situazione, decide di seguire il veicolo, allertando, nel frattempo, la Sala Operativa della Questura. Un intervento coordinato e tempestivo consente di bloccare l’auto sulla Monte Lepini, all’altezza dell’incrocio con Viale Europa. A bordo ci sono 4 giovani di etnia Rom, sprovvisti di documenti e provenienti, come riferiscono agli agenti, da un campo nomadi della Capitale. Si procede a perquisizione veicolare, che consente di rinvenire, tra l’altro, un orologio Rolex, dollari, buoni fruttiferi e carte di credito e gli attrezzi del “mestiere” tra cui un giravite della lunghezza di 37 cm. Nel corso del pomeriggio, sulla linea di emergenza 113, vengono segnalati diversi furti in abitazione da parte di cittadini, che rincasando per il pranzo, avevano costatato che il loro appartamento era stato visitato dai ladri. La Polizia di Stato invita, pertanto, chi ha subito il furto a denunciare l’episodio, fornendo una eventuale dettagliata lista degli oggetti rubati.

5 settembre 2017 0

Cassino: Clochard e decoro urbano, la presa di posizione dell’amministrazione comunale

Di redazione

Molte e aspre sono state le critiche mosse da diversi cittadini cassinati all’amministrazione comunale di Cassino negli ultimi mesi, dovute alla presenza di un senza tetto polacco che aveva costruito un vero e proprio rifugio di coperte al di sotto dei portici che danno su Piazza Labriola, quindi nel pieno centro della Città Martire. L’uomo in questione aveva creato non pochi disagi nel corso della sua permanenza, dovuti allo spiacevole problema dell’alcolismo, fra i quali ricordiamo il tentativo di baciare una fedele all’ingresso della vicina Chiesa di Sant’Antionio. Rifiutando più volte le cure offerte dalle strutture sociali della città, fra le quali quelle della stessa Casa della Carità che per un periodo l’aveva ospitato, si era definitivamente stabilito in strada. La risposta del comune non ha tardato ad arrivare: si legge sulla pagina Facebook del comune di Cassino l’annuncio del nuovo progetto #Daspo. “Il Daspo urbano, si specifica nel suddetto post, è un provvedimento che vieta di chiedere l’elemosina, di bivaccare nei giardini e nelle strade, di fare commercio abusivo e di espletare i propri bisogni fisiologici a cielo aperto”, come affermato dal vicesindaco Carmelo Geremia Palombo. Pesanti le sanzioni previste per coloro che non rispetteranno il provvedimento, da quelle pecuniarie sino all’allontanamento dal territorio comunale. Chiaro il messaggio del sindaco, Carlo Maria D’Alessandro: “La loro drammatica condizione sta a cuore a tutti (…) ma i loro comportamenti sono diventati scandalosi e inaccettabili perché, di fatto, limitano la libertà di un’intera comunità e generano reazioni violente. Non vogliamo forzare la loro volontà – prosegue – ma non possiamo consentire a nessuno di fare quello che gli pare. Non vogliamo più essere spettatori o, peggio, oggetto di atti osceni facendo una semplice passeggiata in centro”. Giulia Guerra Foto d’archivio

5 settembre 2017 0

Gaeta: Scuola Giovanni Paolo II, lavori in dirittura di arrivo

Di redazione

Una scuola tutta nuova accoglierà i piccoli alunni del quartiere Calegna nel nuovo anno scolastico. Sono, infatti, in dirittura di arrivo i lavori di recupero, riqualificazione e messa in sicurezza della Scuola dell’Infanzia Giovanni Paolo II. Un intervento di ampio respiro dal costo complessivo di oltre 250.000 euro, finanziato dalla Regione Lazio nell’ambito del “Programma straordinario di interventi per il recupero e la messa in sicurezza dell’edilizia scolastica”. “Più Accogliente, confortevole e funzionale”. Così sarà la nuova Scuola dell’Infanzia di Calegna nelle parole dell’Assessore alle Opere Pubbliche Angelo Magliozzi che illustra l’intervento in via di conclusione: “L’edificio è stato completamente riqualificato secondo gli standard vigenti in materia di igiene e sicurezza, e adeguato allo norme antinfortunistiche. Sono state eliminate le barriere architettoniche, rinnovati gli ambienti interni e gli spazi esterni. Nello specifico si è provveduto all’adeguamento e messa norma degli impianti elettrici, termici ed antincendio; al risanamento e rifacimento dei servizi igienici, alla sistemazione della struttura, alla sostituzione degli infissi. All’esterno sono stati adeguati i percorsi e gli accessi, realizzati nuovi marciapiedi, ponendo particolare attenzione all’abbattimento delle barriere architettoniche”. I lavori sono stati svolti dal Raggruppamento Temporaneo di Impresa ACOS s.r.l. e CRICELLI COSTRUZIONI s.r.l. aggiudicataria a seguito di relativa procedura ad evidenza pubblica, curata dalla CUC (Centrale Unica di Committenza). Per il Sindaco di Gaeta Cosmo Mitrano “La città si arricchisce di un’altra scuola gioiello! Garantire ai nostri ragazzi luoghi di studio e di crescita idonei, confortevoli e sicuri è sempre stato, e continuerà ad essere, interesse primario della nostra Amministrazione. Abbiamo lavorato alacremente al fine di porre in essere le migliori condizioni per una serena realizzazione della vita scolastica da parte dei nostri giovani, fin dai primissimi passi nel mondo della scuola. Rilevanti finanziamenti sono stati ottenuti cogliendo volo ogni opportunità, aderendo a bandi ad hoc della Regione Lazio. Complessivamente nel nostro primo mandato amministrativo abbiamo beneficiato di fondi pari ad oltre 3 milioni di euro. Una somma rilevante investita nelle strutture scolastiche di competenza del Comune, al fine di renderle sempre più sicure, vivibili, e in piena sintonia con la politica di sostenibilità ambientale, perseguita con impegno dalla nostra Amministrazione. Siamo intenzionati a continuare in questa direzione, mantenendo sempre alta l’attenzione sulle problematiche relative all’edilizia scolastica”.

5 settembre 2017 0

Frosinone: Questa sera assise civica. Il commento del sindaco Ottaviani

Di redazione

Questa sera alle 19, si riunirà il consiglio comunale presso l’aula consiliare. L’assise si terrà in seconda convocazione: il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani, ha sottolineato come, con questo strumento, “si possa procedere, speditamente, all’analisi delle pratiche e dei provvedimenti alla presenza del maggior numero possibile di consiglieri. Così facendo, si valorizza l’impegno di quanti siedono in aula per lavorare nell’interesse esclusivo della città, senza quei rinvii o quei differimenti tanto cari ai professionisti della politica, ai quali interessa poco o nulla l’efficienza della macchina comunale. Alcuni consiglieri della minoranza – non tutti, in realtà – troveranno, in questo modo, differenti ragioni di impegno esistenziale, magari leggendo qualche passo di Marcel e Sartre, con un lieve condimento di Kierkegaard”, ha dichiarato il sindaco Nicola Ottaviani. Questi i punti all’ordine del giorno: 1) Proposta degli indirizzi generali di governo (Art. 53 dello Statuto Comunale). Presentazione; (Sindaco). 2) Nomina Commissioni Consiliari permanenti (Art. 33 dello Statuto Comunale); 3) Ordine del giorno presentato in data 19.07.2017 dal Cons. Marco Ferrara avente ad oggetto: “Contrarietà alla ratifica dell’accordo economico e commerciale globale (CETA) tra Canada e Unione europea e conseguenti danni al settore agricolo europeo e italiano.