pubblicato il7 settembre 2017 alle 16:23

Cassino, arriva la passione tanguera

CASSINO – Il tango argentino approda nel cassinate grazie ad una coppia di giovani belli e di talento, che si sono innamorati di un ballo che è simbolo della passione e dell’eleganza.
Claudia Del Greco e Andrea Angione, che fanno coppia in pista ma anche nella vita, hanno conosciuto il tango più di qualche anno fa perchè i genitori di lei ballavano, ma solo da tre anni hanno iniziato il loro percorso di studio.
Sono stati Luca Morale e Francesca Santangelo gli insegnanti che li hanno accompagnati mentre muovevano i primi passi ed ancora adesso sono una parte importante della loro crescita tanguera.
Una passione che è diventata sfida, perchè subito sono arrivate anche le gare, le soddisfazioni e le vittorie.
Dopo aver vinto il campionato metropolitano regionale nelle categorie di tango argentino e vals, hanno sfidato tutti i campioni delle varie regioni d’Italia e vinto il titolo di campioni nazionali metropolitani 2017!
“Ricordiamo ancora con grande emozione il momento della premiazione – raccontano Claudia ed Andrea – un risultato che ha ripagato i nostri sacrifici e che ci ha resi molto felici.
Un risultato per cui dobbiamo sicuramente ringraziare i nostri maestri. A loro dobbiamo tutto, ci hanno accompagnati e ci accompagnano tuttora passo dopo passo in un percorso che è davvero intenso e lo hanno fatto da subito con grande generosità, caratteristica che non è affatto scontata in un maestro. E, per noi, loro sono grandi soprattutto per questo.
E poi dobbiamo ringraziare la nostra forza di volontà, la nostra tenacia che ci spinge a fare sempre di più e sempre meglio nonostante i sacrifici”.
Sull’esempio dei loro maestri hanno deciso di contribuire nel divulgare la cultura del tango nel cassinate.
“Il tango non è solo un ballo, ma una cultura, uno stile di vita. Non è solo passi, ma è vero e proprio sentimento racchiuso in un abbraccio. L’uomo interpreta la musica improvvisando, non ci sono sequenze banali standardizzate e questo rende ogni tango sempre nuovo, sempre diverso. Insomma unico! La donna non sa cosa l’uomo le farà fare, come ballerà quel tango e così si lascia guidare. I due corpi sono estremamente connessi, la mente si libera e nasce la magia. Riuscite ad immaginare qualcosa di più bello?
Il Tango ormai fa parte della nostra vita e vorremmo facesse parte anche della vita di molte altre persone e coppie.
Abbiamo viaggiato e viaggiamo molto per studiare ed ora vorremmo creare una “realtà tanguera” anche qui, perchè a Roma e Napoli già da tempo questo ballo ha lo spazio che merita”.
E così, tenaci e pronti ad una nuova sfida, a partire da metà settembre si lanceranno nell’avventura come insegnanti e terranno un corso di tango presso la scuola Shall we dance di San Giorgio a Liri. Il 20 e 24 settembre ci saranno due prove gratuite aperte a tutti.
“Non è assolutamente necessario saper già ballare – precisano – basta semplicemente un pizzico di curiosità, quella che ha spinto noi ad iniziare. Daremo la nostra disponibilità per un corso infrasettimanale e uno domenicale in modo tale da poter coinvolgere anche chi ha problemi con il proprio orario lavorativo. Inoltre abbiamo intenzione di organizzare delle serate, le cosiddette “Milonghe” dove, sia i nostri allievi sia tutti i tangueri del territorio, potranno mettere in pista ciò che hanno studiato ma soprattutto condividere il proprio tango e conoscere l’aspetto sociale di questo ballo. Ma ci saranno tante altre novità che illustreremo a chi verrà a trovarci il 20 e 24 settembre a San Giorgio a Liri, in corso Achille Spatuzzi 138”.
Vederli ballare è davvero uno spettacolo emozionante e certamente anche nella veste di insegnanti sapranno regalare grandi emozioni, insieme all’esperienza, ai loro allievi.
Valentina Prato

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini

Tags: , , ,



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07