Giorno: 12 ottobre 2017

12 ottobre 2017 0

Esercitazione a Ceccano, simulato incendio su treno Frecciarossa

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CECCANO – Si è svolta questa notte all’interno della galleria La Botte, sulla linea AV/AC Roma – Napoli, nel comune di Ceccano (Fr), un’esercitazione coordinata dalla Prefettura di Frosinone, con il Gruppo FS Italiane e la Protezione Civile che ha simulato un principio d’incendio al locomotore di un treno Frecciarossa. L’attività, eseguita in condizioni realistiche, rientra fra quelle previste nei Piani di Emergenza Interno ed Esterno della linea AV Roma – Napoli. In particolare, subito dopo la mezzanotte, è stata simulata una situazione di emergenza per il Frecciarossa diretto a Napoli sul quale erano presenti 65 persone, di cui 55 passeggeri “figuranti” tra i quali 2 con disabilità motorie. Una volta messa in sicurezza la linea ferroviaria, le persone a bordo sono state fatte evacuare dai VVF e soccorse dall’ARES 118 per il triage preliminare, con il supporto dei Volontari della Protezione civile regionale che ha assistito i viaggiatori, mentre le Forze dell’Ordine sono intervenute nella gestione dell’emergenza e della viabilità. L’esercitazione ha coinvolto Amministrazioni e Istituzioni che, in base alle proprie specifiche competenze, fanno parte del sistema integrato di protezione civile e che sono state chiamate a svolgere attività riguardanti organizzazione, pubblica sicurezza, viabilità e trasporti, accoglienza e logistica, sanità, attività di soccorso, attività sociali e volontariato di protezione civile. Nello specifico, coordinate dal Centro Coordinamento Soccorso, istituito a Frosinone dal Prefetto Emilia Zarrilli, hanno operato oltre 200 persone. All’esercitazione hanno partecipato 40 unità complessive dei Vigili del Fuoco con 25 unità operative sul posto con 8 mezzi, personale delle Forze dell’Ordine con 35 unità operative tra Questura, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia Stradale, Polizia Ferroviaria, Polizia Provinciale e Polizia Municipale di Ceccano, Patrica e Frosinone. Sul luogo dell’esercitazione, oltre a personale dell’Ares 118 con 10 unità e 3 mezzi, hanno operato 7 associazioni di Volontariato di Protezione Civile regionale con 7 mezzi e 34 volontari. Intorno alle 2 del mattino tutte le persone presenti sul treno sono state evacuate e messe in sicurezza presso la scuola Gaetano Latini zona Pescara a Ceccano. Il Comune di Ceccano ha istituito il Centro Operativo Comunale (COC), così come i Comuni di Frosinone e di Patrica, mentre la Prefettura di Frosinone il Centro Coordinamento dei Soccorsi (CCS) con tutte le funzioni di supporto attivate. L’esercitazione ha consentito di testare la risposta del sistema emergenziale del Gruppo FS, la sinergia tra le strutture e le componenti del sistema di protezione civile, i flussi di comando e le attivazioni necessarie nei primi momenti di emergenza e la viabilità per il trasferimento di eventuali feriti fino al Pronto Soccorso più vicino.

12 ottobre 2017 0

Si gioca i soldi di famiglia e “inventa” rapina, denunciato 56enne a San Giovanni Incarico

Di admin

I Carabinieri della Stazione di San Giovanni Incarico, unitamente ai militari dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Pontecorvo, hanno denunciato per simulazione di reato, un 56enne del luogo incensurato. L’indagato si era presentato presso la Stazione Carabinieri di San Giovanni Incarico per denunciare che nel corso della notte, mentre faceva rientro a casa a bordo della propria autovettura, aveva subito una rapina in strada da parte di un malvivente che armato di coltello, si era fatto consegnare il portafogli contenente la somma di 700 euro. Il denunciate aveva raccontato inoltre, di non aver denunciato il fatto poiché il rapinatore lo aveva minacciato di ripercussioni qualora si fosse rivolto alle Forze dell’Ordine. La vicenda raccontata dal 56enne non convinceva i militari operanti, i quali hanno attivato una un’immediata attività investigativa che ha consentito di far emergere una serie di contraddizioni nel racconto dell’uomo e l’effettiva ricostruzione dei fatti. Il 56enne, messo di fronte all’evidenza, è crollato confessando che la denuncia, dettata dalla disperazione, era stata tutto frutto della sua fantasia. Lo stesso ha ammesso di aver sperperato l’intera somma al gioco d’azzardo e di aver inscenato i fatti per giustificare l’ammanco di denaro alla sua famiglia.

12 ottobre 2017 0

Giovane preso a sprangate, due denunciati a Fiuggi

Di admin

FIUGGI – Questa mattina, a Fiuggi, i carabinieri della Stazione intervenuti a seguito di un’aggressione ai danni di un giovane, hanno denunciato per lesioni personali in concorso un 26enne ed un 22enne del posto, già censiti per reati legati agli stupefacenti. I due, nel centro della città termale, avevano poco prima aggredito per futili motivi, con pugni ed una spranga metallica, un loro coetaneo anch’egli censito per reati legati agli stupefacenti e alla persona, procurandogli lesioni personali giudicate guaribili in pochi giorni dal Pronto Soccorso dell’Ospedale di Alatri, ove il ferito nel frattempo era stato condotto a mezzo autoambulanza del “118”. La spranga metallica è stata posta sotto sequestro.

12 ottobre 2017 0

Operazione “I Monatti”, usurai applicavano interessi anche del 400 per cento

Di admin

CASSINO – Questa mattina, i Carabinieri del Comando Compagnia di Cassino, sotto il coordinamento della locale Procura della Repubblica e la direzione del Comando Provinciale di Frosinone, nonché coadiuvati dal Comando Compagnia di Pontecorvo, hanno dato esecuzione ad una attività di polizia giudiziaria in Cassino e Pontecorvo, consistente nell’esecuzione di Ordinanza di Custodia Cautelare in carcere nei confronti di 6 soggetti, residenti nel frusinate. Gli arrestati sono ritenuti responsabili dei reati continuati di “usura” (art. 644 co. 1,3,4 e 5), “estorsione” (art. 629 C.P.), “lesioni personali” (art. 582 C.P.) aggravati ed in concorso. L’operazione, denominata convenzionalmente “I MONATTI”, è stata intrapresa dai militari del Nucleo Operativo di Cassino a seguito dell’incendio, avvenuto nel mese di marzo del 2016, di un magazzino adibito a deposito di materiale di gommapiuma, di proprietà di un noto commerciante di Cassino, già in passato (anno 2014) vittima di usura e di analogo attentato incendiario. L’incendio del 2016 danneggiò l’intero opificio di produzione di materassi, mettendo in pericolo alcune famiglie che si trovavano negli appartamenti sovrastanti e, l’evento stesso, ritenuto sin da subito di natura dolosa, fece avviare una specifica attività info-investigativa da parte dei militari di Cassino, coordinata dal PM Dottoressa Chiara D’OREFICE – Sost. della Procura della Repubblica di Cassino. Nel corso dell’attività svolta, i militari accertavano e riscontravano che vi era un giro di usura condotto, a vario titolo, dagli odierni arrestati. Il gruppo criminale, nell’ambito delle attività di usura, per costringere la vittime a pagare i debiti, non esitava a minacciarle gravemente nonché aggredirle fisicamente tanto da costringerle, in alcune occasioni, a ricorrere in cure mediche. I tassi applicati, che partivano dal 25 – 30%, potevano anche superare il 400%. Difatti, le indagini, permettevano di cristallizzare l’attività usuraia del gruppo criminale che, a fronte di un prestito di 15mila euro ad un commerciante di Cassino, gli imponeva la restituzione di 20mila euro in un anno; in un altro episodio, per un prestito di 8mila euro lo stesso commerciante aveva pagato in un anno e mezzo circa 8mila euro di interessi. In un terzo episodio, il medesimo, per un prestito di 2mila euro, era stato costretto a consegnare oltre al capitale, euro 4mila di interessi in sei mesi. In un ulteriore episodio lo stesso commerciante, ormai in evidente difficoltà economica, era costretto a chiedere una ulteriore somma di denaro di 1000 euro ad altro noto soggetto, dietro corresponsione della somma totale di euro 1.600 dopo soli due mesi quindi con la l’applicazione di un tasso usuraio di quasi il 300%. All’interno del gruppo criminale, inoltre, vi erano due soggetti che erano dedicati proprio alla riscossione delle rate dei prestiti presso le vittime. Questi sistematicamente minacciavano i debitori quando quest’ultimi ritardavano di qualche giorno i pagamenti. Infatti, in un occasione il commerciante di Cassino, soffocato dalle continue scadenze e non riuscendo a pagare qualche rata, dopo essere stato attratto in un tranello, venne aggredito fisicamente con calci e pugni, riportando contusioni su tutto il corpo e la frattura delle ossa nasali. L’attività svolta ha messo in luce uno spaccato allarmante nel cassinate, che vede le vittime, evidentemente toccate dalla grave crisi economica che negli ultimi anni ha interessato il territorio nazionale, da una parte costrette a rivolgersi agli usurai per continuare la loro attività lavorativa, dall’altra, poiché annichilite dalle condotte violente degli strozzini, non sono disposte a denunciare i fatti alle forze di polizia. Il Gip del locale Tribunale, Giudice Massimo Lo Mastro, quindi, accogliendo totalmente la richiesta del Pubblico Ministero Dott.ssa Chiara D’Orefice, che aveva diretto le indagini ed avvallato le risultanze investigative del Comando Carabinieri di Cassino, emetteva la suddetta ordinanza nei confronti delle sottonotate persone, tratte in arresto: Sardelli Maurizio classe 57 anni; Sardelli Giuseppe 28 anni; Morra Massimo 50 anni; Russo Gianluca 43 anni; Bottiglieri Gerardo 40 anni; Spada Silvana 45 anni.

12 ottobre 2017 0

Lite in casa di stranieri a Cassino, 18enne si scaglia contro agenti e viene arrestato

Di admin

“Una violenta lite in Corso della Repubblica”: è la segnalazione che giunge, qualche minuto dopo la mezzanotte, sulla linea di emergenza 113 del Commissariato di Cassino. L’operatore immediatamente ha diramato la nota alle Volanti presenti sul territorio. Giunti prontamente sul posto, gli agenti sono stati aggrediti verbalmente e fisicamente – con calci e pugni – da un giovane, coinvolto nella lite. Bloccato, il violento, che rifiuta di declinare le generalità, viene accompagnato presso gli uffici di Polizia, per gli accertamenti di rito: è un 18enne originario della Libia e residente nell’hinterland cassinate, con precedenti per reati contro la persona. Scatta l’arresto per resistenza a Pubblico Ufficiale, minacce, rifiuto di fornire le generalità e lesioni. Proseguono le indagini per accertare la dinamica dei fatti. I poliziotti feriti sono stati refertati presso il locale nosocomio.

12 ottobre 2017 0

Incidente in A1 tra Pontecorvo e Cassino, bilancio pesantissimo. Due morti e tre feriti gravi

Di redazione

Due morti e tre codici rossi è il bilancio dell’incidente stradale avvenuto poco prima delle 12.30 sull’autostrada Roma Napoli nel tratto compreso tra i Caselli di Pontecorvo e Cassino. Due le vittime, mentre altre tre persone sono in gravi condizioni. Una prima eliambulanza, atterrata sulla strada, ha trasferito uno dei tre all’Umberto I di Roma. Un secondo è stato trasportato in ospedale a Cassino. Un terzo è ancora sul posto e si sta valutando la sua condizione. Nel frattempo è atterrata anche una seconda ambulanza. Il tratto autostradale resta chiuso per permettere i soccorsi, i rilievi e, successivamente, la rimozione dei rottami.

12 ottobre 2017 0

Cassino, picchia la ex anche quando si allontana da casa: arresto 50enne

Di admin

CASSINO – Un uomo di 50 anni è stato arrestato a Cassino per violenza domestica. La presunta vittima è una donna di Cassino che ha pagato, subendo violenze fisiche, la scelta di porre fine alla relazione con il 50enne. La donna, come ha raccontato agli inquirenti del Commissariato di Cassino, è stato costretta a mettere fine a quella convivenza fatta di sofferenze fisiche e psicologiche, a causa dei continui e violenti impeti di gelosia da parte del suo ormai ex compagno, superando coraggiosamente il muro del silenzio e chiamare la polizia. Infatti, quando alla fine dello scorso mese di agosto, dopo l’ennesima discussione per futili motivi, il cinquantenne si è introdotto nell’abitazione dove la ex compagna si era rifugiata e, dopo gli ormai consueti insulti, è passato alle vie di fatto, colpendola ripetutamente con pugni costringendola a ricorrere alle cure mediche presso l’ospedale di Cassino. L’attività di indagine si è conclusa con l’esecuzione della misura degli arresti domiciliari nei confronti del violento, così come disposto dall’Ordinanza del Tribunale di Cassino.

12 ottobre 2017 0

Pontecorvo: Grave incidente in A1. Al momento tratto chiuso

Di redazione

Grave incidente in Autostrada nella corsia Sud subito dopo Pontecorvo al km 669,6. A rimanere coinvolti 2 mezzi pesanti e 1 autovettura. Al momento sul post o sono arrivati i mezzi di soccorso e i vigili del fuoco di Cassino. Autostrade intanto comunica che il tratto tra Pontecorvo e Cassino al momento è chiuso. N.C. Foto d’archivio

12 ottobre 2017 0

Sorpreso a rubare nel parcheggio dell’università a Cassino, arrestato 72enne

Di redazione

Beccato sul fatto il ladro ormai incubo degli automobilisti che parcheggiavano nei pressi del cimitero inglese a Cassino. Da tempo i parcheggi del cimitero inglese e della vicina università non erano luoghi sicuri in cui lasciare l’auto. Razziatori si accanivano principalmente sulle macchine dei visitatori inglesi al mausoleo della guerra spaccano finestrini e derubando oggetti di valore, ma non disdegnavano di colpire anche le auto degli studenti. In tutto il numero di denunce superava il 30. L’indagine svolta dagli agenti di polizia del commissariato di Cassino diretti dal vice questore Alessandro Tocco ha sortito i frutti sperati permettendo di sorprendere in fragranza di reato un uomo di 72 anni di Cassino che aveva appena forzato l’auto di una insegnante. Per lui è scattato l’arresto. Foto d’archivio

12 ottobre 2017 0

Piedimonte San Germano: Incidente stradale sulla Casilina, coinvolte 4 auto. Quattro persone ferite

Di redazione

Un incidente stradale si è verificato questa mattina, poco prima delle 7, su via Casilina nel territorio di Piedimonte San Germano. Lo scontro è avvenuto in prossimità dell’incrocio con la strada che porta alla stazione ferroviaria Piedimonte, Aquino e ha visto coinvolte quattro auto. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Cassino e il 118. Le persone ferite sono state quattro in tutto. Poi sono state trasportate al pronto soccorso dell’ospedale di Cassino. Nessuno, fortunatamente, è in pericolo di vita ma uno dei quattro, tuttavia, ha riportato gravi ferite ad un piede.