Giorno: 18 ottobre 2017

18 ottobre 2017 Non attivi

Omicidio stradale plurimo, arrestato 32enne di Alatri

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

FROSINONE – Questa mattina presso l’Ospedale di Frosinone, i Carabinieri della Stazione di Ferentino hanno notificato un Ordine di Custodia Cautelare in Carcere, emesso nel pomeriggio di ieri dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Frosinone, nei confronti di un 32enne di Alatri indagato per omicidio stradale plurimo aggravato dalla guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti e con patente revocata. L’Autorità Giudiziaria, accoglieva integralmente le tesi accusatorie dei militari operanti intervenuti a seguito dell’incidente mortale avvenuto lo scorso 15 ottobre sulla via Casilina nel comune di Ferentino.

L’arrestato, attualmente piantonato presso l’ospedale di Frosinone, verrà tradotto presso la Casa Circondariale di Frosinone a riacquisita idoneità fisica.

18 ottobre 2017 Non attivi

Formia, scarico fognario abusivo nel rio Santa Croce: sanzionata Acqualatina

Di admin

FORMIA – Uno scarico non autorizzato della rete fognaria di Formia, gestito dalla società Acqualatina è stato individuato questa mattina dagli uomini della Guardia Costiera nel territorio del comune di Formia. Lo scarico non autorizzato si diramava dalla vasca dell’impianto di sollevamento della rete fognaria sino al vicino corso d’acqua Rio Santa Croce e da lì, direttamente al mare.

Per questo la società è stata diffidata a chiudere lo scarico ed è stata elevata una sanzione amministrativa che va da 6mila a 60mila euro.

Ermanno Amedei

 

18 ottobre 2017 0

La trattativa di vendita del Rolex che finì in rapina, i tre arrestati a Pontecorvo – FOTO

Di admin

PONTECORVO – Questa mattina i Carabinieri dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Pontecorvo, coadiuvati da altri militari delle Stazioni Carabinieri Aquino, Pontecorvo e Piedimonte San Germano, ottemperando all’ordinanza per l’applicazione della misura cautelare coercitiva di sottoposizione agli arresti domiciliari, emessa il 16 ottobre 2017 dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Cassino, hanno arrestato Davide Carbone 26 anni, Giuseppe Sardelli 28 anni, già detenuto presso la Casa Circondariale di Cassino, Abdyl Beshtika albanese, 30 anni, pregiudicato, ritenuti responsabili di concorso finalizzato alla rapina aggravata perpetrata mediante sequestro di persona, lesioni aggravate e porto abusivo di oggetti atti ad offendere.

e ,

I FATTI

Il 26 aprile 2017, alle ore 23 circa,  nel contesto delle ordinarie attività di controllo del territorio, i militari della Nucleo Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Pontecorvo, preliminarmente intervenuti nel centro cittadino a seguito di una presunta lite tra ragazzi innescata per futili motivi, accertarono che l’alterco era stato originato da una cruenta rapina poco prima subita, a Piedimonte San Germano, Via G. D’Aguanno, da uno dei contendenti, un 23 enne di Napoli,  nel contesto di una mediazione privata finalizzata alla vendita di un orologio marca Rolex modello Daytona del valore commerciale di 5mila euro. Nella circostanza la predetta vittima, fisicamente aggredita dai prevenuti con pugni e calci, sotto la minaccia di un coltello, era stata costretta a consegnare il suddetto orologio. Il malcapitato aveva riportate contusioni multiple ed escoriazioni, successivamente refertate dal Pronto Soccorso dell’Ospedale di Cassino. Le attività investigative svolte, consentendo l’acquisizione di oggettivi riscontri riferibili alla dinamica delittuosa accertata, evidenziavano la spiccata pericolosità degli indagati che, vantando un presunto controllo territoriale alimentato dall’asserita contiguità ad esponenti della criminalità organizzata insediati nel basso frusinate, avevano agito con particolare efferatezza.

L’Autorità Giudiziaria mandante, condividendo pienamente le risultanze investigative acquisite dai militari operanti, disponeva l’arresto degli indagati contestualmente sottoposti alla misura cautelare degli arresti domiciliari.

A seguito delle perquisizioni locali effettuate nella mattinata, sono stati sequestrati nella disponibilità di Carbone Davide quattro orologi marca Rolex modello Submariner e 2 orologi marca Rolex verosimilmente contraffatti.

18 ottobre 2017 0

Pestato per il Rolex a Piedimonte, arrestati per rapina tre pontecorvesi

Di admin

PONTECORVO – Lo riempirono di botte per portargli via il Rolex che aveva al polso. A distanza di diversi mesi, i carabinieri di Pontecorvo hanno arrestato i tre che una sera di primavera a Piedimonte San Germano, lo pestarono un giovane in strada per portargli via l’orologio.

Le indagini svolte dai militari dell’arma sono arrivati  ad individuare i tre e arrestarli. Si tratta Giuseppe Sardelli, Davide Carbone e un giovane albanese.

Al primo la misura cautelare degli arresti gli è stata consegnata direttamente in carcere a Cassino dove è detenuto da alcuni giorni perché coinvolto nell’operazione I Monatti con cui i militari hanno sgominato un gruppo di usurai violenti.

Ermanno Amedei

18 ottobre 2017 0

Termocombustore di San Vittore, comune e Acea si incontrano per discutere di controlli

Di admin

SAN VITTORE DEL LAZIO – Comune e  Acea, titolare del Termocombustore si incontrano per discutere sul controverso argomento dei controlli all’impianto. Lo si legge in una nota del Comune di San Vittore del Lazio 

“Lunedì 23 ottobre – si legge – ci sarà l’annunciato tavolo tecnico fra l’amministrazione comunale, i rappresentanti dell’Università di Cassino e i tecnici di Aria-Acea. Si tratta del risultato concreto del dialogo fra Comune ed Acea sul delicato argomento dei controlli sull’impianto. Il tutto come disciplinato dalla conferenza dei servizi che aveva visto il team amministrativo della sindaca Nadia Bucci scegliere la linea dei controlli a tutto tondo e porre il termine della fine del 2017 per l’attuazione degli stessi, controlli rinnovabili per il 2018. E due saranno le direttrici principali su cui l’amministrazione comunale sanvittorese, rappresentata dalla prima cittadina e dall’assessore Amilcare D’Orsi, andrà a discutere presso la sede di via San Cesario che ospita il termovalorizzatore. Primo argomento sarà quello del controllo della temperatura della camera di combustione. Già a suo tempo l’assessore D’Orsi aveva sottolineato come, nell’interesse della salute pubblica, le temperature fossero tarate in modo da scongiurare la presenza di residui semi combusti o diossine. I controlli in questione – D’Orsi fece richiesta in tal senso subordinando l’attività dell’impianto alla Via (Valutazione di Impatto Ambientale) – sono da intendersi dei fumi non solo alla camera di combustione ma anche al camino. A tale scopo il secondo punto di cui si discuterà al tavolo tecnico di lunedì sarà proprio quello delle emissioni verso l’esterno e della necessità assoluta di monitorarle costantemente. L’assessore esprime da questo punto di vista” – si legge nella nota –  “soddisfazione per un percorso condiviso e serio che possa mettere l’amministrazione comunale di San Vittore di aggiornare la cittadinanza su ogni risultato sulla questione: sia quelli delle attività poste in essere per garantire monitoraggi sempre più specifici che sui risultati specifici dei monitoraggi stessi. Tutto questo avendo come imprescindibile riferimento la salute dei cittadini e il diritto inalienabile degli stessi ad essere informati sugli effetti dell’attività sul loro territorio di un impianto di tali proporzioni”.

18 ottobre 2017 0

Incidente mortale a San Vittore del Lazio, muore 87enne

Di admin

SAN VITTORE DEL LAZIO – Incidente stradale mortale, poco dopo le 8 di questa mattina, sul tratto autostradale Roma Napoli al confine tra San Vittore del Lazio e Mignano Montelungo. La Skoda Fabia su cui viaggiava un 87enne di origini Campane si è schiantata, per cause ancora al vaglio delle forze dell’ordine, contro lo spartitraffico. Per l’uomo non c’è stato nulla da fare, è morto sul colpo. Sul posto sono arrivate le unità della polizia stradale della sottosezione di Cassino e i vigili del fuoco del distaccamento di Cassino. Pare che l’uomo fosse entrato in autostrada imboccandola dal Casello di Pontecorvo diretto a sud. Inevitabili le ripercussioni sul traffico. Ermanno Amedei