Giorno: 5 novembre 2017

5 novembre 2017 Non attivi

Massimo Boldi si ferma a “La Cantina”. Ospite di Leonardo e Carolina

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Cassino – È un sabato sera come tanti a Cassino, nella trattoria La Cantina c’è il normale flusso di clienti che attende di tuffare i baffi fra i piatti invitanti della signora Carolina, mentre il marito, Leonardo, si occupa del servizio sala con il sorriso di sempre. Entra una coppia di clienti, due uomini, uno dei quali chiede se siano disponibili due posti. Certamente Leo non si sarebbe aspettato di trovarsi davanti niente meno che Massimo Boldi, celebre comico milanese, in attesa di un tavolo come una persona qualunque. Accompagnata da quello che, a dire di Carolina, sarebbe stato il suo autista, la star era in viaggio da Napoli e, affamata, aveva deciso di fare sosta a Cassino. Una volta accomodato, ha ordinato alcuni dei piatti forti della casa: straccetti con rucola e ben due porzioni di broccoletti saltati in padella, mentre il suo amico ha optato per i rigatoni melanzane, pomodoro e pecorino. L’indiscusso re dei cinepanettoni si è dimostrato molto gentile con i proprietari e con gli altri clienti, prestandosi di buon grado alle foto con chiunque glielo chiedesse. La coppia di gestori ha quindi scambiato alcune parole con l’insolito cliente, il quale si è complimentato per la gustosa cucina e per l’ottimo servizio, condito dalla consueta simpatia di Leo. Dopo le chiacchiere, Boldi si è rimesso in viaggio, lasciando un ottimo ricordo di sé alla sala de La Cantina.

Giulia Guerra

5 novembre 2017 Non attivi

Cassino batte 2 a 1 Anzio, quarta vittoria consecutiva

Di redazionecassino1

Undicesima giornata del Campionato Nazionale Dilettanti di Serie “D”, girone “G”, il Cassino porta a casa un’altra importante vittoria contro Anzio. La formazione di mister Urbano attendeva l’Anzio per confermarsi in zona play off andando a caccia della quarta vittoria consecutiva. L’inizio della gara vede alcune schermaglie inoffensive da parte di entrambi le formazioni, poi gli undici di Urbano iniziano a fare sul serio anche se gli ospiti si fanno pericolosi con le ripartite. Il Cassino schiera il modulo classico, mentre gli ospiti mandano in campo una difesa a 5. Bisogna arrivare al 24’ per vedere il Cassino impensierire la porta difesa da Rizzaro. Ma è al 25’ che Tribelli, su assist dalla sinistra di Celiento, fa centro e porta i padroni casa in vantaggio. Cassino 1 Anzio 0. ′ Cassino si entusiasma e continua ad attaccare. Anzio, ora è in seria difficoltà. Al 30’ si rivede l’Anzio con un tiro Papa dai 35 metri, ma palla che va altissima e non arreca problemi a Della Pietra. Più un alleggerimento che un pericolo vero e proprio. Insistono gli ospiti al 32′ Lauri ci prova dalla distanza, palla fuori non di molto. Ora gli ospiti sembrano aver ritrovato la riorganizzazione in fase offensiva. La partita va avanti con cambi di fronte ma tutt’altro che emozionante e anche giocata su ritmi bassi. Il primo tempo si chiude senza ulteriori emozioni col Cassino avanti. Si riprende, ma solo al 50′ Celiento sulla destra attraversa il terreno di gioco, per 50 metri palla al piede dopo un aggancio al volo da applausi, arriva sul fondo ma il suo cross è timido e viene facilmente neutralizzato da Rizzaro. Un minuto più tardi Celiento ancora in ripartenza dal lato opposto dell’azione precedente prova la conclusione, ma la palla è fuori. Anzio prova a spingere a caccia del pari e lo ottiene al 56’ con Papa che recupera una palla vagante in area e scaglia un destro sul primo palo che trafigge Dalla Pietra. Il Cassino si scuote e in diverse occasioni si avvicina al raddoppio. Si va avanti così fino al 83′ quando n cross di Pintori da destra trova la testa di Abreu, ma c’è il tocco con la mano di Costanzo ravvisato dall’arbitro, la signora Ilaria Bianchini di Terni, assistita da Nicola Morea e Andrea Maria Masciale entrambi di Molfetta. È lo stesso Pintori ad incaricarsi del tiro. Destro forte e angolato, Rizzaro intuisce ma non la prende. Cassino 2 Anzio 1. Cassino che si difende ma non rinuncia al contropiede fino alla fine, quando dopo 6 minuti di recupero arriva il triplice fischio. Terreno in buone condizioni, 800 gli spettatori al Salveti. Cassino, quindi, incornicia un’altra importante vittoria, la quarta consecutiva e rimane in zona play off.

foto di archivio

5 novembre 2017 Non attivi

Fiat Cassino, tavolo in Regione per i 532 esuberi

Di admin

CASSINO – “Siamo vicini ai 532 lavoratori interinali che, dopo essere stati impiegati nello stabilimento Fiat di Piedimonte San Germano, hanno terminato la loro attività. Lunedì mattina incontrerò il vice ministro Teresa Bellanova e, in settimana, convocheremo un tavolo in Regione insieme all’assessore allo Sviluppo economico, Guido Fabiani, al quale chiameremo a partecipare tutte le parti sociali. Siamo molto preoccupati per l’andamento del settore dell’automobile che nella nostra regione rappresenta un fattore strategico di crescita e di occupazione”. Così in una nota Lucia Valente, assessore al Lavoro, Pari opportunità e Personale della Regione Lazio.

5 novembre 2017 Non attivi

Pregiudicato 50enne spara alla compagna, la donna è in gravi condizioni

Di redazionecassino1

Sora – La scorsa notte, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile di Sora (FR) e della Stazione di Alvito (FR) hanno proceduto al fermo di indiziato di delitto (ex art. 384 C.P.) a carico di un 50enne, natio di Alvito, ma da tempo residente ad Avezzano (AQ), con numerosi precedenti per lesioni, rissa, minacce, estorsione, danneggiamento, porto e detenzione abusivi di armi nonchè bancarotta fraudolenta.

Gravissima l’accusa ipotizzata dai Carabinieri: tentato omicidio.

Erano quasi le 22.00, l’uomo aveva cenato con la compagna, il fratello, la cognata ed i due anziani genitori nella casa paterna ad Alvito. Al termine, i due fratelli e le rispettive compagne erano usciti all’aperto per fumare una sigaretta, quando tra il prevenuto e la compagna, una 33enne di origini lituane, iniziava un’accesa discussione circa alcune presunte “scappatelle” da parte di entrambi.

A questo punto la ricostruzione si fa più nebulosa e le dichiarazioni rese meno precise: il dato certo è che l’uomo in possesso di una pistola, la impugnava rivolgendola verso la donna. La discussione si accendeva ancor di più e a quel punto veniva esploso un colpo. La donna colpita all’addome, iniziava a perdere sangue restando cosciente. Il fratello dell’uomo avvertiva subito il 118, il cui personale sopraggiungeva in pochi minuti; le condizioni della donna apparivano subito molto gravi.

Ancora pochi minuti ed i militari giungevano sul luogo del delitto senza trovare alcuno. Scattavano le immediate ricerche, una decina di pattuglie, tra quelle già in circuito per monitorare il sabato sera ed altre fatte uscire al momento, iniziavano a battere tutto il territorio circostante.

Intorno alle 24,00 la caccia all’uomo terminava, il predetto veniva rintracciato a pochi passi dalla locale Caserma, in quanto vistosi braccato e resosi conto di quanto fatto, stava verosimilmente andando a “consegnarsi”. Lo stesso, sottoposto a perquisizione personale, veniva trovato in possesso di una pistola semiautomatica cal. 9 con matricola abrasa: l’arma del delitto.

Intanto la donna in Ospedale veniva immediatamente sottoposta ad urgenti accertamenti e portata in sala operatoria.

La situazione risulta grave ma l’equipe medica sarebbe riuscita a fermare l’emorragia e a trovare l’ogiva del proiettile, fermatasi nella parte bassa del bacino della malcapitata. La prognosi resta riservata ed il pericolo di vita sussistente.

L’uomo veniva pertanto sottoposto a fermo di indiziato di delitto dai militari del Comando Compagnia Carabinieri di Sora per tentato omicidio, nonché porto abusivo di arma clandestina e ricettazione della stessa arma, non essendo stato in grado di giustificarne il possesso. Anche l’abitazione in Avezzano veniva sottoposta ad attenta perquisizione senza che però stavolta venissero riscontrate anomalie.

Al termine delle formalità di rito, il fermato veniva tradotto presso la casa Circondariale di Cassino (FR), a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Ulteriori accertamenti tecnici e rilievi ad opera del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo di Frosinone permetteranno di avere un quadro più chiaro della vicenda e fugare le residue zone d’ombra di questo ennesimo delitto perpetrato in danno di una donna da parte del proprio compagno.

5 novembre 2017 Non attivi

Vendeva griffe prestigiose contraffatte come “merce usata”, 32enne campano cade nella rete dei carabinieri

Di redazionecassino1

Cassino – Proseguono con costanza ed impegno i servizi di prevenzione e controllo, attuati dal Comando Compagnia di Cassino (FR), sotto il coordinamento del superiore Comando Provinciale di Frosinone, al fine di imprimere una più incisiva ed efficace azione preventiva e repressiva nel contrasto ai reati in genere. Sono stati incrementati, in particolar modo, i servizi di vigilanza tesi alla captazione di soggetti di interesse operativo che si aggirano nei centri abitati e nelle zone periferiche dei comuni della giurisdizione.

In tale contesto, nella giornata di ieri, in Cassino (FR), i militari della locale Stazione durante lo svolgimento del mercato settimanale, provvedevano al controllo di numerosi ambulanti e della merce esposta sui banchi in vendita al pubblico. I militari improvvisatisi “finti clienti”, scovavano nella parte retrostante ai banchi ove sostava la numerosa clientela, un commerciante 32enne della provincia di Caserta, con regolare autorizzazione, il quale era intento a vendere borse ed accessori con il marchio contraffatto di griffe prestigiose italiane ed estere.

Il commerciante, per sviare i controlli, aveva trovato l’escamotage di classificare la merce contraffatta come “usata”, mentre in effetti gli articoli proposti in vendita erano in ottimo stato d’uso. Dopo gli accertamenti di rito, il prevenuto veniva deferito in stato di libertà per il reato di commercio di prodotti con marchi contraffatti nonchè veniva proposto per l’irrogazione della misura di prevenzione del Foglio di Via obbligatorio dal comune di Cassino (FR) per tre anni.

La merce, che con la vendita avrebbe fruttato la somma di 1.500,00 €uro circa, veniva inventariata e sottoposta a sequestro.

5 novembre 2017 Non attivi

Arriva la prima vittoria in campionato per la NB Sora 2000

Di redazionecassino1

Ottima vittoria di squadra per la NB Sora 2000 che sul campo amico del PalaPanico sconfigge il Formia Basketball per 68-62.

Una gara mai messa in discussione dai ragazzi di coach Ortenzi grazie alla voglia e alla determinazione messa in campo da tutti i giocatori. Una vittoria fortemente voluta dopo il k.o. della scorsa settimana contro la Vis Nova. Per gli atleti del Formia BK non c’è stato nulla da fare di fronte alla voglia di vincere e la smagliante forza tecnico/atletica dei padroni di casa supportati, come sempre, dai tifosi festanti.

L’inizio gara è sui livelli dell’equilibrio sino al 7’ con gli ospiti in leggero vantaggio sui biancocelesti locali. Di Prospero subisce un fallo in penetrazione e da li la gara prende un’altra piega che non lascerà più scampo la NB Sora 2000, che piazza un break 8-0 dopo un giro di lancette grazie ai canestri di Di Prospero (ottima la sua gara), Janic (in via di maturazione) e Stirpe G. (sontuosa prestazione la ua). I formuiani non riescono ad attaccare con fluidità per via della zona dispari preparata da Ortenzi che lascia agli ospiti solo conclusioni forzate dall’arco. Sora è un rullo compressore e concede solo 2 punti agli avversari chiudendo il primo parziale sul 23-17.

La musica non cambia nel secondo periodo con i volsci sempre padroni del campo. Una tripla del pungente Cota (22 pt)  regala il 36-30 ai propri compagni con il solo Rodriguez che, per gli ospiti, prova a tenere a galla i ragazzi di Di Rocco con un parziale di 13-13 (36-30) con cui si chiude il primo tempo.

Dopo la pausa lunga , i ragazzi di coach Di Rocco hanno una reazione di orgoglio sospinti da Perez e Rodriguez; 39-32 è il risultato sul tabellone elettronico Ortenzi richiama i suoi con un time out. Dopo lo stesso Sora riprende il suo cammino grazie alle bombe di Cara e Stirpe G. che, allungano nuovamente il divario tra le due squadre mandando tutti all’ultimo riposo sul 53-42.

Negli ultimi 10 minuti i due allenatori le studiano tutte per portare a casa il risultato. Formia pesca abbondantemente dalla propria panchina provando a recuperare lo svantaggio sui sorani. Si affida maggiormente sulle potenzialità di Cota vera spina nel fianco dei ciociari. I volsci reggono bene l0ffensiva ospite con una buona difesa e un’attacco che ha dato i suoi profitti , grazie alla buona giornata di Di Prospero Janic e il super Stirpe. La partita è ormai segnata ma le squadre onorano il campo sino alla fine chiudendo il match sul punteggio di 68-62.

Coach Ortenzi a fine gara: “Non posso chiaramente che essere soddisfatto ed orgoglioso della prestazione dei miei ragazzi con due 99 e un 98 in quintetto. Questa vittoria ci deve dare fiducia nei nostri mezzi e renderci consapevoli che sarà comunque un’impresa ardua portare alla salvezza la nostra squadra, vista l’età giovanissima del nostro roster. Aspettiamo sempre con ansia l’innesto dei nostri ragazzi in attesa di perfezionare il tesseramento e nel frattempo venderemo cara la pelle e non smetteremo mai di lottare. Dobbiamo essere orgogliosi di indossare la canotta del Sora e di capire l’enorme chance che ha concesso la nostra società di prender parte ad un campionato cosi arduo e prestigioso come la c gold”.

La NB Sora 2000 conquista la prima vittoria in questa nuova avventura in serie C Gold e raggiunge l’Alfa Omega e la Virtus Aprilia a quota due punti in classifica. Per i volsci un buon banco di prova prima della prossima gara interna di sabato in casa, ore 18.30, contro  la fortissima Stella Azzurra Viterbo , in testa alla classifica con 12 punti.

N.B. Sora 2000 68 – Meta Formia 62

Parziali: 23-17 / 13-13 / 17-12 / 15-20

N.B. Sora 2000: Dell’Uomo 4, Stirpe 22, Santucci n.e., Castellucci n.e., Favari n.e., Berardi 6, Vona 2, Jancic 15, Di Prospero 13, Suriano n.e., Bulatovic n.e., Cara 6; Coach: Ortenzi. Ass Berardi.

Meta Formia: Di Rocco 2, Cota 22, Marziali 2, Rodriguez 7, Norbedo 5, La Mura 1, Perez 12, Massaro 0, Gattesco 7, De Pippo 4; Coach: Di Rocco

 

 

5 novembre 2017 Non attivi

Cittadino albanese con a carico un ordine di carcerazione fermato dalla Polstrada di Cassino

Di redazionecassino1

Cassino – Questa notte una pattuglia della Sottosezione Polizia Stradale di Cassino, al casello autostradale di San Vittore, procedeva al controllo di una Ford Focus con tre persone a bordo.

Nelle fasi dell’identificazione le persone, tre cittadini albanesi,  appaiono alquanto nervosi tanto da insospettire gli operatori di polizia che decidono di effettuate  verifiche in banca dati.

Le ulteriori verifiche sull’identità delle persone fermate fanno emergere a carico di uno di loro, un trentacinquenne albanese residente in provincia di Caserta, un ordine di carcerazione, per una pena di  7 anni e 2 mesi di reclusione emesso dal Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli per i reati di furto aggravato, rapina e sequestro di persona.

Alla luce del provvedimento restrittivo, il trentacinquenne è stato associato presso la casa circondariale di Cassino, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria competente.

 

5 novembre 2017 Non attivi

Controlli di fine settimana della Polizia, con “Mercurio” 48 le contravvenzioni al codice della strada elevate

Di redazionecassino1

Cassino – Sono proseguiti anche  per questo fine settimana i servizi di controllo del territorio predisposti dalle Volanti della Questura e dai Commissariati di Cassino, Sora e Fiuggi, per contrastare il compimento dei reati predatori, nonché vigilare quegli obiettivi ritenuti sensibili in ambito provinciale.

A coadiuvare l’attività di polizia, predisposta dalla Questura, pattuglie della Polizia Stradale, della Polizia Ferroviaria e della Polizia Postale, ciascuno per i profili di competenza, nonché l’arrivo dalla Capitale di equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Lazio che nella giornata di ieri hanno operato nella città di Sora.

I servizi di polizia si sono focalizzati, poi, sui centri di maggiore aggregazione sociale, sui luoghi di ritrovo, sui centri commerciali sulle  stazioni ferroviarie.

Nel bilancio della Polizia di Stato 820 persone identificate, 973  i veicoli controllati, molti  dei quali attraverso la piattaforma “Mercurio” in dotazione alle auto del Reparto Prevenzione Crimine, 48 le contravvenzioni al codice della strada elevate e 5 i documenti di circolazione ritirati e 2 veicoli sequestrati.

5 novembre 2017 Non attivi

Albaneta di Montecassino, la Polonia costretta a chiedere rispetto

Di admin

CASSINO – Ancora una volta l’Ambasciata polacca, nei garbati ma pur fermi toni che ne contraddistinguono gli interventi, deve tornare sulla vicenda dell’Albaneta di Montecassino per difendere i luoghi sacri su cui riposano i loro caduti. Un rispetto che dovrebbe essere dovuto da chi conosce la storia e non certo concesso su richiesta. Eppure a Cassino é necessario che il rappresentanti del Governo polacco scrivano quanto segue.

“In riferimento alle notizie riguardanti la possibile declassificazione del tratto di strada vicinale, detta via di Albaneta, che porta ai monumenti eretti in memoria dei soldati polacchi che durante la Seconda guerra persero la vita nella cruenta battaglia di Montecassino, l’Ambasciata di Polonia a Roma informa che in data 3 novembre ha indirizzato alle autorità del Comune di Cassino una lettera in cui esprime una profonda preoccupazione per l’eventuale privatizzazione della suddetta strada che verrà valutata in sede della commissione consigliare il prossimo 6 Novembre.

Neling l’Ambasciata sottolinea quanto il terreno sul quale sorgono detti monumenti, inscindibilmente connesso al Cimitero Militare Polacco, sia caro al popolo polacco, perché ricorda il sacrificio di migliaia di soldati che offrirono la loro vita per la libertà nostra e vostra. Esso è particolarmente significativo anche perché è simbolo, oltre che della Memoria condivisa delle nostre Nazioni, anche delle strette relazioni e della grande vicinanza tra l’Italia e la Polonia. L`importanza del gesto di quegli uomini viene fortemente sentita anche dagli italiani ed è riconosciuta dalle autorità italiane: infatti ai sensi della decisione del Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo nel 2016, all`area di Albaneta è stato conferito lo status di luogo di interesse culturale con contestuale invito ai Sindaci dei comuni di competenza a vigilare affinché non vengano intraprese iniziative pregiudicanti la salvaguardia dell’area stessa.

La rappresentanza diplomatica polacca fa quindi notare che l’accoglimento della domanda di declassificazione della strada non solo sembrerebbe in contrasto con tale decisione del Ministero, ma potrebbe comportare delle limitazioni d`accesso anche ai monumenti, tanto cari al cuore della nazione polacca, menzionati fra l`altro nell`Accordo tra il governo della Repubblica Italiana e il governo della Repubblica di Polonia sulle sepolture di guerra, firmato a Roma il 30.03.2012″.

Una circostanza che dimostra ancora una volta come, su questa vicenda, debba intervenire direttamente lo Stato evitando alla Polonia di doversi confrontare con interessi locali, e agli italiani la parte degli ingrati.

Ermanno Amedei